a natural woman cantata in lingua italiana

  • noname
  • Membro: Senior
  • Risp: 242
  • Loc:
  • Status:
  • Thanks: 58  

09-08-21 17.09

ciao a tutti,
ieri rincasando ho ascoltato alla radio il brano "a natural woman" di Aretha Franklin cantata in italiano. Era cantata da più voci femminili e non mi è sembrata affatto male. Cercando in rete non esiste nulla, sapete forse di chi si tratta?

Grazie
  • jeedo
  • Membro: Senior
  • Risp: 543
  • Loc: Pisa
  • Status:
  • Thanks: 133  

10-08-21 09.46

Probabilmente hai ascoltato QUESTA versione.

emo
  • markelly2
  • Membro: Expert
  • Risp: 3170
  • Loc:
  • Status:
  • Thanks: 247  

10-08-21 10.08

@ jeedo
Probabilmente hai ascoltato QUESTA versione.

emo
Certo che un brano così famoso e conosciuto nel mondo, tradotto in altra lingua fa davvero ca*are emo
  • maxpiano69
  • Membro: Supporter
  • Risp: 20044
  • Loc: Torino
  • Status:
  • Thanks: 2228  

10-08-21 10.28

@ markelly2
Certo che un brano così famoso e conosciuto nel mondo, tradotto in altra lingua fa davvero ca*are emo
Beh se loro hanno rifatti "Gloria" in inglese perchè noi non possiamo fare il contrario? emo
A me non sembra venuta malissimo anzi ci vedo dello studio sul testo, volto a mantenere il "sound delle parole", almeno nel ritornello ("you make me feel" -> "più di così")
  • paolo_b3
  • Membro: Supporter
  • Risp: 10327
  • Loc: Ravenna
  • Status:
  • Thanks: 1080  

10-08-21 12.17

Et capì (hai capito) l'Aquila di Ligonchio?

Bella performance!
  • markelly2
  • Membro: Expert
  • Risp: 3170
  • Loc:
  • Status:
  • Thanks: 247  

10-08-21 12.37

maxpiano69 ha scritto:
Beh se loro hanno rifatti "Gloria" in inglese perchè noi non possiamo fare il contrario?

Perché Gloria in originale non la conosce (o conosceva) nessuno.
"Più di così" è del 91!
Una bella differenza.
Non poteva semplicemente cantarla in inglese?
  • maxpiano69
  • Membro: Supporter
  • Risp: 20044
  • Loc: Torino
  • Status:
  • Thanks: 2228  

10-08-21 14.15

@ markelly2
maxpiano69 ha scritto:
Beh se loro hanno rifatti "Gloria" in inglese perchè noi non possiamo fare il contrario?

Perché Gloria in originale non la conosce (o conosceva) nessuno.
"Più di così" è del 91!
Una bella differenza.
Non poteva semplicemente cantarla in inglese?
Poteva ma quello lo può fare chiunque (e magari lei stessa lo aveva già fatto), mentre farne una versione in italiano è una cosa diversa ed originale (poi può piacere o meno come qualsiasi canzone o cover "rivisitata").

PS: comunque Gloria, in italiano, aveva scalato le classifiche europee quindi proprio sconosciuta non era; ma se vuoi un esempio più calzante rispetto a questo possiamo citare "Volare"; anche quella ha avuto varie versioni "localizzate" ed alle volte il risultato è stato apprezzabile (ma chi le ha fatte non pretendeva certo di sostituirsi all'originale)
  • markelly2
  • Membro: Expert
  • Risp: 3170
  • Loc:
  • Status:
  • Thanks: 247  

10-08-21 14.53

maxpiano69 ha scritto:
comunque Gloria, in italiano, aveva scalato le classifiche europee quindi proprio sconosciuta non era

Ma la Branigan la rese famosa in America.
Comunque anche Gloria in inglese, e molte altre canzoni tradotte nel mondo, sono mosse commerciali per me discutibili.
  • MicheleJD
  • Membro: Senior
  • Risp: 435
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 91  

10-08-21 16.43

Io trovo sempre molto interessanti le cover in italiano di successi stranieri. Per la carità alcune mi piacciono di più, altre di meno, ma le ascolto sempre con curiosità.
in particolare mi piacciono tutte quelle cover incise in italia tra la fine degli anni 60 e gli inizi degli anni 70 da tutti quei gruppetti che suonavano nei locali da ballo e poi molti divenuti famosi (cito uno fra tutti i dik dik, gruppo che adoro e che con la loro Senza Luce stupirono i Procol Harum per la marea di royalties che gli fecero guadagnare).
Poi vabbè per me c’è anche tutto un aspetto nostalgico perché molte di queste cover erano i dischi di mio padre, che ascoltavamo insieme.
  • markelly2
  • Membro: Expert
  • Risp: 3170
  • Loc:
  • Status:
  • Thanks: 247  

10-08-21 18.13

@ MicheleJD
Io trovo sempre molto interessanti le cover in italiano di successi stranieri. Per la carità alcune mi piacciono di più, altre di meno, ma le ascolto sempre con curiosità.
in particolare mi piacciono tutte quelle cover incise in italia tra la fine degli anni 60 e gli inizi degli anni 70 da tutti quei gruppetti che suonavano nei locali da ballo e poi molti divenuti famosi (cito uno fra tutti i dik dik, gruppo che adoro e che con la loro Senza Luce stupirono i Procol Harum per la marea di royalties che gli fecero guadagnare).
Poi vabbè per me c’è anche tutto un aspetto nostalgico perché molte di queste cover erano i dischi di mio padre, che ascoltavamo insieme.
Quello fatto allora è un'altra storia.
A quei tempi era difficile se non impossibile procurarsi certi dischi, mentre era più facile sentire alla radio la cover tradotta, di cui spesso si ignorava l'esistenza di un originale.
Erano altri tempi.
  • MicheleJD
  • Membro: Senior
  • Risp: 435
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 91  

10-08-21 18.19

@ markelly2
Quello fatto allora è un'altra storia.
A quei tempi era difficile se non impossibile procurarsi certi dischi, mentre era più facile sentire alla radio la cover tradotta, di cui spesso si ignorava l'esistenza di un originale.
Erano altri tempi.
pienamente d accordo!!!
..inoltre, non vorrei pero’ essere tacciato di blasfemia, tante volte per me le cover italiane (fine anni 60’/inizio anni 70’) erano anche migliori….
Audio più raffinato, arrangiamenti orchestrali di contorno… si vedeva che dietro c erano delle case discografiche che pilotavano il tutto e facevano un prodotto in grado di promuovere l artista.
Inoltre era una italia con una scolarizzazione differente… canzoni in italiano erano comprensibili da tutti e canticchiabili facilmente, e anche questo contribuisce al successo di un brano pop
  • maxpiano69
  • Membro: Supporter
  • Risp: 20044
  • Loc: Torino
  • Status:
  • Thanks: 2228  

10-08-21 18.41

@ markelly2
maxpiano69 ha scritto:
comunque Gloria, in italiano, aveva scalato le classifiche europee quindi proprio sconosciuta non era

Ma la Branigan la rese famosa in America.
Comunque anche Gloria in inglese, e molte altre canzoni tradotte nel mondo, sono mosse commerciali per me discutibili.
Ah beh sicuramente, si tratta sempre di musica "pop/commerciale" alla fine, di sicuro la Branigan con Gloria ha avuto più successo della Zanicchi (almeno, personalmente ignoravo che esistesse quella versione e se non ci fosse stato questo thread ed il prode jeedo a linkarla, avrei continuato a vivere tranquillo ignorandola emo)
  • markelly2
  • Membro: Expert
  • Risp: 3170
  • Loc:
  • Status:
  • Thanks: 247  

11-08-21 08.06

@ maxpiano69
Ah beh sicuramente, si tratta sempre di musica "pop/commerciale" alla fine, di sicuro la Branigan con Gloria ha avuto più successo della Zanicchi (almeno, personalmente ignoravo che esistesse quella versione e se non ci fosse stato questo thread ed il prode jeedo a linkarla, avrei continuato a vivere tranquillo ignorandola emo)
In realtà non sappiamo ancora se quella è la versione sentita da noname emo
  • noname
  • Membro: Senior
  • Risp: 242
  • Loc:
  • Status:
  • Thanks: 58  

21-08-21 14.09

@ jeedo
Probabilmente hai ascoltato QUESTA versione.

emo
grazie 1000, mi ero perso questa discussione
  • Dadopotter
  • Membro: Expert
  • Risp: 1349
  • Loc: Torino
  • Status:
  • Thanks: 92  

19-09-21 08.18

@ maxpiano69
Poteva ma quello lo può fare chiunque (e magari lei stessa lo aveva già fatto), mentre farne una versione in italiano è una cosa diversa ed originale (poi può piacere o meno come qualsiasi canzone o cover "rivisitata").

PS: comunque Gloria, in italiano, aveva scalato le classifiche europee quindi proprio sconosciuta non era; ma se vuoi un esempio più calzante rispetto a questo possiamo citare "Volare"; anche quella ha avuto varie versioni "localizzate" ed alle volte il risultato è stato apprezzabile (ma chi le ha fatte non pretendeva certo di sostituirsi all'originale)
erano mode di altri tempi e condivido con te l’analisi!

ricordo un “pregherò” di Celentano, un “senza luce” che tanto amano gli hanmondisti per poi citare, e qua la perla e che è l’autore stesso che ha fatto le versioni in più lingue, “she” o “lei” di aznavur!