Un EP che non piacerĂ  a tutti

  • wildcat80
  • Membro: Expert
  • Risp: 2803
  • Loc: Genova
  • Status:
  • Thanks: 357  

07-04-21 23.38

Questa volta butto fuori alcune tracce strumentali.
Decisamente più di nicchia, più elettronico, più synthwave, dark retrowave.
Musica che, ancora meno delle tracce pop, avrei mai pensato di fare.

No samples

Qui è davvero tutto self made, senza nessuna collaborazione.
Qualcosa ho già spammato, ma ho fatto nuovi mix e master.
E un artwork che mi piace un sacco perché mette insieme due concetti: il fatto che non uso campioni (tranne quelli di batteria, ovvio) e il fatto che quest'avventura è nata a causa del Covid.

C'è dentro anche un pezzo piuttosto datato, Epilogue, di cui purtroppo non avevo tracce MIDI, ma rivitalizzato dal master di Dallaluna.

Anche qui la quintessenza è Roland: quasi tutti i pezzi sono a base di JX3P e Jupiter XM, molto più scuri, riflettono molto il mio stato d'animo legato al momento storico che stiamo vivendo, in cui ogni tanto ci sono barlumi di speranza e chiaroscuro.

E una ninna nanna scritta quando la gravidanza era un grosso punto interrogativo, pochissime settimane, nessuna certezza, che chiude con una certa tristezza legate al momento.
  • paolo_b3
  • Membro: Supporter
  • Risp: 8852
  • Loc: Ravenna
  • Status:
  • Thanks: 738  

08-04-21 07.52

@ wildcat80
Questa volta butto fuori alcune tracce strumentali.
Decisamente più di nicchia, più elettronico, più synthwave, dark retrowave.
Musica che, ancora meno delle tracce pop, avrei mai pensato di fare.

No samples

Qui è davvero tutto self made, senza nessuna collaborazione.
Qualcosa ho già spammato, ma ho fatto nuovi mix e master.
E un artwork che mi piace un sacco perché mette insieme due concetti: il fatto che non uso campioni (tranne quelli di batteria, ovvio) e il fatto che quest'avventura è nata a causa del Covid.

C'è dentro anche un pezzo piuttosto datato, Epilogue, di cui purtroppo non avevo tracce MIDI, ma rivitalizzato dal master di Dallaluna.

Anche qui la quintessenza è Roland: quasi tutti i pezzi sono a base di JX3P e Jupiter XM, molto più scuri, riflettono molto il mio stato d'animo legato al momento storico che stiamo vivendo, in cui ogni tanto ci sono barlumi di speranza e chiaroscuro.

E una ninna nanna scritta quando la gravidanza era un grosso punto interrogativo, pochissime settimane, nessuna certezza, che chiude con una certa tristezza legate al momento.
L'ho ascoltato una sola volta andrebbe approfondito, ma mi è piaciuto. Per il tipo di arrangiamento e per le sonorità utilizzate ricorda abbastanza gli anni 80, anche se sulla terza e quarta traccia ci sento più originalità, sono più affrancati dallo stile del periodo.
A me pare fatto bene, ti faccio i miei complimenti.

Quindi con riferimento al titolo del post, io sono in minoranza, ma chissà che non passi in maggioranza. emo

emoemoemo
  • wildcat80
  • Membro: Expert
  • Risp: 2803
  • Loc: Genova
  • Status:
  • Thanks: 357  

08-04-21 09.34

Ti rispondo volentieri.
La terza è una traccia molto semplice. Stessi accordi suonato da pad e arpeggiatori diversi, su cui ho sovrainciso due parti soliste.
Le sonorità sono dell'epoca, ci sono suoni ispirati a Jupiter 8 e il JX3P, ma la produzione è attuale, perché non ho utilizzato gli schemi semplici degli arpeggiatori delle macchine dell'epoca, ma ho programmato pattern più articolati (dire complessi sarebbe un'eresia).
La quarta invece è un pezzo nato e finito sul Jupiter XM, fatto tutto con quelle 5 parti con la batteria un pochino lavorata (ho registrato il MIDI della traccia, cambiato alcuni suoni, aggiunto rullate e piatti, suddiviso infine in tracce separate), e minimo editing alle 4 parti strumentali. Sembrano più parti ma sono solo 4: il basso, un arpeggiatore, il lead e un tappeto che appartiene alla categoria "Zone" in cui ci sono più suoni differenti.
Molto minimal diciamo.
  • Key909
  • Membro: Senior
  • Risp: 237
  • Loc: Modena
  • Status:
  • Thanks: 21  

08-04-21 10.13

@ wildcat80
Ti rispondo volentieri.
La terza è una traccia molto semplice. Stessi accordi suonato da pad e arpeggiatori diversi, su cui ho sovrainciso due parti soliste.
Le sonorità sono dell'epoca, ci sono suoni ispirati a Jupiter 8 e il JX3P, ma la produzione è attuale, perché non ho utilizzato gli schemi semplici degli arpeggiatori delle macchine dell'epoca, ma ho programmato pattern più articolati (dire complessi sarebbe un'eresia).
La quarta invece è un pezzo nato e finito sul Jupiter XM, fatto tutto con quelle 5 parti con la batteria un pochino lavorata (ho registrato il MIDI della traccia, cambiato alcuni suoni, aggiunto rullate e piatti, suddiviso infine in tracce separate), e minimo editing alle 4 parti strumentali. Sembrano più parti ma sono solo 4: il basso, un arpeggiatore, il lead e un tappeto che appartiene alla categoria "Zone" in cui ci sono più suoni differenti.
Molto minimal diciamo.
complimenti, mi piacciono molto le sonorità e i suoni.
Nel pezzo Juno's Lullaby che cosa hai usato per il brass lead? mi piace moltissimo.
  • wildcat80
  • Membro: Expert
  • Risp: 2803
  • Loc: Genova
  • Status:
  • Thanks: 357  

08-04-21 10.28

@ Key909
complimenti, mi piacciono molto le sonorità e i suoni.
Nel pezzo Juno's Lullaby che cosa hai usato per il brass lead? mi piace moltissimo.
Il Blofeld. Il freddissimo Blofeld: basta programmarlo bene e scalda così tanto che prende fuoco.
Semplice patch che mi sono programmato io.
Ora non lo ho sotto mano ma la patch grossomodo è questa e si può fare con qualsiasi synth con 2 filtri: un singolo VCO con dente di sega, filtro passa basso 24db con inviluppo da brass e keytrack al 50% e un filo di overdrive (10/15%), filtro passa alto 12 db con keytrack al 100%, cutoff settato sulla fondamentale (nel Blofeld è a 47) e risonanza attorno al 30%; modulazione dell'oscillatore mediante analog drift o se manca un parametro simile, leggera modulazione tramite LFO random molto lento, leggero vibrato. VCA in gate.
Questo è il suono di base che senti.
Però in questa patch ho anche preparato un secondo oscillatore con PWM e un terzo con sub a onda quadra, regolabili con modwheel, e il cutoff del filtro modulato dall'aftertouch, baby CS80 in casa Waldorf.

Aggiungo una postilla tecnica: il secondo filtro agisce come il bass boost/HPF dei vecchi Juno. Se non hai il secondo filtro, puoi ovviare aggiungendo una triangolare o una sinusoide sempre in fase con la sawtooth per avere più o meno lo stesso effetto.
  • Key909
  • Membro: Senior
  • Risp: 237
  • Loc: Modena
  • Status:
  • Thanks: 21  

08-04-21 10.38

wildcat80 ha scritto:
Il Blofeld. Il freddissimo Blofeld: basta programmarlo bene e scalda così tanto che prende fuoco.

il freddissimo Blofeld è uno strumento eccezionale. Il solo soundset Analog Voltage fa capire come mettendoci le mani si arrivano a risultati alti. Sopratutto usando la matrice di modulazione che in stile Waldorf è molto potente.
Complimenti ancora e grazie per la spiegazione tecnica.
  • paolo_b3
  • Membro: Supporter
  • Risp: 8852
  • Loc: Ravenna
  • Status:
  • Thanks: 738  

08-04-21 10.41

@ wildcat80
Ti rispondo volentieri.
La terza è una traccia molto semplice. Stessi accordi suonato da pad e arpeggiatori diversi, su cui ho sovrainciso due parti soliste.
Le sonorità sono dell'epoca, ci sono suoni ispirati a Jupiter 8 e il JX3P, ma la produzione è attuale, perché non ho utilizzato gli schemi semplici degli arpeggiatori delle macchine dell'epoca, ma ho programmato pattern più articolati (dire complessi sarebbe un'eresia).
La quarta invece è un pezzo nato e finito sul Jupiter XM, fatto tutto con quelle 5 parti con la batteria un pochino lavorata (ho registrato il MIDI della traccia, cambiato alcuni suoni, aggiunto rullate e piatti, suddiviso infine in tracce separate), e minimo editing alle 4 parti strumentali. Sembrano più parti ma sono solo 4: il basso, un arpeggiatore, il lead e un tappeto che appartiene alla categoria "Zone" in cui ci sono più suoni differenti.
Molto minimal diciamo.
Ti rinnovo i miei complimenti, credo che la semplicità alla fine paghi.
  • wildcat80
  • Membro: Expert
  • Risp: 2803
  • Loc: Genova
  • Status:
  • Thanks: 357  

08-04-21 10.53

@ Key909
wildcat80 ha scritto:
Il Blofeld. Il freddissimo Blofeld: basta programmarlo bene e scalda così tanto che prende fuoco.

il freddissimo Blofeld è uno strumento eccezionale. Il solo soundset Analog Voltage fa capire come mettendoci le mani si arrivano a risultati alti. Sopratutto usando la matrice di modulazione che in stile Waldorf è molto potente.
Complimenti ancora e grazie per la spiegazione tecnica.
Ecco, diciamo che senza quel soundset probabilmente lo avrei venduto in tempo zero... Me lo hanno regalato con il soundest di Don Solaris, lì ho capito quanto vale, e anche se lo uso poco ultimamente, su certi suoni resta imbattibile nella maniera più assoluta.
  • artemiasalina
  • Membro: Expert
  • Risp: 1569
  • Loc: Napoli
  • Status:
  • Thanks: 69  

08-04-21 12.05

Anche qui complimenti per i suoni, decisamente belle scelte e bella qualità.
I brani mi piacciono, anche se in qualcuno avrei preferito un po' di "melodia".
  • wildcat80
  • Membro: Expert
  • Risp: 2803
  • Loc: Genova
  • Status:
  • Thanks: 357  

10-04-21 09.35

Paolo Dallaluna mi ha recuperato il master di Epilogue che è stato caricato in sostituzione.
Grazie Paolo, adesso è tutto come doveva essere!
  • Dallaluna69
  • Membro: Expert
  • Risp: 2223
  • Loc: Firenze
  • Status:
  • Thanks: 299  

11-04-21 10.31

@ wildcat80
Paolo Dallaluna mi ha recuperato il master di Epilogue che è stato caricato in sostituzione.
Grazie Paolo, adesso è tutto come doveva essere!
Grazie a te! Non vedo l'ora di fare un ascolto come si deve anche degli altri pezzi!
emo