Numb (Arcobaleno insensibile)

  • WTF_Bach
  • Membro: Expert
  • Risp: 1409
  • Loc:
  • Thanks: 419  

24-10-21 21.11

@ 1paolo

Adesso dovrebbe andare ..
Adesso va. Di seguito i miei commenti.

1) il brano: onesto, accattivante, simpatico. Forse aggiungere un bridge, uno special, insomma renderlo più variato lo migliorerebbe ulteriormente.

2) l’arrangiamenti: mi piace, suono gradevole e non banale. Anche qui, potrebbe essere interessante cercare un “crescendo” di tessitura più marcato. Ad un certo punto (verso metà) ci sono delle scelte di arrangiamento che avrei affrontato differentemente - quei bassi ripetuti appesantiscono un po’ il sound.

3) missaggio: lo trovo ancora un po’ confuso, ma non essendo un tecnico non saprei cosa suggerire.

4) esecuzione: buona la prestazione degli strumentisti, purtroppo il cantante ha dei piccoli problemi di stabilita di emissione e di intonazione.

Valutazione generale: buon lavoro, se limato un filino, missato meglio e migliorato nella parte cantata può divenire un ottimo pezzo.
  • 1paolo
  • Membro: Expert
  • Risp: 3776
  • Loc: Cuneo
  • Thanks: 378  

24-10-21 21.42

@ WTF_Bach
Adesso va. Di seguito i miei commenti.

1) il brano: onesto, accattivante, simpatico. Forse aggiungere un bridge, uno special, insomma renderlo più variato lo migliorerebbe ulteriormente.

2) l’arrangiamenti: mi piace, suono gradevole e non banale. Anche qui, potrebbe essere interessante cercare un “crescendo” di tessitura più marcato. Ad un certo punto (verso metà) ci sono delle scelte di arrangiamento che avrei affrontato differentemente - quei bassi ripetuti appesantiscono un po’ il sound.

3) missaggio: lo trovo ancora un po’ confuso, ma non essendo un tecnico non saprei cosa suggerire.

4) esecuzione: buona la prestazione degli strumentisti, purtroppo il cantante ha dei piccoli problemi di stabilita di emissione e di intonazione.

Valutazione generale: buon lavoro, se limato un filino, missato meglio e migliorato nella parte cantata può divenire un ottimo pezzo.
Grazie Alessandro; la tua analisi e’ molto utile in quanto dettagliata e precisa. Siamo un duo e per ora le voci le ha fatte il chitarrista, consapevoli che potevano essere provvisorie. Il mix in effetti non e’ quello definitivo.. mi piace l’idea di aver postato la “genesi” del pezzo.. dall’inizio alla (quasi) fine
emoemo
  • BB79
  • Membro: Expert
  • Risp: 3883
  • Loc: Roma
  • Thanks: 355  

24-10-21 23.12

Riesco solo ora ad ascoltarla con gli auricolari per bene
Domani scrivo le mie impressioni, qualche idea e suggerimento, che dal telefono mi impiccioemo
  • vin_roma
  • Membro: Supporter
  • Risp: 8966
  • Loc: Roma
  • Thanks: 1004  

25-10-21 02.59

@Paolo
me lo avevi chiesto un giudizio su questo brano.

Non è che non comprenda la situazione in cui nasce la tua musica. E' comunque un lavoro dignitoso e per lo scopo amatoriale a cui ti riferisci può andar bene anche così.

Se invece vuoi un giudizio per migliorare ...che devo dirti, personalmente e con la mia buona o modesta esperienza che sia, di errorini tecnici ed estetici ne ho sentiti diversi. Ti interessa sapere quello che penso?
Sappi che non riesco a non dire quello che devo! emo
emo
  • 1paolo
  • Membro: Expert
  • Risp: 3776
  • Loc: Cuneo
  • Thanks: 378  

25-10-21 08.30

@ vin_roma
@Paolo
me lo avevi chiesto un giudizio su questo brano.

Non è che non comprenda la situazione in cui nasce la tua musica. E' comunque un lavoro dignitoso e per lo scopo amatoriale a cui ti riferisci può andar bene anche così.

Se invece vuoi un giudizio per migliorare ...che devo dirti, personalmente e con la mia buona o modesta esperienza che sia, di errorini tecnici ed estetici ne ho sentiti diversi. Ti interessa sapere quello che penso?
Sappi che non riesco a non dire quello che devo! emo
emo
Si, come detto siamo un duo con grande passione per la musica, ma siamo musicisti hobbisti; in periodo di lockdown abbiamo messo su il progetto Valcox per provare a fare musica da casa utilizzando Bandlab.
Abbiamo realizzato un singolo, con un cantante di ruolo, che è stato pubblicato sui social "Tommorw sun" di cui, se hai voglia di darcelo, ti chiedo un parere insieme a quello su "Arcobaleno insensibile".
Aspetto le tue considerazioni che, provenendo da un pro, sono assolutamente utili per poterci migliorare. emo
  • 1paolo
  • Membro: Expert
  • Risp: 3776
  • Loc: Cuneo
  • Thanks: 378  

25-10-21 10.24

@ markelly2
Idem...
Ciao adesso dovrebbe andare..
  • vin_roma
  • Membro: Supporter
  • Risp: 8966
  • Loc: Roma
  • Thanks: 1004  

25-10-21 13.56

@Paolo emo
Sono due pezzi completamente diversi.

Tomorrow, a parte qualche aggiustamento nel mix, ha tutte le caratteristiche di un lavoro serio. Sta in piedi, è accattivante, evolve e invita a seguirlo nei suoi percorsi sempre coerenti e soddisfacenti. emo

Arcobaleno invece non mi soddisfa.
È proprio il pezzo che non sento, non c'è.
Ha più le caratteristiche di un coda 'ad libitum' che di un brano vero e proprio.
La melodia è ad isole ed ha più la forma di un riff 'tanto pe far ricordare quello già detto (a monte nel brano, che in pratica non c'è)' che un elemento discorsivo che evolve e incuriosisce.
Manca intro, inciso, colori differenziati, anzi, in un post precedente (musica elettronica?) dove mostri vari elementi sonori per questo brano, c'è il primo link, quello col pad e chitarra in mute, che ha degli elementi moooolto interessanti che potresti sfruttare in un intro accattivante, poi fai partire il botto ritmico, a sorprendere, a muovere la curiosità e nel mentre serve un altro elemento musicale che risolva tutto il crescendo... e poi, nel finale, avrebbe ragione di esistere il pezzo che hai postato, così com'è, così come mi appare: un finale di brano per ricordare l'elemento principale a mo' di riff.

Così com'è Arcobaleno lo trovo povero ed incompiuto.
  • 1paolo
  • Membro: Expert
  • Risp: 3776
  • Loc: Cuneo
  • Thanks: 378  

25-10-21 14.44

@ vin_roma
@Paolo emo
Sono due pezzi completamente diversi.

Tomorrow, a parte qualche aggiustamento nel mix, ha tutte le caratteristiche di un lavoro serio. Sta in piedi, è accattivante, evolve e invita a seguirlo nei suoi percorsi sempre coerenti e soddisfacenti. emo

Arcobaleno invece non mi soddisfa.
È proprio il pezzo che non sento, non c'è.
Ha più le caratteristiche di un coda 'ad libitum' che di un brano vero e proprio.
La melodia è ad isole ed ha più la forma di un riff 'tanto pe far ricordare quello già detto (a monte nel brano, che in pratica non c'è)' che un elemento discorsivo che evolve e incuriosisce.
Manca intro, inciso, colori differenziati, anzi, in un post precedente (musica elettronica?) dove mostri vari elementi sonori per questo brano, c'è il primo link, quello col pad e chitarra in mute, che ha degli elementi moooolto interessanti che potresti sfruttare in un intro accattivante, poi fai partire il botto ritmico, a sorprendere, a muovere la curiosità e nel mentre serve un altro elemento musicale che risolva tutto il crescendo... e poi, nel finale, avrebbe ragione di esistere il pezzo che hai postato, così com'è, così come mi appare: un finale di brano per ricordare l'elemento principale a mo' di riff.

Così com'è Arcobaleno lo trovo povero ed incompiuto.
Tutto chiaro! Lo sviluppo del brano, che è raccontato in questo post, parte proprio dal pezzo col pad senza chitarra e si sviluppa aggiungendo la parte ritmica e la chitarra (siamo un duo, dove il chitarrista ha poi fatto anche la voce). Mi par di capire che necessiterebbe di un pezzo centrale, magari con tanto di bridge per poi chiudere con la struttura attuale emo
  • vin_roma
  • Membro: Supporter
  • Risp: 8966
  • Loc: Roma
  • Thanks: 1004  

25-10-21 14.50

@ 1paolo
Tutto chiaro! Lo sviluppo del brano, che è raccontato in questo post, parte proprio dal pezzo col pad senza chitarra e si sviluppa aggiungendo la parte ritmica e la chitarra (siamo un duo, dove il chitarrista ha poi fatto anche la voce). Mi par di capire che necessiterebbe di un pezzo centrale, magari con tanto di bridge per poi chiudere con la struttura attuale emo
Si, ma poi avete sovrapposto, sovrapposto, senza un criterio emotivo, una regia del climax.

Si sente benissimo che è un pezzo nato sullo spunto prioristico di un giro armonico, statico, a isola e non su di un'idea melodica discorsiva che genera accordi.

È tutto qui il motivo del "non pezzo" che rilevo.
  • markelly2
  • Membro: Expert
  • Risp: 3842
  • Loc:
  • Thanks: 369  

25-10-21 20.12

@ 1paolo
Ciao adesso dovrebbe andare..
L'arrangiamento non è perfetto (secondo me), ma la melodia vocale mi piace molto.
Io personalmente terrei solo l'accompagnamento di chitarra e rallenterei i bpm, fino a trasformarlo in un pezzo slowcore emoemo
  • 1paolo
  • Membro: Expert
  • Risp: 3776
  • Loc: Cuneo
  • Thanks: 378  

25-10-21 20.44

@ markelly2
L'arrangiamento non è perfetto (secondo me), ma la melodia vocale mi piace molto.
Io personalmente terrei solo l'accompagnamento di chitarra e rallenterei i bpm, fino a trasformarlo in un pezzo slowcore emoemo
Quindi più simile al frammento da cui e’ partito e che ho postato nel primo msg emo?
Li però la chitarra non c’era ..
  • BB79
  • Membro: Expert
  • Risp: 3883
  • Loc: Roma
  • Thanks: 355  

25-10-21 22.03

@ BB79
Riesco solo ora ad ascoltarla con gli auricolari per bene
Domani scrivo le mie impressioni, qualche idea e suggerimento, che dal telefono mi impiccioemo
eccomi qua, le mie personalissime considerazioni, che arrivano dopo pareri di ben altra attendibilità emo
Il sapore generale mi garba parecchio, mi manda la mente a quel pop anni 80 indimenticato (Tears for Fears)
[il brano]
per quanto riguarda la struttura del pezzo, le tre armonie si ripetono ciclicamente...l'effetto iniziale c'è , nel senso che si crea un riff assai piacevole (sul sound ci arrivo dopo), ma dopo qualche battuta ci si pianta lì e si è costretti ad inserire spunti melodici qui e la...ma la sostanza non cambia e, alla lunga, spegne la tensione...sembra insomma la strofa lasciata lì sola soletta, manca un bridge o il ritornello vero e proprio, che funga da approdo, magari in un altro modo (armonico) che apra, in qualche maniera disveli un arrivo, un approdo.

Non mi convincono quei riff di piano, che magari andrebbero bene su un finale, ma nella strofa fanno un poco a cazzotti e distraggono dal canto, che porta la melodia, e deve rimanere importante.
nella seconda parte parte l'assolo ma sempre assieme al canto, insomma si rubano la scena a vicenda, con l'effetto di mortificarsi vicendevolmente.

[Sound]
premetto che ho fatto l'ascolto in cuffia (AKG K141) e mi torna un sound cupo ed intubato, tutto estremi gamma e poche medie...ma, soprattutto chitarra e voce sono fatte di quelli...i
il piano è argentino, non ha corpo (ma è gusto mio) , la chitarra può andare ma secondo me ha un decay troppo lungo. bello il suono del solo (da lasciare così com'è)

la batteria va senz'altro raccordata al basso, perché la cassa sparisce sovrastata dal basso, che ha un bel sound ma...suona solo luiemo
mi piace il rullante, ma è annegato
la butto lì : meno riverbero e un pizzico di compressione
anche l'ambiente è, secondo me, troppo remoto, io asciugherei assai, ne guadagnerebbe il corpo ed il carattere rockeggiante del pezzo
i pad mi paiono ok

se Vi va, mi piacerebbe provare a remissarla ... potresti postare le track singole, così da vedere cosa può uscirne fuori secondo un'altra testa

questo è quanto umilmente sento


  • 1paolo
  • Membro: Expert
  • Risp: 3776
  • Loc: Cuneo
  • Thanks: 378  

25-10-21 22.16

@ BB79
eccomi qua, le mie personalissime considerazioni, che arrivano dopo pareri di ben altra attendibilità emo
Il sapore generale mi garba parecchio, mi manda la mente a quel pop anni 80 indimenticato (Tears for Fears)
[il brano]
per quanto riguarda la struttura del pezzo, le tre armonie si ripetono ciclicamente...l'effetto iniziale c'è , nel senso che si crea un riff assai piacevole (sul sound ci arrivo dopo), ma dopo qualche battuta ci si pianta lì e si è costretti ad inserire spunti melodici qui e la...ma la sostanza non cambia e, alla lunga, spegne la tensione...sembra insomma la strofa lasciata lì sola soletta, manca un bridge o il ritornello vero e proprio, che funga da approdo, magari in un altro modo (armonico) che apra, in qualche maniera disveli un arrivo, un approdo.

Non mi convincono quei riff di piano, che magari andrebbero bene su un finale, ma nella strofa fanno un poco a cazzotti e distraggono dal canto, che porta la melodia, e deve rimanere importante.
nella seconda parte parte l'assolo ma sempre assieme al canto, insomma si rubano la scena a vicenda, con l'effetto di mortificarsi vicendevolmente.

[Sound]
premetto che ho fatto l'ascolto in cuffia (AKG K141) e mi torna un sound cupo ed intubato, tutto estremi gamma e poche medie...ma, soprattutto chitarra e voce sono fatte di quelli...i
il piano è argentino, non ha corpo (ma è gusto mio) , la chitarra può andare ma secondo me ha un decay troppo lungo. bello il suono del solo (da lasciare così com'è)

la batteria va senz'altro raccordata al basso, perché la cassa sparisce sovrastata dal basso, che ha un bel sound ma...suona solo luiemo
mi piace il rullante, ma è annegato
la butto lì : meno riverbero e un pizzico di compressione
anche l'ambiente è, secondo me, troppo remoto, io asciugherei assai, ne guadagnerebbe il corpo ed il carattere rockeggiante del pezzo
i pad mi paiono ok

se Vi va, mi piacerebbe provare a remissarla ... potresti postare le track singole, così da vedere cosa può uscirne fuori secondo un'altra testa

questo è quanto umilmente sento


Innanzi tutto ti ringrazio per il tempo che hai dedicato all’ascolto ed all’analisi dei diversi aspetti.
Molte considerazioni di ciò che hai scritto sono condivisibili, ne terremo senz’altro conto ..emo
  • markelly2
  • Membro: Expert
  • Risp: 3842
  • Loc:
  • Thanks: 369  

25-10-21 22.34

@1paolo.

Puoi decidere di fare evolvere il tuo brano e portarlo verso il pop, con strofa, bridge, ritornello e tutto il resto.

Oppure puoi valutare di seguire altri generi in cui la presenza di un ritornello non è determinante.

Ad esempio io modificherei il sound, e proverei a rallentare, per dare un'impronta slow, ma potresti lasciarlo così, e enfatizzare la ripetizione in stile zen.

Insomma hai più possibilità.
  • 1paolo
  • Membro: Expert
  • Risp: 3776
  • Loc: Cuneo
  • Thanks: 378  

26-10-21 08.45

@ markelly2
@1paolo.

Puoi decidere di fare evolvere il tuo brano e portarlo verso il pop, con strofa, bridge, ritornello e tutto il resto.

Oppure puoi valutare di seguire altri generi in cui la presenza di un ritornello non è determinante.

Ad esempio io modificherei il sound, e proverei a rallentare, per dare un'impronta slow, ma potresti lasciarlo così, e enfatizzare la ripetizione in stile zen.

Insomma hai più possibilità.
Si, e’ vero; la base di partenza e’ “ambient-elettronica" (d’altra parte e’ fatta solo con tastiere), l’evoluzione e’ stata verso la song cantata ma mantenendo l’impostazione iniziale..
  • wildcat80
  • Membro: Guru
  • Risp: 4805
  • Loc: Genova
  • Thanks: 947  

26-10-21 09.35

Ho ascoltato con interesse.
Premessa 1: Gabriele ha una voce che, seppur migliorabile, alle mie orecchie suona estremamente prog italiano anni 70. Ci sento diverse sfumature dei vocalist del periodo, mi piace moltissimo.
Premessa 2: ascoltare un pezzo anche relativamente complesso come stratificazione senza uno straccio di mix rende tutto molto più difficile e lo espone a maggiori critiche, perché un ascolto più complicato comporta di riflesso maggior impegno e quindi maggior attenzione.

Quel che salta subito all'occhio è l'assenza di struttura, che non significa necessariamente continui cambi di riff. Può essere una scelta, al giorno d'oggi c'è tantissima musica che gira su riff armonici ripetuti di 4/8 battute, non è a mio avviso obblogatorio fare il giro delle quinte completo ogni volta che si scrive un pezzo, ma ci vuole qualcosa che dia un senso di movimento ed evoluzione, soprattutto quando il giro armonico è uno dei più utilizzati in ambito pop rock.
Può essere un'alternanza ritmica, accentuata da ingresso e uscita di nuovi strumenti.
Ad esempio: strofa con un certo ritmo e riff chitarristico e con la batteria che viaggia sugli ottavi degli hihats, pre chorus in cui la parte ritmica viene messa in secondo piano dando spazio alle tastiere e alla voce, ripresa del ritornello con un "tempo doppio" sulla ritmica...
Sono solo idee, poi se decidi di introdurre variazioni armoniche ancora meglio, perché rompere lo schema ripetitivo aiuta a dare una forma, creando attimi di movimento, sospensione e rottura.
Ci sono molti esempi, peraltro tu ascolti buona musica, qualitativa, non dovrebbero mancarti le fonti di ispirazione.
Tenuto conto che il riff di base è un riff piuttosto utilizzato, non penso che dovresti ricorrere a chissà quali soluzioni armoniche astruse: se il tuo giro è VI, I, IV, V (vado a memoria, mi pareva che più o meno fosse questo, forse con una chitarra che accentua la 9a sull'accordo di I), bastano delle semplici sostituzioni di posizione per trasformare un giro che ha un suo movimento netto (cioè il portarsi verso il VI grado con una cadenza d'inganno) in un giro sospeso, e a farlo ripartire verso il movimento originale.
Aspetti di sound design: mi pare di aver capito che le tue sonorità preferite sono pianoforti e tappeti, ecco sui tappeti puoi fare molto di più, anche in fase di mix, donandogli movimento, tridimensionalità e presenza sul fronte stereo, con il giusto equilibrio fra la fase di programmazione del suono e la rifinitura con gli effetti.
  • 1paolo
  • Membro: Expert
  • Risp: 3776
  • Loc: Cuneo
  • Thanks: 378  

26-10-21 14.38

@ wildcat80
Ho ascoltato con interesse.
Premessa 1: Gabriele ha una voce che, seppur migliorabile, alle mie orecchie suona estremamente prog italiano anni 70. Ci sento diverse sfumature dei vocalist del periodo, mi piace moltissimo.
Premessa 2: ascoltare un pezzo anche relativamente complesso come stratificazione senza uno straccio di mix rende tutto molto più difficile e lo espone a maggiori critiche, perché un ascolto più complicato comporta di riflesso maggior impegno e quindi maggior attenzione.

Quel che salta subito all'occhio è l'assenza di struttura, che non significa necessariamente continui cambi di riff. Può essere una scelta, al giorno d'oggi c'è tantissima musica che gira su riff armonici ripetuti di 4/8 battute, non è a mio avviso obblogatorio fare il giro delle quinte completo ogni volta che si scrive un pezzo, ma ci vuole qualcosa che dia un senso di movimento ed evoluzione, soprattutto quando il giro armonico è uno dei più utilizzati in ambito pop rock.
Può essere un'alternanza ritmica, accentuata da ingresso e uscita di nuovi strumenti.
Ad esempio: strofa con un certo ritmo e riff chitarristico e con la batteria che viaggia sugli ottavi degli hihats, pre chorus in cui la parte ritmica viene messa in secondo piano dando spazio alle tastiere e alla voce, ripresa del ritornello con un "tempo doppio" sulla ritmica...
Sono solo idee, poi se decidi di introdurre variazioni armoniche ancora meglio, perché rompere lo schema ripetitivo aiuta a dare una forma, creando attimi di movimento, sospensione e rottura.
Ci sono molti esempi, peraltro tu ascolti buona musica, qualitativa, non dovrebbero mancarti le fonti di ispirazione.
Tenuto conto che il riff di base è un riff piuttosto utilizzato, non penso che dovresti ricorrere a chissà quali soluzioni armoniche astruse: se il tuo giro è VI, I, IV, V (vado a memoria, mi pareva che più o meno fosse questo, forse con una chitarra che accentua la 9a sull'accordo di I), bastano delle semplici sostituzioni di posizione per trasformare un giro che ha un suo movimento netto (cioè il portarsi verso il VI grado con una cadenza d'inganno) in un giro sospeso, e a farlo ripartire verso il movimento originale.
Aspetti di sound design: mi pare di aver capito che le tue sonorità preferite sono pianoforti e tappeti, ecco sui tappeti puoi fare molto di più, anche in fase di mix, donandogli movimento, tridimensionalità e presenza sul fronte stereo, con il giusto equilibrio fra la fase di programmazione del suono e la rifinitura con gli effetti.
Grazie anche a te per il commento; ci sono cose che possono essere utili. Non è ancora la versione definitiva e quindi c'è spazio per eventuali modifiche, soprattutto a livello di mix finale...emo
  • 1paolo
  • Membro: Expert
  • Risp: 3776
  • Loc: Cuneo
  • Thanks: 378  

27-10-21 08.20

WTF_Bach ha scritto:
Valutazione generale: buon lavoro, se limato un filino, missato meglio e migliorato nella parte cantata può divenire un ottimo pezzo


Il giudizio complessivo è quello che più interessa; siamo certi che spazi di miglioramento ce ne siano, ma sapere che complessivamente è valutato un "buon lavoro" è motivo di soddisfazione emo
  • wildcat80
  • Membro: Guru
  • Risp: 4805
  • Loc: Genova
  • Thanks: 947  

27-10-21 12.58

@ 1paolo
WTF_Bach ha scritto:
Valutazione generale: buon lavoro, se limato un filino, missato meglio e migliorato nella parte cantata può divenire un ottimo pezzo


Il giudizio complessivo è quello che più interessa; siamo certi che spazi di miglioramento ce ne siano, ma sapere che complessivamente è valutato un "buon lavoro" è motivo di soddisfazione emo
Io la penso esattamente al contrario.
Di un prodotto in fase di costruzione mi interessano molto più le critiche e gli appunti, piuttosto che i riscontri positivi.
Ovvio, il riscontro positivo è il primo step per capire se vale la pena andare avanti, però poi quello che mi auguro è che mi vengano fatti appunti e critiche ben circostanziate, in modo da poter ragionare e migliorare la costruzione.
Su un prodotto finito ovviamente il giudizio lusinghiero complessivo fa piacere, ma anche lì, appunti e critiche sono benvenuti, per partire meglio al prossimo lavoro.
È solo una mia opinione, credo condivisibile comunque.
  • 1paolo
  • Membro: Expert
  • Risp: 3776
  • Loc: Cuneo
  • Thanks: 378  

27-10-21 15.15

Dipende dall’autorevolezza di chi da il giudizio: se viene da professionisti ha un peso totalmente diverso rispetto a quello di hobbisti come noi Valcox.
E poi, in generale, dipende dall’onestà intellettuale di chi lo esprime; se non c’è questo presupposto, e lo si percepisce, anche ciò che viene detto non ha gran valore..

Anche questa e’ una mia opinioneemo