Un parere su kurzweil k2500

  • Fabright
  • Membro: Guru
  • Risp: 6471
  • Loc: Reggio Calabria
  • Status:
  • Thanks: 177  

03-12-08 10.00

@ eminenza67
Fabright ha scritto:
Io mi trovo molto bene con le korg per suonarci i Pink Floyd e ti dirò che alcuni suoni si avvicinano molto di più su queste macchine che sulle kurzweil stesse.

Giustamente,se uno si impegna le sonorità le può tirare fuori quasi da tutti i synth,ma dire che le Kurz non servono per fare i Floyd mi sembra esageratoemo
Gli esagerati sono quelli che comprano solo Kurzweil per fare Pink Floyd.emo
Il problema è la difficoltà di domare la VAST,chiaro che un Carin potrebbe tirare i fuori i suoni che vuole da qualsiasi macchina ma lo fa sulle kurzweil sia perchè sono estremamente potenti ,ma lui le sa programmare bene,sia perchè qualche soldino glielo danno.emo
Tornando a noi,sicuramente è una bella macchina però tieni conto che a 76 tasti ci sono molte tastiere più versatili e leggere (pesa 25 kg con tasto semipesato).Ciao
  • anonimo

03-12-08 13.21

@ tastotosto
La ragione della mia richiesta era sopratutto avere dei dettagli su una macchina che non conosco,
piuttosto che avere un kurw solo per fare i pink floyd,
chi meglio di me questo lo sà dato che cerco di imitarli utilizzando strumenti non certamente di primo livello e di casa costruttrice diversa.
Però vorrei chiede se lecito ai piu' esperti che differenza c'è tra gli strings Yamaha e Kurzweil?emo
posso dirti che gli strings dei kurz K2xxx residenti nella ROM sono marcatamente orchestrali , io che uso prevalentemente strings syntetici tipo analogico/pad ho dovuto importarli con campionamenti esterni perche' secondo me anche smanettando con la vast sui campioni interni quei suoni non escono.
  • kyma1999

03-12-08 14.52

il fatto che un oscillatore tipo supersaw/unison etc...cioè una saw che suona come 7/8/9 saws leggermente scordate (utilissima per fare quel tipo di suoni) nn c'è nella VAST prima serie, mentre pare sia stata messa nella pc3x..anche se cmq è possibile simularla con una catena DSP giusta e piu layers...però nn sarà mai la stessa cosa chiaramente.

Nella libreria su floppy però, nella sezione Juno c'erano dei samples piccoli in grado di essere caricati anche su macchine cn soli 2 mega di sample ram, che avevano quel tipo di campioni di cui si parla....da quelli si riesce a farlo abbastanza bene.

Cmq sn domande molto difficili da rispondere,quelle tipo "che differenza ha il suono x da quello della tastiera y" etc....
L'unico consiglio a mio parere sano, è: provale...provale entrambe, anche altri synth xkè solo tu puoi rispondere a simili domande...e nn prendere mai come esempio quello che senti sui palchi di gente come i pink floyd o peter gabriel con le kurzweil, dove il loro synth nn va al mixerino behringer o mackie che trovi nei locali...ma passa attraverso una serie di cose che gia ti cambiano il risultato da cosi a cosi, senza contare che quelli hanno fior di di tecnici che lavorano per loro durante i live.
Edited 3 Dic. 2008 13:53
  • tastotosto
  • Membro: Expert
  • Risp: 1665
  • Loc: Cagliari
  • Status:
  • Thanks: 101  

05-01-10 01.05

Kyma1999 ha scritto:
L'unico consiglio a mio parere sano, è: provale...provale

Fosse facile!emo
  • FranzBraile
  • Membro: Expert
  • Risp: 2912
  • Loc: Varese
  • Status:
  • Thanks: 254  

09-09-20 18.38

Uso questo Thread per non aprirne un altro....

"oggi" quanto vale un K2500-88 espanso 128Mb ????
  • 1paolo
  • Membro: Expert
  • Risp: 1829
  • Loc: Cuneo
  • Status:
  • Thanks: 76  

09-09-20 19.52

@ FranzBraile
Uso questo Thread per non aprirne un altro....

"oggi" quanto vale un K2500-88 espanso 128Mb ????
Avevo una k2500 76 e ero riuscito a venderla dopo 3 anni dall’acquisto allo stesso prezzo: 800 euro nel 2013.. oggi vale ancora 5/600 mentre la 88 non e’ molto richiesta per il suo enorme peso.. credo possa valere non più di 700 euro
  • FranzBraile
  • Membro: Expert
  • Risp: 2912
  • Loc: Varese
  • Status:
  • Thanks: 254  

09-09-20 20.18

@ 1paolo
Avevo una k2500 76 e ero riuscito a venderla dopo 3 anni dall’acquisto allo stesso prezzo: 800 euro nel 2013.. oggi vale ancora 5/600 mentre la 88 non e’ molto richiesta per il suo enorme peso.. credo possa valere non più di 700 euro
Infatti... chiedono proprio 700.
Non che mi interessi più di tanto, riconoscendole però il valore qualitativo.
Ho visto un annuncio e mi son chiesto... me la compro?
Ma alla fine prevale il buon senso... emo
  • 1paolo
  • Membro: Expert
  • Risp: 1829
  • Loc: Cuneo
  • Status:
  • Thanks: 76  

09-09-20 20.39

@ FranzBraile
Infatti... chiedono proprio 700.
Non che mi interessi più di tanto, riconoscendole però il valore qualitativo.
Ho visto un annuncio e mi son chiesto... me la compro?
Ma alla fine prevale il buon senso... emo
Piuttosto una pc3k8..a circa 1000€
  • orange1978
  • Membro: Supporter
  • Risp: 9892
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 635  

16-09-20 08.50

eh che belli i tempi in cui mi chiamavo KYMA...

con la K2500 ci ho registrato quasi un intero album, avevo dal 1998 mi pare una K2500X, senza kdfx ma con le espansioni rom1/2/3, pesantissima 32,5 kg usata pochissimo dal vivo dove alla fine mi portavo sempre una o due K2000, pesavano meno che portarmi la 2500 ahaha.
quando la comprai usata (che costò comunque quasi 5 milioni di lire), mi dissero ah è come avere due K2000 in una sola macchina, ed era vero per certi versi, però non considerai il peso e le dimensioni, faticava anche ad entrare nella maggior parte delle auto con cui ci si spostava a prove, concerti etc....meno male che non le avevo vendute!

nel 2003 se non ricordo male ho venduto la 2600 per passare alla K2600X nuova, con le espansioni complete (anche in seguito la piano e la electric keys), bellissimi strumenti, in quasi tutte le situazioni dove ho registrato e prodotto li ho usati, però il mio vero amore rimane il K2000 anche se piu limitato non so dire il perche, suona piu sporco, piu simile a un D50, piu cupo ecco, mentre sopratutto la K2600 suona decisamente piu pulita e hi fi ma a mio parere un pochino piu freddina (sarà anche la mancanza del vecchio rumoroso effetto digitech).

la K2500 è un po un ponte tra i due mondi, ha un suono molto hi fi e tipico di un sampler di fascia altissima (akai, emu) combinato con la potenza di sintesi di una macchina tipo sy99, anzi molto molto di piu, purtroppo però la sintesi è identica al K2000, tutt'altro che limitata ma manca il triple modular processing cioe la possibilità di creare programmi in cui un layer puo andare in cascata con altri due layers e non solo vivere come entità isolate, per esempio con la 2600 si puo processare un pianoforte con 5/6 filtri lowpass tipo emu morpheus, o fare altre cose del genere.

tutto questo è stato sviluppato e ampliato con la Pc3/Pc4 grazie alla Dynamic Vast/Cascade Mode in cui in teoria ogni layer puo comunicare con un altro, quindi non si ha piu il limite di tre layers in cascata ma volendo è possibile processare un onda attraverso 32 layers in cascata, o fare sofisticati routing che combinano parallel processing in svariati modi, roba per sound designers esperti e pazienti...era addirittura possibile emulare la fm in questo modo con 6/8 operatori (ora non piu necessario dato che hanno introdotto l'algoritmo fm nella pc4).
  • michelet
  • Membro: Supporter
  • Risp: 15136
  • Loc: Venezia
  • Status:
  • Thanks: 1923  

16-09-20 09.03

Kurzweil è un marchio che mi ha affascinato, da sempre. Poi, un po’ per pavidità un po’ per pigrizia, non ho mai acquistato nulla. La vita è veramente breve, non c’è mai tempo abbastanza per comporre o programmare i sintetizzatori. Bisogna sempre fare una scelta, perché le ore da dedicare alla musica sono limitate e tutto non è possibile fare... a meno di non vivere di rendita.
Di conseguenza, avendo già sintetizzatori e workstation “impegnativi” ho accantonato l’idea di avere nel mio setup anche Kurzweil, perché un’idea che rifiuto a priori è proprio quella di non premere mai il tasto EDIT.
Un altro motivo che mi ha tenuto lontano dalla serie K25 e 26xx è la relativa scarsa polifonia e la presenza del protocollo SCSI, notoriamente farraginoso e capriccioso, oltre che lento. Cavi, accessori e periferiche di questo protocollo ormai fanno parte di una recente preistoria. Come dicevo, la vita è breve e non voglio sprecarla trafficando con simili apparecchiature.
  • orange1978
  • Membro: Supporter
  • Risp: 9892
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 635  

16-09-20 09.10

@ FranzBraile
Infatti... chiedono proprio 700.
Non che mi interessi più di tanto, riconoscendole però il valore qualitativo.
Ho visto un annuncio e mi son chiesto... me la compro?
Ma alla fine prevale il buon senso... emo
è comunque uno strumento incredibile, a parte la gente che parla a vanvera e manco sa cosa sia perche ovviamente non la conosce (ma del resto qui è la normalità), la k2500 ha delle cose che nemmeno la serie nuova possiede, il problema è che non sono di serie e trovare i pezzi per abilitarle non è facilissimo.

per esempio, la Pc3k non è un SAMPLER, ma un sampler player ossia i campioni vanno su una flash rom e rimangono anche quando spegni lo strumento...però la scrittura è lentissima, mentre il 2500 è un vero campionatore, quando la spegni i campioni vanno persi però in studio sopratutto se abbinata a un emulatore floppy usb puo caricare e fare molto velocemente il preview dei suoni, dal vivo meglio forse la pc3k (piu compatta, gli metti i suoni che vuoi e sei a posto, non si cancellano piu), in studio dove invece era normale un tempo caricare librerie akai da cd o da hard disc la velocità di caricamento è un punto a suo favore (senza contare che se hai la scheda campionatore puoi campionare dalla macchina sia attraverso ingressi analogici che digitali).

altra chicca, se hai la scheda campionatore e OS 4.0 almeno (tanto è free), si puo attivare il LIVE MODE,ossia la possibilità di processare una sorgente realtime con la VAST, non con gli effetti KDFX....proprio con gli algoritmi e le funzioni DSP della vast, tipo processare un hammond b3 attraverso degli shapers o il wrap, o il filtro a doppio picco risonante (twin peaks filter).
questa caratteristica è totalmente abbandonata anche nella nuova pc4, e faceva del k2500 un vero processore multieffetto che nulla aveva da invidiare a macchine toste come ensoniq dp4 o eventide h3000, non era raro vedere in studio dei K2500RS usati anche per processare l'audio sia attraverso la vast che attraverso il kdfx, certo dato i costi e la complessità si tratta di funzioni ancora da esplorare nelle loro potenzialità, un po come la afm della yamaha sy99 mai esplorata del tutto.
  • orange1978
  • Membro: Supporter
  • Risp: 9892
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 635  

16-09-20 09.18

michelet ha scritto:
Un altro motivo che mi ha tenuto lontano dalla serie K25 e 26xx è la relativa scarsa polifonia


....ma cosa stai dicendo??!! la K2500 ha 192 note di polifonia, 48 PCM piu gli oscillatori DSP (che non mangiano voci extra), questo significa che se suoni 48 voci in un layer con 4 oscillatori (1 pcm e 3 dsp) non suonano 12 voci ma sempre 48! ....e sarebbero poche? va che è uscita nel 1995...inoltre l'algoritmo voice stealing del K2000/2500 è formidabile, difficilissimo fargli segare le note, puoi ma ti devi impegnare.

michelet ha scritto:
a presenza del protocollo SCSI, notoriamente farraginoso e capriccioso,

lento? si certo....ci hanno gestito gli studi di registrazione per 25 anni con lo SCSI, proprio na ciofeca!
e comunque non ti serve, ci sono gli emulatori floppy che funzionano benissimo e ti consentono di caricare i campioni via usb, non cè piu bisogno di montare periferiche scsi esterne o interne come un tempo.

inoltre nel 2020 i campioni si caricano con logic, kontakt, halion, falcon....non con le workstations (sopratutto in studio).
al massimo si caricano forme d'onda particolari, roba che in 8 mega ci sta gia il mondo, nessuno userebbe oggi un k2500 per caricarci le librerie akai di violini o pianoforti ahaha, quindi a che ti serve la scsi? puoi benissimo lavorare con dei dischetti o fare i dump sysex.

michelet ha scritto:
La vita è veramente breve, non c’è mai tempo abbastanza per comporre o programmare i sintetizzatori


se si impara ad usare la sintesi vast si puo emulare quasi tutto il resto, cè gente che ancora oggi dal K2000 liscio senza alcuna espansione o campione importato ci tira fuori suoni potentissimi, degni di un vero analogico polifonico, la 2500 era una vera macchina professionale concepita per offrire il meglio senza alcun compromesso sia in live che in studio, dopo di quella c'era solo il synclavier (che gia era in decadenza).

PS a non avere una kurzweil non è che ti sei perso un marchio affascinante, proprio ti sei perso il sintetizzatore per eccellenza piu avanzato di tutti i tempi.
  • Macios
  • Membro: Senior
  • Risp: 381
  • Loc: Forlì e Cesena
  • Status:
  • Thanks: 31  

16-09-20 09.27

@ orange1978
michelet ha scritto:
Un altro motivo che mi ha tenuto lontano dalla serie K25 e 26xx è la relativa scarsa polifonia


....ma cosa stai dicendo??!! la K2500 ha 192 note di polifonia, 48 PCM piu gli oscillatori DSP (che non mangiano voci extra), questo significa che se suoni 48 voci in un layer con 4 oscillatori (1 pcm e 3 dsp) non suonano 12 voci ma sempre 48! ....e sarebbero poche? va che è uscita nel 1995...inoltre l'algoritmo voice stealing del K2000/2500 è formidabile, difficilissimo fargli segare le note, puoi ma ti devi impegnare.

michelet ha scritto:
a presenza del protocollo SCSI, notoriamente farraginoso e capriccioso,

lento? si certo....ci hanno gestito gli studi di registrazione per 25 anni con lo SCSI, proprio na ciofeca!
e comunque non ti serve, ci sono gli emulatori floppy che funzionano benissimo e ti consentono di caricare i campioni via usb, non cè piu bisogno di montare periferiche scsi esterne o interne come un tempo.

inoltre nel 2020 i campioni si caricano con logic, kontakt, halion, falcon....non con le workstations (sopratutto in studio).
al massimo si caricano forme d'onda particolari, roba che in 8 mega ci sta gia il mondo, nessuno userebbe oggi un k2500 per caricarci le librerie akai di violini o pianoforti ahaha, quindi a che ti serve la scsi? puoi benissimo lavorare con dei dischetti o fare i dump sysex.

michelet ha scritto:
La vita è veramente breve, non c’è mai tempo abbastanza per comporre o programmare i sintetizzatori


se si impara ad usare la sintesi vast si puo emulare quasi tutto il resto, cè gente che ancora oggi dal K2000 liscio senza alcuna espansione o campione importato ci tira fuori suoni potentissimi, degni di un vero analogico polifonico, la 2500 era una vera macchina professionale concepita per offrire il meglio senza alcun compromesso sia in live che in studio, dopo di quella c'era solo il synclavier (che gia era in decadenza).

PS a non avere una kurzweil non è che ti sei perso un marchio affascinante, proprio ti sei perso il sintetizzatore per eccellenza piu avanzato di tutti i tempi.
Anche se non capisco niente è sempre un piacere leggerti emo
  • orange1978
  • Membro: Supporter
  • Risp: 9892
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 635  

16-09-20 09.30

Fabright ha scritto:
Gli esagerati sono quelli che comprano solo Kurzweil per fare Pink Floyd.


piu che esagerati sono abbastanza ridicoli, che poi i pink floyd non hanno mai usato kurzweil a parte the division bell e pulse, cioe parliamo di due tre cd in una carriera iniziata negli anni 60 (anche perche ai tempi di meddle o dark side, non esisteva nemmeno kurzweil), quindi io personalmente non definirei la kurzweil il "core sound" dei pink floyd, semmai l'organo farfisa, l'ems synthi/vcs3, qualche string machine (non so cosa usassero e non me ne frega molto).

Fabright ha scritto:
ma lui le sa programmare bene,sia perchè qualche soldino glielo danno

ma sa programmare cosa che è un impedito, ma dove....ma proprio non ci siamo, te li farei sentire io quelli che la sanno programmare davvero.

Fabright ha scritto:
Il problema è la difficoltà di domare la VAST

non è difficile imparare la vast, anzi è molto facile secondo me perche è un interfaccia talmente logica, talmente ben concepita, che se si conoscon le basi su come un sintetizzatore modulare genera un suono ci si trova subito a proprio agio, trovo molto piu illogiche certe interfacce korg o yamaha (dove veramente non si capisce nulla)

poi, almeno ai tempi gloriosi, la documentazione era favolosa, il manuale del K2000 non solo spiegava nel dettaglio tutte le funzioni dsp ma per ognuna c'erano grafici dove ti mostravano a livello matematico cosa facevano alle frequenze, la loro risposta insomma, era quasi un manuale per imparare il sintetizzatore, non ne fan piu di manuali cosi oggi.
  • orange1978
  • Membro: Supporter
  • Risp: 9892
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 635  

16-09-20 09.47

un altra chicca sulla K2500....

mi auguro voi sappiate cosa sono termini come ADAT, SPDIF, MADI, etc...sono protocolli multicanale digitali, in alcuni casi anche 64 canali I/O, in pratica solitamente da un solo cavo si inviano e/o ricevono diversi canali audio digitali in parallelo, ad esempio ADAT creato dalla alesis per i suoi registratori e tutt'oggi in uso su moltissimi convertitori/schede audio utilizza un ingresso ottico normalmente usato per il TOSLINK, e invia o riceve (a seconda se sia un uscita o un ingresso) fino a 8 canali a 48Khz/24 bit, oppure con lo SMUX fino a 4 ma a 96Khz (in pratica si dimezzano ma si raddoppia la frequenza di sampling).

perche vi dico questo? ....perche con la K2500 la kurzweil ebbe la pazza idea di creare un suo formato proprietario detto KDS, ossia un protocollo basato su una porta simile a quelle del joystick abbinato a un oscura interfaccia detta DMTi che non era altro che un convertitore di formati audio digitali e sincronizzatore BNC.

permetteva ad esempio di interfacciare la tastiera con un costoso registratore digitale su nastro (come sony dash o il tascam dm88), gestiva quattro canali in uscita e quattro in entrata, una robaaaa sofisticatissimaaaa (e costosa...) che pur non avendo avuto molto successo dato il prezzo, ci da un idea della professionalità che questi strumenti avevano, non c'era sul mercato nulla del genere (a parte prodotti ultra pro come pro tools mix, sonic solutions, sadie, che niente avevano a che fare con le tastiere)
  • orange1978
  • Membro: Supporter
  • Risp: 9892
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 635  

16-09-20 09.56

@ kyma1999
tastotosto ha scritto:
- facilità d'uso; caratteristiche generali,


nn è difficile, se capisci la logica della macchina, ma è un synth estremamente complesso....cn tanti parametri e numerose possibilità e livelli di utilizzo, dato che è una combinazione verstilissima di campionatore ai massimi livelli, multisintesi cn waves pcm e dsp in grado di emulare addittiva, fm, vector, etc....oltre che un porcessore multieffetto molto avanzato e una sezione sequencer a 32 tracce.

tastotosto ha scritto:
- da utilizzare per genere Pink Floyd, Pfm rock anni 70,

nn si ferma sl a quel tipo di utilizzo

tastotosto ha scritto:
- da utilizzare come unica tastiera.... dove fosse possibile

perchè no....

tastotosto ha scritto:
- da sposare con korg e/o yamaha


domanda senza senso...che cacchio significa? qualunque synth puo sposarsi cn tutti....dipende da cosa ti serve e cosa vuoi ottenere....
eh caro Kyma, avevo proprio ragione.....! avevi....ehm...avevo o avevi??? che sto parlando di me stesso e a me stesso come maradona?

(...e la cosa buffa è che saranno passati dieci anni almeno se non di piu, ma le domande sono sempre le stesse! si possono fare i suoni dei pink floyd? è difficile da programmare la vast? non è cambiato assolutamente nulla)
  • michelet
  • Membro: Supporter
  • Risp: 15136
  • Loc: Venezia
  • Status:
  • Thanks: 1923  

16-09-20 13.28

orange1978 ha scritto:
PS a non avere una kurzweil non è che ti sei perso un marchio affascinante, proprio ti sei perso il sintetizzatore per eccellenza piu avanzato di tutti i tempi.

Me ne farò una ragione.