Eurovision Song Contest 2021

  • mauroverdoliva
  • Membro: Expert
  • Risp: 1591
  • Loc: Napoli
  • Status:
  • Thanks: 108  

23-05-21 17.25

@ markelly2
Non l'ho seguito, ma mi sento di dire che da Gabbani ai Maneskin, un leggero salto di qualità è stato fatto.

E ora scannatevi! emo
direi che il tuo post e' da impiccagione pubblica! emo
  • giosanta
  • Membro: Expert
  • Risp: 3223
  • Loc: Benevento
  • Status:
  • Thanks: 356  

23-05-21 17.42

1paolo ha scritto:
Chi beatifica queso gruppo hai mai ascoltato i Deep Purple o i Led Zeppelin...

Scusa caro Paolo ma non ho capito il tuo discorso in rapporto alla mia citazione.
Ne io, ne altri mi pare, abbiamo mai beatificato alcunché.
I nomi che hai citato veleggiano a distanza siderale ed incolmabile.
Si è detto altro, almeno cosí mi è parso.
  • 1paolo
  • Membro: Expert
  • Risp: 2759
  • Loc: Cuneo
  • Status:
  • Thanks: 198  

23-05-21 18.05

@ giosanta
1paolo ha scritto:
Chi beatifica queso gruppo hai mai ascoltato i Deep Purple o i Led Zeppelin...

Scusa caro Paolo ma non ho capito il tuo discorso in rapporto alla mia citazione.
Ne io, ne altri mi pare, abbiamo mai beatificato alcunché.
I nomi che hai citato veleggiano a distanza siderale ed incolmabile.
Si è detto altro, almeno cosí mi è parso.
No infatti so che la pensi così anche tu, almeno credo..
E’ un discorso generale; in occasione dei vari Sanremo, Eurofestival e compagnia vengono fuori sti personaggi buoni per la stagione proposti come nuove star del rockemoemoemo
  • paolo_b3
  • Membro: Supporter
  • Risp: 9326
  • Loc: Ravenna
  • Status:
  • Thanks: 857  

23-05-21 18.18

Ecco io vorrei fare una distinzione. I Maneskin li ho sentiti 30 secondi al Tg, Gabbani diverse volte il brano di Sanremo, un brano da acidità allo stomaco, soprattutto per il testo, manifesto della modernità vacua della nostra società.
Magari sono anche bravi musicisti, è tutto il contesto di quella produzione che mi respinge, ha troppo odore di plastica.
Poi gli artisti hanno fatto benissimo a cogliere l'occasione, magari hanno dei numeri e ce lo dimostreranno in futuro, un po' come è stato per Jovanotti. Gabbani per ora mi sembra faccia fatica a "star su da solo".
Solo il fatto che un brano partecipi ad una gara la dice lunga circa i contenuti della produzione.

Cacchio Markelly! Siamo d'accordo! emo

Vabbè un altro argomento su cui far polemica poi si fa presto a trovarlo emoemoemo
  • markelly2
  • Membro: Expert
  • Risp: 2817
  • Loc:
  • Status:
  • Thanks: 173  

23-05-21 18.22

@ 1paolo
Chi beatifica queso gruppo hai mai ascoltato i Deep Purple o i Led Zeppelin? Nel caso direi di fare un confronto oggettivo e senza preconcetti One to One per vedere chi sono i veri animali da palcoscenico, con una tecnica mostruosa, un talento compositivo assoluto ed un carisma che resiste al passare dei decenni emo
Su questo siamo d'accordo.
Molti giornalisti, sedicenti esperti e personaggi influenti, salutano i Maneskin come una grande rivelazione, addirittura ho sentito frasi tipo "nuova avanguardia", "qui si fa la storia". Considerazioni che non fanno bene nemmeno a loro. Vabbè.

Però questo in generale non vuole dire che allora nessuno può cimentarsi più nel rock, anche ispirandosi o copiando i giganti del passato.
Se valesse questa regola, dopo Bob Dylan nessuno avrebbe più potuto fare il cantautore, dopo John Coltrane nessuno avrebbe più potuto suonare jazz, dopo Brian Eno nessuno avrebbe più potuto cimentarsi nell'ambient. E così via.

Diciamo che ci vuole misura, e rispetto verso gli artisti del passato, ma senza lasciarsi intimorire per il futuro.
  • paolo_b3
  • Membro: Supporter
  • Risp: 9326
  • Loc: Ravenna
  • Status:
  • Thanks: 857  

23-05-21 18.36

markelly2 ha scritto:
Molti giornalisti, sedicenti esperti e personaggi influenti, salutano i Maneskin come una grande rivelazione, addirittura ho sentito frasi tipo "nuova avanguardia", "qui si fa la storia". Considerazioni che non fanno bene nemmeno a loro. Vabbè.

Il punto è proprio quello. Fino agli anni 80 gli artisti brillavano di luce propria. Era il pubblico a decretare che fossero "mitici" con presenze ai concerti ed acquisti di dischi.
Oggi è la produzione che cerca di ricreare "in vitro" questi fenomeni.
Nel 1988 circa entrai in un negozio di dischi, c'era un cartello pubblicitario, di quelli plastificati che si appoggiano al pavimento, che diceva: "I Cult! Il gruppo degli anni 90!" Io mi chiesi "ma come fanno a dirlo oggi?". Infatti nel 1990 i Cult erano già spariti. emoemoemo
  • markelly2
  • Membro: Expert
  • Risp: 2817
  • Loc:
  • Status:
  • Thanks: 173  

23-05-21 18.55

paolo_b3 ha scritto:
Cacchio Markelly! Siamo d'accordo!

emo
  • giosanta
  • Membro: Expert
  • Risp: 3223
  • Loc: Benevento
  • Status:
  • Thanks: 356  

23-05-21 19.28

paolo_b3 ha scritto:
Infatti nel 1990 i Cult erano già spariti.

Sono rimasti i cul... emo
  • paolo_b3
  • Membro: Supporter
  • Risp: 9326
  • Loc: Ravenna
  • Status:
  • Thanks: 857  

23-05-21 19.29

@ giosanta
paolo_b3 ha scritto:
Infatti nel 1990 i Cult erano già spariti.

Sono rimasti i cul... emo
Col "cul" scoperto emo

emoemoemo
  • Raptus
  • Membro: Expert
  • Risp: 1813
  • Loc: Padova
  • Status:
  • Thanks: 125  

23-05-21 19.34

La cosa più triste è proprio questa, perché non ci sono artisti veramente nuovi? Perché tutti devono per forza rifarsi a modelli già visti e rivisti?
Se qualcuno ha visto il festival da questo punto di vista avrebbe meritato molto l'Ucraina. Hanno proposto l'elettro-folk, genere da noi praticamente inesistente.
A difesa dei Maneskin dico solo che sono bravi per avere vent'anni. Sfido chiunque di voi se a quell'età sareste riusciti a fare una performance del genere davanti milioni di persone, non è da tutti, bisogna ammetterlo.
Ma bisognerebbe anche finirla con questa cosa da boomer tipo "io non li ascolto perché non sono vero rock, viva i Led Zeppelin", cioè ok, anche io non li ascolterei mai ma se mi piacesse una loro canzone non sarebbe la fine del mondo.
Non è che dobbiamo per forza ascoltare un gruppo perché è un mostro sacro... sennò al giorno d'oggi la musica sarebbe morta.
  • giosanta
  • Membro: Expert
  • Risp: 3223
  • Loc: Benevento
  • Status:
  • Thanks: 356  

23-05-21 19.42

Raptus ha scritto:
La cosa più triste è proprio questa, perché non ci sono artisti veramente nuovi? Perché tutti devono per forza rifarsi a modelli già visti e rivisti?

La risposta ci porterebbe molto lontano ed in territori extramusicali.
Raptus ha scritto:
Ma bisognerebbe anche finirla con questa cosa da boomer tipo "io non li ascolto perché non sono vero rock, viva i Led Zeppelin", cioè ok, anche io non li ascolterei mai ma se mi piacesse una loro canzone non sarebbe la fine del mondo.

Concordo. Nessu artista, per quanto grande, puo mettere la parola "fine" ad un genere.
Raptus ha scritto:
sennò al giorno d'oggi la musica sarebbe morta.

In effetti non se la passa troppo bene...
  • Dallaluna69
  • Membro: Expert
  • Risp: 2329
  • Loc: Firenze
  • Status:
  • Thanks: 341  

23-05-21 20.01

paolo_b3 ha scritto:
Infatti nel 1990 i Cult erano già spariti.

O.T.
I Cult li ho visti a Firenze, di supporto agli Aerosmith.
Il cantante cantava una parola su 5.
Tipo in "Come on little devil be my little angel", cantava "Come on" e poi puntava il microfono verso il pubblico e tanti saluti.
Uno strazio, per non dire due p@lle emo
  • markelly2
  • Membro: Expert
  • Risp: 2817
  • Loc:
  • Status:
  • Thanks: 173  

23-05-21 20.12

@ Dallaluna69
paolo_b3 ha scritto:
Infatti nel 1990 i Cult erano già spariti.

O.T.
I Cult li ho visti a Firenze, di supporto agli Aerosmith.
Il cantante cantava una parola su 5.
Tipo in "Come on little devil be my little angel", cantava "Come on" e poi puntava il microfono verso il pubblico e tanti saluti.
Uno strazio, per non dire due p@lle emo
Be', l'album Love dei Cult io l'ho consumato! emo
  • Raptus
  • Membro: Expert
  • Risp: 1813
  • Loc: Padova
  • Status:
  • Thanks: 125  

23-05-21 20.14

"La risposta ci porterebbe molto lontano ed in territori extramusicali."

Scusa Giosanta mi tocca citarti così sennò rompiamo il forum emo
Sarebbe interessante invece parlarne.
Io non dico di voler per forza gruppi o generi estremi, mi rendo conto che ad un Eurovision ascoltare elettronica sperimentale sarebbe eccessivo.
Mi chiedo solamente se gruppi come i Maneskin portino davvero qualcosa di buono nel panorama musicale italiano.
Sicuro è un passo avanti rispetto alla neomelodic-rock di 10 anni fa e forse è meglio pure della deriva che han preso i due big della pop-rock italiana.... ma... è davvero tutto qui quello che possiamo fare?
  • Dallaluna69
  • Membro: Expert
  • Risp: 2329
  • Loc: Firenze
  • Status:
  • Thanks: 341  

23-05-21 20.16

@ markelly2
Non l'ho seguito, ma mi sento di dire che da Gabbani ai Maneskin, un leggero salto di qualità è stato fatto.

E ora scannatevi! emo
Occidentali's Karma di Gabbani, pur essendo un brano super leggero, fatto su misura per Sanremo, aveva degli elementi innovativi. Aveva anche una base che funzionava benissimo. E anche il testo aveva un minimo di cose da dire.
A me personalmente non dispiaceva.

Il brano dei Maneskin è un rockettino già sentito che mi lascia indifferente. La musica è strasentita, il testo strasentito.

Gusti personali, sia chiaro. Non ci vedo niente di male se tu li consideri un passo avanti e io un passo indietro emo

Quello che è forse un passo in avanti nell'ultimo Sanremo è la folta partecipazione di artisti trap/rap e indie pop.
È evidente il tentativo di avvicinare un pubblico più giovane, pur mantenendo anche l'appeal sul pubblico di sempre, con artisti più tipicamente sanremesi.

In questa ottica credo che sia arrivata la vittoria dei Maneskin. Va benissimo così. A me, se il festival si rinnova, fa solo piacere.
  • Dallaluna69
  • Membro: Expert
  • Risp: 2329
  • Loc: Firenze
  • Status:
  • Thanks: 341  

23-05-21 20.26

Raptus ha scritto:
Ma bisognerebbe anche finirla con questa cosa da boomer

Condivido al 100%
"There's a world outside your window..." cantava Simon Le Bon.
Ascoltare e santificare i soliti 5 gruppi e i soliti 2 generi musicali in eterno, porta solo ad una stasi.
  • paolo_b3
  • Membro: Supporter
  • Risp: 9326
  • Loc: Ravenna
  • Status:
  • Thanks: 857  

23-05-21 20.58

@ markelly2
Be', l'album Love dei Cult io l'ho consumato! emo
Sono contento! Li hai ascoltati anche per me... emoemoemo
  • 1paolo
  • Membro: Expert
  • Risp: 2759
  • Loc: Cuneo
  • Status:
  • Thanks: 198  

23-05-21 21.02

@ Dallaluna69
Raptus ha scritto:
Ma bisognerebbe anche finirla con questa cosa da boomer

Condivido al 100%
"There's a world outside your window..." cantava Simon Le Bon.
Ascoltare e santificare i soliti 5 gruppi e i soliti 2 generi musicali in eterno, porta solo ad una stasi.
Eh no; quando e’ finita l’epopea dei 70 e dopo il punk sono usciti dei nuovi grandissimi gruppi: Police, Dire Straits, U2, persino i Litfiba per il rock nostrano, che erano sullo stesso livello dei predecessori.
Che c’entra il luogo comune dei boomers?
Oggi, nel rock , chi e’ a quei livelli? Chi riempie gli stadi e vende milioni di dischi? Ad occhio: i Rolling Stone, Mac Cartney, Roger Waters, Peter Gabriel, Sting, Bono etc etc..
Ma artisti come Giovanni Baglioni (si proprio il figlio di Claudio) che sono dei fuoriclasse chi se li fila? No meglio quelli che scimmiottano i mostri sacri ma che sono supportati dai produttori top
  • paolo_b3
  • Membro: Supporter
  • Risp: 9326
  • Loc: Ravenna
  • Status:
  • Thanks: 857  

23-05-21 21.28

1paolo ha scritto:
Oggi, nel rock , chi e’ a quei livelli? Chi riempie gli stadi e vende milioni di dischi? Ad occhio: i Rolling Stone, Mac Cartney, Roger Waters, Peter Gabriel, Sting, Bono etc etc..

Lo sapremo tra dieci anni.
  • giosanta
  • Membro: Expert
  • Risp: 3223
  • Loc: Benevento
  • Status:
  • Thanks: 356  

23-05-21 21.28

Raptus ha scritto:
Scusa Giosanta mi tocca citarti così sennò rompiamo il forum
Sarebbe interessante invece parlarne.

Quanto a "rompere... si, senz'altro mi compete...
Utilizzando un classico incipit da compito in classe, semplificando ed a titolo di esempio, diciamo che il "contesto socio-culturale" che era dietro Woodstock non è propriamente lo stesso di Eurovision 2021, non tanto o non solo, in termini cronologici ma soprattutto culturali; aggiungo, ma qui la considerazione è del tutto personale, che "quelli" erano realmente "contro", "questi", nonostante le apparenze, sono perfettamente integrati.
Raptus ha scritto:
Mi chiedo solamente se gruppi come i Maneskin portino davvero qualcosa di buono nel panorama musicale italiano.

Bella domanda. È il classico problema del bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto. Leggendo un'intervista che hanno da poco rilasciato a Repubblica i nostri eroi dicono, tra le altre cose: “E poi ci piace che si veda che è musica fatta con strumenti analogici. Prendere in mano uno strumento e suonarlo è la cosa più fica del mondo”. Se sono in buona fede gia è un passo avanti, aggiungo io che se li suonassero meglio sarebbe un ulteriore passo avanti, ma tutto non si puo avere.
Raptus ha scritto:
Sicuro è un passo avanti rispetto alla neomelodic-rock di 10 anni fa e forse è meglio pure della deriva che han preso i due big della pop-rock italiana...

Qui si potrebbe chiosare col classico : ti piace vincere facile...
Raptus ha scritto:
ma... è davvero tutto qui quello che possiamo fare?

In teoria no, ma allo stato dei fatti questo è quello che emerge.
Ad ulteriore corollario per quanto mi riguarda li considero un fenomeno sociologico piu che artistico.
In altri termini il problema non sono le capacità di chi suona ma le aspettative di chi ascolta; il pubblico degli artisti di Woodstock, per tornare all'esempio iniziale, riempiva le spianate, oggi forse qualche piazzetta...