Korg wavestate: Wave Sequencing Synthesizer

  • Jackcats73
  • Membro: Senior
  • Risp: 189
  • Loc: Bologna
  • Thanks: 27  

08-01-20 13.23

Mah?!? Magari suonerà anche bene ma cosa è quella tastiera minuscola?!?? Boh
  • berlex65
  • Membro: Expert
  • Risp: 3829
  • Loc: Siena
  • Thanks: 249  

08-01-20 19.04

prezzo pazzesco!! emoemoemo
Ciao
Paolo
  • gobert4
  • Membro: Senior
  • Risp: 245
  • Loc: Ferrara
  • Thanks: 26  

08-01-20 19.22

il prezzo è in linea, i tasti sono "solo" 37 ma full size ed il suono esile da dove salta fuori?
Chi ci ha messo le mani sopra?

Per me, sulla carta è un bel synth, riprende ed estende il concetto wave sequence/sintesi vettoriale/wave table...
Wavestation è stato ed è tutt'ora, un synth molto complesso e stupendo; una sua evoluzione è una bella mossa, non solo commerciale.

Ma si sa, la gente si aspetta cose nuove senza considerare che le regole dell'elettronica sono e saranno sempre quelle...Niente nuove sintesi, niente nuovi suoni...

Poi ci sta che all’utente medio piaccia lamentarsi comunque e sempre...
  • anumj
  • Membro: Supporter
  • Risp: 17850
  • Loc: Cuneo
  • Thanks: 1089  

08-01-20 23.09

Sembra paradossale, ma aggiungere pomelli, filtri, polifonia e memoria non fa di questo strumento una 'super' Wavestation, tant'è che non ne mutua il nome, ma solo il 'concetto' (e oltretutto non credo di aver letto nulla sulla 'retrocompatibilità').

La Wavestation ha una struttura sonora capace di generare maggiore complessità timbrica, grazie alle performance che assemblano fino ad 8 patch (ogni patch può contenere 2 o 4 oscillatori a sua volta) contemporaneamente. La gerarchia sonora della Wavestate è invece molto più limitata (solo 4 parti).

Se si è interessati al 'concetto' della Wavesequence e della sintesi vettoriale, penso che questo nuovo Korg sia valido e suoni (a quanto pare) anche discretamente bene (ottimo anche il Q/S se confermato a 800 euro).

Purtroppo però la Wavestation degli anni 90 mantiene i suoi primati. A limite ne riparliamo nel caso in cui Korg dovesse decidere di produrre una nuova Wavestate 5 ottave (possibilmente con AT) con multitimbricità a 8 parti e retrocompatibilità.
  • Jackcats73
  • Membro: Senior
  • Risp: 189
  • Loc: Bologna
  • Thanks: 27  

09-01-20 00.37

@ gobert4
il prezzo è in linea, i tasti sono "solo" 37 ma full size ed il suono esile da dove salta fuori?
Chi ci ha messo le mani sopra?

Per me, sulla carta è un bel synth, riprende ed estende il concetto wave sequence/sintesi vettoriale/wave table...
Wavestation è stato ed è tutt'ora, un synth molto complesso e stupendo; una sua evoluzione è una bella mossa, non solo commerciale.

Ma si sa, la gente si aspetta cose nuove senza considerare che le regole dell'elettronica sono e saranno sempre quelle...Niente nuove sintesi, niente nuovi suoni...

Poi ci sta che all’utente medio piaccia lamentarsi comunque e sempre...
Poi ci sta che all’utente medio piaccia lamentarsi comunque e sempre...

Piuttosto se avessero esteso il concetto della wavestation allora sì che avrebbero fatto il botto. È un oggetto che non capisco
  • alkemyst85
  • Membro: Expert
  • Risp: 1758
  • Loc: Viterbo
  • Thanks: 92  

09-01-20 14.09

@ Jackcats73
Poi ci sta che all’utente medio piaccia lamentarsi comunque e sempre...

Piuttosto se avessero esteso il concetto della wavestation allora sì che avrebbero fatto il botto. È un oggetto che non capisco
Si ma a distanza di 30 anni sono in molti a non aver mai avuto tra le mani una wavestation, quindi anche una wavestate potrebbe andar bene. Poi con tutti i controlli aggiuntivi si potrebbe riuscire ad utilizzarla meglio rispetto alla wavestation..
  • dxmat
  • Membro: Senior
  • Risp: 655
  • Loc: Vicenza
  • Thanks: 53  

10-01-20 06.08

Infatti da utente medio di Wavestation A/D rimane l’amaro in bocca del fatto che Korg non abbia
fatto un vero successore. Per 800€ + IVA al lancio per carità va comunque più che bene il nuovo arrivato... la WS costava un botto nel 1990.
  • michelet
  • Membro: Supporter
  • Risp: 15882
  • Loc: Venezia
  • Thanks: 2141  

10-01-20 10.33

@ dxmat
Infatti da utente medio di Wavestation A/D rimane l’amaro in bocca del fatto che Korg non abbia
fatto un vero successore. Per 800€ + IVA al lancio per carità va comunque più che bene il nuovo arrivato... la WS costava un botto nel 1990.
Probabilmente il prezzo di Wavestate si attesterà sugli 800€ IVA compresa, visto che in UK è pari a 699 sterline, VAT compresa.
RIcordo bene nel 1992 quanti soldi sborsai per acquistare una Wavestation A/D nuova di zecca. Oggi, a distanza di tutti questi anni (28) la nuova WaveState, pur essendo oggettivamente più progredita della precedente, ha una serie di lacune del tutto ingiustificate.
Non mi ha fatto venire l'acquolina in bocca, ma proprio per niente, soprattutto vedendo a chi è principalmente indirizzata: DJ e producer che, quando va bene, suonano con una mano sola. emo
Fosse stato uno strumento con "almeno" 49 tasti (preferibili 61), aftertouch, vocoder, display degno del nome, ingressi per pedali d'espressione e assegnabili, uscite separate (almeno due coppie stereo) ed un prezzo vicino ai 1000€, ci avrei fatto sicuramente un pensierino.
Non credo che a livello di progetto e realizzazione sarebbe costata molto di più a Korg, ma a quanto pare si vede che il trend dominante è quello di spippolatori, musicalmente ignoranti che arrivano a risultati, quando ci arrivano, per puro caso. Tanto, l'obiettivo è vendere, fare fatturato, non produrre strumenti che soddisfino il maggior numero di utenti possibile.
  • DRUPIZ
  • Membro: Expert
  • Risp: 1521
  • Loc: Roma
  • Thanks: 18  

10-01-20 10.59

@ michelet
Probabilmente il prezzo di Wavestate si attesterà sugli 800€ IVA compresa, visto che in UK è pari a 699 sterline, VAT compresa.
RIcordo bene nel 1992 quanti soldi sborsai per acquistare una Wavestation A/D nuova di zecca. Oggi, a distanza di tutti questi anni (28) la nuova WaveState, pur essendo oggettivamente più progredita della precedente, ha una serie di lacune del tutto ingiustificate.
Non mi ha fatto venire l'acquolina in bocca, ma proprio per niente, soprattutto vedendo a chi è principalmente indirizzata: DJ e producer che, quando va bene, suonano con una mano sola. emo
Fosse stato uno strumento con "almeno" 49 tasti (preferibili 61), aftertouch, vocoder, display degno del nome, ingressi per pedali d'espressione e assegnabili, uscite separate (almeno due coppie stereo) ed un prezzo vicino ai 1000€, ci avrei fatto sicuramente un pensierino.
Non credo che a livello di progetto e realizzazione sarebbe costata molto di più a Korg, ma a quanto pare si vede che il trend dominante è quello di spippolatori, musicalmente ignoranti che arrivano a risultati, quando ci arrivano, per puro caso. Tanto, l'obiettivo è vendere, fare fatturato, non produrre strumenti che soddisfino il maggior numero di utenti possibile.
Proprio tu che stai su Synth Cafè dovresti saperlo.
Ancora cercate l’eccellenza e le novità?
Il pubblico non suonante fa il marketing.
  • pianola
  • Membro: Senior
  • Risp: 388
  • Loc: Latina
  • Thanks: 15  

10-01-20 14.13

Buongiorno a tutti.
Scusate ma sono solamente io, a vedere come stanno andando le cose, nel mercato dei synth?
Non avete forse notato che la Roland ha immesso nel mercato un synth con 37 "mini" tasti senza aftertouch ne release velocity?
Completamente digitale, alla stratosferica cifra di euro 1.499(quasi due Korg Wavestate!), dallo stesso quasi identico design(display monocromatico di scarsa qualità e layout tastiera).
Ovviamente mi riferisco al Jupiter XM.
E' ovvio che la korg stia producendo la Wavestate per contrastare il Roland Jupiter XM, voi che ne dite?
  • michelet
  • Membro: Supporter
  • Risp: 15882
  • Loc: Venezia
  • Thanks: 2141  

10-01-20 14.26

@ pianola
Buongiorno a tutti.
Scusate ma sono solamente io, a vedere come stanno andando le cose, nel mercato dei synth?
Non avete forse notato che la Roland ha immesso nel mercato un synth con 37 "mini" tasti senza aftertouch ne release velocity?
Completamente digitale, alla stratosferica cifra di euro 1.499(quasi due Korg Wavestate!), dallo stesso quasi identico design(display monocromatico di scarsa qualità e layout tastiera).
Ovviamente mi riferisco al Jupiter XM.
E' ovvio che la korg stia producendo la Wavestate per contrastare il Roland Jupiter XM, voi che ne dite?
Dico che proprio ieri sono stato in un grande negozio per provare qualche strumento... L'idea sarebbe stata di provare Fantom... ma il commesso mi ha detto che ne hanno ordinato 3 (dico 3) modelli da 61, 76 e 88 e sono andati via bruciati. Alla faccia della crisi. Poi c'era un tizio che non si staccava da Jupiter XM... Dopo un'ora era ancora lì e pur essendomi fatto vedere e avergli fatto capire che sarei stato interessato a provarlo, non si è mosso di un centimetro (gli ho augurato un anno di dolorose e sanguinolente emorroidi emoemo). Non voglio fare come la volpe e l'uva, però le dimensioni di Jupiter XM non mi attraevano in modo particolare, a partire dalla tastiera formato lillipuziano.
Anche WaveState è stata una grande delusione. Tutto sommato non mi dispiace che le occasioni di GAS siano limitate, del resto ho già abbastanza per trastullarmi e, alla tine, ogni strumento hardware o software in più non finirebbe che ridurre ulteriormente il tempo dedicato a tutti gli altri strumenti e software già presenti.
  • afr
  • Membro: Supporter
  • Risp: 19838
  • Loc: Torino
  • Thanks: 1213  

10-01-20 14.29

@ pianola
Buongiorno a tutti.
Scusate ma sono solamente io, a vedere come stanno andando le cose, nel mercato dei synth?
Non avete forse notato che la Roland ha immesso nel mercato un synth con 37 "mini" tasti senza aftertouch ne release velocity?
Completamente digitale, alla stratosferica cifra di euro 1.499(quasi due Korg Wavestate!), dallo stesso quasi identico design(display monocromatico di scarsa qualità e layout tastiera).
Ovviamente mi riferisco al Jupiter XM.
E' ovvio che la korg stia producendo la Wavestate per contrastare il Roland Jupiter XM, voi che ne dite?
diciamo che sicuramente il target è lo stesso, ovviamente il Korg dal pdv del prezzo parrebbe più interessante (fatto salvo che comunque andrebbe provato prima)

Però il wavestate che a me piace molto, è un solo synth, la wavestation del 2020
Il J-xm invece offre in un solo strumento la riedizione di diversi synth roland

Plus del J-xm una costruzione più nobile e comunque un pò meno plasticosa del wavestate
Plus del wavestate una kbd con tasto regolare
  • pianola
  • Membro: Senior
  • Risp: 388
  • Loc: Latina
  • Thanks: 15  

10-01-20 14.59

afr ha scritto:
Plus del J-xm una costruzione più nobile e comunque un pò meno plasticosa del wavestate

Il Jupiter XM, è una gran bella macchina, ma io non la comprerei mai al quel prezzo, per due motivi:
1) la keybed mignon(mi preoccupa molto che qualche tasto si rompa troppo presto, come avviene per la JDXi e il microkorg, d'ignobile costruzione, e non adatta nemmeno per dei giocattoli!)
2) io credo 37 note per synth del genere siano davvero troppo pochi(prenderei il Jupiter X, ma consta euro 2.500).
Poi non capisco la Roland ha inserito due synth quasi identici, nel suo catalogo: System-8 e Jupiter xm.
Fanno entrambi le stesse cose, adoperando uno algoritmi più precisi che richiedono maggiore utilizzo della CPU(System-8), e l'altro(Jupiter XM)algoritmi di emulazione meno precisi, ma che pe questo rendono forse di più(ACB versus Zen core).
Diciamo che la vera differenza è costituita dall'arpeggiatore ad intelligenza artificiale, del Jupiter XM.
  • afr
  • Membro: Supporter
  • Risp: 19838
  • Loc: Torino
  • Thanks: 1213  

18-01-20 10.40

Sacrificato il roland D05 ed ho ordinato la/il Wavestate

sonicstate video

Interessante al minuto 7:15 circa, waverom di 2GB ed altri 2GB di spazio liberi per poter caricare user samples, al momento però questa funzionalità non è disponibile.
  • MarioSynth
  • Membro: Expert
  • Risp: 1052
  • Loc: Genova
  • Thanks: 139  

02-09-21 07.57

Per i fortunati possessori, nuovo firmware 2.0
  • afr
  • Membro: Supporter
  • Risp: 19838
  • Loc: Torino
  • Thanks: 1213  

02-09-21 07.58

@ MarioSynth
Per i fortunati possessori, nuovo firmware 2.0
Ottimo direi :)
  • anumj
  • Membro: Supporter
  • Risp: 17850
  • Loc: Cuneo
  • Thanks: 1089  

02-09-21 15.45

4 gb per gli user sample sono tantissimi e consentono una personalizzazione dello strumento, nonchè una longevità, praticamente infinita.
unica cosa che mi convince poco è l'editor: troppo spartano.
creare punti di loop così 'ad minchiam' è un'inutile perdita di tempo. non c'è un minimo di crossfade, di automazione note in/note out.
se si vogliono creare multisample seri bisogna avvalersi di altri software, sempre che l'editor nativo korg sia in grado di importare punti loop etc...
  • michelet
  • Membro: Supporter
  • Risp: 15882
  • Loc: Venezia
  • Thanks: 2141  

02-09-21 23.26

@ anumj
4 gb per gli user sample sono tantissimi e consentono una personalizzazione dello strumento, nonchè una longevità, praticamente infinita.
unica cosa che mi convince poco è l'editor: troppo spartano.
creare punti di loop così 'ad minchiam' è un'inutile perdita di tempo. non c'è un minimo di crossfade, di automazione note in/note out.
se si vogliono creare multisample seri bisogna avvalersi di altri software, sempre che l'editor nativo korg sia in grado di importare punti loop etc...
Questa sera ho voluto aggiornare WaveState, su cui era installato il Firmware 1.06, di fatto l'ultimo rilasciato qualche tempo fa.
Coraggiosamente, nonostante il mio sistema operativo preferenziale sia sempre OSX, ho voluto sfidare la sorte e aggiornare attraverso Windows. Di fatto, se si ha installata la versione 1.06, basta che il driver RNDIS funzioni e sarà possibile effettuare l'aggiornamento alla ver. 2.01. In seguito, però si dovrà necessariamente utilizzare il driver NCM.
Tutto sommato la procedura è andata abbastanza liscia, solo all'inizio ho dovuto ripristinare il driver RNDIS perché gli aggiornamenti di Windows 10 lo disattivano con una precisione svizzera. Mi sono quindi assicurato che WaveState comunicasse con il vecchio Librarian (è l'unico modo di capire se WaveState viene vista da Windows 10) e ho effettuato l'aggiornamento che non dura più di un paio di minuti in totale.
Riguardo al nuovo Librarian Editor, posso dire che è una vera comodità avere molti parametri in una sola schermata. Certo, se fosse possibile vedere tutti i Layer sarebbe meglio, ma ci vorrebbe un monitor da 150". Interessante che sia possibile gestire il livello di ingrandimento o riduzione della finestra dell'editor. Con il monitor da 32" 2K ho dovuto un po' ingrandire perché i numeri risultavano troppo piccoli.
Sul Sample Editor per adesso non mi pronuncio, certo che allo stato delle cose, per fargli un complimento, è un software molto primitivo.
  • anumj
  • Membro: Supporter
  • Risp: 17850
  • Loc: Cuneo
  • Thanks: 1089  

02-09-21 23.59

Confermo che l'editor riconosce gli eventuali punti loop dell'audio importato.

Peccato per le sole 3 ottave. Questo giocattolino Korg merita una bella keybed da 5 ottave con AT, visto lo stupendo carattere timbrico che è in grado di tirar fuori.

Il confronto con Nord Wave 2 è inevitabile, ma soprattutto impietoso. Saltando tutto ciò che riguarda il potenziale offerto dall'engine molto più completo e generoso del Korg e la splendida spinta creativa offerta dalle wavesequence, mi soffermo sbattendo sul tavolo su un dato "nudo e crudo"... 4GB vs 1GB, lo spazio cioè offerto per ospitare nuovi campioni.

Infine, visto l'orario da 'mezzanotte e dintorni'...

Marzullo: Anumj, non so se lei lo sa, ma noi chiudiamo i nostri incontri e chiediamo all'ospite, si faccia una domanda e si dia una risposta.
Io: Quante Wavestate si possono comprare con 2500 euro? Sticazzi... 4 e ti resteno pure i soldi per una bella cenetta al ristorante.
  • anumj
  • Membro: Supporter
  • Risp: 17850
  • Loc: Cuneo
  • Thanks: 1089  

03-09-21 00.03

michelet ha scritto:
Sul Sample Editor per adesso non mi pronuncio, certo che allo stato delle cose, per fargli un complimento, è un software molto primitivo.


Basta organizzarsi con altri editor. Ce ne sono ottimi e free. Fai un passaggio in più, ma il risultato è ottimo.
L'editor va utilizzato solo per trasferimento computer\synth o per audio one shot o che comunque non necessita di punti loop precisi.