Routing Audio: Mixer digitale o Computer?

  • drmacchius
  • Membro: Guru
  • Risp: 6897
  • Loc: Novara
  • Status:
  • Thanks: 129  

25-09-19 19.06

Scusate la domanda da ignorante totale, ma ho un dubbio che mi assilla e al momento non ho un negozio di fiducia a cui chiedere consulenza.

Metti caso che io debba fare del routing audio -per esempio io abbia un pre valvolare, dei Synth analogici, diversi multieffetti- e a seconda dei casi voglia ruotare io Mixing (o una sezione di questo) su destinazioni diverse richiamando dei preset, potrei fare una cosa del genere con un mixer digitale oppure potrei attuare un progetto simile o con Computer più scheda audio con abbondanti ingressi/uscite o ricablando il ogni volta?

Mi spiego.

Metti caso che io abbia un Leslie vero, un pre valvolare , un impianto voci, degli strumenti analogici privi di effetti, un vsymth, un Supernova, un clone hammond e una worksttaion synth e io a seconda dei brani voglia mandare il clone nel Leslie, ma a volte anche il il farfisa o il vox della workstation, altre volte voglia mandare i cloni in un amp Simulator del vsynth per poi processarli nel pre, oppure voglia effettuare gli analogici col multieffetto del Supernova, ma altre volte sul vsynth o sulla workstation, oppure mandare uno strumento a volte in un ampli specifico e a volte nel Main, potrei fare una cosa del genere con un mixer digitale totalmente cablato a cui cambio il routing di segnale via preset (magari pilotabile via midi), oppure una cosa del genere è possibile solo con Computer e schede audio con molti ingressi/uscite?

Spero di essere riuscito a spiegarmi
  • orange1978
  • Membro: Supporter
  • Risp: 9735
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 619  

26-09-19 01.56

...dubito che avrai mai tutta quella roba.

ma comunque, la differenza è che un mixer digitale opera a latenza zero perche contiene dei dsp che lavorano in real time, e spesso è piu comodo da gestire per via dell'interfaccia utente a metà tra analogico e digitale.

una scheda audio in certi casi è ANCHE un mixer digitale, ma non tutte, per esempio le vecchie digidesign 001/002/003 erano prive di DSP, risultato? la somma e il routing lo faceva pro tools LE, nativo, e la latenza variava in base al buffer, se era basso però e il computer non potente erano cazzi.

altre schede come pro tools hdx possiedono dei dsp nella farm che computano in realtime il segnale, in questo caso la differenza tra pro tools e una console digitale tipo Sony OXF R3 (1,5 milioni di dollari) oppure uno Yamaha 02R (16 milioni di lire nel 1996), o uno yamaha 01v96 (tutt ora in produzione) era sostanzialmente nulla, a parte l'hardware con i faders, pro tools hd/hdx è un sistema di routing/mixing digitale a latenza zero, che però a differenza di un mixer è "aperto" a terze parti (plug ins)

sistemi simili ce ne sono e ce ne erano parecchi, vedi per esempio tutto il sistema Creamware Scope/Pulsar, il SADiE 24/96 e Artemis, i sistemi Soundscape HHD, il Pyramix della Merging....


nel settore diciamo "schede audio" alcune operano con un dsp che gestisce il routing a latenza quasi zero per monitoring e applicazioni come quella che dici tu, e sono schede che magari hanno un solo dsp a bordo (a differenza di pro tools che ha decine di dsp e per questo costa una fucilata).

tutte le Motu, le RME, la Metric Halo, tanto per dirne qualcuna, anche le Universal Audio Apollo/Arrow o le Antelope, gestiscono il routing tramite dsp.

ognuna di queste ha in dotazione un suo software piu o meno complesso che consente mixing, monitoring, ROUTING strani, e spesso anche con effetti realtime (vedi ad esempio il cuemix motu, oppure quello della rme), oggi molto sofisticati addirittura che consentono spesso di gestire due o tre coppie di casse (A/B), di parlare ai musicisti tramite un interfono (talkback integrato a volte con mic sul rack della scheda direttamente!), di mandare diversi "mix" in cuffie separate etc etc...funzioni insomma "da mixer digitale".

ora quindi la scelta dipende piu che altro da te.....comodità operativa, meglio una motu 828es abbinata a una patchbay bilanciata e controllata dal suo software, oppure una console digitale vera con i fader?

io per esempio ho tre console digitali tascam, ne uso cmq una alla volta, connessa con un complicato sistema che coinvolge ADAT in/out, due bus SPDIF o AES, sincronizzata tramite BNC alla Motu 828, e posso tranquillamente fare routing abbastanza complessi, anche grazie alle ottime funzioni presenti sulla console.

potrei fare tutto anche con motu e cubase escludendo il tascam, usando come patchbay le tracce della DAW per indirizzare un segnale da un punto all'altro, ma passando dalla daw dovrei SEMPRE operare con buffer basso altrimenti la latenza genera troppo ritardo nell'outboard, mentre con un mixer digitale (o pro tools) non cè questo problema, e con progetti "enormi" se non hai un supercomputer puo essere un problema lavorare sempre a 64 di buffer.

cmq in un setup "da musica elettronica" una scheda audio tipo una motu ben utilizzata puo andare bene, i cazzi arrivano quando come me devi registrare band e musicisti, allora mentre registri il batterista vuole sentire solo il basso ma non la chitarra, il bassista vuol sentire la cassa e il rullante e la chitarra piu alta, la cantante vuole il riverbero in mandata ma IO in regia non voglio assolutamente sentire effetti sulla voce, anzi voglio monitorare la voce senza manco la base sotto mentre lei canta!

tutte queste cose le puoi fare BENISSIMO con una motu e il suo cuemix, ma con un mixer digitale "tattile" risultano assai piu rapide e semplici, io infatti non cambio assolutamente questo setup.
  • drmacchius
  • Membro: Guru
  • Risp: 6897
  • Loc: Novara
  • Status:
  • Thanks: 129  

26-09-19 12.34

@ orange1978
...dubito che avrai mai tutta quella roba.

ma comunque, la differenza è che un mixer digitale opera a latenza zero perche contiene dei dsp che lavorano in real time, e spesso è piu comodo da gestire per via dell'interfaccia utente a metà tra analogico e digitale.

una scheda audio in certi casi è ANCHE un mixer digitale, ma non tutte, per esempio le vecchie digidesign 001/002/003 erano prive di DSP, risultato? la somma e il routing lo faceva pro tools LE, nativo, e la latenza variava in base al buffer, se era basso però e il computer non potente erano cazzi.

altre schede come pro tools hdx possiedono dei dsp nella farm che computano in realtime il segnale, in questo caso la differenza tra pro tools e una console digitale tipo Sony OXF R3 (1,5 milioni di dollari) oppure uno Yamaha 02R (16 milioni di lire nel 1996), o uno yamaha 01v96 (tutt ora in produzione) era sostanzialmente nulla, a parte l'hardware con i faders, pro tools hd/hdx è un sistema di routing/mixing digitale a latenza zero, che però a differenza di un mixer è "aperto" a terze parti (plug ins)

sistemi simili ce ne sono e ce ne erano parecchi, vedi per esempio tutto il sistema Creamware Scope/Pulsar, il SADiE 24/96 e Artemis, i sistemi Soundscape HHD, il Pyramix della Merging....


nel settore diciamo "schede audio" alcune operano con un dsp che gestisce il routing a latenza quasi zero per monitoring e applicazioni come quella che dici tu, e sono schede che magari hanno un solo dsp a bordo (a differenza di pro tools che ha decine di dsp e per questo costa una fucilata).

tutte le Motu, le RME, la Metric Halo, tanto per dirne qualcuna, anche le Universal Audio Apollo/Arrow o le Antelope, gestiscono il routing tramite dsp.

ognuna di queste ha in dotazione un suo software piu o meno complesso che consente mixing, monitoring, ROUTING strani, e spesso anche con effetti realtime (vedi ad esempio il cuemix motu, oppure quello della rme), oggi molto sofisticati addirittura che consentono spesso di gestire due o tre coppie di casse (A/B), di parlare ai musicisti tramite un interfono (talkback integrato a volte con mic sul rack della scheda direttamente!), di mandare diversi "mix" in cuffie separate etc etc...funzioni insomma "da mixer digitale".

ora quindi la scelta dipende piu che altro da te.....comodità operativa, meglio una motu 828es abbinata a una patchbay bilanciata e controllata dal suo software, oppure una console digitale vera con i fader?

io per esempio ho tre console digitali tascam, ne uso cmq una alla volta, connessa con un complicato sistema che coinvolge ADAT in/out, due bus SPDIF o AES, sincronizzata tramite BNC alla Motu 828, e posso tranquillamente fare routing abbastanza complessi, anche grazie alle ottime funzioni presenti sulla console.

potrei fare tutto anche con motu e cubase escludendo il tascam, usando come patchbay le tracce della DAW per indirizzare un segnale da un punto all'altro, ma passando dalla daw dovrei SEMPRE operare con buffer basso altrimenti la latenza genera troppo ritardo nell'outboard, mentre con un mixer digitale (o pro tools) non cè questo problema, e con progetti "enormi" se non hai un supercomputer puo essere un problema lavorare sempre a 64 di buffer.

cmq in un setup "da musica elettronica" una scheda audio tipo una motu ben utilizzata puo andare bene, i cazzi arrivano quando come me devi registrare band e musicisti, allora mentre registri il batterista vuole sentire solo il basso ma non la chitarra, il bassista vuol sentire la cassa e il rullante e la chitarra piu alta, la cantante vuole il riverbero in mandata ma IO in regia non voglio assolutamente sentire effetti sulla voce, anzi voglio monitorare la voce senza manco la base sotto mentre lei canta!

tutte queste cose le puoi fare BENISSIMO con una motu e il suo cuemix, ma con un mixer digitale "tattile" risultano assai piu rapide e semplici, io infatti non cambio assolutamente questo setup.
grazie.

Queste cose le potrei fare anche con un Mixer Serie X32 della Behringer?

E´vero che questo fa anche da scheda Audio?
Le versioni rack non costano di piú di un mixer rack di qualit´decente e per fare il Routing generale da delle tastiere e un rack di un tastierista in Numero di canali potrebbero bastare.

la domanda é se in futuro un mixer simile potrebbe essere espanso con a versione a Console, ampliando il Numero di canali ed eventualmente facendo da Controller DAW.

Al momento ho un Soundcraft Spirit m12 montato a rack, ma i canali sono ormai tutti pieni e non ha un gran Numero di uscite. Quindi se volessi sperimentare e prendere un altro ampli solo per simulazioni degli organi e Simili, non mi basterebbero le uscite.
Volevo prendere un altro mixer per aumentare il Numero di ingressi e provare a fare Routing, ma la versione Rack dell´X32 ha al momento prezzi analoghi a quelli di un Mixer analogico rack e inferiori a quelli di una scheda Audio di fascia prosumer, quantomeno se si paragona il Numero di canli.

Se si potesse collegare in un secondo momento un X32 rack con un X32 Compact sarebbe la Cosa ideale qualora riuscissi un giorno a realizzare il Sogno di avere lo spazio e il tempo per un mio Piccolo homestudio.
  • orange1978
  • Membro: Supporter
  • Risp: 9735
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 619  

26-09-19 14.13

drmacchius ha scritto:
Queste cose le potrei fare anche con un Mixer Serie X32 della Behringer?

E´vero che questo fa anche da scheda Audio?


eh....boh, purtroppo questi nuovi mixer digitali "economici" nei quali ci metto pure la serie studio live presonus, non hanno una buona gestione del routing, x32 non lo conosco bene ma ho visto che come ingressi/uscite non ha moltissimo, un mio amico ha il presonus studiolive a 24 canali, fa schifo....non ha nemmeno gli insert points!
il fatto è che sono console pensate per un uso "live" moderno, in cui sostanzialmente la casa fa un ragionamento simile, ti do 32 canali di mixing, ognuno con il suo eq paragrafico a 4 band, filtro hpf, pre, processore dinamico comp/gate, e insert virtuali....ossia la possibilità di mettere in insert su alcuni canali audio magari un emulazione del pultec o di un 1176! ....che te ne fai degli insert reali hardware? vuoi portare un compressore behringer di merda da 50 euro usato live quando hai gia tutto dentro nel mixer richiamabile e salvabile pure come scene?

....ragionamento non sbagliato, io stesso nelle rare volte che vado live porto un tascam digitale a 16 o 24 canali, digitale, che ha gia dentro tutto, lo stesso che uso in studio sostanzialmente, e non mi metto certo a collegare roba hardware.

....però in studio è diverso, se hai un universal audio 1176 non ha senso durante un mix non usarlo per processare uno snare o un basso per dire, riducendosi a usare il compressore digitale del banco o il plug in.

sono insomma prodotti pensati piu per il live medio/piccolo e quindi per contenere i costi dato che pur avendo touchscreen, fader motorizzati, e un sacco di funzioni (compresa scheda audio e recorder) costano relativamente poco (un tempo appunto una console yamaha cosi costava come adesso 15 mila euro).

fanno da scheda audio certo, ma questo nn significa che siano pensati per lo studio, ma piu per registrare concerti "live" in multitraccia e poi aver la possibilità di remixare le tracce in studio sistemando livelli, suoni e facendo correzioni separate, in questo senso sono molto comodi.

sicche non saprei, dipende dal routing che devi fare tu, dalla sua complessità, ma credo che una scheda audio di fascia alta abbinata magari a una patchbay bilanciata possa fare ben piu cose, non credo che ti consiglierei un mixer digitale in casa come x32, anche perche eventuali operazioni di mixing è meglio farle in cubase o pro tools, molto piu flessibili e potenti e anche di qualità migliore.

io infatti uso dei mixer digitali vecchi come ti ho detto sincronizzati alla motu xke per me sono i migliori per quello che devo fare io, sopratutto quando hai i musicisti in regia e in sala ripresa da gestire, poi al momento del mixaggio uso quasi sempre la daw (o se fosse una cosa molto seria, addirittura vado su una console analogica neve o ssl, non accetto di mixare su altro).