Velocità sui tasti del pianoforte

  • anonimo

23-06-19 18.24

ciao,
mi dite dopo quanto tempo le mani si sciolgono e si riesce ad avere una maggiore velocità?
Ripeto da qualche tempo un esercizio inventato da me questo in quanto è una sorta di "musichetta" chiamiamola così, che a me piace, ma noto che non è immediato aumentare sino alla velocità che vorrei raggiungere.
Se avete esperienza che col tempo la velocità arriva, insisto e paziento emo
  • paolo_b3
  • Membro: Supporter
  • Risp: 12102
  • Loc: Ravenna
  • Thanks: 1472  

23-06-19 18.38

@ anonimo
ciao,
mi dite dopo quanto tempo le mani si sciolgono e si riesce ad avere una maggiore velocità?
Ripeto da qualche tempo un esercizio inventato da me questo in quanto è una sorta di "musichetta" chiamiamola così, che a me piace, ma noto che non è immediato aumentare sino alla velocità che vorrei raggiungere.
Se avete esperienza che col tempo la velocità arriva, insisto e paziento emo
Vedo anche io che l'agilità aumenta mano a mano che suoni. Non ho mai misurato quanto tempo impiego a "scaldarmi" e non sono neanche sicuro che esista un tempo per scaldarsi. Ho la convinzione che più suono e più acquisto in agilità.
  • FranzBraile
  • Membro: Expert
  • Risp: 3913
  • Loc: Varese
  • Thanks: 466  

23-06-19 18.41

mark_c ha scritto:
Se avete esperienza che col tempo la velocità arriva, insisto e paziento

esatto....
ma anche usando Hanon (e qui scateno l'ira di mezzo Forum) o "testi" come CZERNY: School of Velocity (la Scuola della Velocità), Op.299 No.1
La cosa non sarà immediata ma non basterà una settimana.. ma neanche un mese... ci sarà un aumento impercettibile continuo.
Due cose... comincia PIANO e fai giornalmente esercizi di Streaching per evitare traumi ai tendini
  • anonimo

23-06-19 18.43

Metodo Chang
  • paolo_b3
  • Membro: Supporter
  • Risp: 12102
  • Loc: Ravenna
  • Thanks: 1472  

23-06-19 18.45

@ paolo_b3
Vedo anche io che l'agilità aumenta mano a mano che suoni. Non ho mai misurato quanto tempo impiego a "scaldarmi" e non sono neanche sicuro che esista un tempo per scaldarsi. Ho la convinzione che più suono e più acquisto in agilità.
Non avevo capito niente. emo
  • anonimo

23-06-19 19.55

@ paolo_b3
Vedo anche io che l'agilità aumenta mano a mano che suoni. Non ho mai misurato quanto tempo impiego a "scaldarmi" e non sono neanche sicuro che esista un tempo per scaldarsi. Ho la convinzione che più suono e più acquisto in agilità.
sinceramente non ho mai avvertito questo "scaldarsi" come quando ad esempio vado a correre dove mi ci vogliono almeno 2 Km prima di sentire le gambe sciolte.
A volte mi capita di avere una percezione completamente diversa della tastiera, difficile da spiegare, ma la percepisco più leggera, più sotto controllo mentre a volte pesante e distaccata, che stranezze.
Dopo 10 minuti che ripeto il mio esercizio avverto dolore all'avambraccio (tendini), mi fermo e rilasso tutto il braccio. Però non penso sia dovuto a posizioni scorrette, mi sembra più che altro dovuto a mancanza di allenamento per quel tipo di esercizio.

Insisto.
  • anonimo

23-06-19 19.58

@ anonimo
Metodo Chang
ciao Maestro,
me lo ricordo benissimo Chang, e molte volte ripeto seguendo quegli insegnamenti.
  • paolo_b3
  • Membro: Supporter
  • Risp: 12102
  • Loc: Ravenna
  • Thanks: 1472  

23-06-19 21.53

mark_c ha scritto:
Dopo 10 minuti che ripeto il mio esercizio avverto dolore all'avambraccio (tendini), mi fermo e rilasso tutto il braccio.


Anche questo lo percepisco, a volte basta concentrarsi qualche secondo e affrontare l'esercizio più rilassati.

Per avere armoniosità dobbiamo essere rilassati, è il grande scoglio del dilettante (tipo me) che sale sul palco teso.
  • anonimo

24-06-19 21.04

@ paolo_b3
mark_c ha scritto:
Dopo 10 minuti che ripeto il mio esercizio avverto dolore all'avambraccio (tendini), mi fermo e rilasso tutto il braccio.


Anche questo lo percepisco, a volte basta concentrarsi qualche secondo e affrontare l'esercizio più rilassati.

Per avere armoniosità dobbiamo essere rilassati, è il grande scoglio del dilettante (tipo me) che sale sul palco teso.
oggi mi hanno raccontato che per arrivare a certi livelli, tipo musicisti d'orchestra, devi allenarti almeno 8 ore al giorno, non ti pare eccessivo?
  • paolo_b3
  • Membro: Supporter
  • Risp: 12102
  • Loc: Ravenna
  • Thanks: 1472  

24-06-19 21.23

@ anonimo
oggi mi hanno raccontato che per arrivare a certi livelli, tipo musicisti d'orchestra, devi allenarti almeno 8 ore al giorno, non ti pare eccessivo?
E' un affermazione che di certo non si può fare. Parliamo di esseri umani, non ce ne è uno uguale all'altro.
Ma c'è un aspetto che va sempre considerato: il rapporto tra i nostri obiettivi e le nostre possibilità. Se suoni poco di certo non progredisci, ma se suoni troppo puoi arrivare a superare la soglia della sopportazione.

Diciamo che è un luogo comune "e bsogna stugè 8 ori tott i dè" (bisogna studiare 8 ore al giorno) emoemoemo

24-06-19 22.54

mark_c ha scritto:
oggi mi hanno raccontato che per arrivare a certi livelli, tipo musicisti d'orchestra, devi allenarti almeno 8 ore al giorno, non ti pare eccessivo?


lo è (eccessivo): la parola 'magica' della vita è 'equilibrio': già studiare 4 ore (ma anche meno) sono più che sufficienti (se fatte con 'professionalità' e se hai una buona musicalità) per raggiungere livelli altissimi...
  • giosanta
  • Membro: Expert
  • Risp: 4109
  • Loc: Benevento
  • Thanks: 710  

24-06-19 23.19

@ anonimo
oggi mi hanno raccontato che per arrivare a certi livelli, tipo musicisti d'orchestra, devi allenarti almeno 8 ore al giorno, non ti pare eccessivo?
Al di la dei numeri penso che una persona per cui la musica, anzi il "suonare" (perché gli ambiti musicali professionali sono tanti) sia "il lavoro", debba dedicargli molto del suo tempo.
Che poi il dato possa essere rigidamente quantizzato in senso generale non pare realistico, ma neppure credo possa dedicargli spazi marginali.
  • anonimo

25-06-19 11.47

paolo_b3 ha scritto:
Vedo anche io che l'agilità aumenta mano a mano che suoni. Non ho mai misurato quanto tempo impiego a "scaldarmi"

Anch'io ho notato che, in sala prove, all'inizio è come se avessi le dita "fredde", cioè non agilissime, un po' "legate". Dopo un paio d'ore di prove, comincio a scaldarmi e ad acquisire un po' più di agilità.

Quando mi esibisco dal vivo, prima di uscire di casa, cerco di fare almeno un'ora e mezza di esercizi: scale diatoniche ascendenti e discendenti in tutte le tonalità, scale cromatiche, ecc. appunto per "scaldarmi" e poi, se posso, giunto sul posto, cerco di ripetere per il tempo che mi è concesso questi esercizi con le cuffie o con la Tastiera/Pianoforte Digitale spenta/o o a volume zero. Secondo me è importante un po' di "riscaldamento" prima di suonare (un po' come fanno gli atleti prima di entrare in pista o in campo...).
  • anonimo

25-06-19 11.58

lucablu ha scritto:
Dopo un paio d'ore di prove, comincio a scaldarmi e ad acquisire un po' più di agilità.


dopo due ore son finite le prove emo
  • anonimo

25-06-19 12.28

Jaam ha scritto:
dopo due ore son finite le prove


Appunto! Quando comincio a "scaldarmi", le prove sono finite... emo emo emo
  • anonimo

25-06-19 13.59

@ anonimo
Jaam ha scritto:
dopo due ore son finite le prove


Appunto! Quando comincio a "scaldarmi", le prove sono finite... emo emo emo
io dopo due ore di prove son finito emo
  • anonimo

25-06-19 15.52

Jaam ha scritto:
io dopo due ore di prove son finito


Una volta, con il mio Gruppo di Inediti, abbiamo fatto QUATTRO ore di prove (con qualche pausa caffè e pausa sigaretta)... emo
  • maxpiano69
  • Membro: Staff
  • Risp: 21722
  • Loc: Torino
  • Thanks: 2710  

25-06-19 17.22

@ anonimo
Jaam ha scritto:
io dopo due ore di prove son finito


Una volta, con il mio Gruppo di Inediti, abbiamo fatto QUATTRO ore di prove (con qualche pausa caffè e pausa sigaretta)... emo
Ecco... fino 3 ore ci sono arrivato anche io, però il "mio problema" (diciamo..) è che non fumo e quindi continuo a suonare durante le pause emo emo
  • anonimo

25-06-19 18.09

@ giosanta
Al di la dei numeri penso che una persona per cui la musica, anzi il "suonare" (perché gli ambiti musicali professionali sono tanti) sia "il lavoro", debba dedicargli molto del suo tempo.
Che poi il dato possa essere rigidamente quantizzato in senso generale non pare realistico, ma neppure credo possa dedicargli spazi marginali.
capisco, ma non si parlava di professionisti che ci lavorano 8 e più ore, ma di persone che ancora non sono arrivate. 8 ore di studio pratico mi sembrano veramente tante e non so quali benefici possano portare visto che il cervello umano ha i suoi tempi di assimilazione.
  • paolo_b3
  • Membro: Supporter
  • Risp: 12102
  • Loc: Ravenna
  • Thanks: 1472  

25-06-19 18.37

@ anonimo
Jaam ha scritto:
io dopo due ore di prove son finito


Una volta, con il mio Gruppo di Inediti, abbiamo fatto QUATTRO ore di prove (con qualche pausa caffè e pausa sigaretta)... emo
Una volta, che poi è stato lo scorso dicembre ho dovuto anche io fare 4 ore di prove, cosa ancor più grave per 6 pezzi. In pratica dovevamo preparare una "kermesse" con vari gruppi e alle prove eravamo due gruppi con 3 elementi in comune, quindi due ore col primo gruppo 3 pezzi, due ore col secondo gruppo 3 pezzi. Notare che avevamo già fatto altre prove separatamente, ma quella sera il genio dell'organizzazione ha detto "facciamo tutto in una sera!"
Alla fine li volevo strozzare...

Mai più.

Tre ore può capitare, incluso montare e smontare si suonano due orette e mezzo circa.