Quanto tempo dedicare agli esercizi beyer?

04-08-23 18.24

Ciao a tutti e scusate il disturbo, ho un domanda: per il momento non mi sta seguendo nessun maestro, e sono arrivato all'esercizio numero 43 del metodo "beyer", ecco, come posso capire quando è il momento di andare avanti negli esercizi? Perché in genere non mi richiede molto tempo imparare anche bene ogni esercizio, però non so quanto questo mi possa servire, e cosa si intende per studiare bene il beyer... Ho letto su internet che per finirlo ci vogliono circa 6-8 mesi, ma io di questo passo neanche 1-2 mesi ed avrò finito tutto... Come dovrei invece affrontarlo? E quali errori dovrei evitare nello studio di questo metodo "introduttivo"?
  • WTF_Bach
  • Membro: Expert
  • Risp: 2439
  • Loc: .
  • Thanks: 780  

04-08-23 18.35

@ Alfredoadice
Ciao a tutti e scusate il disturbo, ho un domanda: per il momento non mi sta seguendo nessun maestro, e sono arrivato all'esercizio numero 43 del metodo "beyer", ecco, come posso capire quando è il momento di andare avanti negli esercizi? Perché in genere non mi richiede molto tempo imparare anche bene ogni esercizio, però non so quanto questo mi possa servire, e cosa si intende per studiare bene il beyer... Ho letto su internet che per finirlo ci vogliono circa 6-8 mesi, ma io di questo passo neanche 1-2 mesi ed avrò finito tutto... Come dovrei invece affrontarlo? E quali errori dovrei evitare nello studio di questo metodo "introduttivo"?
L’unico modo senza maestro è registrarsi: quando all’ascolto un esercizio risulta giusto, a tempo e musicalmente gradevole, puoi passare al successivo.

WARNING!!! Se studi senza maestro rischi di apprendere meccanismi neuromotori sbagliati che non ti consentiranno di progredire oltre al limite “beginner” e saranno molto difficili da rimuovere.
  • vin_roma
  • Membro: Supporter
  • Risp: 9200
  • Loc: Roma
  • Thanks: 1155  

04-08-23 18.53

@ Alfredoadice
Ciao a tutti e scusate il disturbo, ho un domanda: per il momento non mi sta seguendo nessun maestro, e sono arrivato all'esercizio numero 43 del metodo "beyer", ecco, come posso capire quando è il momento di andare avanti negli esercizi? Perché in genere non mi richiede molto tempo imparare anche bene ogni esercizio, però non so quanto questo mi possa servire, e cosa si intende per studiare bene il beyer... Ho letto su internet che per finirlo ci vogliono circa 6-8 mesi, ma io di questo passo neanche 1-2 mesi ed avrò finito tutto... Come dovrei invece affrontarlo? E quali errori dovrei evitare nello studio di questo metodo "introduttivo"?
Il Beyer, soprattutto da solo, non è un modo giusto per affrontare lo studio del pianoforte.
Poi, senza nessuna supervisione, puoi prendere vizi e cristallizzare errori che sarà difficile toglierli in seguito.
Personalmente ritengo il Beyer molto scarso nella formazione pianistica, serve solo a "centrare" sulla tastiera quelle poche note che richiede, roba molto infantile. Quindi non ritengo sia un vanto dire "ci metto un terzo del tempo richiesto".
Insegnando l'ho usato ma solo per pochi esercizi, soprattutto quelli a 4 mani per invogliare e dare sicurezza a chi era piccolo (6/10 anni) per fargli percepire il controllo della struttura musicale modificando la mia parte d'accompagnamento nella velocità, nella divisione ritmica e nel senso armonico.

Il Beyer, con un allievo alle primissime armi e giovanissimo, con me non dura più di due mesi sul leggio andando subito in esercizi dedicati alle varie tecniche; i Rossomandi tecnica vol 1-3 svegliano parecchio mano e istinto musicale e sono di facilissimo apprendimento e contemporaneamente Duvernoy, sonatine di Clementi... Un allievo seguito bene in 4/5 mesi sviluppa tutto questo. Altro che Beyer.
  • Asterix
  • Membro: Senior
  • Risp: 644
  • Loc: Milano
  • Thanks: 148  

04-08-23 22.11

@ Alfredoadice
Ciao a tutti e scusate il disturbo, ho un domanda: per il momento non mi sta seguendo nessun maestro, e sono arrivato all'esercizio numero 43 del metodo "beyer", ecco, come posso capire quando è il momento di andare avanti negli esercizi? Perché in genere non mi richiede molto tempo imparare anche bene ogni esercizio, però non so quanto questo mi possa servire, e cosa si intende per studiare bene il beyer... Ho letto su internet che per finirlo ci vogliono circa 6-8 mesi, ma io di questo passo neanche 1-2 mesi ed avrò finito tutto... Come dovrei invece affrontarlo? E quali errori dovrei evitare nello studio di questo metodo "introduttivo"?
Il Beyer per ma va bene al massimo per un paio di mesi, poi è "inutile": esercizi a mani ferme con la stessa posizione fissa destra e sinistra.
Molto meglio usare altri metodi: metodo russo, Rossomandi, Douvernoy...piuttosto il "Musigatto"😂😂😂
  • WTF_Bach
  • Membro: Expert
  • Risp: 2439
  • Loc: .
  • Thanks: 780  

04-08-23 22.21

Inoltre suggerisco fortissimamente di iniziare al più presto possibile Bach e Clementi.

Anche l’antologia Cesi Marciano è un pozzo di ottime melodie.

L’Hanon in tutte le tonalità, fin dal principio e coi ritmi.

05-08-23 11.51

@ WTF_Bach
Inoltre suggerisco fortissimamente di iniziare al più presto possibile Bach e Clementi.

Anche l’antologia Cesi Marciano è un pozzo di ottime melodie.

L’Hanon in tutte le tonalità, fin dal principio e coi ritmi.
Di Bach e clementi cosa mi consigli più precisamente?
  • d_phatt
  • Membro: Guru
  • Risp: 4660
  • Loc: Perugia
  • Thanks: 1018  

05-08-23 12.58

Mi vergogno totalmente a intervenire e me ne scuso pure, dato che tutti quelli che hanno risposto prima di me musicalmente sono tra i pesi massimi del forum, tuttavia non posso fare a meno di notare che nell'altro topic avevi scritto che avevi intenzione di farti seguire da un insegnante. Se puoi fallo, non cambiare idea perché facendo da solo rischi molto di rimanere impantanato a vita a livello tecnico, e probabilmente anche musicale.
  • WTF_Bach
  • Membro: Expert
  • Risp: 2439
  • Loc: .
  • Thanks: 780  

07-08-23 14.33

@ Alfredoadice
Di Bach e clementi cosa mi consigli più precisamente?
Bach: prima i pezzi facili e poi le invenzioni a due voci

Clementi: le prime quattro/cinque sonatine. Sono dei gioiellini.