A 17 anni devo trovare la mia strada?

  • Supermario_jazz

23-04-09 20.12

@ giannirsc
SavateVoeanti ha scritto:
la differenza tra chi riesce a sfondare e chi no sta soprattuto nei contatti con le parsone giuste che lavorano gia nell'ambito!


..saggie parole..come il dottore che fa entrare anche il figlio nella clinica..o il direttore di banca che porta dentro parenti e amici..purtroppo funziona così..quante volte mi son sentito dire.."l'importante è entrare nel giro"..ed è proprio vero..altro che bravura o capacità personale..emo
Bisogna capire cosa si intende per essere musicisti (e questo si riallaccia anche al discorso di sopra riguardo a quanto costa diventare un virtuoso) .Se per te essere musicista equivale a fare musica leggera avendo come primo ed unico scopo quello di vendere o andare in televisione, allora ti dò ragione.
Ma ci sono altre persone (io tra questi) che vedono, sentono e fanno la musica come pura forma d'arte a prescindere dal lato commerciale e cercano ogni giorno di migliorare il loro livello tecnico per potersi poi esprimere in maniera sempre più evoluta.E tutto questo fregandosene del lato commerciale (tengo a precisare che faccio il musicista jazz professionalmente)

SMJ
Edited 23 Apr. 2009 18:13
  • giannirsc
  • Membro: Supporter
  • Risp: 12490
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 742  

23-04-09 20.13

opinioni..ogniuno ha la sua idea..non parlo di arrivare al livello dei mostri sacri..di gente che che passa 10 ore al giorno davanti ad uno strumento (e che se gli chiedi di far la spesa si impicca)..ma per suonare bene..abbastanza bene uno strumento non bisogna essere dei geni..basta la voglia di apprendere e passione..e per suonare bene intendo fare il professionista..turnista..etc..
  • Supermario_jazz

23-04-09 20.25

@ giannirsc
opinioni..ogniuno ha la sua idea..non parlo di arrivare al livello dei mostri sacri..di gente che che passa 10 ore al giorno davanti ad uno strumento (e che se gli chiedi di far la spesa si impicca)..ma per suonare bene..abbastanza bene uno strumento non bisogna essere dei geni..basta la voglia di apprendere e passione..e per suonare bene intendo fare il professionista..turnista..etc..
alt... non puoi paragonare un musicista mediocre con un ingegnere di robotica come hai fatto prima.
Se mi parli di ingegneri di robotica allora me li devi paragonare a dei musicisti virtuosi e non a dei musicisti mediocri (logicamente intedo il lavoro che ci vuole per diventare un ingegnere robotico e quello che ci vuole per diventare un musicista virtuoso)
In parole povere non mi puoi paragonare il lavoro che ci vuole per giocare in serie A di calcio con quello che ci vuole per giocare in serie C di palla a volo.Il paragone va fatto con le stesso livello (categoria) di entrambe le discipline
Edited 23 Apr. 2009 18:29
  • giannirsc
  • Membro: Supporter
  • Risp: 12490
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 742  

23-04-09 21.19

no..io paragono un musicista di elevato livello con uno studioso di robotica..ingegneria..medicina etc..credo che lo studio della musica sia meno difficile di quello di una qualsiasi disciplina universitaria..e credo sia questo il motivo per cui non esiste una laurea in musica ma solo attestati o diplomi..e la dimostrazione lo è il fatto che alcuni grandissimi musicisti sono autodidatti..
  • Supermario_jazz

23-04-09 21.23

@ giannirsc
no..io paragono un musicista di elevato livello con uno studioso di robotica..ingegneria..medicina etc..credo che lo studio della musica sia meno difficile di quello di una qualsiasi disciplina universitaria..e credo sia questo il motivo per cui non esiste una laurea in musica ma solo attestati o diplomi..e la dimostrazione lo è il fatto che alcuni grandissimi musicisti sono autodidatti..
sei totalmente fuori strada e te lo dico da insegnante di jazz emo
  • Supermario_jazz

23-04-09 21.46

ho spostato la nostra discussione totalmente OT nella sezione musica e dintorni
  • SavateVoeanti
  • Membro: Expert
  • Risp: 2103
  • Loc: Venezia
  • Status:
  • Thanks: 101  

23-04-09 22.21

probabilmente il tipo di difficoltà è diversa, piu che il livello di difficoltà,
quello del pianista è una questione di concentrazione, tatto, sensibilità ricordare le note, ecc..
Per cui è uno studio piu sul tuo corpo piu che sulla musica(al dila della teoria e solfeggio che li impari e basta)

e quello dellingeniere è una questione piu sul capire come si fa, ricordarsi piu regole di quante se ne ritrova il pianista, se non le ricordi ti riguardi il libro, e applicare, e se ci son delle difficoltà hai il tempo per riflettere e rimediare, quando invece se fai un concerto non ce lai!
  • demel
  • Membro: Senior
  • Risp: 216
  • Loc: Asti
  • Status:
  • Thanks: 7  

23-04-09 23.48

ognuna delle due discipline in questione ha le sue difficoltà se fare l'ingegnere robotico è davvero più difficile del pianoforte allora tutti gli ingegneri potrebbero suonare..io credo in una cosa che reputo fondamentale...aldilà di cosa tu voglia fare (interprete,compositore ecc.) per essere un musicista vero devi saper esprimere tutto ciò che hai dentro..ciò che io chiamo musicalità e che non tutti hanno la fortuna di avere...ed è questo ciò che distingue un musicista che si limita ad eseguire cio che lo spartito dice senza spostarsi di una virgola e chi invece va aldilà di tutto ciò..quindi credetemi un ingegnere può anche essere un genio perchè ricorda migliaglia di formule a memoria ma non tutti possono permettersi di fare musica
  • SavateVoeanti
  • Membro: Expert
  • Risp: 2103
  • Loc: Venezia
  • Status:
  • Thanks: 101  

24-04-09 14.45

@ demel
ognuna delle due discipline in questione ha le sue difficoltà se fare l'ingegnere robotico è davvero più difficile del pianoforte allora tutti gli ingegneri potrebbero suonare..io credo in una cosa che reputo fondamentale...aldilà di cosa tu voglia fare (interprete,compositore ecc.) per essere un musicista vero devi saper esprimere tutto ciò che hai dentro..ciò che io chiamo musicalità e che non tutti hanno la fortuna di avere...ed è questo ciò che distingue un musicista che si limita ad eseguire cio che lo spartito dice senza spostarsi di una virgola e chi invece va aldilà di tutto ciò..quindi credetemi un ingegnere può anche essere un genio perchè ricorda migliaglia di formule a memoria ma non tutti possono permettersi di fare musica
ma allora con "fare musica" intendevi "inventarla"?
Edited 24 Apr. 2009 12:45
  • demel
  • Membro: Senior
  • Risp: 216
  • Loc: Asti
  • Status:
  • Thanks: 7  

24-04-09 16.47

nono...ho detto qualsiasi cosa tu voglia fare (compositore o anche interprete)....
  • SavateVoeanti
  • Membro: Expert
  • Risp: 2103
  • Loc: Venezia
  • Status:
  • Thanks: 101  

24-04-09 17.42

@ demel
nono...ho detto qualsiasi cosa tu voglia fare (compositore o anche interprete)....
ah giusto...

E si!
  • demel
  • Membro: Senior
  • Risp: 216
  • Loc: Asti
  • Status:
  • Thanks: 7  

24-04-09 18.35

@ SavateVoeanti
ah giusto...

E si!
Te sei diplomato in conservatorio?io sto studiando l'ottavo anno...ho preso una pausa di 10 minuti dopo aver sbattuto la testa dalle 2 sul preludio e fuga 11 di clavicembalo ben tamperatoemo
  • SavateVoeanti
  • Membro: Expert
  • Risp: 2103
  • Loc: Venezia
  • Status:
  • Thanks: 101  

24-04-09 18.53

@ demel
Te sei diplomato in conservatorio?io sto studiando l'ottavo anno...ho preso una pausa di 10 minuti dopo aver sbattuto la testa dalle 2 sul preludio e fuga 11 di clavicembalo ben tamperatoemo
hehe!
io in realtà mi sono ritirato all'8vo per svariati motivi, avevo ormai 27anni(ho cominciato tardi), ho cominciato a lavorare part time, poi full time, e ciao...non ci stavo piu dietro, anche perche non ho avuto una base di inizio giusta, i primi 4 anni li ho saltati suonando violino...eccc...è una lunga storia

e poi a 29 anni che me ne faccio di un diploma con la concorrenza che c'è? e che hanno 10 anni in meno di me?

allora mi son ritirato ed ho cominciato a suonare blues e ragtime!emo
Edited 24 Apr. 2009 16:54