L'apice?

  • d_phatt
  • Membro: Expert
  • Risp: 3374
  • Loc: Perugia
  • Thanks: 684  

21-09-21 19.17

Riposto questo in un nuovo topic apposito...

Oltre alla indicibile difficoltà tecnica (se andate a guardare bene quelle strane figure emo troverete tra le altre cose poliritmi 6 contro 5...emo), lo trovo uno dei pezzi di musica più belli e "descrittivi" che siano mai stati scritti...una sorta di somma ricompensa per chi riesce ad affrontare e scalare la montagna del trascendentale. Poetico, non trovate?

Peccato che sia roba per pochi.
  • WTF_Bach
  • Membro: Expert
  • Risp: 1632
  • Loc: .
  • Thanks: 533  

21-09-21 19.24

@ d_phatt
Riposto questo in un nuovo topic apposito...

Oltre alla indicibile difficoltà tecnica (se andate a guardare bene quelle strane figure emo troverete tra le altre cose poliritmi 6 contro 5...emo), lo trovo uno dei pezzi di musica più belli e "descrittivi" che siano mai stati scritti...una sorta di somma ricompensa per chi riesce ad affrontare e scalare la montagna del trascendentale. Poetico, non trovate?

Peccato che sia roba per pochi.
Questa è musica.
  • giosanta
  • Membro: Expert
  • Risp: 4117
  • Loc: Benevento
  • Thanks: 718  

21-09-21 19.24

d_phatt ha scritto:
...Peccato che sia roba per pochi.

Come molte cose di un certo livello.
Qui davvero ci vorrebbe un'altra vita...
  • paolo_b3
  • Membro: Supporter
  • Risp: 12292
  • Loc: Ravenna
  • Thanks: 1552  

21-09-21 20.46

Favoloso! Curiosità, all'inizio mi faceva pensare ad "Au Lait" di Pat Metheny.
Del resto il Jazz ha anche radici europee...
  • markelly2
  • Membro: Expert
  • Risp: 3947
  • Loc: .
  • Thanks: 391  

21-09-21 21.23

@ d_phatt
Riposto questo in un nuovo topic apposito...

Oltre alla indicibile difficoltà tecnica (se andate a guardare bene quelle strane figure emo troverete tra le altre cose poliritmi 6 contro 5...emo), lo trovo uno dei pezzi di musica più belli e "descrittivi" che siano mai stati scritti...una sorta di somma ricompensa per chi riesce ad affrontare e scalare la montagna del trascendentale. Poetico, non trovate?

Peccato che sia roba per pochi.
Che vuoi che sia.
Prima studi la mano destra, poi studi la sinistra e infine le metti assieme.
  • d_phatt
  • Membro: Expert
  • Risp: 3374
  • Loc: Perugia
  • Thanks: 684  

21-09-21 21.53

@ markelly2
Che vuoi che sia.
Prima studi la mano destra, poi studi la sinistra e infine le metti assieme.
Giusto! Ad averci pensato prima...emo
  • d_phatt
  • Membro: Expert
  • Risp: 3374
  • Loc: Perugia
  • Thanks: 684  

21-09-21 21.53

@ paolo_b3
Favoloso! Curiosità, all'inizio mi faceva pensare ad "Au Lait" di Pat Metheny.
Del resto il Jazz ha anche radici europee...
Vado a subito a sentirla...
  • d_phatt
  • Membro: Expert
  • Risp: 3374
  • Loc: Perugia
  • Thanks: 684  

21-09-21 21.54

giosanta ha scritto:
Qui davvero ci vorrebbe un'altra vita...

Eh...se non altro possono ascoltarla tutti. Già questo è un enorme privilegio, vediamola così...
  • d_phatt
  • Membro: Expert
  • Risp: 3374
  • Loc: Perugia
  • Thanks: 684  

21-09-21 21.56

@ WTF_Bach
Questa è musica.
Sì, davvero meravigliosa, d'altra parte dei 12 studi è quello che di gran lunga mi ha colpito più di tutti.
  • BB79
  • Membro: Expert
  • Risp: 3914
  • Loc: Roma
  • Thanks: 367  

21-09-21 23.31

@ d_phatt
Riposto questo in un nuovo topic apposito...

Oltre alla indicibile difficoltà tecnica (se andate a guardare bene quelle strane figure emo troverete tra le altre cose poliritmi 6 contro 5...emo), lo trovo uno dei pezzi di musica più belli e "descrittivi" che siano mai stati scritti...una sorta di somma ricompensa per chi riesce ad affrontare e scalare la montagna del trascendentale. Poetico, non trovate?

Peccato che sia roba per pochi.
Trascendentale...appuntoemo
Non so se è l'apice...ma mi riesce difficile immaginare qualcosa di più...emo
  • BB79
  • Membro: Expert
  • Risp: 3914
  • Loc: Roma
  • Thanks: 367  

21-09-21 23.35

Rilancio...facciamoci del male
Scriabin Volodia

Guardategli le mani, distese sempre fino a sfiorare il coperchio...emo

Alla fine è sfatto...ecce homo
  • d_phatt
  • Membro: Expert
  • Risp: 3374
  • Loc: Perugia
  • Thanks: 684  

21-09-21 23.39

@ BB79
Trascendentale...appuntoemo
Non so se è l'apice...ma mi riesce difficile immaginare qualcosa di più...emo
Eh...ho messo il punto di domanda apposta.
Ci sono pezzi probabilmente più difficili (anche dello stesso Franz, un gran simpaticone emo), e tanti altri brani bellissimi...ma questo è un bell'incontro tra le due cose, poi devo dire che l'interpretazione rende davvero bene.

Io non ho ancora capito se quelli che suonano 'sta roba vedano esecuzioni del genere come facili, in qualche modo.

Senza arrivare a quel pazzo folle di Trifonov che li porta tutti e 12 allo stesso concerto e li suona tutti di fila, insieme ad altre cose... c'è un video sul tubo dove alla fine effettivamente fa una faccia completamente stralunata e sconvolta, ma è Trifonov, quindi potrebbe essere stato del tutto normale in quel momento...emo
  • d_phatt
  • Membro: Expert
  • Risp: 3374
  • Loc: Perugia
  • Thanks: 684  

21-09-21 23.47

BB79 ha scritto:
Guardategli le mani, distese sempre fino a sfiorare il coperchio...

La tecnica di Horowitz era notoriamente strana...eppure efficacissima e funzionale a suo modo, considerato anche che, periodi no a parte, suonò ad altissimi livelli fino in tarda età. Al contrario di vari pianisti amercani del '900...

Il brano è stupendo...e poi vedere lui in azione, anche in video, è sempre un momento sacro per chi tiene alla storia del pianoforte.
  • WTF_Bach
  • Membro: Expert
  • Risp: 1632
  • Loc: .
  • Thanks: 533  

22-09-21 16.52

Su Horowitz: la famosa "tecnica russa" ripresa e sviluppata anche da Claudio Arrau: mano distesa, calma nelle mani, muovere le dita il meno possibile, rotazioni del polso su tutti e tre i suoi assi.
  • d_phatt
  • Membro: Expert
  • Risp: 3374
  • Loc: Perugia
  • Thanks: 684  

22-09-21 18.40

@ WTF_Bach
Su Horowitz: la famosa "tecnica russa" ripresa e sviluppata anche da Claudio Arrau: mano distesa, calma nelle mani, muovere le dita il meno possibile, rotazioni del polso su tutti e tre i suoi assi.
Cosa intendi esattamente per "calma nelle mani", se posso chiedere?
  • WTF_Bach
  • Membro: Expert
  • Risp: 1632
  • Loc: .
  • Thanks: 533  

22-09-21 18.49

@ d_phatt
Cosa intendi esattamente per "calma nelle mani", se posso chiedere?
Non svolazzare le dita… non articolare, non sollevare le dita se non del minimo necessario.

Ma forse un video ti chiarirà meglio il concetto:

Claudio Arrau
  • WTF_Bach
  • Membro: Expert
  • Risp: 1632
  • Loc: .
  • Thanks: 533  

22-09-21 18.56

Anche questo è interessante
  • d_phatt
  • Membro: Expert
  • Risp: 3374
  • Loc: Perugia
  • Thanks: 684  

22-09-21 18.57

WTF_Bach ha scritto:
Non svolazzare le dita… non articolare, non sollevare le dita se non del minimo necessario.

Ah ok, un principio che mi è ben familiare...anche se a me hanno insegnato a tenere le dita più raccolte rispetto a come le dispone Arrau nel video. Imparare a tenerle buone sul tasto, e sulla posizione richiesta dal passaggio, è stata una delle cose più difficili della mia "rieducazione", a cui se ricordi avevo già accennato in un altro topic.
  • WTF_Bach
  • Membro: Expert
  • Risp: 1632
  • Loc: .
  • Thanks: 533  

22-09-21 18.58

Interessantissimo il metodo Taubman
  • BB79
  • Membro: Expert
  • Risp: 3914
  • Loc: Roma
  • Thanks: 367  

22-09-21 22.00

@ WTF_Bach
Su Horowitz: la famosa "tecnica russa" ripresa e sviluppata anche da Claudio Arrau: mano distesa, calma nelle mani, muovere le dita il meno possibile, rotazioni del polso su tutti e tre i suoi assi.
All'opposto lui articola che è una bellezzaemo
kissin