M. Buonarroti / M. Davis, accostamento possibile

  • vin_roma
  • Membro: Guru
  • Risp: 7857
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 673  

27-11-19 23.29

Qui a Roma ho un amico, un percussionista, piuttosto quotato ma non è convenzionale, fa suonare di tutto.
Anni fa lo chiamai a suonare e si presentò, tra le altre cose, con due fusti azzurri, de quelli pe' coje l'olive 'n Puglia...

Ha anche un'altra dote, sa leggere la vita e la racconta in modo semplice ma anche tagliente. Tante cose scritte da lui spesso hanno risolto e messo in pace la mia incapacità di mettere in ordine i concetti e le loro priorità, tante volte ha detto quello che sentivo ma non sapevo dire.

Si chiama Massimo Carrano e questa sera si è prodotto in un pensiero, un parallelo tra Miles Davis e Michelangelo Buonarroti, anche se con una chiusa forse un po' azzardata, ma l'ho trovato simpatico e voglio condividerlo con voi.

Ma nel post successivo perché qui non entra!
  • vin_roma
  • Membro: Guru
  • Risp: 7857
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 673  

27-11-19 23.29

LA CAPPELLA SISTINA, MIKY L'ANGELO E MILES DAVIS
da quello che ho capito dovrebbe essere andata così.
Giulio secondo, er Papa, se sturba pe' l'arte de Michelangelo e je commissiona l'opera più importante: er proprio mausoleo, er monumento che je sarebbe sopravvissuto nella memoria dei posteri per omnia saecula saeculorum (dite amen, stronzi). L'opera doveva esse 'na cosa bestiale, scolpita in una montagna de marmo grossa come la rinascente, piena de statue del Buonarroti il quale, in quanto mejo scultore de' la piazza, già se leccava i baffi all'idea di poter esprimere l'arte sua e de guadagnàsse la barca de' quatrìni che er Papa j'avrebbe dato.
Ma Michelangelo però, ci aveva un caratteraccio che stava un po' sul cazzo a tutti e allora, siccome che la cappella di Sisto IV (detta apposta pe'questo"Sistina") era stata danneggiata da un sisma, pe' levasselo de torno l'artri artisti de la curia fanno in modo che je ne venga commissionato er restauro...
Adesso tocca di' che Michelangelo nun era un pittore e tutti lo sapevano...ma allora come cazzo te viene de da' un lavoro de pittura a uno che fa 'nartro mestiere? vòr di' esse pòpo fiji de' na mignotta e voléllo mette 'n mezzo pe faje fa' 'na figura de' mmerda! 'nzomma, com'è e come nun è, Michelangelo se 'ncazza, rifiuta e bestemmiando se ne torna a Firenze , salvo, tempo dopo, lasciasse convince da li quatrini e ripensàcce, come i cornuti.
Adesso non è che uno da 'n giorno a 'nartro se inventa pittore, e tantomeno affrescatore! allora Bònarroti chiama un pò de' capomastri fiorentini e se fa impara' a preparà le pareti "a fresco" (questo nun vòr di' che arazzo significa "fatto de' corsa"), poi manna via tutti e resta da solo, su un impalcatura immenza sotto una vòrta immenza che nun finiva mai.
Adesso qui se vede chi c'ha le palle e chi no... Invece de vola' basso e fa' una cosetta pulita, cosí...senza pretese, Er Bònarroti imposta l'opera secondo un impellente monito del cuore: "Miky, fai come cazzo te pare! ".
Scegliendo di raffigurare la luce e le tenebre , la nascita di Cristo e gli indovini ebrei che l'avevano prevista, una serie di altri temi "assoluti", adatti a esse farciti de simboli come 'na porchetta de Ariccia, il nostro se mette a lavorà come un negro.
Alla fine quando finalmente, dopo sei anni, se levano i ponteggi, tutti quelli che s'aspettavano 'na cosettina mediocre e già s' a stavano a ride sotto li baffi, restano co' la bocca aperta e 'na palla 'n mano. Er Bònarroti, che nun era un pittore, j'aveva, come si dice oggi, uscito er genio!
Quelle figure grondavano dal soffitto come acròbbati der circo der paradiso, parevano, venìtte incontro, cascàtte addosso; er zoffitto pareva dipinto da la mano de ddio, in perzona!
Era che a Michelangelo,malinconico cavaliere nero, nun je dovevi cacà er cazzo! Mentre tutto er monno ancora faceva pratica co' la prospettiva, lui je piazzava er treddì (3D) senza manco l'occhialetti. Le gambe ignude dei santi penzolavano da la vòrta celeste e er libbro der profeta Daniele pare che je cascava da le mano su le capòcce dei sottostanti, e tutto questo affollato de corpi ignudi, la cappella più esclusiva der papato, costellata di simboli filosofici e cazzi e fregne de' fòri. Inortre, co' quer gran bucio de' culo, Michelangelo aveva cambiato la pittura di tutti i pittori der monno. Gnente sarebbe più stato come prima. Gnènte.
C'è da di' che Michelangelo era difficile...ombroso e poetico, un po' come Miles Davis; e, come a Miles, a Michelangelo nun gne potevi dì quello che doveva da fa... perché lui, Buonarroti, non faceva quello che gli veniva chiesto, ma solo quello che nessuno avrebbe saputo chiedergli.
e Questo è il Jazz.


Massimo Carrano.
  • BB79
  • Membro: Expert
  • Risp: 2936
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 164  

28-11-19 00.31

@ vin_roma
LA CAPPELLA SISTINA, MIKY L'ANGELO E MILES DAVIS
da quello che ho capito dovrebbe essere andata così.
Giulio secondo, er Papa, se sturba pe' l'arte de Michelangelo e je commissiona l'opera più importante: er proprio mausoleo, er monumento che je sarebbe sopravvissuto nella memoria dei posteri per omnia saecula saeculorum (dite amen, stronzi). L'opera doveva esse 'na cosa bestiale, scolpita in una montagna de marmo grossa come la rinascente, piena de statue del Buonarroti il quale, in quanto mejo scultore de' la piazza, già se leccava i baffi all'idea di poter esprimere l'arte sua e de guadagnàsse la barca de' quatrìni che er Papa j'avrebbe dato.
Ma Michelangelo però, ci aveva un caratteraccio che stava un po' sul cazzo a tutti e allora, siccome che la cappella di Sisto IV (detta apposta pe'questo"Sistina") era stata danneggiata da un sisma, pe' levasselo de torno l'artri artisti de la curia fanno in modo che je ne venga commissionato er restauro...
Adesso tocca di' che Michelangelo nun era un pittore e tutti lo sapevano...ma allora come cazzo te viene de da' un lavoro de pittura a uno che fa 'nartro mestiere? vòr di' esse pòpo fiji de' na mignotta e voléllo mette 'n mezzo pe faje fa' 'na figura de' mmerda! 'nzomma, com'è e come nun è, Michelangelo se 'ncazza, rifiuta e bestemmiando se ne torna a Firenze , salvo, tempo dopo, lasciasse convince da li quatrini e ripensàcce, come i cornuti.
Adesso non è che uno da 'n giorno a 'nartro se inventa pittore, e tantomeno affrescatore! allora Bònarroti chiama un pò de' capomastri fiorentini e se fa impara' a preparà le pareti "a fresco" (questo nun vòr di' che arazzo significa "fatto de' corsa"), poi manna via tutti e resta da solo, su un impalcatura immenza sotto una vòrta immenza che nun finiva mai.
Adesso qui se vede chi c'ha le palle e chi no... Invece de vola' basso e fa' una cosetta pulita, cosí...senza pretese, Er Bònarroti imposta l'opera secondo un impellente monito del cuore: "Miky, fai come cazzo te pare! ".
Scegliendo di raffigurare la luce e le tenebre , la nascita di Cristo e gli indovini ebrei che l'avevano prevista, una serie di altri temi "assoluti", adatti a esse farciti de simboli come 'na porchetta de Ariccia, il nostro se mette a lavorà come un negro.
Alla fine quando finalmente, dopo sei anni, se levano i ponteggi, tutti quelli che s'aspettavano 'na cosettina mediocre e già s' a stavano a ride sotto li baffi, restano co' la bocca aperta e 'na palla 'n mano. Er Bònarroti, che nun era un pittore, j'aveva, come si dice oggi, uscito er genio!
Quelle figure grondavano dal soffitto come acròbbati der circo der paradiso, parevano, venìtte incontro, cascàtte addosso; er zoffitto pareva dipinto da la mano de ddio, in perzona!
Era che a Michelangelo,malinconico cavaliere nero, nun je dovevi cacà er cazzo! Mentre tutto er monno ancora faceva pratica co' la prospettiva, lui je piazzava er treddì (3D) senza manco l'occhialetti. Le gambe ignude dei santi penzolavano da la vòrta celeste e er libbro der profeta Daniele pare che je cascava da le mano su le capòcce dei sottostanti, e tutto questo affollato de corpi ignudi, la cappella più esclusiva der papato, costellata di simboli filosofici e cazzi e fregne de' fòri. Inortre, co' quer gran bucio de' culo, Michelangelo aveva cambiato la pittura di tutti i pittori der monno. Gnente sarebbe più stato come prima. Gnènte.
C'è da di' che Michelangelo era difficile...ombroso e poetico, un po' come Miles Davis; e, come a Miles, a Michelangelo nun gne potevi dì quello che doveva da fa... perché lui, Buonarroti, non faceva quello che gli veniva chiesto, ma solo quello che nessuno avrebbe saputo chiedergli.
e Questo è il Jazz.


Massimo Carrano.
emoemo emo
  • Tama72
  • Membro: Senior
  • Risp: 572
  • Loc: Parma
  • Status:
  • Thanks: 25  

28-11-19 06.15

@ vin_roma
LA CAPPELLA SISTINA, MIKY L'ANGELO E MILES DAVIS
da quello che ho capito dovrebbe essere andata così.
Giulio secondo, er Papa, se sturba pe' l'arte de Michelangelo e je commissiona l'opera più importante: er proprio mausoleo, er monumento che je sarebbe sopravvissuto nella memoria dei posteri per omnia saecula saeculorum (dite amen, stronzi). L'opera doveva esse 'na cosa bestiale, scolpita in una montagna de marmo grossa come la rinascente, piena de statue del Buonarroti il quale, in quanto mejo scultore de' la piazza, già se leccava i baffi all'idea di poter esprimere l'arte sua e de guadagnàsse la barca de' quatrìni che er Papa j'avrebbe dato.
Ma Michelangelo però, ci aveva un caratteraccio che stava un po' sul cazzo a tutti e allora, siccome che la cappella di Sisto IV (detta apposta pe'questo"Sistina") era stata danneggiata da un sisma, pe' levasselo de torno l'artri artisti de la curia fanno in modo che je ne venga commissionato er restauro...
Adesso tocca di' che Michelangelo nun era un pittore e tutti lo sapevano...ma allora come cazzo te viene de da' un lavoro de pittura a uno che fa 'nartro mestiere? vòr di' esse pòpo fiji de' na mignotta e voléllo mette 'n mezzo pe faje fa' 'na figura de' mmerda! 'nzomma, com'è e come nun è, Michelangelo se 'ncazza, rifiuta e bestemmiando se ne torna a Firenze , salvo, tempo dopo, lasciasse convince da li quatrini e ripensàcce, come i cornuti.
Adesso non è che uno da 'n giorno a 'nartro se inventa pittore, e tantomeno affrescatore! allora Bònarroti chiama un pò de' capomastri fiorentini e se fa impara' a preparà le pareti "a fresco" (questo nun vòr di' che arazzo significa "fatto de' corsa"), poi manna via tutti e resta da solo, su un impalcatura immenza sotto una vòrta immenza che nun finiva mai.
Adesso qui se vede chi c'ha le palle e chi no... Invece de vola' basso e fa' una cosetta pulita, cosí...senza pretese, Er Bònarroti imposta l'opera secondo un impellente monito del cuore: "Miky, fai come cazzo te pare! ".
Scegliendo di raffigurare la luce e le tenebre , la nascita di Cristo e gli indovini ebrei che l'avevano prevista, una serie di altri temi "assoluti", adatti a esse farciti de simboli come 'na porchetta de Ariccia, il nostro se mette a lavorà come un negro.
Alla fine quando finalmente, dopo sei anni, se levano i ponteggi, tutti quelli che s'aspettavano 'na cosettina mediocre e già s' a stavano a ride sotto li baffi, restano co' la bocca aperta e 'na palla 'n mano. Er Bònarroti, che nun era un pittore, j'aveva, come si dice oggi, uscito er genio!
Quelle figure grondavano dal soffitto come acròbbati der circo der paradiso, parevano, venìtte incontro, cascàtte addosso; er zoffitto pareva dipinto da la mano de ddio, in perzona!
Era che a Michelangelo,malinconico cavaliere nero, nun je dovevi cacà er cazzo! Mentre tutto er monno ancora faceva pratica co' la prospettiva, lui je piazzava er treddì (3D) senza manco l'occhialetti. Le gambe ignude dei santi penzolavano da la vòrta celeste e er libbro der profeta Daniele pare che je cascava da le mano su le capòcce dei sottostanti, e tutto questo affollato de corpi ignudi, la cappella più esclusiva der papato, costellata di simboli filosofici e cazzi e fregne de' fòri. Inortre, co' quer gran bucio de' culo, Michelangelo aveva cambiato la pittura di tutti i pittori der monno. Gnente sarebbe più stato come prima. Gnènte.
C'è da di' che Michelangelo era difficile...ombroso e poetico, un po' come Miles Davis; e, come a Miles, a Michelangelo nun gne potevi dì quello che doveva da fa... perché lui, Buonarroti, non faceva quello che gli veniva chiesto, ma solo quello che nessuno avrebbe saputo chiedergli.
e Questo è il Jazz.


Massimo Carrano.
Geniale !!!!emoemoemoemoemo

  • paolo_b3
  • Membro: Guru
  • Risp: 5601
  • Loc: Ravenna
  • Status:
  • Thanks: 261  

28-11-19 07.59

Grazie Vin per la condivisione e per il romanesco. emo

Geniale sto percussionista. emo

P.S. Poker di 5 emo
  • maxpiano69
  • Membro: Supporter
  • Risp: 17239
  • Loc: Torino
  • Status:
  • Thanks: 1644  

28-11-19 13.45

Oh yes... emoemo
  • Pippo18
  • Membro: Senior
  • Risp: 151
  • Loc:
  • Status:
  • Thanks: 9  

29-11-19 18.46

emoemoemo
  • pentatonic
  • Membro: Expert
  • Risp: 2048
  • Loc: Mantova
  • Status:
  • Thanks: 62  

30-11-19 18.23

@ vin_roma
LA CAPPELLA SISTINA, MIKY L'ANGELO E MILES DAVIS
da quello che ho capito dovrebbe essere andata così.
Giulio secondo, er Papa, se sturba pe' l'arte de Michelangelo e je commissiona l'opera più importante: er proprio mausoleo, er monumento che je sarebbe sopravvissuto nella memoria dei posteri per omnia saecula saeculorum (dite amen, stronzi). L'opera doveva esse 'na cosa bestiale, scolpita in una montagna de marmo grossa come la rinascente, piena de statue del Buonarroti il quale, in quanto mejo scultore de' la piazza, già se leccava i baffi all'idea di poter esprimere l'arte sua e de guadagnàsse la barca de' quatrìni che er Papa j'avrebbe dato.
Ma Michelangelo però, ci aveva un caratteraccio che stava un po' sul cazzo a tutti e allora, siccome che la cappella di Sisto IV (detta apposta pe'questo"Sistina") era stata danneggiata da un sisma, pe' levasselo de torno l'artri artisti de la curia fanno in modo che je ne venga commissionato er restauro...
Adesso tocca di' che Michelangelo nun era un pittore e tutti lo sapevano...ma allora come cazzo te viene de da' un lavoro de pittura a uno che fa 'nartro mestiere? vòr di' esse pòpo fiji de' na mignotta e voléllo mette 'n mezzo pe faje fa' 'na figura de' mmerda! 'nzomma, com'è e come nun è, Michelangelo se 'ncazza, rifiuta e bestemmiando se ne torna a Firenze , salvo, tempo dopo, lasciasse convince da li quatrini e ripensàcce, come i cornuti.
Adesso non è che uno da 'n giorno a 'nartro se inventa pittore, e tantomeno affrescatore! allora Bònarroti chiama un pò de' capomastri fiorentini e se fa impara' a preparà le pareti "a fresco" (questo nun vòr di' che arazzo significa "fatto de' corsa"), poi manna via tutti e resta da solo, su un impalcatura immenza sotto una vòrta immenza che nun finiva mai.
Adesso qui se vede chi c'ha le palle e chi no... Invece de vola' basso e fa' una cosetta pulita, cosí...senza pretese, Er Bònarroti imposta l'opera secondo un impellente monito del cuore: "Miky, fai come cazzo te pare! ".
Scegliendo di raffigurare la luce e le tenebre , la nascita di Cristo e gli indovini ebrei che l'avevano prevista, una serie di altri temi "assoluti", adatti a esse farciti de simboli come 'na porchetta de Ariccia, il nostro se mette a lavorà come un negro.
Alla fine quando finalmente, dopo sei anni, se levano i ponteggi, tutti quelli che s'aspettavano 'na cosettina mediocre e già s' a stavano a ride sotto li baffi, restano co' la bocca aperta e 'na palla 'n mano. Er Bònarroti, che nun era un pittore, j'aveva, come si dice oggi, uscito er genio!
Quelle figure grondavano dal soffitto come acròbbati der circo der paradiso, parevano, venìtte incontro, cascàtte addosso; er zoffitto pareva dipinto da la mano de ddio, in perzona!
Era che a Michelangelo,malinconico cavaliere nero, nun je dovevi cacà er cazzo! Mentre tutto er monno ancora faceva pratica co' la prospettiva, lui je piazzava er treddì (3D) senza manco l'occhialetti. Le gambe ignude dei santi penzolavano da la vòrta celeste e er libbro der profeta Daniele pare che je cascava da le mano su le capòcce dei sottostanti, e tutto questo affollato de corpi ignudi, la cappella più esclusiva der papato, costellata di simboli filosofici e cazzi e fregne de' fòri. Inortre, co' quer gran bucio de' culo, Michelangelo aveva cambiato la pittura di tutti i pittori der monno. Gnente sarebbe più stato come prima. Gnènte.
C'è da di' che Michelangelo era difficile...ombroso e poetico, un po' come Miles Davis; e, come a Miles, a Michelangelo nun gne potevi dì quello che doveva da fa... perché lui, Buonarroti, non faceva quello che gli veniva chiesto, ma solo quello che nessuno avrebbe saputo chiedergli.
e Questo è il Jazz.


Massimo Carrano.
effigurate se a Mails Devis je pijiava a fissa de fà pure... 'r percussionista!

(complimenti, Massimo Carrano!)
  • Ulell
  • Membro: Senior
  • Risp: 459
  • Loc: Bari
  • Status:
  • Thanks: 12  

01-12-19 12.07

emoemoemoemo