Quali note ammesse per una traccia melodica?

22-11-18 08.04

Non capirò mai chi vuole "sperimentare" senza voler aprire manco un libro "perchè è pensiero arcaico e triste".

Il voler dire a tutti i costi che la creatività "è oltre" e "il mero tecnicismo non serve" sono scuse celate dietro muri e muri di ignoranza mista a pigrizia.

Senza riferirmi a te, ma oggi si sentono tutti geni: siccome Jimi Hendrix non ha studiato chitarra e ha fatto quel che ha fatto, trovi chitarristi che ti dicono "eh io mica conosco l armonia o leggo lo spartito... Jimi Hendrix è un genio e non ha mai aperto un libro".

Poi gli chiedi di seguire una progressione, un arrangiamento, si perdono perchè o puntano sulla memoria (roba che se non ripeti un brano per una settimana te lo scordi) o scrivono " a modo loro cosa fare", salvo perdersi se passa qualche tempo tra un prova e l altra, dato che il loro metodo di scrittura è rozzo e senza indicazioni ritmiche...

Senza polemica, ma ho sempre pensato che chi sperimenta a capoculo ottenendo risultati altalenanti senza capire perchè, non debba mai permettersi di criticare il consiglio "studia" perchè "vecchio, da nicchia, da spocchia" dato da chi appunto "studia"

C è ipocrisia di fondo: si dice di voler sperimentare, ma consci della propria "ignoranza" stranamente non si va mai a chiedere aiuto a chi non ne sa, ma stranamente si vanno a chiedere "riassunti" a chi invece ha studiato.

É troppo comodo "sperimentare" sulla base di aiuti "tecnici, fonte di studio e impegno" chiesti a "chi studia", per poi dire che il consiglio "studiare" è cosa vecchia e superata.

Siate coerenti, e restate di fronte a masterine varie e loop preimpostati, componendo senza uno schema armonico, a casaccio, al fine di poter dire, dopo l ennesima miscela di loop melodici (e vi assicuro, all 80% son loop creati da gente che ha studiato) che studiare é roba da "vecchie mummie". Almeno la convinzione suona piu reale :) cosi invece sembra semplice pigrizia...

Senza offesa, tanto per parlare :)
  • artemiasalina
  • Membro: Expert
  • Risp: 1790
  • Loc: Napoli
  • Thanks: 132  

22-11-18 09.47

@ CoccigeSupremo
Non capirò mai chi vuole "sperimentare" senza voler aprire manco un libro "perchè è pensiero arcaico e triste".

Il voler dire a tutti i costi che la creatività "è oltre" e "il mero tecnicismo non serve" sono scuse celate dietro muri e muri di ignoranza mista a pigrizia.

Senza riferirmi a te, ma oggi si sentono tutti geni: siccome Jimi Hendrix non ha studiato chitarra e ha fatto quel che ha fatto, trovi chitarristi che ti dicono "eh io mica conosco l armonia o leggo lo spartito... Jimi Hendrix è un genio e non ha mai aperto un libro".

Poi gli chiedi di seguire una progressione, un arrangiamento, si perdono perchè o puntano sulla memoria (roba che se non ripeti un brano per una settimana te lo scordi) o scrivono " a modo loro cosa fare", salvo perdersi se passa qualche tempo tra un prova e l altra, dato che il loro metodo di scrittura è rozzo e senza indicazioni ritmiche...

Senza polemica, ma ho sempre pensato che chi sperimenta a capoculo ottenendo risultati altalenanti senza capire perchè, non debba mai permettersi di criticare il consiglio "studia" perchè "vecchio, da nicchia, da spocchia" dato da chi appunto "studia"

C è ipocrisia di fondo: si dice di voler sperimentare, ma consci della propria "ignoranza" stranamente non si va mai a chiedere aiuto a chi non ne sa, ma stranamente si vanno a chiedere "riassunti" a chi invece ha studiato.

É troppo comodo "sperimentare" sulla base di aiuti "tecnici, fonte di studio e impegno" chiesti a "chi studia", per poi dire che il consiglio "studiare" è cosa vecchia e superata.

Siate coerenti, e restate di fronte a masterine varie e loop preimpostati, componendo senza uno schema armonico, a casaccio, al fine di poter dire, dopo l ennesima miscela di loop melodici (e vi assicuro, all 80% son loop creati da gente che ha studiato) che studiare é roba da "vecchie mummie". Almeno la convinzione suona piu reale :) cosi invece sembra semplice pigrizia...

Senza offesa, tanto per parlare :)
Bravissimo, concordo e sottoscrivo tutto.

Poi, aggiungerei, qui nessuno ha detto "iscriviti al conservatorio". Ma se qualcuno mi viene a chiedere una cosa del genere, per me è chiaro che non sa di cosa sta parlando. La musica non ha schemi, è arte, con una base tecnica (e per tecnica non intendo solo studio, intendo proprio regole) e tantissima creatività.
Ma...come ogni cosa, non può nascere da una "non conoscenza" della materia.

Che poi oggi ci siano mille modi per scrivere il brano con i loop, con le linee trascinate col mouse etc, non significa che conoscere, studiare appunto, sia "vecchio stampo". Una cosa del genere non si può sentire.
  • benjomy
  • Membro: Guru
  • Risp: 5701
  • Loc: Monza
  • Thanks: 276  

22-11-18 10.30

80Omarb ha scritto:
a richiesta di schemi per le note nelle varie scale e tonalità

mi permetto di dirti che è proprio questa richiesta ad aver fatto storcere il naso ai più...
la musica è proprio il contrario di questo...proprio gli "sperimentatori" sono quelli che sono usciti dagli schemi, dalle regole,,, ma puoi uscire dalle regole solo quando le conosci.. regole..non schemi prefissati
faccio un esempio che mi è capitato pochi giorni fa... un mi naturale in un contesto di C min teoricamente non dovrebbe starci.. eppure in un certo contesto e con un certo voicing (e qui si pare un nuovo capitolo.... stessi accordi, stesse armonie, ma voicing diversi danno risultati diversissimi fra loro...) suon benissimo....emo
  • zaphod
  • Membro: Guru
  • Risp: 5620
  • Loc: Savona
  • Thanks: 645  

22-11-18 11.21

@ CoccigeSupremo
Non capirò mai chi vuole "sperimentare" senza voler aprire manco un libro "perchè è pensiero arcaico e triste".

Il voler dire a tutti i costi che la creatività "è oltre" e "il mero tecnicismo non serve" sono scuse celate dietro muri e muri di ignoranza mista a pigrizia.

Senza riferirmi a te, ma oggi si sentono tutti geni: siccome Jimi Hendrix non ha studiato chitarra e ha fatto quel che ha fatto, trovi chitarristi che ti dicono "eh io mica conosco l armonia o leggo lo spartito... Jimi Hendrix è un genio e non ha mai aperto un libro".

Poi gli chiedi di seguire una progressione, un arrangiamento, si perdono perchè o puntano sulla memoria (roba che se non ripeti un brano per una settimana te lo scordi) o scrivono " a modo loro cosa fare", salvo perdersi se passa qualche tempo tra un prova e l altra, dato che il loro metodo di scrittura è rozzo e senza indicazioni ritmiche...

Senza polemica, ma ho sempre pensato che chi sperimenta a capoculo ottenendo risultati altalenanti senza capire perchè, non debba mai permettersi di criticare il consiglio "studia" perchè "vecchio, da nicchia, da spocchia" dato da chi appunto "studia"

C è ipocrisia di fondo: si dice di voler sperimentare, ma consci della propria "ignoranza" stranamente non si va mai a chiedere aiuto a chi non ne sa, ma stranamente si vanno a chiedere "riassunti" a chi invece ha studiato.

É troppo comodo "sperimentare" sulla base di aiuti "tecnici, fonte di studio e impegno" chiesti a "chi studia", per poi dire che il consiglio "studiare" è cosa vecchia e superata.

Siate coerenti, e restate di fronte a masterine varie e loop preimpostati, componendo senza uno schema armonico, a casaccio, al fine di poter dire, dopo l ennesima miscela di loop melodici (e vi assicuro, all 80% son loop creati da gente che ha studiato) che studiare é roba da "vecchie mummie". Almeno la convinzione suona piu reale :) cosi invece sembra semplice pigrizia...

Senza offesa, tanto per parlare :)
+1
  • PandaR1
  • Membro: Expert
  • Risp: 1175
  • Loc: Genova
  • Thanks: 203  

22-11-18 11.42

@ 80Omarb
Ciao mi fa piacere che ti ricordi del mio brano. Infatti quello è il frutto un certo modo di sperimentare fatto con dei fraseggi pronti, loop di accordi già stabiliti e un tentativo mio creativo partendo da una manciata di battute di dare anche una struttura più complessa....intro riff verse etc etc. Ora la mia sperimentazione si rivolge anche ad un 'altra approccio ossia partire da una semplice successione accordi da me creata per arrivare a miei personali fraseggi melodici e da li proseguire per tutto il resto, cercando anche la scoperta di altri stili. Scusate il tono mio polemico...tutti qui a dire di studiare... nessuno che si sia accorto che sperimentare e provare è già di per se uno studio un metodo... induttivo? Vai a studiare ma se non studi è meglio sennò poi dai fastidio? Scoprire i grandi compositori, ascoltare musica, guardare spartiti...e secondo voi da cosa sono partito? Dalle prove... si vanno a cercare le regole e si scopre tutto il resto. Ho trovato alcune risposte qui interessanti, altre pretestuose e un po arroganti "vai a studiare"... solo tanti bla bla bla vecchio stampo e comunque una richiesta mia chiara di studio non esaudita: la richiesta di schemi per le note nelle varie scale e tonalità. Disponibilità costruttiva assai scarsa.
Se mastichi l'inglese ti consiglio il canale di adam neely su youtube, e' un mostro di teoria, progressioni, accordi, scale etc... magari ti puo' indirizzare...

Adam Neely

oltretutto spesso fa dei video in cui risponde alla domande dei suoi follower...
  • anonimo

22-11-18 12.15

benjomy ha scritto:
proprio gli "sperimentatori" sono quelli che sono usciti dagli schemi, dalle regole,,, ma puoi uscire dalle regole solo quando le conosci..

Sono perfettamente d'accordo: le regole puoi trasgredirle solo quando le conosci e sai benissimo quello che stai facendo. Il famoso detto: "L'eccezione che conferma la regola" è vero: a volte fai delle cose che sai benissimo che non si farebbero così, ma sai anche che, in quel caso particolare, l'eccezione alla regola è l'unica soluzione accettabile, è una sorta di "Licenza Poetica". I Poeti che si prendevano dette "Licenze", conoscevano benissimo la Lingua Italiana e la sua Grammatica, e sapevano, erano pienamente consapevoli che, dal punto di vista sintattico, grammaticale o ortografico certe parole, verbi o frasi non erano del tutto corretti, ma li usavano lo stesso per fare la rima, per rispettare la metrica, per rendere meglio un concetto o per ottenere un effetto artistico.
  • motif74
  • Membro: Senior
  • Risp: 471
  • Loc: Venezia
  • Thanks: 45  

10-12-18 21.04

@ artemiasalina
Sono stato combattuto dal rispondere malissimo...ma non per te credimi, per il fatto che mi sembra, ma potrei sbagliare, che tu di musica non ne sappia nulla ma ti vuoi mettere a scrivere un brano.
L'unico consiglio che mi sento di darti, in tutta sincerità, è di studiare. Partire dalle basi, studiare le tonalità, studiare i modi, insomma studiare la musica e poi capirai da solo quanto sia generica e quanto sia irritante questa richiesta per chi ha passato una intera vita a studiare uno strumento.

Scusate vorrei fare un quadro...qualcuno mi dice quali e quanti colori devo usare per dipingere?
PS
Perdona il mio post, prendilo solo come uno sprono.
emo...studiare, quello è l'unico modo...concordo.