Spartiti blues per lezioni

  • MiLord
  • Membro: Expert
  • Risp: 1720
  • Loc: Milano
  • Thanks: 115  

18-03-18 23.21

Ciao a tutti! emo
Vorrei un consiglio. Ho dato in passato alcune lezioni private a livello base sul pianoforte classico e pop. Mi trovavo abbastanza bene perchè provenendo dal classico anche io, avevo in testa un programma da seguire e soprattutto dei testi da utilizzare. Ora suono come dico spesso del buon rock emo, ma anche blues dato che è la musica da cui nasce tutto ciò che mi piace emo
Dopo tempo, più che altro per amicizia, ho ripreso, e da poco ho una nuova allieva, una pianista che come me ha alle spalle studi classici e che, come me, vorrebbe imparare altri generi musicali. Ho fatto solo alcune lezioni e mi sembra brava, solo che rispetto a come ero io è davvero troppo legata al classico. Per ora le lezioni sono andate bene e lei è contenta. Ma mi rendo conto che per lei sarebbe utile un approccio su uno spartito, in modo da imparare qualche brano e analizzarlo con me.

Ecco la mia domanda: conoscete dei buoni spartiti blues per pianoforte che possano aiutarmi nelle lezioni? Non cerco testi didattici ma veri spartiti, qualcuno li ha?
Non ditemi che bisogna avere dentro il blues e ci vuole improvvisazione e niente spartiti perchè, ok, sono d'accordo, ma sono sicuro che potrebbero aiutarmi a fare delle lezioni, nel suo caso, migliori. emo
E magari potrebbero aiutare me a diventare un "insegnante" più completo e più pronto alle diverse esigenze degli allievi emo
Secondo me ha gusto musicale e soprattutto un bel senso swing/blues emo
Grazie!
  • anonimo

18-03-18 23.52

1) the real book of blues (si trova il pdf googlando)

2) qualche spartito di boogie/blues

Fatto questo, abbiamo posto delle salde fondamenta per essere sicuri che l'allievo non imparerà mai a suonare il blues

Se vogliamo che impari davvero

1) salda analisi dei giri armonici e relative sostituzioni

2) analisi del linguaggio blues, trascrivendo dai dischi e comprendendo il dualismo modale/tonale tipico del blues

3) analisi (sempre trascritta ad orecchio) dei devices per la mano sinistra
  • MiLord
  • Membro: Expert
  • Risp: 1720
  • Loc: Milano
  • Thanks: 115  

19-03-18 00.06

Grande cyrano sapevo che avresti risposto emo

Cyrano ha scritto:
1) salda analisi dei giri armonici e relative sostituzioni

2) analisi del linguaggio blues, trascrivendo dai dischi e comprendendo il dualismo modale/tonale tipico del blues

3) analisi (sempre trascritta ad orecchio) dei devices per la mano sinistra


Queste sono le cose su cui cerco di basarmi io, perché sono le cose che sono servite a me per imparare a suonare quel po' di blues che so emo

Però osservando il suo approccio, per ora, almeno all'inizio penso che possa essere utile farle imparare qualche brano blues anche soltanto leggendolo.
Perché è davvero legata allo spartito. Penso che suonare qualche bel brano blues la possa invogliare e gratificare. E comunque poi ci sarei io che la spingerei a improvvisare sullo stesso spartito e a farle analizzare il brano.
Ho fatto esercizi sugli accordi e sui classici giri blues, usando anche backing tracks per allenamento.
Però penso che sarebbe maggiormente soddisfatta se la lezione dopo sapesse già suonare alcuni classici.
Un po' come al conservatorio, dopo mesi di esercizio, ti arriva il primo studio firmato da un autore importante emo Io mi ricordo le prome volte che la cosa mi emozionava e andavo a lezione molto più invogliato. Poi gli esercizi e il resto risultavano più gradevoli e utili emo
Quindi cercavo proprio qualche spartito di canzoni blues adatte allo scopo. Certo anche io conosco molti brani, ma cercavo il parere di chi ha appunto più esperienza di me come insegnante emo
  • anonimo

19-03-18 12.16

@ MiLord
Grande cyrano sapevo che avresti risposto emo

Cyrano ha scritto:
1) salda analisi dei giri armonici e relative sostituzioni

2) analisi del linguaggio blues, trascrivendo dai dischi e comprendendo il dualismo modale/tonale tipico del blues

3) analisi (sempre trascritta ad orecchio) dei devices per la mano sinistra


Queste sono le cose su cui cerco di basarmi io, perché sono le cose che sono servite a me per imparare a suonare quel po' di blues che so emo

Però osservando il suo approccio, per ora, almeno all'inizio penso che possa essere utile farle imparare qualche brano blues anche soltanto leggendolo.
Perché è davvero legata allo spartito. Penso che suonare qualche bel brano blues la possa invogliare e gratificare. E comunque poi ci sarei io che la spingerei a improvvisare sullo stesso spartito e a farle analizzare il brano.
Ho fatto esercizi sugli accordi e sui classici giri blues, usando anche backing tracks per allenamento.
Però penso che sarebbe maggiormente soddisfatta se la lezione dopo sapesse già suonare alcuni classici.
Un po' come al conservatorio, dopo mesi di esercizio, ti arriva il primo studio firmato da un autore importante emo Io mi ricordo le prome volte che la cosa mi emozionava e andavo a lezione molto più invogliato. Poi gli esercizi e il resto risultavano più gradevoli e utili emo
Quindi cercavo proprio qualche spartito di canzoni blues adatte allo scopo. Certo anche io conosco molti brani, ma cercavo il parere di chi ha appunto più esperienza di me come insegnante emo
allora qualche spartito in giro si potrebbe trovare...da honky tonky train blues per esempio (che è boogie, lo so...ma meglio di niente)

ma, lo ribadisco, leggendo uno spartito non impara a suonare blues

emo
  • giannirsc
  • Membro: Supporter
  • Risp: 12839
  • Loc: Roma
  • Thanks: 806  

19-03-18 13.03

Puoi anche dare un'occhiata al Blues Hanon che ti indirizza al sound Blues.
  • anonimo

19-03-18 14.31

Va la, perchè sei tu

The Real Book of Blues pdf
  • Raptus
  • Membro: Expert
  • Risp: 2284
  • Loc: Padova
  • Thanks: 222  

19-03-18 14.53

@ MiLord
Ciao a tutti! emo
Vorrei un consiglio. Ho dato in passato alcune lezioni private a livello base sul pianoforte classico e pop. Mi trovavo abbastanza bene perchè provenendo dal classico anche io, avevo in testa un programma da seguire e soprattutto dei testi da utilizzare. Ora suono come dico spesso del buon rock emo, ma anche blues dato che è la musica da cui nasce tutto ciò che mi piace emo
Dopo tempo, più che altro per amicizia, ho ripreso, e da poco ho una nuova allieva, una pianista che come me ha alle spalle studi classici e che, come me, vorrebbe imparare altri generi musicali. Ho fatto solo alcune lezioni e mi sembra brava, solo che rispetto a come ero io è davvero troppo legata al classico. Per ora le lezioni sono andate bene e lei è contenta. Ma mi rendo conto che per lei sarebbe utile un approccio su uno spartito, in modo da imparare qualche brano e analizzarlo con me.

Ecco la mia domanda: conoscete dei buoni spartiti blues per pianoforte che possano aiutarmi nelle lezioni? Non cerco testi didattici ma veri spartiti, qualcuno li ha?
Non ditemi che bisogna avere dentro il blues e ci vuole improvvisazione e niente spartiti perchè, ok, sono d'accordo, ma sono sicuro che potrebbero aiutarmi a fare delle lezioni, nel suo caso, migliori. emo
E magari potrebbero aiutare me a diventare un "insegnante" più completo e più pronto alle diverse esigenze degli allievi emo
Secondo me ha gusto musicale e soprattutto un bel senso swing/blues emo
Grazie!
Io sto studiando su "Improvising blues piano" di Tim Richards e "How to boogie woogie piano" di Arthur Migliazza.
Ho provato anche il corso su pianosolo ma lo trovo utile solo per avere "un'idea" di cosa sia il piano blues.
Se posso azzardare un piano di studi, così mi dite magari se io stesso me lo sto creando "sbagliato", suggerirei:
0. avere una base classica, anche non elevata (Beyer)
1. nessun problema con lettura chiave di basso - indispensabile secondo me
2. introduzione all'argomento (magari dal corso su pianosolo)
3. "How to boogie woogie piano" di Arthur Migliazza che aiuta a rendere indipendente le mani e ti prepara a far "fatica" (il blues è più "lento", una volta presa l'abitudine secondo me le mani si dovrebbero abituare)
4. corso di blues "Improvising blues piano" di Tim Richards o altri

..che ne dite?
  • anonimo

19-03-18 15.02

@ Raptus
Io sto studiando su "Improvising blues piano" di Tim Richards e "How to boogie woogie piano" di Arthur Migliazza.
Ho provato anche il corso su pianosolo ma lo trovo utile solo per avere "un'idea" di cosa sia il piano blues.
Se posso azzardare un piano di studi, così mi dite magari se io stesso me lo sto creando "sbagliato", suggerirei:
0. avere una base classica, anche non elevata (Beyer)
1. nessun problema con lettura chiave di basso - indispensabile secondo me
2. introduzione all'argomento (magari dal corso su pianosolo)
3. "How to boogie woogie piano" di Arthur Migliazza che aiuta a rendere indipendente le mani e ti prepara a far "fatica" (il blues è più "lento", una volta presa l'abitudine secondo me le mani si dovrebbero abituare)
4. corso di blues "Improvising blues piano" di Tim Richards o altri

..che ne dite?
Buono

c'era anche, se non mi sbaglio, un libretto che si intitolava "How to play piano blues"...adesso non mi ricordo se fosse di bob timmons o di chi...
  • SavateVoeanti
  • Membro: Expert
  • Risp: 2103
  • Loc: Venezia
  • Thanks: 101  

19-03-18 16.20

Secondo me come dice Cyrano ci sono delle cose boogie in internet, spartiti originali per esempio:
"Boogie Woogie" di Pineto Perkins che è quella famosa nell'ambito perchè vedo che viene sempre suonata da tutti. Qui lo spartito.
Oppure "Boogie Woogie Stomp" di Albert Ammons. Qui lo spartito.
O Anche "6 Wheel Chaser" di Meade Lux Lewis, che è appunto quello(riferito all'autore) di Honky Tonk Train Blues che ha accennato Cyrano. Qui lo spartito.


Magari non sono pari pari alla registrazione perchè lo suonano sempre diverso, però non è un problema.
  • SavateVoeanti
  • Membro: Expert
  • Risp: 2103
  • Loc: Venezia
  • Thanks: 101  

19-03-18 16.29

Oppure se il salto tra classica e blues è troppo duro si potrebbe passare attraverso il ragtime, quì c'è una vastità di spartiti che fa fin vomitare , anche solo quelli di Scott Joplin secondo me sono anche troppi.

Ho comuqnue trovato questa pagina dove c'è varia roba interessante di boogie, sia spartiti che brevi file da ascoltare di esempi di riff blues che sembrano fatti apposta per imparare
  • Arci66
  • Membro: Expert
  • Risp: 2016
  • Loc: Roma
  • Thanks: 69  

19-03-18 17.05

Fantastici linksemo
Un bel thanks
  • Raptus
  • Membro: Expert
  • Risp: 2284
  • Loc: Padova
  • Thanks: 222  

19-03-18 23.17

@ SavateVoeanti
Oppure se il salto tra classica e blues è troppo duro si potrebbe passare attraverso il ragtime, quì c'è una vastità di spartiti che fa fin vomitare , anche solo quelli di Scott Joplin secondo me sono anche troppi.

Ho comuqnue trovato questa pagina dove c'è varia roba interessante di boogie, sia spartiti che brevi file da ascoltare di esempi di riff blues che sembrano fatti apposta per imparare
Il ragtime è molto difficile secondo me se non si hanno basi solide, se uno vuole fare un percorso per arrivare a fare blues io partirei dal blues (o boogie woogie)... anche a me piacciono molto gli strides del ragtime ma per suonare bene quel genere ce ne vuole di gavetta... imho ovviamente, son tutto fuorchè "accademico" scusate
  • SavateVoeanti
  • Membro: Expert
  • Risp: 2103
  • Loc: Venezia
  • Thanks: 101  

20-03-18 00.13

@ Raptus
Il ragtime è molto difficile secondo me se non si hanno basi solide, se uno vuole fare un percorso per arrivare a fare blues io partirei dal blues (o boogie woogie)... anche a me piacciono molto gli strides del ragtime ma per suonare bene quel genere ce ne vuole di gavetta... imho ovviamente, son tutto fuorchè "accademico" scusate
Eh lo so, ma secondo me la rogna piu grande sono i salti della sinistra, che presumo che uno che ha studiato classica si sia ritrovato gli stessi salti nei valzer, percui dovrebbe partire avvantaggiato.

Se invece l'obbiettivo è puntato dritto sul blues allora non c'è nessuno spartito, bisogna tirar giù ad orecchio, in questo caso come pianista blues propongo Otis Spann tra i tanti.
  • Raptus
  • Membro: Expert
  • Risp: 2284
  • Loc: Padova
  • Thanks: 222  

20-03-18 00.23

@ SavateVoeanti
Eh lo so, ma secondo me la rogna piu grande sono i salti della sinistra, che presumo che uno che ha studiato classica si sia ritrovato gli stessi salti nei valzer, percui dovrebbe partire avvantaggiato.

Se invece l'obbiettivo è puntato dritto sul blues allora non c'è nessuno spartito, bisogna tirar giù ad orecchio, in questo caso come pianista blues propongo Otis Spann tra i tanti.
Esatto, si deve aver studiato classica più di 5 anni perchè oltre a saper fare bene i salti bisogna essere veloci e sicuri!
Io mi metto molto nei panni dello studente base, essendo io stesso così, che parte da < 5 anni di scuola classica...
Lo spartito lo trovo utile per quanto riguarda la chiave di basso, indispensabile per il genere, un po' meno per la parte melodica in quanto, se non si esegue una melodia predefinita (mi viene in mente swanee river) una volta capito il giro armonico si potrebbe iniziare a pensare alle improvvisazioni, correggetemi se sbaglio...
  • SavateVoeanti
  • Membro: Expert
  • Risp: 2103
  • Loc: Venezia
  • Thanks: 101  

20-03-18 00.51

raptus ha scritto:
Esatto, si deve aver studiato classica più di 5 anni perchè oltre a saper fare bene i salti bisogna essere veloci e sicuri!

Uhm, sicuri si ma è una questione mentale, per il veloci invece non serve nel ragtime e anzi a volte Scott J. lo scrive anche sugli spartiti si non suonarlo veloce, praticamente a tempo di marcia ecco.
raptus ha scritto:
Lo spartito lo trovo utile per quanto riguarda la chiave di basso, indispensabile per il genere, un po' meno per la parte melodica in quanto, se non si esegue una melodia predefinita (mi viene in mente swanee river) una volta capito il giro armonico si potrebbe iniziare a pensare alle improvvisazioni, correggetemi se sbaglio...

Qui invece parli del boogie visto che citi Swanee river giusto? Perchè qua si che c'è da essere veloci e sicuri. Edito: avevo visto la versione boogie.. tu intendi il brano in versione tradizionale?
  • Raptus
  • Membro: Expert
  • Risp: 2284
  • Loc: Padova
  • Thanks: 222  

20-03-18 10.13

@ SavateVoeanti
raptus ha scritto:
Esatto, si deve aver studiato classica più di 5 anni perchè oltre a saper fare bene i salti bisogna essere veloci e sicuri!

Uhm, sicuri si ma è una questione mentale, per il veloci invece non serve nel ragtime e anzi a volte Scott J. lo scrive anche sugli spartiti si non suonarlo veloce, praticamente a tempo di marcia ecco.
raptus ha scritto:
Lo spartito lo trovo utile per quanto riguarda la chiave di basso, indispensabile per il genere, un po' meno per la parte melodica in quanto, se non si esegue una melodia predefinita (mi viene in mente swanee river) una volta capito il giro armonico si potrebbe iniziare a pensare alle improvvisazioni, correggetemi se sbaglio...

Qui invece parli del boogie visto che citi Swanee river giusto? Perchè qua si che c'è da essere veloci e sicuri. Edito: avevo visto la versione boogie.. tu intendi il brano in versione tradizionale?
Sisi parlavo del boogie
  • anonimo

20-03-18 10.30

io comunque farei così:

1) insegnerei all'allieva alcuni devices tipici per la sinistra

2) glie li farei fare in varie tonalità (solo sinistra)

3) le farei leggere dei temi di blues dal real book of blues, o tirati giù dai dischi

4) le insegnerei i tipici devices blues per la destra

5) mettere tutto insieme
  • MiLord
  • Membro: Expert
  • Risp: 1720
  • Loc: Milano
  • Thanks: 115  

21-03-18 15.51

WOW!!! Davvero gentili!
Ho il libro "Mark Harrison - Blues Piano (Hal Leonard)", purtroppo solo in inglese, con tanto di esempi audio che non sono male!
Ho visto tutti i link che mi avete mandato e sentito i video. Grazie!!! Thanks a tutti!

Cyrano ha scritto:
io comunque farei così:

1) insegnerei all'allieva alcuni devices tipici per la sinistra, partendo da walking bass semplici alla sinistra e accordi alla destra, poi con alcuni pattern e vari esempi in ordine di difficoltà crescente.


2) glie li farei fare in varie tonalità (solo sinistra)

3) le farei leggere dei temi di blues dal real book of blues, o tirati giù dai dischi

4) le insegnerei i tipici devices blues per la destra

5) mettere tutto insieme
Quota il testo selezionato

Grande! E' quello che sto facendo io!
Le sto facendo fare delle parti di walking bass con la sinistra e semplici accordi con la destra. Poi lo stesso walking bass con alcuni pattern per la destra in ordine crescente di difficoltà
Per ora in MI LA e RE per via della stessa diteggiatura
Poi farò DO SOL e FA
Più avanti completeremo con le tonalità. Di sicuro SI e SIb.
Poi cerco di farle applicare ciò che ha imparato anche grazie all'ascolto, con delle in backing tracks su youtube, anche con stili e ritmi blues diversi. Io farei anche qualcosa in stile blues/funk per una diversa intenzione negli accenti e nel suonare. Perchè non voglio che impari a memoria, voglio che prenda spunto da quello che faccio io o meglio ancora dai bluesman seri emo
Mi piacerebbe in seguito farle fare le stesse cose con altri suoni, tipo hammond o rhodes, perchè secondo me si ha un approccio diverso e il tutto risulta più completo
In più in un momento di pazzia e di superbia mistica emo e ho scaricato Musescore, e sto scrivendo tutto su degli spartiti per un metodo di insegnamento mio personale emoemoemoemo
  • andrew1
  • Membro: Senior
  • Risp: 504
  • Loc: Udine
  • Thanks: 12  

21-03-18 19.57

@ MiLord
WOW!!! Davvero gentili!
Ho il libro "Mark Harrison - Blues Piano (Hal Leonard)", purtroppo solo in inglese, con tanto di esempi audio che non sono male!
Ho visto tutti i link che mi avete mandato e sentito i video. Grazie!!! Thanks a tutti!

Cyrano ha scritto:
io comunque farei così:

1) insegnerei all'allieva alcuni devices tipici per la sinistra, partendo da walking bass semplici alla sinistra e accordi alla destra, poi con alcuni pattern e vari esempi in ordine di difficoltà crescente.


2) glie li farei fare in varie tonalità (solo sinistra)

3) le farei leggere dei temi di blues dal real book of blues, o tirati giù dai dischi

4) le insegnerei i tipici devices blues per la destra

5) mettere tutto insieme
Quota il testo selezionato

Grande! E' quello che sto facendo io!
Le sto facendo fare delle parti di walking bass con la sinistra e semplici accordi con la destra. Poi lo stesso walking bass con alcuni pattern per la destra in ordine crescente di difficoltà
Per ora in MI LA e RE per via della stessa diteggiatura
Poi farò DO SOL e FA
Più avanti completeremo con le tonalità. Di sicuro SI e SIb.
Poi cerco di farle applicare ciò che ha imparato anche grazie all'ascolto, con delle in backing tracks su youtube, anche con stili e ritmi blues diversi. Io farei anche qualcosa in stile blues/funk per una diversa intenzione negli accenti e nel suonare. Perchè non voglio che impari a memoria, voglio che prenda spunto da quello che faccio io o meglio ancora dai bluesman seri emo
Mi piacerebbe in seguito farle fare le stesse cose con altri suoni, tipo hammond o rhodes, perchè secondo me si ha un approccio diverso e il tutto risulta più completo
In più in un momento di pazzia e di superbia mistica emo e ho scaricato Musescore, e sto scrivendo tutto su degli spartiti per un metodo di insegnamento mio personale emoemoemoemo
Confermo anche io libri progressivi tipo "Improvising blues piano" di Tim Richards, che a me è piaciuto molto (si trovano tranquillamente i pdf), prima di passare agli spartiti che presuppongono già una qualche conoscenza.

E poi qualcuno (o qualcosa) che "controlli" che le note vengano eseguite al momento giusto ...
  • anonimo

22-03-18 08.28

@ MiLord
WOW!!! Davvero gentili!
Ho il libro "Mark Harrison - Blues Piano (Hal Leonard)", purtroppo solo in inglese, con tanto di esempi audio che non sono male!
Ho visto tutti i link che mi avete mandato e sentito i video. Grazie!!! Thanks a tutti!

Cyrano ha scritto:
io comunque farei così:

1) insegnerei all'allieva alcuni devices tipici per la sinistra, partendo da walking bass semplici alla sinistra e accordi alla destra, poi con alcuni pattern e vari esempi in ordine di difficoltà crescente.


2) glie li farei fare in varie tonalità (solo sinistra)

3) le farei leggere dei temi di blues dal real book of blues, o tirati giù dai dischi

4) le insegnerei i tipici devices blues per la destra

5) mettere tutto insieme
Quota il testo selezionato

Grande! E' quello che sto facendo io!
Le sto facendo fare delle parti di walking bass con la sinistra e semplici accordi con la destra. Poi lo stesso walking bass con alcuni pattern per la destra in ordine crescente di difficoltà
Per ora in MI LA e RE per via della stessa diteggiatura
Poi farò DO SOL e FA
Più avanti completeremo con le tonalità. Di sicuro SI e SIb.
Poi cerco di farle applicare ciò che ha imparato anche grazie all'ascolto, con delle in backing tracks su youtube, anche con stili e ritmi blues diversi. Io farei anche qualcosa in stile blues/funk per una diversa intenzione negli accenti e nel suonare. Perchè non voglio che impari a memoria, voglio che prenda spunto da quello che faccio io o meglio ancora dai bluesman seri emo
Mi piacerebbe in seguito farle fare le stesse cose con altri suoni, tipo hammond o rhodes, perchè secondo me si ha un approccio diverso e il tutto risulta più completo
In più in un momento di pazzia e di superbia mistica emo e ho scaricato Musescore, e sto scrivendo tutto su degli spartiti per un metodo di insegnamento mio personale emoemoemoemo
oltre al walking bass insegnale anche le figurazioni blues tipiche per la sinistra, ce ne sono cinque o sei imprescindibili

Appena trovo qualche esempio te lo posto