Batteristi, spiegatemi questa scena

  • Arci66
  • Membro: Expert
  • Risp: 1908
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 65  

03-01-19 10.59

@ dobermann103
Per esperienza diretta la cosa più brutta è suonare con chi pensa che la batteria sia l’unico strumento presente, suonata con un tocco da zappatore, rullate fuori tempo e che non c’entrano un ca...in quel momento.... ma la cosa più grave è che tu lo fai notare ma non è cazzz loro... questo in generale vale per tutti: i suoni devono essere ben definiti e non da solista su tutto il brano coprendo anche chi canta... e meno male che c’è chi si ritiene di esperienza e che suona da anni!!
Stai descrivendo un mio "de ja vu" emo
Poi magari quando gli dici...guarda che su questo fill ci stai mettendo in più o togliendo ...1/4 ...ti rispondono...io vado drittoemo
Questo però è il mondo degli amatori, come me, ...pieno di gente che la batteria prova a suonarla senza aver mai preso una lezione.
  • SimonKeyb
  • Membro: Expert
  • Risp: 4758
  • Loc: Vicenza
  • Status:
  • Thanks: 262  

11-01-19 11.10

La maggior parte della gente e dei musicisti non capisce una cippa di batteria. Vedo batteristi stra-mediocri idolatrati dalle masse, e purtroppo generalmente nei generi rock e heavy.
Nel video in questione si fa largo uso di alcuni canoni dell'accompagnamento e nel soloing ritmico tipico dello swing da big band, che generalmente sono fuori dalla portata del batterista medio per intenderci; questo è un dato quasi statistico mi sento di dire.

Per uno che non suona/studia jazz sono parametri abbastanza difficili da valutare, per cui non è fuori luogo la domanda del nostro amico ;-)
  • mark_c
  • Membro: Expert
  • Risp: 1053
  • Loc: Como
  • Status:
  • Thanks: 11  

13-01-19 20.10

@ SimonKeyb
La maggior parte della gente e dei musicisti non capisce una cippa di batteria. Vedo batteristi stra-mediocri idolatrati dalle masse, e purtroppo generalmente nei generi rock e heavy.
Nel video in questione si fa largo uso di alcuni canoni dell'accompagnamento e nel soloing ritmico tipico dello swing da big band, che generalmente sono fuori dalla portata del batterista medio per intenderci; questo è un dato quasi statistico mi sento di dire.

Per uno che non suona/studia jazz sono parametri abbastanza difficili da valutare, per cui non è fuori luogo la domanda del nostro amico ;-)
grazie.

Essendo anche un film, a volte si esasperano delle parti fino ad un punto tale poi, che "magari" è impossibile suonare così.
Ad esempio nel film: "La leggenda del pianista sull'oceano" c'è un brano pianistico, durante la gara col jazzista, dove secondo me ci vogliono 4 mani per eseguirlo m nonostante tutto il pianista, novecento, riesce a suonarlo; secondo me è una balla clamorosa.
Ma mentre per un pianoforte riesco a rendermene conto, così non è per la batteria che non riesco a valutare.
  • vin_roma
  • Membro: Guru
  • Risp: 7550
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 639  

13-01-19 20.21

@ mark_c
grazie.

Essendo anche un film, a volte si esasperano delle parti fino ad un punto tale poi, che "magari" è impossibile suonare così.
Ad esempio nel film: "La leggenda del pianista sull'oceano" c'è un brano pianistico, durante la gara col jazzista, dove secondo me ci vogliono 4 mani per eseguirlo m nonostante tutto il pianista, novecento, riesce a suonarlo; secondo me è una balla clamorosa.
Ma mentre per un pianoforte riesco a rendermene conto, così non è per la batteria che non riesco a valutare.
La sfida pianistica ne "la leggenda..." è inconcepibilmente il punto più basso di un bel film.
  • markelly2
  • Membro: Expert
  • Risp: 1138
  • Loc:
  • Status:
  • Thanks: 34  

13-01-19 21.08

@ vin_roma
La sfida pianistica ne "la leggenda..." è inconcepibilmente il punto più basso di un bel film.
La leggenda del pianista sull'oceano credo debba essere visto come una "leggenda" appunto, e la scena della sfida con Jelly Roll è "raccontata" e "ingigantita".
Secondo me, in quest'ottica, trova perfettamente il suo senso.
  • SimonKeyb
  • Membro: Expert
  • Risp: 4758
  • Loc: Vicenza
  • Status:
  • Thanks: 262  

13-01-19 22.29

@ markelly2
La leggenda del pianista sull'oceano credo debba essere visto come una "leggenda" appunto, e la scena della sfida con Jelly Roll è "raccontata" e "ingigantita".
Secondo me, in quest'ottica, trova perfettamente il suo senso.
sono d'accordo,
Tra l'altro anche l'artefizio tecnico delle quattro mani sembra solo un'esagerazione, ma in realtà stato evidentemente cercato da Tornatore per rappresentare metaforicamente l'incolmabile divario tra le sue capacità e quelle di Morton, presentato come pianista di chiara fama ed enormi doti tecniche.

La scena del drum solo di Whiplash non mi è piaciuta e potrei commentarla come un esibizionismo fine a se stesso (un drum solo di tutti quei minuti alla seconda/terza canzone della scaletta poi), tra l'altro portato con eccessiva enfasi cinematografica fuori dalle grazie anche di un inarrivabile come Jo Jones.