Diritti legali sulle proprie trascrizioni

d_phatt 05-08-20 19.59
Buonasera,
Vorrei chiedervi quali possibilità legali si hanno sulle proprie trascrizioni di brani altrui, brani ovviamente coperti da diritto d'autore.
Sono abbastanza sicuro che non si ha la possibilità legale di venderle, ma questo non lo so (voi?) e non mi interessa.
Quello che vorrei sapere è se posso pubblicare gratuitamente su qualche piattaforma digitale le mie trascrizioni, senza infrangere leggi.
Col tempo ne ho scritte e accumulate diverse, con vari gradi di personalizzazione e accuratezza, e un giorno (non troppo vicino) se ordinate e rimesse a posto potrei pensare di pubblicare gratuitamente le più interessanti. Sarebbe possibile farlo?
anonimo 05-08-20 20.01
se non c'è scopo di lucro penso si possa fare
Osuna1 05-08-20 21.57
Secondo me il diritto d’autore copre ogni forma di comunicazione dell’opera. Quindi io non posso trascrivere un brano altrui, coperto da diritti d’autore, senza autorizzazione o senza riconoscere all’autore i diritti medesimi, essendo irrilevante che io lo faccia a titolo gratuito. Per esempio, non posso leggere un libro e pubblicare questa mia lettura liberamente. Non è per il fatto di leggerla ad alta voce e postare questa mia lettura che posso vantare diritti sull’opera stessa.
KBL 06-08-20 08.20
no, direi che non puoi senza autorizzazione. A meno che per brani altrui intendi ad esempio una trascrizione di un assolo, o di parte di un arrangiamento (es. trascrivo il riff di chitarra, il tappeto di pad), ma se per trascrizione di brani intendi una parte che coinvolge la melodia, ti serve l'autorizzazione.
anonimo 06-08-20 08.42
su internet si trovano tantissime trascrizioni di brani, assoli ecc. senza contare quelle sui video youtube, ad essere pignoli non sarebbe legale ma per me finchè non c'è scopo di lucro non ti vengono a cercare.
vin_roma 06-08-20 10.05
Giusto come dice Superbaffone.
Non è mai legale ma sino a che non si ledono immagine e qualità dell'opera di riferimento ed il tutto è nel limite di un "piccolo giro" di solito si chiude un occhio ma l'autorizzazione andrebbe sempre richiesta.
KBL 06-08-20 10.46
ok, si parlava di "possibilità legali", quindi immagino volesse sapere cosa dice la legge in proposito, a prescindere dal fatto che poi uno lo faccia lo stesso perché tanto lo fanno tutti.
Detto questo concordo con il fatto che se non c'è profitto anche io probabilmente non mi farei tanti problemi, dubito che qualcuno mi farebbe una causa civile, al limite mi chiederebbe di togliere e se succedesse lo farei.
Con il profitto è diverso perché si passa al penale.
d_phatt 06-08-20 15.18
Ok, thanks a tutti, a questo punto la situazione mi è chiara. Per specificare ancora, sì, parlavo di una distribuzione senza scopo di lucro, sarebbe solo per mettere a disposizione di chi fosse interessato un po' di "conoscenza", nell'ottica della condivisione. In ogni caso dovrei prima riordinare delle cose, non è per adesso, ma un giorno chissà...intanto grazie!
michelet 17-09-20 07.23
@ d_phatt
Ok, thanks a tutti, a questo punto la situazione mi è chiara. Per specificare ancora, sì, parlavo di una distribuzione senza scopo di lucro, sarebbe solo per mettere a disposizione di chi fosse interessato un po' di "conoscenza", nell'ottica della condivisione. In ogni caso dovrei prima riordinare delle cose, non è per adesso, ma un giorno chissà...intanto grazie!
Lodevole l’iniziativa, però a parte le dovute autorizzazioni, bisogna dire che la trascrizione di una musica è sempre un lavoro faticoso che dovrebbe essere riconosciuto.
A tal proposito mi viene in mente un tizio, bravissimo, che su YouTube pubblica dei video con le sue trascrizioni di brani tanto famosi quanto splendidi AD ESEMPIO
Questi video sono una vetrina per pubblicizzare le sue accuratissime trascrizioni, che ovviamente lui vende a prezzi, tutto sommato, onesti.
Non gli ho mai chiesto se abbia mai richiesto autorizzazioni ai relativi aventi diritto, però in tutta sincerità, ritengo che lavori di trascrizione così ben fatti debbano essere ricompensati.
Un conto se esistessero le partiture originali, spesso però le sue trascrizioni sono uniche ed insostituibili.
vin_roma 17-09-20 13.48
@Michele
spero che ce l'abbia l'autorizzazione, anche se non lo credo se sono a vendita diretta senza editore.
In questo caso è un abuso, la musica l'ha fatta Lyle Mais e i profitti sono proprietà dell'editore e degli eredi di Lyle. Che diritto ha uno che, seppur bravo, guadagna impropriamente sulle idee degli altri riproducendo musica che non gli appartiene?
d_phatt 17-09-20 14.49
@ michelet
Lodevole l’iniziativa, però a parte le dovute autorizzazioni, bisogna dire che la trascrizione di una musica è sempre un lavoro faticoso che dovrebbe essere riconosciuto.
A tal proposito mi viene in mente un tizio, bravissimo, che su YouTube pubblica dei video con le sue trascrizioni di brani tanto famosi quanto splendidi AD ESEMPIO
Questi video sono una vetrina per pubblicizzare le sue accuratissime trascrizioni, che ovviamente lui vende a prezzi, tutto sommato, onesti.
Non gli ho mai chiesto se abbia mai richiesto autorizzazioni ai relativi aventi diritto, però in tutta sincerità, ritengo che lavori di trascrizione così ben fatti debbano essere ricompensati.
Un conto se esistessero le partiture originali, spesso però le sue trascrizioni sono uniche ed insostituibili.
La questione è complessa. Diciamo che ipoteticamente (la butto là) se fosse possibile vendere trascrizioni laddove non esistano pubblicati gli spartiti originali dell'autore, io non lo vedrei come un male. Però da quello che molti hanno detto in questo thread quel tizio (molto bravo) non ha il diritto di vendere spartiti di musica non sua...boh!
In ogni caso, non è comunque mia intenzione far pagare per le mie trascrizioni, per tre motivi: primo, sono di brani abbastanza particolari (in genere progressive o pop) che interesserebbero a poche persone, e ancora meno sarebbero quelle disposte a pagare. I guadagni di una operazione del genere probabilmente sarebbero risibili...
Due, le trascrizioni che ho fatto probabilmente non sono perfette, scrivo tutte e sole le note che il mio orecchio e i miei impianti mi consentono di sentire (cuffie amatoriali, casse entry level, stereo della macchina). Anche se di solito erano buone, quando le passavo agli altri musicisti con cui suonavo in genere avevano massimo 1 o 2 piccole correzioni da fare.
Tre, anche al netto degli altri due punti, credo che se pubblicarle fosse possibile tanto varrebbe pubblicarle gratuitamente e condividere un po' di conoscenza.
ahivela 20-09-20 02.20
vin_roma ha scritto:
Che diritto ha uno che, seppur bravo, guadagna impropriamente sulle idee degli altri riproducendo musica che non gli appartiene?


Bah, al di la' di quello che dice la legge, se io fossi un autore, grande o piccolo che sia, e (in assenza di spartiti gia' editi e in vendita da parte mia o del mio editore) qualcuno si prendesse la briga di fare spartiti delle mie cose avrei solo da guadagnarci. In fondo non mi toglie nulla, anzi mi fa solo un favore, favorendo la diffusione e l'esecuzione (con relativi introiti da diritto d'autore) delle mie opere. Se poi ci guadagna buon per entrambi.