Un esperto di roland juno stage? Help!!

  • renixx
  • Membro: Senior
  • Risp: 314
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 0  

10-07-19 23.03

Ciao a tutti
Avrei bisogno di una persona che conosca meglio di me (e non ci vuole tanto) la parte multi timbrica dello juno stage.. Grazieeeeee
  • paolo_b3
  • Membro: Expert
  • Risp: 4709
  • Loc: Ravenna
  • Status:
  • Thanks: 202  

11-07-19 00.48

@ renixx
Ciao a tutti
Avrei bisogno di una persona che conosca meglio di me (e non ci vuole tanto) la parte multi timbrica dello juno stage.. Grazieeeeee
Non sono proprio un esperto e il Juno stage l'ho venduto due anni fa, ma prova a chiedere.
  • renixx
  • Membro: Senior
  • Risp: 314
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 0  

11-07-19 12.15

@ paolo_b3
Non sono proprio un esperto e il Juno stage l'ho venduto due anni fa, ma prova a chiedere.
Lo vorrei usare in multichannel con camelot per creare più split e layer. Ma non riesco a configurarla per far sì che n ogni canale sia indipendente... La metto in Performance ma riesco a pilotare solo 2 suoni
  • paolo_b3
  • Membro: Expert
  • Risp: 4709
  • Loc: Ravenna
  • Status:
  • Thanks: 202  

11-07-19 18.12

@ renixx
Lo vorrei usare in multichannel con camelot per creare più split e layer. Ma non riesco a configurarla per far sì che n ogni canale sia indipendente... La metto in Performance ma riesco a pilotare solo 2 suoni
Non ho capito bene cosa vorresti fare: utilizzare 16 suoni dei 16 canali midi contemporaneamente dalla tastiera del Juno?

Camelot non lo conosco, su Juno tu puoi usare i due suoni della performance direttamente dalla sua tastiera e / o i 16 interni con sequencer o master keyboard.

Forse non riesco ad aiutarti...
  • wildcat80
  • Membro: Guest
  • Risp: 110
  • Loc: Genova
  • Status:
  • Thanks: 5  

11-07-19 21.39

Non sono un grande esperto di Juno Stage, però da alcuni anni Roland sulla multitimbricità dei synth di gamma media ha una politica particolare.
In pratica è come se ogni macchina fosse costituita da 2 subunità.
Una che corrisponde al motore di sintesi principale, e una che corrisponde a un generatore General Midi politimbrico a 16 parti.
Inoltre la politimbricità del motore di sintesi principale non è detto che corrisponda a quanto programmabile da pannello.
Per fare un esempio pratico, avevo la Vr09 che poteva gestire da pannello 2 zone, in split o in layer.
Da editore le zone diventavano 4, potendo gestire 2 layer per la zona lower 2 layer per la zona upper.
Oltre al generatore GM non raggiungibile dalla tastiera se non attraverso un sistema di midi echo, in pratica per suonare dalla tastiera e preset GM era necessario un piccolo software su PC ad esempio che riflettesse i dati provenienti dalla tastiera verso il secondo motore sonoro della tastiera.
Di più non saprei dirti, occorre armarsi di pazienza e studiare il manuale.
  • renixx
  • Membro: Senior
  • Risp: 314
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 0  

12-07-19 09.28

@ wildcat80
Non sono un grande esperto di Juno Stage, però da alcuni anni Roland sulla multitimbricità dei synth di gamma media ha una politica particolare.
In pratica è come se ogni macchina fosse costituita da 2 subunità.
Una che corrisponde al motore di sintesi principale, e una che corrisponde a un generatore General Midi politimbrico a 16 parti.
Inoltre la politimbricità del motore di sintesi principale non è detto che corrisponda a quanto programmabile da pannello.
Per fare un esempio pratico, avevo la Vr09 che poteva gestire da pannello 2 zone, in split o in layer.
Da editore le zone diventavano 4, potendo gestire 2 layer per la zona lower 2 layer per la zona upper.
Oltre al generatore GM non raggiungibile dalla tastiera se non attraverso un sistema di midi echo, in pratica per suonare dalla tastiera e preset GM era necessario un piccolo software su PC ad esempio che riflettesse i dati provenienti dalla tastiera verso il secondo motore sonoro della tastiera.
Di più non saprei dirti, occorre armarsi di pazienza e studiare il manuale.
Bene... Anzi male... Sul manuale non c'è traccia dell'uso multitimbtico se non col sequencer. Temo che a questo punto non sia possibile. Peccato. Grazie ragazzi
  • cecchino
  • Membro: Expert
  • Risp: 2516
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 192  

12-07-19 11.50

@ renixx
Bene... Anzi male... Sul manuale non c'è traccia dell'uso multitimbtico se non col sequencer. Temo che a questo punto non sia possibile. Peccato. Grazie ragazzi
No, aspetta, il Juno Stage è usabilissimo come macchina multitimbrica, basta creare una performance con tutte le parti necessarie, ricordando due cose:
- se devi fare split, ogni parte da splittare deve rispondere ad un canale MIDI differente
- il routing degli effetti va pensato ed ottimizzato perché ci sono limiti piuttosto ristretti

Poi non ho capito del tutto cosa vuoi fare (il Juno Stage l'ho avuto per un po' di tempo anche se da un paio d'anni non è più con me, ma Camelot non lo conosco proprio). Io l'ho usato per mesi accoppiato ad una master Studiologic Acuna, che ha 4 zone, e funzionava tranquillamente.
  • renixx
  • Membro: Senior
  • Risp: 314
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 0  

12-07-19 12.54

@ cecchino
No, aspetta, il Juno Stage è usabilissimo come macchina multitimbrica, basta creare una performance con tutte le parti necessarie, ricordando due cose:
- se devi fare split, ogni parte da splittare deve rispondere ad un canale MIDI differente
- il routing degli effetti va pensato ed ottimizzato perché ci sono limiti piuttosto ristretti

Poi non ho capito del tutto cosa vuoi fare (il Juno Stage l'ho avuto per un po' di tempo anche se da un paio d'anni non è più con me, ma Camelot non lo conosco proprio). Io l'ho usato per mesi accoppiato ad una master Studiologic Acuna, che ha 4 zone, e funzionava tranquillamente.
Beh mi Conforti!! Allora Considera che io utilizzo un Midi router in questo caso Camelot ma può essere anche iMidipatchbay con cui vorrei comandare i 16 suoni multitimbrici della tastiera. Per esempio Vorrei realizzare un set in cui ho la tastiera splittata in quattro parti diverse con 4 suoni diversi e questo Camelot lo consente. Quello che mi serve capire e Come realizzare la performance con le 16 parti
  • cecchino
  • Membro: Expert
  • Risp: 2516
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 192  

12-07-19 13.02

@ renixx
Beh mi Conforti!! Allora Considera che io utilizzo un Midi router in questo caso Camelot ma può essere anche iMidipatchbay con cui vorrei comandare i 16 suoni multitimbrici della tastiera. Per esempio Vorrei realizzare un set in cui ho la tastiera splittata in quattro parti diverse con 4 suoni diversi e questo Camelot lo consente. Quello che mi serve capire e Come realizzare la performance con le 16 parti
Ti consiglio vivamente di utilizzare (sperando che sia compatibile con i sistemi operativi più recenti o che tu disponga di un PC o Mac un po' datato) l'editor. Apparirà tutto estremamente più chiaro rispetto alla programmazione da pannello (che pure è più intuitiva rispetto a, per esempio, quella del Juno Di).
  • renixx
  • Membro: Senior
  • Risp: 314
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 0  

16-07-19 10.06

cecchino ha scritto:
Ti consiglio vivamente di utilizzare (sperando che sia compatibile con i sistemi operativi più recenti o che tu disponga di un PC o Mac un po' datato) l'editor.

Grazie... attraverso l'editor posso preparare le 16 tracce per la ricezione dei messaggi di Program change?
  • cecchino
  • Membro: Expert
  • Risp: 2516
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 192  

16-07-19 17.18

@ renixx
cecchino ha scritto:
Ti consiglio vivamente di utilizzare (sperando che sia compatibile con i sistemi operativi più recenti o che tu disponga di un PC o Mac un po' datato) l'editor.

Grazie... attraverso l'editor posso preparare le 16 tracce per la ricezione dei messaggi di Program change?
Che io ricordi ogni parte della performance dovrebbe ricevere il program change sul canale MIDI impostato. Puoi anche disabiitarne la ricezione per le parti che non vuoi che cambino suono.
Il program change è una cosa che imposti sul controller (nel tuo caso Camelot) e non sullo slave (il Juno). Il secondo si limita a reagire al comando impostando il suono che corrisponde al comando ricevuto. Più che altro dovrai capire (io non me lo ricordo) quale schema di comandi segue il Juno per identificare il suono da impostare. Il manuale sarà sicuramente utile allo scopo.