Diteggiatura corretta per le scale cromatiche

  • dieguzzo
  • Membro: Senior
  • Risp: 270
  • Loc: Taranto
  • Thanks: 17  

10-03-15 15.30

Un saluto a tutti gli amici del forum.
Avrei una domanda da porre ai più esperti e sicuramente più bravi di me nel suonare ed insegnare a suonare il pianoforte.
Ho notato che la diteggiatura utilizzata nell'eseguire le scale cromatiche, varia da un autore ad un altro. Ad esempio, Hanon e altri utilizzano la classica forma (partendo da DO) 1° e 3° 1° e 3° 1à 2° 3° e riprende da 1° e 3°, mentre Longo nel fascicolo della tecnica pianistica dedicata alle scale utilizza tutte le dita partendo 8sempre dal DO) con 1° 2° 3° 4° poi 1° 2° 3° ecc...
Qual'è la più corretta? la più semplice di Hanon e quella che coinvolge tutte le dita di Pozzoli?
Grazie.
  • SavateVoeanti
  • Membro: Expert
  • Risp: 2103
  • Loc: Venezia
  • Thanks: 101  

10-03-15 15.50

L'idea che mi son fatto io è che il caso di Hannon è meglio per fare effettivamente la scala cromatica, mentre il caso di Longo o Pozzoli che usa tutte le dita ha in realtà un secondo scopo che è quello di dividere bene le dita, non per fare la scala cromatica.
  • SMJversion2
  • Membro: Guest
  • Risp: 6
  • Loc: Milano
  • Thanks: 0  

10-03-15 21.26

Per me la miglior diteggiatura per la scala cromatica è questa:
111111111111
  • anonimo

10-03-15 21.32

Art Tatum, che usava parecchio le scale cromatiche, usava solo 1 2 e 3....

Salendo sono buone 1 3 1 3 1 2 3 1 3 1 2 3

oppure (ma meno facile)

1 2 1 2 1 2 3 1 2 1 2 3

10-03-15 22.08

per la velocità direi : 131312313131312 ecc
per il controllo direi: 1212123121212123 ecc

Detto questo, tendo a provare tutte le scale con tutte le diteggiature possibili.. è divertente e istruttivo!
  • dieguzzo
  • Membro: Senior
  • Risp: 270
  • Loc: Taranto
  • Thanks: 17  

11-03-15 10.25

Scusa SMJ....hai sbagliato a scrivere oppure ho capito bene e quindi fai le cromatiche con un solo dito?????? emoemo
Edited 11 Mar. 2015 9:25
  • sterky
  • Membro: Expert
  • Risp: 4168
  • Loc: Trento
  • Thanks: 200  

11-03-15 14.50

@ dieguzzo
Scusa SMJ....hai sbagliato a scrivere oppure ho capito bene e quindi fai le cromatiche con un solo dito?????? emoemo
Edited 11 Mar. 2015 9:25
e oltre che con un solo dito, col dito 1, cioè solo il pollice!! se ce la facesse davvero allora diventerebbe il mio nuovo idolo!!


1313123131313123 è ancora la più veloce. se invece è una cosa per studio allora dipende in cosa vuoi allenarti. poi comunque dipende anche da uno come si trova comodo, cole le facce e le idee anche le mani sono tutte diverse,quindi se ti viene più semplice 1212123121212123 usa quella!!!
  • SMJversion2
  • Membro: Guest
  • Risp: 6
  • Loc: Milano
  • Thanks: 0  

11-03-15 22.37

@ dieguzzo
Scusa SMJ....hai sbagliato a scrivere oppure ho capito bene e quindi fai le cromatiche con un solo dito?????? emoemo
Edited 11 Mar. 2015 9:25
e chi ha mai detto che quell'uno sia un dito???
  • sterky
  • Membro: Expert
  • Risp: 4168
  • Loc: Trento
  • Thanks: 200  

12-03-15 00.19

@ SMJversion2
e chi ha mai detto che quell'uno sia un dito???
Ahahah, si, ora sei il mio nouvo idolo davvero!! emoemo
  • anonimo

27-09-19 12.53

Cyrano ha scritto:
oppure (ma meno facile)

1 2 1 2 1 2 3 1 2 1 2 3


Sì, infatti, io uso quella... Forse è la meno facile, ma, ormai, sono abituato così. Va bene quando, ad esempio improvvisando, fai una scala cromatica ascendente veloce (o anche solamente un pezzo di scala cromatica...).
  • Luca27
  • Membro: Guest
  • Risp: 48
  • Loc: Fermo
  • Thanks: 0  

27-09-19 13.06

@ dieguzzo
Un saluto a tutti gli amici del forum.
Avrei una domanda da porre ai più esperti e sicuramente più bravi di me nel suonare ed insegnare a suonare il pianoforte.
Ho notato che la diteggiatura utilizzata nell'eseguire le scale cromatiche, varia da un autore ad un altro. Ad esempio, Hanon e altri utilizzano la classica forma (partendo da DO) 1° e 3° 1° e 3° 1à 2° 3° e riprende da 1° e 3°, mentre Longo nel fascicolo della tecnica pianistica dedicata alle scale utilizza tutte le dita partendo 8sempre dal DO) con 1° 2° 3° 4° poi 1° 2° 3° ecc...
Qual'è la più corretta? la più semplice di Hanon e quella che coinvolge tutte le dita di Pozzoli?
Grazie.
Io ho usato per anni la prima, successivamente il mio maestro mi ha consigliato la seconda, cioè quella con 1 2 3 4. Devo dire che, una volta entrata, la trovo più semplice e permette di raggiungere velocità superiori secondo me, e se serve anche legare meglio.
  • fulezone
  • Membro: Expert
  • Risp: 3183
  • Loc: Palermo
  • Thanks: 126  

27-09-19 15.06

@ dieguzzo
Un saluto a tutti gli amici del forum.
Avrei una domanda da porre ai più esperti e sicuramente più bravi di me nel suonare ed insegnare a suonare il pianoforte.
Ho notato che la diteggiatura utilizzata nell'eseguire le scale cromatiche, varia da un autore ad un altro. Ad esempio, Hanon e altri utilizzano la classica forma (partendo da DO) 1° e 3° 1° e 3° 1à 2° 3° e riprende da 1° e 3°, mentre Longo nel fascicolo della tecnica pianistica dedicata alle scale utilizza tutte le dita partendo 8sempre dal DO) con 1° 2° 3° 4° poi 1° 2° 3° ecc...
Qual'è la più corretta? la più semplice di Hanon e quella che coinvolge tutte le dita di Pozzoli?
Grazie.
come fai a fare 1° 2° 3° 4° poi 1° 2° 3°? Il passaggio del pollice così non è complicato?
non sarebbe meglio 1° 2° 3° poi 1° 2° 3° 4°?
  • Pianolaio
  • Membro: Expert
  • Risp: 1490
  • Loc: Milano
  • Thanks: 324  

27-09-19 15.30

Su più ottave partendo dal DO a me viene naturale
1 2 1 2 1 2 3 1 2 1 2 1 2 3
In questo modo l'ultimo "3" arriva sul DO# all'ottava superiore per continuare dal RE con l'1
In pratica il "3" lo metto su ogni DO# E su ogni FA#
Non ricordo come lo facevo al conservatorio emo, probabilmente non così dato che non è regolare nello svolgimento su più ottave... però forse per abitudine questa diteggiatura mi viene piuttosto sciolta
Non è un modo canonico, la terza postata da Cyrano
1 2 1 2 1 2 3 1 2 1 2 3
è sicuramente più classica perché si ha sempre la nota iniziale (DO) sull'1
In quella che faccio io evito il passaggio del pollice.
La metto come alternativa speriamentale emo