Conservatorio, canto indirizzo Jazz o Pop Rock?

  • ale2166
  • Membro: Guest
  • Risp: 5
  • Loc:
  • Thanks: 2  

12-11-22 17.19

Ciao a tutti,
dopo un lungo periodo di riflessione che non è ancora trascorso, vorrei chiedere un consiglio. Mi sono resa conto che prendere lezioni di canto non mi basta, e vorrei optare per il conservatorio o per una scuola privata, puntando sia ad ottenere una preparazione a livello professionale in tecnica vocale, che a capire la musica nel suo insieme, quindi apprendendo tutte le nozioni teoriche, armonistiche, compositive ecc che secondo me sono più che necessarie. Mi sorge però un dubbio, i generi che prediligo sono il Soul/Rnb, Dance pop, Afropop, e non so se in conservatorio riuscirei ad approfondire questi generi, alcuni mi consigliano di optare per il jazz perchè è da questo genere che prendono origine alcuni dei miei generi preferiti, altri mi consigliano di optare per il pop perchè mi riferiscono che nell'indirizzo jazz poi finirei per studiare solo jazz standards, altri ancora mi dicono che a livello di tecnica vocale in conservatorio probabilmente non verrò seguita perchè si presuppone che io arrivi li già preparata, vorrei giungere ad una conclusione, ma sembra molto difficile.
Grazie a tutti per l'ascolto.
  • monika_A3
  • Membro: Senior
  • Risp: 376
  • Loc: Bologna
  • Thanks: 61  

12-11-22 18.29

@ ale2166
Ciao a tutti,
dopo un lungo periodo di riflessione che non è ancora trascorso, vorrei chiedere un consiglio. Mi sono resa conto che prendere lezioni di canto non mi basta, e vorrei optare per il conservatorio o per una scuola privata, puntando sia ad ottenere una preparazione a livello professionale in tecnica vocale, che a capire la musica nel suo insieme, quindi apprendendo tutte le nozioni teoriche, armonistiche, compositive ecc che secondo me sono più che necessarie. Mi sorge però un dubbio, i generi che prediligo sono il Soul/Rnb, Dance pop, Afropop, e non so se in conservatorio riuscirei ad approfondire questi generi, alcuni mi consigliano di optare per il jazz perchè è da questo genere che prendono origine alcuni dei miei generi preferiti, altri mi consigliano di optare per il pop perchè mi riferiscono che nell'indirizzo jazz poi finirei per studiare solo jazz standards, altri ancora mi dicono che a livello di tecnica vocale in conservatorio probabilmente non verrò seguita perchè si presuppone che io arrivi li già preparata, vorrei giungere ad una conclusione, ma sembra molto difficile.
Grazie a tutti per l'ascolto.
Ciao Ale,

Il tuo quesito è molto complesso. In teoria brave/i insegnanti di canto potrebbero (dovrebbero? emo) essere in grado di fornirti la cornice nozionistica che richiedi, in maniera molto customizzata. A trovarne, però.

Quasi di sicuro, la frequenza di corsi di Conservatorio ti consentirebbe di far tuo il corpus teorico armonico. Ma per quanto i corsi siano soggetti ad una certa standardizzazione, l'impronta del docente resta. Anche in tal caso, converebbe prendere informazioni in merito.
Adesso non so se le cose sian cambiate così in fretta, ma non so dirti se Kandace Springs e affini rientrino nei programmi attuali...

Scuole private: gira tanto scetticismo su questo tema, ma ho avuto a che fare con strumentisti (e anche un paio di cantanti...) che dopo un annetto di scuola privata hanno fatto un salto quantico. Soddisfatte/i loro e soddisfatte... noi! emo
  • Asterix
  • Membro: Senior
  • Risp: 613
  • Loc: Milano
  • Thanks: 138  

12-11-22 20.23

@ ale2166
Ciao a tutti,
dopo un lungo periodo di riflessione che non è ancora trascorso, vorrei chiedere un consiglio. Mi sono resa conto che prendere lezioni di canto non mi basta, e vorrei optare per il conservatorio o per una scuola privata, puntando sia ad ottenere una preparazione a livello professionale in tecnica vocale, che a capire la musica nel suo insieme, quindi apprendendo tutte le nozioni teoriche, armonistiche, compositive ecc che secondo me sono più che necessarie. Mi sorge però un dubbio, i generi che prediligo sono il Soul/Rnb, Dance pop, Afropop, e non so se in conservatorio riuscirei ad approfondire questi generi, alcuni mi consigliano di optare per il jazz perchè è da questo genere che prendono origine alcuni dei miei generi preferiti, altri mi consigliano di optare per il pop perchè mi riferiscono che nell'indirizzo jazz poi finirei per studiare solo jazz standards, altri ancora mi dicono che a livello di tecnica vocale in conservatorio probabilmente non verrò seguita perchè si presuppone che io arrivi li già preparata, vorrei giungere ad una conclusione, ma sembra molto difficile.
Grazie a tutti per l'ascolto.
I percorsi pop e rock in conservatorio hanno dei punti di contatto e delle differenze. Ti consiglierei di vedere sui siti dei conservatori vicino a te chi sono i docenti, la loro formazione, e le loro esperienze pregresse. Da lì potrai decidere.
Per esempio nei conservatorio italiani insegnano Paola Folli, Rossana Casale, insomma...artisti molto diverse con preparazioni diverse.
Mi sembra che i corsi "pop" siano un po' più aperti, nel senso che forse è più facile che in un corso pop si studi anche jazz piuttosto che il contrario.
Considera in conservatorio: eventuale debito di teoria & solfeggio, poi corsi di pianoforte complementare, musica di insieme, armonia, informatica musicale, composizione, improvvisazione...insomma si può avere una formazione completa a un costo generalmente accessibile rispetto ad una scuola privata.
Prassi esecutive e repertori sono circa 30 ore l'anno, quindi 30 ore almeno con il docente di canto.
Queste cose te le dico da docente di conservatorio nei corsi pop...
  • ale2166
  • Membro: Guest
  • Risp: 5
  • Loc:
  • Thanks: 2  

12-11-22 21.00

@ Asterix
I percorsi pop e rock in conservatorio hanno dei punti di contatto e delle differenze. Ti consiglierei di vedere sui siti dei conservatori vicino a te chi sono i docenti, la loro formazione, e le loro esperienze pregresse. Da lì potrai decidere.
Per esempio nei conservatorio italiani insegnano Paola Folli, Rossana Casale, insomma...artisti molto diverse con preparazioni diverse.
Mi sembra che i corsi "pop" siano un po' più aperti, nel senso che forse è più facile che in un corso pop si studi anche jazz piuttosto che il contrario.
Considera in conservatorio: eventuale debito di teoria & solfeggio, poi corsi di pianoforte complementare, musica di insieme, armonia, informatica musicale, composizione, improvvisazione...insomma si può avere una formazione completa a un costo generalmente accessibile rispetto ad una scuola privata.
Prassi esecutive e repertori sono circa 30 ore l'anno, quindi 30 ore almeno con il docente di canto.
Queste cose te le dico da docente di conservatorio nei corsi pop...
La ringrazio, quindi secondo lei è più probabile affrontare brani del repertorio Soul/Gospel/Rnb, in un corso pop, più che jazz? E da quanto capisco, la preparazione tecnica dipende piuttosto dal docente di riferimento. Da quanto so, il docente che segue al primo anno non sarà necessariamente presente l'anno dopo, o sbaglio? inoltre mi chiedevo se per quanto riguarda la teoria e la pratica pianistica, nel corso pop venisse utilizzata la notazione classica o quella anglosassone, abituata da piccola al piano classico, sinceramente preferisco la prima alla seconda. Un'altra cosa che mi fa sorgere il dubbio è la metodologia tecnica utilizzata dagli insegnanti di tecnica. Dopo aver cambiato diversi insegnanti, ho potuto realizzare che ho sempre preferito l'impostazione ricevuta dagli insegnanti che hanno studiato lirico, e non vorrei trovarmi in difficoltà nel caso in cui trovassi qualcuno che predilige un altro approccio.
Grazie ancora
  • Asterix
  • Membro: Senior
  • Risp: 613
  • Loc: Milano
  • Thanks: 138  

13-11-22 12.39

@ ale2166
La ringrazio, quindi secondo lei è più probabile affrontare brani del repertorio Soul/Gospel/Rnb, in un corso pop, più che jazz? E da quanto capisco, la preparazione tecnica dipende piuttosto dal docente di riferimento. Da quanto so, il docente che segue al primo anno non sarà necessariamente presente l'anno dopo, o sbaglio? inoltre mi chiedevo se per quanto riguarda la teoria e la pratica pianistica, nel corso pop venisse utilizzata la notazione classica o quella anglosassone, abituata da piccola al piano classico, sinceramente preferisco la prima alla seconda. Un'altra cosa che mi fa sorgere il dubbio è la metodologia tecnica utilizzata dagli insegnanti di tecnica. Dopo aver cambiato diversi insegnanti, ho potuto realizzare che ho sempre preferito l'impostazione ricevuta dagli insegnanti che hanno studiato lirico, e non vorrei trovarmi in difficoltà nel caso in cui trovassi qualcuno che predilige un altro approccio.
Grazie ancora
Per avere continuità didattica devi vedere i conservatori in cui ci sono docenti con cattedra di ruolo.
Riguardo al pianoforte (la mia materia) la notazione classica o anglosassone è l'ultimo dei problemi! Io faccio leggere anche ai cantanti spartiti tradizionali in chiave di sol e fa.
Nei corsi poi di teoria/armonia/composizione troverai sicuramente entrambe le notazioni.