Ebbene ho bisogno di un consiglio per pianoforte

  • lipzve
  • Membro: Expert
  • Risp: 2031
  • Loc: Venezia
  • Status:
  • Thanks: 41  

14-09-19 22.00

@ Dadopotter
è molto probabile che il martelletto battuto sulla corda ne riceva una forza di respinta che lo riporta verso la posizione di partenza.

Comunque una domanda a nome del forum a Parmitano sarebbe interessante...magari ci fanno anche una prova empirica emo
se fosse cosi allora neppure per i verticali servirebbero le molle visto che i martelletti sarebbero respinti. Unica prova possibile che non sia sullo spazio è di caricarlo su uno di quegli aerei che fanno su e giù per simulare la gravità zero, e in quel momento un pianista che accetti quella roba la (se lo si trova) prova a suonarlo nei pochi secondi a gravità zero
  • michelet
  • Membro: Supporter
  • Risp: 14580
  • Loc: Venezia
  • Status:
  • Thanks: 1849  

15-09-19 09.28

Disquisizioni sulla fisica del suono in assenza di gravità a parte, penso che ogni scelta corrisponda ad una rinuncia. Di conseguenza, devi avere il coraggio di tagliare con il passato, anche se potrà, inizialmente, essere doloroso. Anch’io avevo un pianoforte verticale ereditato dalla mia nonna materna. Era uno strumento di costruzione artigianale (Maltarello - Vicenza) con ancora il somiere in legno. Non è che suonasse male, dopotutto, però nel tempo era diventato impossibile da accordare. Per prima cosa lo regalai a quel Mario che conosci anche tu. Successivamente, quando lui interruppe gli studi, lo regalò al coro Polifonica Benedetto Marcello di Mestre. Non frequentando più quegli ambienti da molti anni, e avendo perso le tracce del penultimo possessore, ignoro che che fine abbia fatto il mio pianoforte.
Tutto questo per dire che, al tuo posto, non ci penserei due volte di rientrare il tuo pianoforte attuale e acquistarne uno nuovo con sistema silent nativo.
  • kurz4ever
  • Membro: Expert
  • Risp: 3564
  • Loc: Venezia
  • Status:
  • Thanks: 214  

15-09-19 10.46

@ lipzve
se fosse cosi allora neppure per i verticali servirebbero le molle visto che i martelletti sarebbero respinti. Unica prova possibile che non sia sullo spazio è di caricarlo su uno di quegli aerei che fanno su e giù per simulare la gravità zero, e in quel momento un pianista che accetti quella roba la (se lo si trova) prova a suonarlo nei pochi secondi a gravità zero
Il feltro trasforma l'energia cinetica in calore, ed in più parte dell'energia viene trasferita alle corde. Quindi il martelletto ritornerebbe in posizione ma con una entità cinetica molto più bassa di quella che aveva e di conseguenza ad una velocità minore di quella che aveva al momento della partenza
  • lipzve
  • Membro: Expert
  • Risp: 2031
  • Loc: Venezia
  • Status:
  • Thanks: 41  

15-09-19 12.25

@ michelet
Disquisizioni sulla fisica del suono in assenza di gravità a parte, penso che ogni scelta corrisponda ad una rinuncia. Di conseguenza, devi avere il coraggio di tagliare con il passato, anche se potrà, inizialmente, essere doloroso. Anch’io avevo un pianoforte verticale ereditato dalla mia nonna materna. Era uno strumento di costruzione artigianale (Maltarello - Vicenza) con ancora il somiere in legno. Non è che suonasse male, dopotutto, però nel tempo era diventato impossibile da accordare. Per prima cosa lo regalai a quel Mario che conosci anche tu. Successivamente, quando lui interruppe gli studi, lo regalò al coro Polifonica Benedetto Marcello di Mestre. Non frequentando più quegli ambienti da molti anni, e avendo perso le tracce del penultimo possessore, ignoro che che fine abbia fatto il mio pianoforte.
Tutto questo per dire che, al tuo posto, non ci penserei due volte di rientrare il tuo pianoforte attuale e acquistarne uno nuovo con sistema silent nativo.
Grazie Michele.
E' sicuramente doloroso, ma come dici occorre guardare avanti...
Certo se penso ai sacrifici che fecero i miei genitori, non solo la spesa, ma cambiare il mobilio per trovagli posto... non ne esco più. Meglio tirar giù la saracinesca del passato.
  • michelet
  • Membro: Supporter
  • Risp: 14580
  • Loc: Venezia
  • Status:
  • Thanks: 1849  

16-09-19 14.43

@ lipzve
Grazie Michele.
E' sicuramente doloroso, ma come dici occorre guardare avanti...
Certo se penso ai sacrifici che fecero i miei genitori, non solo la spesa, ma cambiare il mobilio per trovagli posto... non ne esco più. Meglio tirar giù la saracinesca del passato.
Butta via tutto e fa’ posto ad un pianoforte degno di questo nome. 🤣
  • HammonDan
  • Membro: Expert
  • Risp: 1734
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 109  

16-09-19 16.41

@ lipzve
Grazie Michele.
E' sicuramente doloroso, ma come dici occorre guardare avanti...
Certo se penso ai sacrifici che fecero i miei genitori, non solo la spesa, ma cambiare il mobilio per trovagli posto... non ne esco più. Meglio tirar giù la saracinesca del passato.
Questo tuo post fa scendere le lacrime.
Quanto ti capisco…
io vado controcorrente….non riuscirei a liberarmi di quel pianoforte.
Un abbraccio virtuale
  • maxpiano69
  • Membro: Supporter
  • Risp: 17062
  • Loc: Torino
  • Status:
  • Thanks: 1627  

16-09-19 16.46

@ HammonDan
Questo tuo post fa scendere le lacrime.
Quanto ti capisco…
io vado controcorrente….non riuscirei a liberarmi di quel pianoforte.
Un abbraccio virtuale
Idem, piuttosto che dar via il mio Kawai per un silent (come inizialmente volevo fare, qualche anno fa) ho preso la VPC1, a costo di suonarlo poche volte l'anno "lui" non si tocca. Ma sono scelte personali e del momento, chissá se la penseró ancora cosí in futuro... l'importante é ascoltare se stessi.
  • paolo_b3
  • Membro: Expert
  • Risp: 5457
  • Loc: Ravenna
  • Status:
  • Thanks: 250  

16-09-19 17.20

@ lipzve
Grazie Michele.
E' sicuramente doloroso, ma come dici occorre guardare avanti...
Certo se penso ai sacrifici che fecero i miei genitori, non solo la spesa, ma cambiare il mobilio per trovagli posto... non ne esco più. Meglio tirar giù la saracinesca del passato.
Anche io mi affeziono molto alle cose ed al suo valore affettivo. Però è un errore, e me ne sono reso conto. Credo sia giusto cambiarlo.
Se i tuoi genitori hanno fatto un sacrificio per farti avere un pianoforte credo sarebbero contenti sapendo che ne hai fatto buon uso e sei giunto al punto che senti l'esigenza di avere qualcosa di migliore.

  • giosanta
  • Membro: Expert
  • Risp: 2158
  • Loc: Benevento
  • Status:
  • Thanks: 128  

16-09-19 18.34

lipzve ha scritto:
"...A casa di mio padre, che purtroppo non c'è più, ho quello che mi avevano regalato per la promozione nell'80..."

Scusa se mi permetto ma, secondo me, tuo padre ti ha regalato il "il concetto del pianoforte", al di la dell'oggetto fisico. Questo viceversa, come tale, ha una sua fine e bisogna pragmaticamente accettarla. Magari se si ha la possibilità e la voglia di trasformare la casa in un museo (la prima bici, la prima automobile ecc.) si può anche tenere tutto, viceversa occorre prendere atto della realtà.
  • lipzve
  • Membro: Expert
  • Risp: 2031
  • Loc: Venezia
  • Status:
  • Thanks: 41  

16-09-19 18.36

Avete in effetti ragione tutti, Da chi dice di cambiarlo, a chi lo terrebbe per nostalgia.
E lo sapevo dall'inizio altrimenti non avrei aperto questa discussione... Anche a me scenderebbero le lacrime sapendo di perderlo, lo regalerei a una persona cara, così non lo perderei di vista, ma a una coppia che vive in appartamento con vicini problematici ho già regalato il verticale digitale, e infatti il problema degli acustici rispetto ai coda è proprio questo.

Gli acustici vanno normalmente infilati negli appartamenti e vi sono problemi di orari.
Quelli "con la coda" vanno a finire normalmente in villini o case a schiera dove normalmente i rapporti con il vicino sono più rilassati. Normalmente...

Poi c'è di mezzo l'estetica, uno verticale lo appoggi al muro quello con la coda non puoi sacrificarlo in una stanza piccola, ha bisogno di essere guardato da lontano, come nei film americani che in quelle ville lo vedi in fondo.

io non vorrei mai una "stanza Firenze", le chiamo così per via dello stupendo duomo sacrificato in una piazza che per vederlo devi andare in collina...
Fine OT
  • Pippo18
  • Membro: Guest
  • Risp: 128
  • Loc:
  • Status:
  • Thanks: 7  

16-09-19 18.43

@ maxpiano69
Idem, piuttosto che dar via il mio Kawai per un silent (come inizialmente volevo fare, qualche anno fa) ho preso la VPC1, a costo di suonarlo poche volte l'anno "lui" non si tocca. Ma sono scelte personali e del momento, chissá se la penseró ancora cosí in futuro... l'importante é ascoltare se stessi.
+1
Quoto al 100%

Inoltre ho "imparato", con il tempo, che i pianoforti acustici sono "sempre" scordati (nel senso che per suonare bene avrebbero bisogno di un accordatura ogni pochi mesi).
Un vpc1 (o simile, anche se dubito ci sia di meglio sul digitale) con pianoteq, alla fine, dà un una gran bella soddisfazione.
E quando si deve fare musica con i figli o gli amici il Piano "storico" è più che sufficiente.
Ovviamente mia personale opinione.
  • lipzve
  • Membro: Expert
  • Risp: 2031
  • Loc: Venezia
  • Status:
  • Thanks: 41  

16-09-19 19.04

@ Pippo18
+1
Quoto al 100%

Inoltre ho "imparato", con il tempo, che i pianoforti acustici sono "sempre" scordati (nel senso che per suonare bene avrebbero bisogno di un accordatura ogni pochi mesi).
Un vpc1 (o simile, anche se dubito ci sia di meglio sul digitale) con pianoteq, alla fine, dà un una gran bella soddisfazione.
E quando si deve fare musica con i figli o gli amici il Piano "storico" è più che sufficiente.
Ovviamente mia personale opinione.
Fra l'altro, come gia detto, il mio tiene l'accordatura alla grande
  • steeveJ
  • Membro: Senior
  • Risp: 633
  • Loc:
  • Status:
  • Thanks: 21  

16-09-19 19.45

@ lipzve
Ma dai neanche la soddisfazione....
e va beh, per coloro non l'avessero capita, i martelletti di un verticale tornano al loro posto grazie alle molle, mentre quelli del piano "con la coda" cadono per gravità.
In una ipotetica base lunare la cui gravità è 1/6 di quella terrestre, facile che il tasto, una volta premuto, rimanga premuto o torni indietro troppo lentamente per poter essere suonato.

Quindi il verticale funziona non solo sulla luna, ma anche a gravità zero (ovviamente in un ambiente con aria, chiariamolo).
corretto, ma potrebbe essere più problematico suonarlo un pianoforte in assenza di gravita' ... già stare seduti su un panchetto si farebbe piuttosto fatica, ma credo che il problema più rilevante sia quello di riuscire a respirare su una base lunare dato che l'aria mi risulta ci sia solo sulla terra, dove c'e' anche la gravità quindi il problema non sussiste :)
  • lipzve
  • Membro: Expert
  • Risp: 2031
  • Loc: Venezia
  • Status:
  • Thanks: 41  

17-09-19 07.50

@ steeveJ
corretto, ma potrebbe essere più problematico suonarlo un pianoforte in assenza di gravita' ... già stare seduti su un panchetto si farebbe piuttosto fatica, ma credo che il problema più rilevante sia quello di riuscire a respirare su una base lunare dato che l'aria mi risulta ci sia solo sulla terra, dove c'e' anche la gravità quindi il problema non sussiste :)
no, su una base lunare si presuppone ci sia l'aria senno a che scopo costruire la base.... lo scopo degli stati uniti (sempre loro) è quello di costruire una base abitabile sulla luna, e poi se tutto funzia provare su marte.

Mentre per la panca ok sono d'accordo ma si risolve con una cintura tipo aereo. Una persona di 60 chili terrestri, sulla luna fermerebbe l'ago della bilancia a 10, quindi magari il peso per star seduti ce l'abbiamo, mentre il martelletto mi sa che tirerebbe qualche imprecazione a tornare indietro.

Avrei dovuto aprire un 3D separato!!! "Ma un pianoforte funziona sulla luna?"
  • Dadopotter
  • Membro: Senior
  • Risp: 743
  • Loc: Torino
  • Status:
  • Thanks: 34  

17-09-19 08.11

@ lipzve
no, su una base lunare si presuppone ci sia l'aria senno a che scopo costruire la base.... lo scopo degli stati uniti (sempre loro) è quello di costruire una base abitabile sulla luna, e poi se tutto funzia provare su marte.

Mentre per la panca ok sono d'accordo ma si risolve con una cintura tipo aereo. Una persona di 60 chili terrestri, sulla luna fermerebbe l'ago della bilancia a 10, quindi magari il peso per star seduti ce l'abbiamo, mentre il martelletto mi sa che tirerebbe qualche imprecazione a tornare indietro.

Avrei dovuto aprire un 3D separato!!! "Ma un pianoforte funziona sulla luna?"
Una seria riflessione...

Se vivessimo sulla luna avremmo tutti un Mp11 per andare alle prove tanto peserebbe meno di una numa compact e di conseguenza il forum perderebbe metà dei suoi interventi!!!emo
  • giosanta
  • Membro: Expert
  • Risp: 2158
  • Loc: Benevento
  • Status:
  • Thanks: 128  

17-09-19 08.23

Dadopotter ha scritto:
Se vivessimo sulla luna avremmo tutti un Mp11 per andare alle prove tanto peserebbe meno di una numa compact e di conseguenza il forum perderebbe metà dei suoi interventi!!!

Assolutumente no. Quello che pesa meno qui è meglio per default, salvo poi lamentarsi, sempre per default, per la poco "pianisticità " della tastiera... emo
  • benjomy
  • Membro: Expert
  • Risp: 4591
  • Loc: Monza
  • Status:
  • Thanks: 135  

20-09-19 16.46

approfitto di questo topi..
ho trovato una discreta occasione di uno Yamaha U3 ricondizionato yamaha ( con certificato ufficiale YAm) a 3.500
Anche io devo abbandonare il progetto coda per la mancanza di spazio
l'ho provato e devo dire che non suona affatto male..
consigli?
  • Jaam
  • Membro: Supporter
  • Risp: 13484
  • Loc: Padova
  • Status:
  • Thanks: 438  

20-09-19 16.53

benjomy ha scritto:
consigli?


px5s
  • benjomy
  • Membro: Expert
  • Risp: 4591
  • Loc: Monza
  • Status:
  • Thanks: 135  

20-09-19 17.11

@ Jaam
benjomy ha scritto:
consigli?


px5s
ne ho già due...emo
  • Jaam
  • Membro: Supporter
  • Risp: 13484
  • Loc: Padova
  • Status:
  • Thanks: 438  

20-09-19 17.12

@ benjomy
ne ho già due...emo
bravo se si rompe hai i ricambi