un abisso di dolore

  • BB79
  • Membro: Expert
  • Risp: 3749
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 305  

13-07-21 16.00

investitrice suicida

era la donna che aveva investito due anni fa il povero Valerio...anima tormentata
  • maxpiano69
  • Membro: Supporter
  • Risp: 20228
  • Loc: Torino
  • Status:
  • Thanks: 2277  

13-07-21 16.02

Disgrazia su disgrazia... emo
  • JoelFan
  • Membro: Expert
  • Risp: 2480
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 330  

13-07-21 16.11

Mamma mia.
  • artemiasalina
  • Membro: Expert
  • Risp: 1681
  • Loc: Napoli
  • Status:
  • Thanks: 110  

13-07-21 16.23

Che brutta storia.
  • MarcezMonticus
  • Membro: Expert
  • Risp: 946
  • Loc: Genova
  • Status:
  • Thanks: 142  

13-07-21 16.28

@ BB79
investitrice suicida

era la donna che aveva investito due anni fa il povero Valerio...anima tormentata
Cazzo!
Brutta bestia il senso di colpa.
  • PandaR1
  • Membro: Expert
  • Risp: 848
  • Loc: Genova
  • Status:
  • Thanks: 105  

13-07-21 16.32

@ BB79
investitrice suicida

era la donna che aveva investito due anni fa il povero Valerio...anima tormentata
Comunque la si veda, una storia tremenda. Doveva pagare ma non cosi'. E poi una vita persa non restituisce un'altra vita persa... tristezza
  • Raptus
  • Membro: Expert
  • Risp: 2002
  • Loc: Padova
  • Status:
  • Thanks: 162  

13-07-21 16.34

@ BB79
investitrice suicida

era la donna che aveva investito due anni fa il povero Valerio...anima tormentata
Temo che abbia influito non poco la situazione Covid, che brutta storia non c'è proprio niente da aggiungere emo
  • cecchino
  • Membro: Expert
  • Risp: 3842
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 351  

13-07-21 17.04

mamma mia...
  • mima85
  • Membro: Supporter
  • Risp: 11456
  • Loc: Como
  • Status:
  • Thanks: 1066  

13-07-21 17.17

emo
  • toniz1
  • Membro: Expert
  • Risp: 1571
  • Loc: Verona
  • Status:
  • Thanks: 266  

13-07-21 17.41

@ BB79
investitrice suicida

era la donna che aveva investito due anni fa il povero Valerio...anima tormentata
omm4donn4...
ho visto l'articolo stamattina ma non ho voluto approfondire (di disgrazie se ne sentono gia' abbastanza) e non avevo collegato la cosa alla storia di Valerio.emo

Due disgrazie. che emo tristezza...
  • vin_roma
  • Membro: Supporter
  • Risp: 8776
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 908  

13-07-21 17.45

Valerio, in un posto oltre il tempo, oltre i bisogni umani, l'avrà comunque accolta...
Per noi, ancora qui, è triste.
Tutto.
  • markelly2
  • Membro: Expert
  • Risp: 3248
  • Loc:
  • Status:
  • Thanks: 264  

13-07-21 18.08

emo
  • zaphod
  • Membro: Guru
  • Risp: 5359
  • Loc: Savona
  • Status:
  • Thanks: 566  

13-07-21 18.45

è desolante. Non mi viene in mente altra parola.
Quando è successo il fattaccio, io per primo ho pensato "ma non poteva una strafatta schiantarsi contro un muro e restarci lei, invece di travolgere un'inerme persona senza colpe, che si è solo trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato?" Generalizzando, si è sempre portati ad augurare il peggio possibile a chi crea dolore e morte, quando queste sono evitabili tramite atteggiamenti morigerati (evitare velocità eccessive, droghe o alcool mentre si guida un mezzo).
Ora, che l'autrice si è suicidata, non riesco a dire "giustizia è fatta", non ho gioito, anzi forse mi pare di intravedere una sensibilità che non ha retto al peso di quanto successo, cosa che non mi sarei aspettato.
Voglio dire, non è un hitler che si toglie la vita non per rimorso, ma per non farsi prendere dagli Alleati.
Ho la mente vuota. Non so che dire. E' una tragedia che si va sommare ad un'altra e la somma delle due è maggiore delle singole.
  • anonimo
  • Membro: Expert
  • Risp: 2526
  • Loc: Livorno
  • Status:
  • Thanks: 145  

13-07-21 19.03

Senza la cocaina di mezzo, avremmo ancora due vite. Purtroppo questo tipo di droga fa grossi danni, spesso irreversibili. La assumono in molti, anche persone insospettabili tra cui infermieri, medici, ricercatori,etc. per avere un rendimento maggiore sul lavoro (tradotto = più lavoro, più soldi). O anche semplicemente per adombrare un malessere interiore con una sensazione di onnipotenza. D'altronde - lo scrivo senza cadere in facili moralismi, è sotto gli occhi di tutti - la "bamba" è il simbolo degradante della società odierna, individualista, senza freni, votata a una vita vuota basata solo sull'apparenza esteriore e il successo economico. Il problema è che tali consumatori al volante diventano veri e propri proiettili vaganti. emo
  • giosanta
  • Membro: Expert
  • Risp: 3846
  • Loc: Benevento
  • Status:
  • Thanks: 578  

13-07-21 20.06

Partecipo perchè sono vicende che non lasciano indifferenti, ma non sono in grado di aggiungere altro allo sgomento.
  • wildcat80
  • Membro: Expert
  • Risp: 3701
  • Loc: Genova
  • Status:
  • Thanks: 629  

13-07-21 20.22

Che brutta storia...
  • lucaGiack
  • Membro: Senior
  • Risp: 458
  • Loc: Padova
  • Status:
  • Thanks: 34  

15-07-21 11.33

zaphod ha scritto:
Quando è successo il fattaccio, io per primo ho pensato "ma non poteva una strafatta schiantarsi contro un muro e restarci lei, invece di travolgere un'inerme persona senza colpe, che si è solo trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato?" Generalizzando, si è sempre portati ad augurare il peggio possibile a chi crea dolore e morte, quando queste sono evitabili tramite atteggiamenti morigerati (evitare velocità eccessive, droghe o alcool mentre si guida un mezzo).
Ora, che l'autrice si è suicidata, non riesco a dire "giustizia è fatta"


Io non credo che si auguri il peggio a chi crea dolore, semplicemente in questi casi si pensa che se uno vuole farsi del male che se lo faccia da solo, senza coinvolgere gli altri.
Ora, un fatto del genere è sicuramente tragico e denota da parte della ragazza una moralità e sensibilità che nel momento dell'incidente nessuno (credo) pensasse potesse avere.
Non posso però restare indifferente al fatto che una persona sotto l'effetto di sostanze stupefacenti che causa un incidente che provoca la morte di una persona possa rimanere libera di fare ciò che vuole, anche di buttarsi sotto un treno
  • tsuki
  • Membro: Expert
  • Risp: 3888
  • Loc: Sassari
  • Status:
  • Thanks: 308  

15-07-21 14.20

Sono tragedie ,al cui centro bene o male c'è la droga,come in migliaia e migliaia di casi....R.I.P. Valerio ed anche questa povera donna tormentata.... Purtroppo è successo.
  • drmacchius
  • Membro: Guru
  • Risp: 7157
  • Loc: Novara
  • Status:
  • Thanks: 140  

15-07-21 20.50

@ anonimo
Senza la cocaina di mezzo, avremmo ancora due vite. Purtroppo questo tipo di droga fa grossi danni, spesso irreversibili. La assumono in molti, anche persone insospettabili tra cui infermieri, medici, ricercatori,etc. per avere un rendimento maggiore sul lavoro (tradotto = più lavoro, più soldi). O anche semplicemente per adombrare un malessere interiore con una sensazione di onnipotenza. D'altronde - lo scrivo senza cadere in facili moralismi, è sotto gli occhi di tutti - la "bamba" è il simbolo degradante della società odierna, individualista, senza freni, votata a una vita vuota basata solo sull'apparenza esteriore e il successo economico. Il problema è che tali consumatori al volante diventano veri e propri proiettili vaganti. emo
Spesso chi fa uso di droghe ha problemi psichici di suo, sensibilità che si cercano di mitigare „farmacologicamente“ automedicandosi con ciò che si trova. Forse era a rischio da una vita, l’incidente è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

Se fosse veramente ciò che prevederebbe il diritto costituzionale, il carcere -inteso come luogo dove essere obbligati a svolgere un percorso rieducativo e in cui svolgere sotto osservazione le cure necessarie a risolvere i problemi che lo impediscono- in casi come questi non sarebbe una punizione ma un atto di benevolenza.
  • BB79
  • Membro: Expert
  • Risp: 3749
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 305  

15-07-21 21.26

@ drmacchius
Spesso chi fa uso di droghe ha problemi psichici di suo, sensibilità che si cercano di mitigare „farmacologicamente“ automedicandosi con ciò che si trova. Forse era a rischio da una vita, l’incidente è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

Se fosse veramente ciò che prevederebbe il diritto costituzionale, il carcere -inteso come luogo dove essere obbligati a svolgere un percorso rieducativo e in cui svolgere sotto osservazione le cure necessarie a risolvere i problemi che lo impediscono- in casi come questi non sarebbe una punizione ma un atto di benevolenza.
Aveva patteggiato 4 anni da scontare ai servizi sociali