Mini review JX3P

  • mima85
  • Membro: Supporter
  • Risp: 10833
  • Loc: Como
  • Status:
  • Thanks: 846  

14-09-20 09.29

1paolo ha scritto:
negli anni 80 la qualità della musica prodotta su e’ abbassata enormemente, il rock e’ diventati pop


La musica non è solo rock, ed in ambito pop negli anni '80 sono stati prodotti dei brani con un'eleganza negli arrangiamenti che oggi ci possiamo solo sognare. Per non parlare di quello che hanno fatto gente come i Depeche Mode a livello di sperimentazione sonora e musicale.

Gli anni '80 non sono stati solo l'era dei Righeria con Vamos A La Playa, è stata prodotta anche molta musica di qualità. Restando all'interno dei confini italiani basta vedere cos'hanno tirato fuori in quel decennio Pino Daniele e Zucchero.

Giusto a scanso di equivoci, adoro il rock anni '60/70, adoro l'hard rock dei Deep Purple, il progressive degli ELP, Genesis, PFM, eccetera, il rock/blues psichedelico dei Doors (se mi sono messo dietro alle tastiere è grazie a Ray Manzarek), il funk di Herbie Hancock e Stevie Wonder e via dicendo. Ma non mi fermo a quelli.
  • ziberto
  • Membro: Expert
  • Risp: 2262
  • Loc: Pisa
  • Status:
  • Thanks: 297  

14-09-20 09.56

@ mima85
1paolo ha scritto:
negli anni 80 la qualità della musica prodotta su e’ abbassata enormemente, il rock e’ diventati pop


La musica non è solo rock, ed in ambito pop negli anni '80 sono stati prodotti dei brani con un'eleganza negli arrangiamenti che oggi ci possiamo solo sognare. Per non parlare di quello che hanno fatto gente come i Depeche Mode a livello di sperimentazione sonora e musicale.

Gli anni '80 non sono stati solo l'era dei Righeria con Vamos A La Playa, è stata prodotta anche molta musica di qualità. Restando all'interno dei confini italiani basta vedere cos'hanno tirato fuori in quel decennio Pino Daniele e Zucchero.

Giusto a scanso di equivoci, adoro il rock anni '60/70, adoro l'hard rock dei Deep Purple, il progressive degli ELP, Genesis, PFM, eccetera, il rock/blues psichedelico dei Doors (se mi sono messo dietro alle tastiere è grazie a Ray Manzarek), il funk di Herbie Hancock e Stevie Wonder e via dicendo. Ma non mi fermo a quelli.
Per quanto si rischi di essere troppo OT, sottoscrivo tutto (compresi i riferimenti musicali), perché è esattamente quello che intendevo con il mio post precedente... più sintetico.emo
  • 1paolo
  • Membro: Expert
  • Risp: 1829
  • Loc: Cuneo
  • Status:
  • Thanks: 76  

14-09-20 10.05

mima85 ha scritto:
in ambito pop

appunto.. in ambito pop sono d'accordo. Ma il “movimento” musicale degli anni 70 e’ stata una rivoluzione ineguagliata (finora).
Per quel che riguarda l'heavy metal vogliamo confrontare pezzi come Smoke on the Water o Child in Time con The final countdown e simili (glam rock pop)?
  • filigroove
  • Membro: Expert
  • Risp: 3143
  • Loc: Pistoia
  • Status:
  • Thanks: 173  

14-09-20 10.25

Il bello di un synth anche vecchio è che non sei costretto a riproporre gli stessi suoni di quando è uscito.
  • mima85
  • Membro: Supporter
  • Risp: 10833
  • Loc: Como
  • Status:
  • Thanks: 846  

14-09-20 11.00

1paolo ha scritto:
Ma il “movimento” musicale degli anni 70 e’ stata una rivoluzione ineguagliata (finora)


Ma io non sto togliendo nulla a quello che è successo negli anni '70, che se vogliamo essere precisi è iniziato già nella seconda metà degli anni '60, con le rivoluzioni studentesche a fare da miccia per la sperimentazione musicale. Da quel momento fino agli anni '80/primi '90 è stato un trentennio di rivoluzioni musicali accadute più o meno in tutti i generi e non solo nel pop, per questo che ho detto che negli anni '80 è stata scritta la storia della musica contemporanea. Perché hanno fatto parte di quel periodo di rivoluzioni e sperimentazione. Anche negli anni '90 sono state fatte buone cose (i Jamiroquai tanto per fare un esempio non li butterei di certo via, ma nemmeno gente come i Prodigy, gli Air, i Board Of Canada o gli Aphex Twin se vogliamo stare nello sperimentale).

È dalla fine degli anni '90/inizio 2000 che la situazione ha iniziato a degenerare, per arrivare ad oggi dove nella musica "mainstream" a farla da padrone sono i cantanti corretti con l'autotune perché non sono buoni a fare il loro mestiere e le progressioni di accordi che sempre più raramente si spingono oltre alla scala maggiore. Ho perso il conto di quante volte ho sentito la progressione VI, IV, I, V della scala maggiore nella musica che passa in radio, sempre più a discapito di altre armonizzazioni più interessanti.

1paolo ha scritto:
Per quel che riguarda l'heavy metal vogliamo confrontare pezzi come Smoke on the Water o Child in Time con The final countdown e simili (glam rock pop)?


Non c'entra niente con quello che sto dicendo io, perché ti ripeto che gli anni '80 non sono solo Jump, The Final Countdown o i Righeira. E se vogliamo parlare di Smoke On The Water, si può dire che tra tutta la produzione dei Deep Purple ormai è il brano più inflazionato. Per quanto Smoke On The Water resti comunque un bel brano, ci sono altri pezzi molto più interessanti nella loro produzione. Oltre alla già chitata Child In Time, Perfect Strangers, Sun Goes Down, Hush, Speed King, When A Blind Man Cries, Highway Star e molte altre.
  • ziberto
  • Membro: Expert
  • Risp: 2262
  • Loc: Pisa
  • Status:
  • Thanks: 297  

14-09-20 11.20

1paolo ha scritto:
Per quel che riguarda l'heavy metal vogliamo confrontare pezzi come Smoke on the Water o Child in Time con The final countdown e simili (glam rock pop)?

No: vogliamo parlare di Iron Maiden, Metallica, Whitesnake, ecc... Hai una visione molto parziale degli anni '80.
Inoltre i Deep Purple, pur fonte di ispirazione ed effettivamente "genitori" di molti gruppi metal (vedi appunto i Whitesnake), rimangono nell'ambito dell'hard rock.
  • 1paolo
  • Membro: Expert
  • Risp: 1829
  • Loc: Cuneo
  • Status:
  • Thanks: 76  

14-09-20 11.38

ziberto ha scritto:
Hai una visione molto parziale degli anni '80.

li conosco molto bene in quanto avevo già oltre 20 anni; se parliamo di rock sono considerati gli anni della decadenza dai critici musicali, qualcosa di originale è venuto fuori anche in quel periodo (Dire Straits, Depeche Mode, U2 e poco altro, secondo me).. chiudo qui perché O.T.
  • ziberto
  • Membro: Expert
  • Risp: 2262
  • Loc: Pisa
  • Status:
  • Thanks: 297  

14-09-20 11.48

@ 1paolo
ziberto ha scritto:
Hai una visione molto parziale degli anni '80.

li conosco molto bene in quanto avevo già oltre 20 anni; se parliamo di rock sono considerati gli anni della decadenza dai critici musicali, qualcosa di originale è venuto fuori anche in quel periodo (Dire Straits, Depeche Mode, U2 e poco altro, secondo me).. chiudo qui perché O.T.
Hai ragione: dobbiamo chiudere l'OT e mi scuso se mi sono dilungato.
Un'ultima precisazione però la devo fare: i Depeche Mode non possono essere catalogati come rock... lo scrivo perché l'ho letto anche in un'altra discussione che riguardava i gruppi senza chitarra e va specificato che non c'entrano niente con il rock normalmente inteso.
  • wildcat80
  • Membro: Expert
  • Risp: 1648
  • Loc: Genova
  • Status:
  • Thanks: 155  

14-09-20 15.08

Vi riporto in topic. Al volo, così da mettere insieme tutto.
Il presets B5 SynBrass I è identico al Brass Stab del JX8P con cui è nato il riff di The Final Countdown (anche se la leggenda dice che in origine nacque su un DW8000).
  • mima85
  • Membro: Supporter
  • Risp: 10833
  • Loc: Como
  • Status:
  • Thanks: 846  

14-09-20 15.14

wildcat80 ha scritto:
Il presets B5 SynBrass I è identico al Brass Stab del JX8P con cui è nato il riff di The Final Countdown (anche se la leggenda dice che in origine nacque su un DW8000).


La versione della storia che ho sempre sentito è JX-8P in layer con uno Yamaha TX-802.

E comunque è un suono che qualsiasi synth con due oscillatori riesce a fare, è il classico synth-brass anni '80.
  • maxpiano69
  • Membro: Supporter
  • Risp: 18810
  • Loc: Torino
  • Status:
  • Thanks: 1875  

14-09-20 15.15

@ wildcat80
Vi riporto in topic. Al volo, così da mettere insieme tutto.
Il presets B5 SynBrass I è identico al Brass Stab del JX8P con cui è nato il riff di The Final Countdown (anche se la leggenda dice che in origine nacque su un DW8000).
Questo come minimo ne raddoppia il valore, almeno tra i fans degli Europe emo
  • ziberto
  • Membro: Expert
  • Risp: 2262
  • Loc: Pisa
  • Status:
  • Thanks: 297  

14-09-20 15.35

@ maxpiano69
Questo come minimo ne raddoppia il valore, almeno tra i fans degli Europe emo
... ed alimenta la polemica sugli anni 80! emo
  • wildcat80
  • Membro: Expert
  • Risp: 1648
  • Loc: Genova
  • Status:
  • Thanks: 155  

14-09-20 15.43

@ mima85
wildcat80 ha scritto:
Il presets B5 SynBrass I è identico al Brass Stab del JX8P con cui è nato il riff di The Final Countdown (anche se la leggenda dice che in origine nacque su un DW8000).


La versione della storia che ho sempre sentito è JX-8P in layer con uno Yamaha TX-802.

E comunque è un suono che qualsiasi synth con due oscillatori riesce a fare, è il classico synth-brass anni '80.
La verità storica è quella del layer, non ci sono dubbi.
Comunque quel brass ha una particolare incisività che sta nel dosaggio del pitch EG sul secondo DCOemo
  • mima85
  • Membro: Supporter
  • Risp: 10833
  • Loc: Como
  • Status:
  • Thanks: 846  

14-09-20 15.57

wildcat80 ha scritto:
Comunque quel brass ha una particolare incisività che sta nel dosaggio del pitch EG sul secondo DCO


Si, il "blip" emo
  • wildcat80
  • Membro: Expert
  • Risp: 1648
  • Loc: Genova
  • Status:
  • Thanks: 155  

14-09-20 16.23

@ mima85
wildcat80 ha scritto:
Comunque quel brass ha una particolare incisività che sta nel dosaggio del pitch EG sul secondo DCO


Si, il "blip" emo
Video fantastico, non lo avevo mai visto. Steve Porcaro in questo video ha riassunto gli anni 80 per quanto riguarda brass e strings emo
Una cosa mi riempie di orgoglio: ero arrivato anche io alla conclusione che la PWM sugli strings debba essere modulata dal keytracking in tempi non sospetti, quando si vuole una patch che suoni imitativa di una sezione d'archi piuttosto che di una strings machine.
  • maxpiano69
  • Membro: Supporter
  • Risp: 18810
  • Loc: Torino
  • Status:
  • Thanks: 1875  

14-09-20 16.41

@ mima85
wildcat80 ha scritto:
Comunque quel brass ha una particolare incisività che sta nel dosaggio del pitch EG sul secondo DCO


Si, il "blip" emo
Spiegazione semplice ed efficace, grande Steve Porcaro (e si vede con che entusiasmo viveva queste cose) chapeau! emo emo

PS: ottima la tecnica di esagerare un parametro, per capirne e valutarne bene l'effetto, per poi riportarlo a valori adeguati (riducendolo)
  • wildcat80
  • Membro: Expert
  • Risp: 1648
  • Loc: Genova
  • Status:
  • Thanks: 155  

14-09-20 19.37

maxpiano69 ha scritto:
PS: ottima la tecnica di esagerare un parametro, per capirne e valutarne bene l'effetto, per poi riportarlo a valori adeguati (riducendolo)
Quota il testo selezionato


Incredibile come fare il contrario, partire cioè da valori moderati, siamo meno efficace come metodo di lavoro.
  • mima85
  • Membro: Supporter
  • Risp: 10833
  • Loc: Como
  • Status:
  • Thanks: 846  

14-09-20 21.43

maxpiano69 ha scritto:
e si vede con che entusiasmo viveva queste cose


Qualcosa mi dice che quel cosiddetto "entusiasmo" aveva la forma di una polverina bianca molto fine... quella che nella sigla di Heidi ti fa vedere le caprette che ti fanno ciao emoemo

Comunque non vorrei essere nei panni di chi, dopo qualche decina d'anni, s'è ritrovato ad acquistare quell'Oberheim Xpander. A giudicare da come mr. Porcaro martella sui bottoni del pannello, il nuovo proprietario avrà dovuto cambiarli tutti. Pure il DX-7 mkII che gli sta sotto avrà avuto tempi difficili emo
  • wildcat80
  • Membro: Expert
  • Risp: 1648
  • Loc: Genova
  • Status:
  • Thanks: 155  

14-09-20 22.26

Sì direi che era bello carico, lingua felpata e su di giri mica poco.
  • giosanta
  • Membro: Expert
  • Risp: 2608
  • Loc: Benevento
  • Status:
  • Thanks: 169  

14-09-20 22.28

wildcat80 ha scritto:
Incredibile come fare il contrario, partire cioè da valori moderati, siamo meno efficace come metodo di lavoro.

Perchè la "sottrazione", l'eliminazione del superfluo, è un arte.