L'intenzione 2: un caso pratico

  • paolo_b3
  • Membro: Supporter
  • Risp: 13676
  • Loc: Ravenna
  • Thanks: 2095  

04-02-18 14.14

@ anonimo
Sì, qualcosa "al di fuori del tempo" diciamo...
Ecco, un altro aspetto dal quale non può prescindere il risultato è lo stato d'animo occasionale del compositore. Certo in questo brano immagino quale possa essere stato, ma in generale non è così scontato.
Proprio per questo una composizione è la "soluzione di un equazione" che ha un numero elevatissimo di variabili e come tale unica.
Esorto chi compone e posta qui nel forum a provare a cancellare ogni forma di regola, tanto ne ha in fardello ancora un'infinità emo
  • anonimo

04-02-18 14.32

@ paolo_b3
Ecco, un altro aspetto dal quale non può prescindere il risultato è lo stato d'animo occasionale del compositore. Certo in questo brano immagino quale possa essere stato, ma in generale non è così scontato.
Proprio per questo una composizione è la "soluzione di un equazione" che ha un numero elevatissimo di variabili e come tale unica.
Esorto chi compone e posta qui nel forum a provare a cancellare ogni forma di regola, tanto ne ha in fardello ancora un'infinità emo
Sai, il brano l'ho composto qualche tempo dopo l'evento...e il movente, l'intenzione non era tanto il "sentimento" o l'emozione provata...piuttosto l'aprirsi di un'epifania di realtà davanti all'esperienza reale, concreta del distacco per sempre...

PS per stavolta vi risparmio sentieri interrotti emo
  • paolo_b3
  • Membro: Supporter
  • Risp: 13676
  • Loc: Ravenna
  • Thanks: 2095  

04-02-18 14.35

Cyrano ha scritto:
PS per stavolta vi risparmio sentieri interrotti

Tradimento!!!!
emo
  • anonimo

04-02-18 14.48

Come ho detto non ricordo dove:

1) amo il contrappunto e la fuga (che in questo brano utilizzo seppur in maniera molto libera) perchè mi consola vedere che in questo mondo di caos e disfacimento la Regola porta bellezza attraverso l'ordine

2) amo l'armonia cromatica perchè è simbolo appunto di questo disfacimento, di questo decadere..ed anche in questo disfacimento c'è bellezza

3) amo, per chi non se ne fosse ancora accorto, le liste numerate...
  • vin_roma
  • Membro: Supporter
  • Risp: 9215
  • Loc: Roma
  • Thanks: 1163  

04-02-18 15.01

Cyrano... Ho una confusione di idee che non riesco a mettere in fila, mi ci vuole un po' per digerirle. Ci sono almeno due elementi, distanti tra loro, che ancora mi disturbano nel giudizio: La formalità estetica può sposarsi con l'emotività umana o è un'espressione di perfetto che travalica le sciocchezze umane esprimendo di fatto un livello di equilibrio superiore? L'altro punto è che, al di la delle tue intenzioni, all'ascolto arriva un prodotto "duro", maccanico, tipico dei software di sola scrittura ed incide molto sulla cantabilità emotiva che certamente tu riesci ad immaginare ma che poi non arriva. Per questo io ho sempre preferito Cubase ai vari Sibelius, Finale, Muse Score... Cubase ti permette anche di "suonare" le partiture in maniera più musicale. Questi sono i presupposti che approfondirò in un altro momento, purtroppo in questo, di momento, sono assalito da lavoretti musicali che non posso permettermi di "sfanculare" e mi tocca perder tempo appresso alla disco anni '70 per un'orchestra che deve partecipare ad uno show e seguire uno spettacolino di teatro che sto musicando. Che palle! A volte penso che sia meglio far la musica per hobby.
  • anonimo

04-02-18 17.27

@ anonimo
A me gli occhi....ora tu dimenticherai le scale...tu ti concentrerai sugli accordi...gli accordi...gli accordi...conterò fino a tre e tu dimenticherai le scale...uno...due...tre!
e lo avevi già detto emo
  • BB79
  • Membro: Expert
  • Risp: 3974
  • Loc: Roma
  • Thanks: 386  

04-02-18 17.46

vin_roma ha scritto:
A volte penso che sia meglio far la musica per hobby.

Caro Vincenzo, io ne sono quasi convinto però ogni volta vengo assalito dal rimpianto...ah se avessi fatto...detto..per cui ogni medaglia...emoemo
  • anonimo

04-02-18 19.32

@ vin_roma
Cyrano... Ho una confusione di idee che non riesco a mettere in fila, mi ci vuole un po' per digerirle. Ci sono almeno due elementi, distanti tra loro, che ancora mi disturbano nel giudizio: La formalità estetica può sposarsi con l'emotività umana o è un'espressione di perfetto che travalica le sciocchezze umane esprimendo di fatto un livello di equilibrio superiore? L'altro punto è che, al di la delle tue intenzioni, all'ascolto arriva un prodotto "duro", maccanico, tipico dei software di sola scrittura ed incide molto sulla cantabilità emotiva che certamente tu riesci ad immaginare ma che poi non arriva. Per questo io ho sempre preferito Cubase ai vari Sibelius, Finale, Muse Score... Cubase ti permette anche di "suonare" le partiture in maniera più musicale. Questi sono i presupposti che approfondirò in un altro momento, purtroppo in questo, di momento, sono assalito da lavoretti musicali che non posso permettermi di "sfanculare" e mi tocca perder tempo appresso alla disco anni '70 per un'orchestra che deve partecipare ad uno show e seguire uno spettacolino di teatro che sto musicando. Che palle! A volte penso che sia meglio far la musica per hobby.
Carissimo Vincenzo, grazie mille davvero per questi commenti appropriati e molto esatti

1) in effetti per esempio la musica di bach a mio avviso trascende completamente l'emozione...e addita quella pace, quella serenità che viene solamente dall'armonia formale che si cela nella fisica stessa della realtà

2) in effetti l'esecuzione con musescore è una mera imbastitura, fatta per verificare da un punto di vista meramente formale se il lavoro "funziona"...poi bisognerebbe eseguirlo davvero, il lavoro...
  • vin_roma
  • Membro: Supporter
  • Risp: 9215
  • Loc: Roma
  • Thanks: 1163  

04-02-18 21.34

@ BB79
vin_roma ha scritto:
A volte penso che sia meglio far la musica per hobby.

Caro Vincenzo, io ne sono quasi convinto però ogni volta vengo assalito dal rimpianto...ah se avessi fatto...detto..per cui ogni medaglia...emoemo
L'unica cosa, di questo "mestiere", è che puoi permetterti di dire: ora non rompete, cucinate voi, i bambini li prendi tu che io devo suonare! ahah! Insomma, non devi rubare tempo, te lo prendi e basta, anche se devi studiare un manuale o scoprire le possibilità di un plugin.
  • anonimo

04-02-18 22.00

@ vin_roma
L'unica cosa, di questo "mestiere", è che puoi permetterti di dire: ora non rompete, cucinate voi, i bambini li prendi tu che io devo suonare! ahah! Insomma, non devi rubare tempo, te lo prendi e basta, anche se devi studiare un manuale o scoprire le possibilità di un plugin.
A me mi hanno sempre preso a calci in culo quando ci ho provato
  • vin_roma
  • Membro: Supporter
  • Risp: 9215
  • Loc: Roma
  • Thanks: 1163  

04-02-18 22.16

@ anonimo
Carissimo Vincenzo, grazie mille davvero per questi commenti appropriati e molto esatti

1) in effetti per esempio la musica di bach a mio avviso trascende completamente l'emozione...e addita quella pace, quella serenità che viene solamente dall'armonia formale che si cela nella fisica stessa della realtà

2) in effetti l'esecuzione con musescore è una mera imbastitura, fatta per verificare da un punto di vista meramente formale se il lavoro "funziona"...poi bisognerebbe eseguirlo davvero, il lavoro...
Beh, se mi hai capito sei forte perché avevo scritto col cellulare tra il pranzo e il caffê. Insomma, è vero quello che penso, le architetture "formali" hanno un'altra valenza emotiva. C'è un percorso tra "Lacreme Napulitane", "a Pa'" di De Gregori per arrivare, che so, a Debussy, Williams, passando per Vivaldi, Respighi ...ma le costruzioni tecniche hanno un'altra valenza che non è solo frutto della capacità di inventare ma di aver compreso gli equilibri della sostenibilità, di qualcosa di assoluto, superiore alle passioni umane. Nel tuo lavoro mi viene difficile perdermi nell'emozione di livello 1 e l'emozione di livello 2 è solamente accarezzata intenzionalmente. Ti ricordi l'invito che ti feci la prima volta? Mi sembrava quasi che tu avessi timore nel dimostrare un atto solo apparentente banale. Pensavo, cacchio! Hai la padronanza del linguaggio jazz! Ma lo so, a volte, avendo capito troppo, si sente il dovere morale di non scrivere stupidaggini tanto per ...e si aspetta... Ma non si sperimenta... A quando una novella Birdland?A proposito del fatto di non cadere nel banale nel linguaggio jazzistico, su RAI News24 spesso, come intermezzo passano un pezzo, di quelli che probabilmente si passano dal repertorio di sonorizzazione ...magari invece è un pezzo famoso e solo la mia igmoranza me l'ha nascosto, ma è un pezzo per tromba con sordona e pianoforte ...BELLISSIMO! parla con la libertà del jazz ma è molto mediterraneo, assonnato, appena espresso tanto che non tutte le note sono precise, eppure è una poesia, tre note cantate a stento che mi raccontano di un castello angioino, di Pirandello, delle vacanze al sud... Anche due note possono essere vicine ai sentimenti più profondi ...certo che so' caxxx falle giuste! Ma provarci...
  • maxpiano69
  • Membro: Staff
  • Risp: 24926
  • Loc: Torino
  • Thanks: 3409  

04-02-18 22.21

Ho voluto ascoltarlo subito, prima ancora di leggere le tue spiegazioni, per evitare qualsiasi polarizzazione. Leggendo poi quale era la tua intenzione direi che almeno per me hai centrato quasi tutti gli obiettivi, forse solo la parte centrale, quella piú cadenzata (attorno al minuto 2-2:30 e un po'nel finale) mi é sembrata un tantino "fuori linea", meno intima rispetto al resto, non so come dire... sembrava una marcia fin troppo solenne, quasi da cerimonia "di Stato"... ma é solo il primo ascolto, voglio riascoltarla... in ogni caso "a me, me piace" emo emo
  • BB79
  • Membro: Expert
  • Risp: 3974
  • Loc: Roma
  • Thanks: 386  

05-02-18 00.54

@ anonimo
A me mi hanno sempre preso a calci in culo quando ci ho provato
Mi ci prendono anche se non ci provo ...emo

emoemo
  • anonimo

05-02-18 06.30

@ maxpiano69
Ho voluto ascoltarlo subito, prima ancora di leggere le tue spiegazioni, per evitare qualsiasi polarizzazione. Leggendo poi quale era la tua intenzione direi che almeno per me hai centrato quasi tutti gli obiettivi, forse solo la parte centrale, quella piú cadenzata (attorno al minuto 2-2:30 e un po'nel finale) mi é sembrata un tantino "fuori linea", meno intima rispetto al resto, non so come dire... sembrava una marcia fin troppo solenne, quasi da cerimonia "di Stato"... ma é solo il primo ascolto, voglio riascoltarla... in ogni caso "a me, me piace" emo emo
Grazie

In effetti la parte affidata agli ottoni vorrebbe essere un pochettino "eroica", trasmettere il senso di un'ascesa che, seppur triste, è piena di malinconica dignità ed eroismo

Il finale vorrebbe essere come qualcosa che si distacca ma con difficoltà, pian piano...