Qual è?

  • Constrictor
  • Membro: Expert
  • Risp: 2600
  • Loc: Cosenza
  • Status:
  • Thanks: 134  

29-07-20 12.54

.. Il synth di PIU' IMMEDIATO UTILIZZO, per facilità d'uso e presets esistenti?
Non ha importanza che sia analogico o digitale, purchè polifonico, da 8 note in su e non sia un VST.
Impiego casalingo.
  • d_phatt
  • Membro: Senior
  • Risp: 161
  • Loc: Perugia
  • Status:
  • Thanks: 10  

29-07-20 13.20

@ Constrictor
.. Il synth di PIU' IMMEDIATO UTILIZZO, per facilità d'uso e presets esistenti?
Non ha importanza che sia analogico o digitale, purchè polifonico, da 8 note in su e non sia un VST.
Impiego casalingo.
...per fare cosa? A che tipologia di synth ti riferisci? Analogico, virtual analog, magari una workstation?

...comunque tra i VA mi sembra una buona idea consigliare lo Sledge vista la quantità di parametri esposti a pannello, e le potenzialità notevoli. Tra gli analogici monofonici sono notevolissimi per immediatezza e soprattutto SUONO i Moog Subsequent, ma è come paragonare le mele con le pere.
  • motif74
  • Membro: Senior
  • Risp: 361
  • Loc: Venezia
  • Status:
  • Thanks: 23  

29-07-20 14.27

@ Constrictor
.. Il synth di PIU' IMMEDIATO UTILIZZO, per facilità d'uso e presets esistenti?
Non ha importanza che sia analogico o digitale, purchè polifonico, da 8 note in su e non sia un VST.
Impiego casalingo.
Access Virus TI o TI2 desktop...
  • Kent83
  • Membro: Guest
  • Risp: 27
  • Loc:
  • Status:
  • Thanks: 3  

29-07-20 14.30

Per facilitare l’aiuto, consiglio prima di andare sul sito di Thomann (perché per fare ricerche e comparazioni prodotti funziona benissimo) e impostare la ricerca, nella categoria synth, con il filtro con almeno 8 voci di polifonia (o più). A quel punto hai una discreta panoramica dei synth e se ce n’è qualcuno di tuo interesse puoi chiedere qui sul forum opinioni ecc.
  • Constrictor
  • Membro: Expert
  • Risp: 2600
  • Loc: Cosenza
  • Status:
  • Thanks: 134  

29-07-20 15.01

@ Kent83
Per facilitare l’aiuto, consiglio prima di andare sul sito di Thomann (perché per fare ricerche e comparazioni prodotti funziona benissimo) e impostare la ricerca, nella categoria synth, con il filtro con almeno 8 voci di polifonia (o più). A quel punto hai una discreta panoramica dei synth e se ce n’è qualcuno di tuo interesse puoi chiedere qui sul forum opinioni ecc.
Ottimo, grazie emo
  • wildcat80
  • Membro: Expert
  • Risp: 1442
  • Loc: Genova
  • Status:
  • Thanks: 128  

29-07-20 15.06

Fra gli analogici come semplicità di utilizzo metto il DeepMind: catena di sintesi facile facile, dagli oscillatori alla mod matrix riesci a programmarti i tuoi suoni senza aprire il manuale, cosa che diventa fondamentale quando si vuole arrivare a un'implementazione completa del Control Sequencer e degli effetti.
Fra i VA, così su due piedi, come immediatezza d'uso, mi viene in mente un synth che non mi ha entusiasmato molto, ma che è molto semplice da programmare: Roland Gaia SH01, forse più semplice del predecessore SH201.
  • mima85
  • Membro: Supporter
  • Risp: 10761
  • Loc: Como
  • Status:
  • Thanks: 830  

29-07-20 17.48

Dipende, che suoni vuoi ottenere dal synth? Vuoi qualcosa di orientato esclusivamente ai suoni elettronici oppure deve avere anche suoni di uso più generale (pianoforti/organi/insiemi di archi e fiati acustici/eccetera)? In base alla risposta a questa domanda il ventaglio di strumenti disponibili cambia molto.
  • PandaR1
  • Membro: Senior
  • Risp: 607
  • Loc: Genova
  • Status:
  • Thanks: 68  

29-07-20 19.01

@ Constrictor
.. Il synth di PIU' IMMEDIATO UTILIZZO, per facilità d'uso e presets esistenti?
Non ha importanza che sia analogico o digitale, purchè polifonico, da 8 note in su e non sia un VST.
Impiego casalingo.
Impossibile rispondere con cosi' pochi dati... vuoi divertirti a creare i suoni o vuoi i preset belli pronti da selezionare? gia' questo cambia molto, se ti bastano i presets potrebbe andare bene anche un yamaha mx61, per dire... se i suoni li vuoi fare dovresti dire il budget, perche' un polifonico da 8 voci in su puo' costare anche parecchio...
  • Tama72
  • Membro: Senior
  • Risp: 738
  • Loc: Parma
  • Status:
  • Thanks: 34  

29-07-20 19.04

@ Constrictor
Ottimo, grazie emo
Un'altro molto facile e immediata è lo Studiologic Sledge ( in più hai una buona tastiera a 61 tasti che non fa mai male )
  • Constrictor
  • Membro: Expert
  • Risp: 2600
  • Loc: Cosenza
  • Status:
  • Thanks: 134  

30-07-20 21.49

@ mima85
Dipende, che suoni vuoi ottenere dal synth? Vuoi qualcosa di orientato esclusivamente ai suoni elettronici oppure deve avere anche suoni di uso più generale (pianoforti/organi/insiemi di archi e fiati acustici/eccetera)? In base alla risposta a questa domanda il ventaglio di strumenti disponibili cambia molto.
Buonasera mima85, in genere prediligo i suoni caldi e medio caldi, non tanto quelli troppo elettronici ed aggressivi.
  • mima85
  • Membro: Supporter
  • Risp: 10761
  • Loc: Como
  • Status:
  • Thanks: 830  

30-07-20 22.26

@ Constrictor
Buonasera mima85, in genere prediligo i suoni caldi e medio caldi, non tanto quelli troppo elettronici ed aggressivi.
Non era quello che intendevo, anche perché ci sono suoni caldi pure tra quelli elettronici.

Il fatto è che i synth si dividono essenzialmente in due grandi categorie di strumenti. Da una parte abbiamo i sintetizzatori diciamo "puri" come lo possono essere gli analogici (e le loro emulazioni digitali, che si chiamano "Virtual Analog"), i synth FM come il DX-7 degli anni '80, ed un sacco di altri strumenti che impiegano metodi più o meno originali per generare il suono. Questi strumenti essenzialmente producono solo i suoni relativi alla famiglia di cui fanno parte e si tratta sempre di suoni di derivazione elettronica, niente suoni realistici di pianoforte acustico o Rhodes/Wurlitzer, organi, insiemi di archi e di fiati, eccetera. Ci si possono fare suoni che li scimmiottano in qualche modo, ma avranno sempre un retrogusto elettronico, e comunque non è lo scopo primario di queste macchine.

Dall'altra parte abbiamo synth più generalisti, che fanno di tutto un po', quindi oltre ai suoni elettronici più comuni ci sono anche i classici pianoforti, organi, insiemi acustici di archi e fiati, strumenti etnici, eccetera. A farne le spese di questo ventaglio di sonorità più ampio spesso è la profondità del sistema di sintesi dello strumento, che il più delle volte non consente interventi di modifica del suono così mirati e radicali come invece accade sui synth puri, perché alla radice i suoni vengono generati a partire dalle registrazioni audio degli strumenti originali (i cosiddetti "campioni" o "sample"), che lasciano un margine di modifica del suono più ristretto.

Insomma mentre i synth puri sono strumenti più "verticali" ed adeguati solo per una o poche famiglie molto specifiche di suoni, quelli generalisti sono adeguati per coprire agevolmente più situazioni musicali. I primi li si usano se si cerca esattamente un certo tipo di sonorità e quando si vuole fare sperimentazione sonora, i secondi quando serve uno strumento per così dire "da tutti i giorni" con cui fare un po' di tutto. Se suoni in una cover band rock/pop per esempio ti porterai appresso una tastiera generalista, non un sintetizzatore analogico, per quanto nel rock i suoni di synth analogico ci siano (vedi la solita Jump di Van Halen), ma non ci sono solo quelli.

Quindi la prima cosa che devi capire è se vuoi un synth per fare sperimentazione e design del suono e ti vuoi divertire a spippolare ed esplorare paesaggi sonori inconsueti, oppure se vuoi uno strumento più "accendi e suona". Una volta capita la categoria di strumento che cerchi, ti si potranno dare consigli più mirati.

Per completezza d'informazione, da qualche anno a questa parte ci sono anche tastiere che possono essere usate sia come synth puri che in modo più generalista, in quanto hanno a bordo diversi sistemi per generare il suono. La Korg Kronos ne è l'esempio più lampante. Però si tratta di strumenti che hanno un certo costo, quindi direi che prima di arrivare a considerare questo tipo di tastiere è meglio cominciare a capire quale strada si vuole prendere.
  • zerinovic
  • Membro: Guru
  • Risp: 8281
  • Loc: Grosseto
  • Status:
  • Thanks: 607  

30-07-20 22.37

io ho avuto un ottima esperienza con il virus b desktop, all’inizio non sapevo usarlo e modificavo pochissimo andavo a preset (ne ha 1500) poi ovviamente provi, piano piano (puoi sempre tornare al punto di partenza) e ti fai i tuoi suoni. digitale e suono analog si incontrano splendidamente oserei dire..esiste versione tastiera.
  • ziokiller
  • Membro: Supporter
  • Risp: 9195
  • Loc: Treviso
  • Status:
  • Thanks: 1134  

30-07-20 23.00

@ Constrictor
.. Il synth di PIU' IMMEDIATO UTILIZZO, per facilità d'uso e presets esistenti?
Non ha importanza che sia analogico o digitale, purchè polifonico, da 8 note in su e non sia un VST.
Impiego casalingo.
Moog One.
Facilissimo da usare, ottimi preset, polifonico 8 o 16 voci e pesa così tanto che a portarlo in giro non ti passa nemmeno per la mente.

Comunque seriamente... ce l'ho, e penso sia la migliore interfaccia mai trovata su un synth hardware. A paragone, l'Andromeda A6 mi fa venire l'orticaria.
  • JohnBarleycorn
  • Membro: Expert
  • Risp: 1902
  • Loc: Sassari
  • Status:
  • Thanks: 6  

01-08-20 01.13

@ ziokiller
Moog One.
Facilissimo da usare, ottimi preset, polifonico 8 o 16 voci e pesa così tanto che a portarlo in giro non ti passa nemmeno per la mente.

Comunque seriamente... ce l'ho, e penso sia la migliore interfaccia mai trovata su un synth hardware. A paragone, l'Andromeda A6 mi fa venire l'orticaria.
Ha un lieve difetto... Costa uno sproposito!
  • ziokiller
  • Membro: Supporter
  • Risp: 9195
  • Loc: Treviso
  • Status:
  • Thanks: 1134  

01-08-20 09.09

@ JohnBarleycorn
Ha un lieve difetto... Costa uno sproposito!
Beh, in effetti... emo
  • PandaR1
  • Membro: Senior
  • Risp: 607
  • Loc: Genova
  • Status:
  • Thanks: 68  

01-08-20 09.29

@ JohnBarleycorn
Ha un lieve difetto... Costa uno sproposito!
Beh, se lo rapporti al mondo dei synth si... ma rispetto ad altri hobby... costa come una moto di media cilindrata... quindi neanche tanto, in assoluto... con un BMW 1250 GS ne compri tre, di moog one... e ne girano uno sfracello...
  • JohnBarleycorn
  • Membro: Expert
  • Risp: 1902
  • Loc: Sassari
  • Status:
  • Thanks: 6  

01-08-20 09.59

@ PandaR1
Beh, se lo rapporti al mondo dei synth si... ma rispetto ad altri hobby... costa come una moto di media cilindrata... quindi neanche tanto, in assoluto... con un BMW 1250 GS ne compri tre, di moog one... e ne girano uno sfracello...
Figurati che ho entrambe le passioni, quindi devo cercare di far quadrare i conti a fine mese, anche li invece del gs, si punta ad altro. Detto questo la mia non voleva essere assolutamente una critica al moog one che, anche io, inserisco tra i top (se non il top assoluto) del mercato, credo ci sia poco da girarci intorno.
Volevo invece fare una piccola considerazione sul tema del post, a mio avviso, su esperienza personale, i synth più facili da usare, solitamente, sono quelli che apparentemente sembrerebbero i più complicati, più controlli a portata di mano comportano meno funzioni nascoste in menù e sotto menù, una volta superato lo choc iniziale e fatto l'occhio al posizionamento dei vari controlli diventa abbastanza agevole prenderne il pieno controllo.
  • JohnBarleycorn
  • Membro: Expert
  • Risp: 1902
  • Loc: Sassari
  • Status:
  • Thanks: 6  

01-08-20 10.08

@ ziokiller
Beh, in effetti... emo
Zio, colgo l'occasione per chiederti una cosa, ho il gemini, solo che ho un pochino di difficoltà ad usare il vba1 al pieno delle potenzialità perché non vado d'accordissimo con i touch e a volte scorrendo la pagina dei controlli capita che tocco inavvertitamente qualche parametro e mi sballa il settaggio. Che tu sappia esiste un controller in stile prophet da abbinarci?