Come orientarsi con il cachet del gruppo?

  • vin_roma
  • Membro: Supporter
  • Risp: 8929
  • Loc: Roma
  • Thanks: 972  

09-11-11 03.13

E' cosa nota e stranota ormai: in certi locali anche se sei bravo ma non porti gente non suoni...

Te la puoi cavare con qualche "spaccetto" in giorni di buco e il pubblico te lo devi fare...

nessuno investe più. ma è anche vero che siamo pieni di gruppi che suonano, che propongono di tutto e di più...
e questa è la gioia dei gestori...
Il mercato è saturo, niente a che vedere con anni fa.

Qualche annetto ce l' ho e quando cominciai (a 16/17 anni) lavoravo col gruppo, per mesi, al Savoy di via Veneto, ho fatto piano bar, quello vero, col pianoforte a coda, per molti anni a La Siesta sulla Pontina ed ero nel libro paga dell' azienda, ad Anzio/Nettuno fui io ad aprire la musica nei locali cominciando a suonare nei ristoranti con vista sul mare e poi aprìi il Blue Star e molti altri, tutti battezzati da me...

Col gruppo, sempre ai tempi, suonavo al "Gattopardo", un tempio dell' epoca, e si andava dalle 22.00 alle 3.00 e si suonava di tutto. Poi il periodo dell' Hilton a Monte Mario con Gagliardini (l' impresario), per il quale creai appositamente una band di 8/9 persone con i fiati, una botta! e si lavorava spessissimo! senza contare le Mega Convention che ci proponeva, roba faraonica: una volta abbiamo usato le scenografie di Gang of New York a Cinecittà, Palazzo...non ricordo cosa...a Venezia, sul Canal Grande, poi spesso Villa Miani (quella della cena col pomodorino di Fantozzi).
All' epoca mi bastava alzare il telefono e lavoravo la sera stessa e ben pagato...ovvio, c' era poca offerta e a suonare bene non si era in molti. Se eri bravo ti venivano a cercare a casa.

Cominciarono a cambiare le cose alla metà anni '90...l' unica cosa stabile che mi capitava era suonare da Cavicchi (il mega dancing a Ciampino con 7/8 sale), al Traiano di Fiumicino o allo Zanussi, ma già si vedevano imperversare da una parte i Karakoisti e dall' altra gli "allievi" delle tante scuole di musica che si proponevano per un niente e si portavano appresso amici e familiari.

Mi potei permettere il lusso di smettere di suonare in questi contesti evitando di scontrarmi con il vigile urbano che "arrotondava" il suo stipendio con le basi. La musica si diffuse parecchio ma la qualità scese a livelli ignobili.

Oggi ci sono molti gruppi, a tema e non, bravissimi, e non contesto chi lo fa per il "solo gusto di farlo", anzi, è questo lo spirito giusto, anche se a pochi soldi, tanto non cambia niente... mancano i locali...o mancano i fruitori? forse perchè tutti suonano, tutti vorrebbero essere dall' altra parte, sul palco?

Se facciamo un paragone di Roma anni '80 con quella di oggi c' è un abisso.
Ricordo, all' epoca, l' eco di un articolo del New York Times che giudicava Trastevere e gran parte della capitale più vivace e con maggior offerta musicale di NY! Te credo, l' assessore allo spettacolo era quel "pippato" di Nicolini, le notti estive erano uno spettacolo continuo, nei vicoli, piazze, giardini c' erano sempre festival di tutti i tipi e a Trastevere ogni 20 metri c' era un locale con musica dal vivo.

Oggi ci sono, sempre a Roma, solo 4/5 realtà di rilievo tra cui la splendida "Stazione Birra" che si riempie (ne subisco gli eventi perché abito a 50 mt.) solo con Steve Hackett, Le Orme, con l' Hendrix festival o col Frank Zappa Day, con Brian Auger e qualche altro di chiaro rilievo, il resto è affanno o frutto della saturazione.

Flussi e riflussi...toccherà aspettare una nuova stagione?
  • giannirsc
  • Membro: Supporter
  • Risp: 12679
  • Loc: Roma
  • Thanks: 774  

09-11-11 09.12

smooth quella che tu chiami mancia, a me non serve, ti ripeto, io suono perchè mi piace..punto..la mia passione è suonare...mi è capitato di suonare anche a gratis per degli amici solo per il divertimento di stare u un palco..tu vuoi 1000 e passa euro per muoverti ? va benissimo..ma se 1000 euro non te li danno, non èp per colpa di gente come me che suona per 50-100 euro..è colpa tua che non li vali..


Vin-roma molto piacevoli i tuoi ricordi..di sicuo la situazione è di molto cambiata, ma credimi, conosco amici che fanno 250 date l'anno qui tra roma e lazio..il cerchio si è ristretto..ma se hai le capacità suoni eccome..siamo a roma..non in un paesino di provincia.
  • jacus78
  • Membro: Guru
  • Risp: 6080
  • Loc: Agrigento
  • Thanks: 250  

09-11-11 11.00

@ Edmond
scusami, senza nessunissima polemica, ma perchè ti vendi cosi a poco ? emoemo

non è che mi vendo a così poco....il problema è che i prezzi quaggiù sono quelli.....se chiedi di più, non ti chiamano!
nei pub e locali vari notturni non ti danno più di 300 euro e nelle piazze i comuni non ti danno uno spettacolo a più di 2mila euro service compreso......!
se vuoi suonare, ti devi adeguare!
Edited 9 Nov. 2011 10:03
  • Animapone
  • Membro: Expert
  • Risp: 3683
  • Loc: Roma
  • Thanks: 344  

09-11-11 11.03

giannirsc ha scritto:
prova a presentarti al the place, stazione birra,locanda blues,irish village,geronimo, kill joy etc....vedi se ti chiedono quanto pubblico gli porti

Stazione Birra (situazione Marillion):
Ci abbiamo suonato 3 volte , la prima per un evento di una onlus, la seconda una concerto nostro, la terza abbiamo aperto il concerto dei Gazpacho. L'ultima volta ci hanno proposto di suonare assieme ad altre 3 band, e avremmo incassato solo una quota parte dei biglietti venduti a persone che avrebbero affermato di venire per ascoltare noi (e non le altre band) emo
Spero ardentemente sia cambiata gestione

Locanda Blues (situazione Marillion):
Dopo aver più volte ribadito che il venerdì avremmo garantito un buon numero di persone, mentre il giovedì sarebbe stato più difficile, ci hanno dato un giovedì..... CON LA PARTITA DELL'ITALIA!!!!!!
Hanno avuto il coraggio di lamentarsi dello scarso afflusso di gente e ci hanno dato MENO del pattuito, con la promessa di darci altre date..... sto ancora aspettando da più di 18 mesi.

Geronimo's:
Ci ha risposto che non ritiene che la situazione Marillion (da sola) possa garantire un numero di persone adeguato per il locale. L'UNICO LOCALE SERIO che almeno ha detto la verità su come la pensa (e per questo io li apprezzo)


Sono perfettamente consapevole che la situazione Marillion (nonostante siamo legati al fan club e grazie ad esso abbiamo un discreto numero di "fedeli") non "muove" grossi numeri di pubblico come possa fare una cover Vasco, Zucchero, Ligabue.... però da qui a essere trattati nel modo di cui sopra ce ne passa.
Non penso sia poi un problema di "qualità" del prodotto, dal momento che grazie alle nostre performance il cantante è stato "scelto" per cantare sul palco con i Marillion all'ultimo "Marillion WeekEnd"

Scusate lo sfogo.
  • giannirsc
  • Membro: Supporter
  • Risp: 12679
  • Loc: Roma
  • Thanks: 774  

09-11-11 11.16

lo hai detto tu stesso..suoni i marillion..cosa pretendi..vai a parlare con gli "innuendo" (tanto per fare un esempio) e vedi se per suonare gli chiedono di portargli gente..ci sono tante blues band brave che muovono persone a prescindere dal locale..come tante band che fanno musica dance, per non parlare delle solite cover vasco o ligabue che se vai a stringere, quelle che tirano sono solo un paio..oppure cover cartoni animati..ci sono i cialtroni animati che girano l'italia da anni..insomma io lo ripeto..se vali i locali ti chiamano..se poi ti ostini a voler presentare un prodotto che non tira, non puoi dare la colpa al gestore del locale..è come se oggi io volessi aprire un negozio per ferrare i cavalli..il tipico maniscalco..
io per mia esperienza suonavo con una cover vasco e viaggiavamo sulle 80 date l'anno..ora suono cover zucchero con un livello tecnico decisamente più elevato, ma la situazione tira poco..facciamo una serata al mese..non è che me la prendo con i gestori, purtroppo zucchero attira poco, c'è poco da fare..dato che mi piace suonare, mi son trovato altre situazioni parallele..insomma..se vuoi suonare, si suona..
Edited 9 Nov. 2011 10:23
  • Animapone
  • Membro: Expert
  • Risp: 3683
  • Loc: Roma
  • Thanks: 344  

09-11-11 12.17

giannirsc ha scritto:
..cosa pretendi..
..se poi ti ostini a voler presentare un prodotto che non tira, non puoi dare la colpa al gestore del locale..


Io non "pretendo" nulla di più che "chiarezza".
Non pertendo i compensi di gruppi che tirano, non petendo di suonare 4/5 volte al mese, per questo apprezzo molto la scelta del Geronimo's di non farci suonare, piuttosto che farti suonare e poi darti 2 lire.
Io me la prendo con i gestori che non rispettano i patti, con i gestori che scaricano su di te il loro rischio di impresa, con i gestori che ti promettono X e poi ti danno meno di X accampando mille scuse (voglio vedere i dipendenti del locale quella sera sono stati pagati di meno), questo non lo trovo un comportamento corretto.

Non mi pare di essermi "lamentato" della difficoltà di prendere una serata (cosa di cui sono perfettamente consapevole), ma piuttosto del trattamento ricevuto.
  • giannirsc
  • Membro: Supporter
  • Risp: 12679
  • Loc: Roma
  • Thanks: 774  

09-11-11 12.26

sulle lamentele dei gestori a fine serata son d'accordo con te..anche me è capitato di sentirmi dire.."c'è poca gente..non ci rientro..pensavo che..."..però se il gruppo tira, non ti ritrovi in queste situazioni, per quello continuo a dire che se hai un prodotto che funziona e che piace, non ti ritrovi in queste situazioni...
  • anonimo

09-11-11 14.44

E' una lotta tra morti di fame, per due lire.

Che umiliazione vedersi pagare meno del pattuito a fine serata. Da denuncia.
  • anonimo

09-11-11 15.15

@ anonimo
E' una lotta tra morti di fame, per due lire.

Che umiliazione vedersi pagare meno del pattuito a fine serata. Da denuncia.
Quoto.
  • LittleApple
  • Membro: Senior
  • Risp: 936
  • Loc: Perugia
  • Thanks: 29  

09-11-11 16.24

@ anonimo
E' una lotta tra morti di fame, per due lire.

Che umiliazione vedersi pagare meno del pattuito a fine serata. Da denuncia.
Già. Il problema è: su che basi denunci? Contratti che non ci sono? Tanto è consuetudine fare tutto al nero. E di certo non incentivi la legalità se tra ENPALS e SIAE paghi più del cachet del gruppo... Questo è lo schifo.
  • Edmond

09-11-11 16.42

Ragazzi per quanto mi riguarda il discorso è molto semplice. A me non me ne pò fregare del musicista della domenica, facesse quel che vuole e si divertisse quel che vuole, ne voglio commentare interventi qui dentro. Io a meno di 140 + iva euro non vado. Il mio pensiero sin ora è vincente, visto che lavoro bene. Non mi prostituisco. Se la gente mi vuole ben venga altrimenti nulla. E' vero, mi è capitato di rifutare un mare di serate con gruppetti proprio perchè si prendono quelle 60 euro ma a me non me ne pò fregare di meno. Se devo andare a prendere 50 euro a sera con i gruppetti, preferisco di gran liunga i centri sociali per gli ansiani con un'allegra fisarmonica mi tiro via 180 euro a serata pulite. E' anche vero che, dipende che musicista sei e cosa suoni.

Se considerate :

le spese di viaggio, la macchina, gli strumenti, il tempo che perdo ecc ecc... per 50 euro facciamo pure andarci lo strappino della domenica che sia bravo o vada in playback poco me ne frega.Per come la vedo io, proprio chi fà un'altro lavoro e guadagna in un'altra attività non ha senso andare per 4 castagne lesse ansi dovrebbe farsi pagare di più. Il problema principale è sempre chi non "ufficializza" questo tipo di lavoro. Vedrai che quando devi pagare 35 euro a serata di agibilità enpals + i versamenti, cooperativa che ti tiene in "regola" fregne e vinnelle a 50 euro non ci vai piu, perche ne devi cacciare degli altri sopra. Ma io mi domando e dico che gusto c'è andare a suonare per la gloria, c'è chi lo fà, buon per loro. Per andare a elemosinare 50 euro, preferirei fare di gran lunga il musicista di strada, quei 180 euro al giorno in città li fà eccome.
Edited 9 Nov. 2011 16:54
  • jacus78
  • Membro: Guru
  • Risp: 6080
  • Loc: Agrigento
  • Thanks: 250  

09-11-11 18.38

con questo pensiero, da queste parti, rimarresti a casa a vita.....le tue belle tastiere, i tuoi bei suoni, le tue belle sequenze......potresti ascoltartele da solo! ecco perchè non è tanto una questione di prezzo, quanto la voglia e il piacere di suonare! se lo hai, suoni per 50-60-70 euro nei locali e fino a 200 euro in piazza......se non hai il piacere di far sentire quello che sai fare....addio!
voglio dire.....c'è chi di noi ci campa solo con quello, e allora fa bene a sparare alto e se lo chiamano è tutto di guadagnato.....ma per altri, come me, che si dedica anche ad altro, questo è un ripiego di piacere per infilarsi altre 50 euro in tasca!
il succo è questo ed è anche il mio pensiero! e con questo pensiero si riescono a fare molte più serate durante l'anno!
  • jacus78
  • Membro: Guru
  • Risp: 6080
  • Loc: Agrigento
  • Thanks: 250  

09-11-11 18.50

giannirsc ha scritto:
anche io qui a roma con il mio gruppo per i locali si oscilla tra i 50-80 euro a "capoccia"..tanto ? poco?..non me ne frega nulla..vado per divertirmi..

emoemo
  • Mykelus
  • Membro: Expert
  • Risp: 4706
  • Loc: Taranto
  • Thanks: 228  

09-11-11 19.03

su Taranto, Bari, Lecce, in pub, locali..... mai preso più di 300€ e siamo in 5. O così o non suoni proprio, se si facesse per i soldi non si suonerebbe mai.



riferito al post sotto...
Edmond non parlo del tuo caso, dipende si dal palco, dall'evento, fai bene a chiedere quello che chiedi.... il mio era di supporto a chi prende "solo" 50€ e che suona lo stesso.
Edited 9 Nov. 2011 18:30
  • Edmond

09-11-11 19.10

ragazzi,

forse allora non parliamo della stessa cosa. Io parlo di chi fà della musica, il proprio principale profitto. E' vero che non si butta via mai nulla ma se hai un buon giro (e parlo anche di palchi abbastanza importanti) i prezzi sono quelli che vi ho detto io. Nella zona di Roma ad es. mi faccio seguire da un'agenzia e non mi hanno mai proposto robe da 50 euro. Per il resto non lo sò, forse nei giri dei locali le cose sono diverse.
Edited 9 Nov. 2011 18:11
  • giannirsc
  • Membro: Supporter
  • Risp: 12679
  • Loc: Roma
  • Thanks: 774  

09-11-11 19.46

Edmond hai detto la parolina magica che mi fa esser super d'accordo con te..la musica per te è fonte di profitto..per me è semplice divertimento..a me piace suonare nei locali punto e basta..tra 15 gg risuono in un bel locale qui a roma, all' Irish village...neanche so quanto mi danno..saranno 50..60..80..non l'ho neanche chiesto semplicemenet perchè non mi interessa..se fosse a gratis probabilmente ci andrei lo stesso perchè quella sera sarò con i miei amici musicisti, ci saranno i miei amici a vedermi etc..insomma ripeto..vado a divertirmi..non a lavorare..al contrario quando facevo i matrimoni, mi beccavo 400 euro e ci andavo solo per i soldi perchè non mi divertivo per nulla a suonare marcia nuziale, la canzone del sole, io vagabondo..il ballo del qua qua e il solito disco samba a trenino..dopo un pò ho lasciato perdere perchè quei 400 euro ringraziando il cielo, non mi cambiano nulla in quanto già lavoro 8 ore al giorno..quindi semplicemenete se mi servono dei soldi, "spingo" sul mio lavoro producendo di più..la musica mi rimane come semplice divertimento e ne sono contentissimo perchè non ho l'obbligo di dover suonare o trovarmi serate per racimolare soldi.Insomma qui si stà delineando chi suona per passione/divertimento e chi invece per prendere i soldi..ora giudica tu chi è che si prostituisce per la musica.. emo
Edited 9 Nov. 2011 18:47
  • Edmond

09-11-11 20.21

gianni che ti devo dire...emo

chi ci campa a volte si deve prostituire come lo farai tu col tuo lavoro principale. Il problema è che io non posso venire a fare il tuo lavoro a prezzo minore perchè magari non sò neanche cosa sia. Non sò se mi spiego. Cmq ognuno è liberissimo di pensare ciò che vuole e facciamoce na bevuta...emo
  • giannirsc
  • Membro: Supporter
  • Risp: 12679
  • Loc: Roma
  • Thanks: 774  

09-11-11 20.59

ma sai la differenza è che il mio lavoro ( azienda di imballaggio minuteria..viti dadi bulloni) non ha la componente passione, nel senso che nel mondo non esiste una persona con l'hobby di mettere 100 viti dentro una scatola..emo..la musica invece è diversa..inizia come passione che poi uno può far tramutare in fonte di guadagno..insomma io la musica la vedo come quei migliaia di ragazzi che ogni settimana pagano per andare a giocare a calcio/calcetto...ci vanno per pura passione dello sport, pagano, giocano sotto il diluvio e sognano chissà chi di essere..lo stesso è per me la musica..suono perchè mi piace, mi diverte, mi scarica dai "problemi" in generale..insomma..è un piacere..poisi ritorna al discorso base..se io che lavoro 8 ore al giorno..e che tocco la tastiera 2 ore alla settimana, riesco a dare un servizio musicale migliore di chi si ritiene professionista e stà 8 ore davanti ad un piano, la colpa non è mia emo
  • vin_roma
  • Membro: Supporter
  • Risp: 8929
  • Loc: Roma
  • Thanks: 972  

09-11-11 22.55

giannirsc ha scritto:
ma sai la differenza è che il mio lavoro ( azienda di imballaggio minuteria..viti dadi bulloni) non ha la componente passione, nel senso che nel mondo non esiste una persona con l'hobby di mettere 100 viti dentro una scatola..emo..la musica invece è diversa..inizia come passione che poi uno può far tramutare in fonte di guadagno..insomma io la musica la vedo come quei migliaia di ragazzi che ogni settimana pagano per andare a giocare a calcio/calcetto...ci vanno per pura passione dello sport, pagano, giocano sotto il diluvio e sognano chissà chi di essere..lo stesso è per me la musica..suono perchè mi piace, mi diverte, mi scarica dai "problemi" in generale..insomma..è un piacere..poisi ritorna al discorso base..se io che lavoro 8 ore al giorno..e che tocco la tastiera 2 ore alla settimana, riesco a dare un servizio musicale migliore di chi si ritiene professionista e stà 8 ore davanti ad un piano, la colpa non è mia emo


Condivido, sino a che esistono situazioni "sporadiche" è giusto prenderla con questo spirito.

Chi fà musica non vende patate ma emozioni e il primo ad emozionarsi è chi suona.

In fondo per ripagare degnamente quello che si vorrebbe far diventare un lavoro non basterebbero centinaia di euro a sera. pensate alle prove, alle sale in affitto, alla strumentazione, alle ore passate a programmare, alla sistemazione, carico/scarico, tira sù, tira giù, monta/smonta...un idraulico ti direbbe: almeno 500 euro!
ma per logica di cose questo non è fattibile anche perchè ci sarà sempre l' hobbysta pronto a farlo anche gratis.
Avete mai visto un idraulico che lavora per hobby?

E allora di che stiamo parlando?

E' giusto il paragone di giannirsc con il calcio: c' è chi paga il campetto in affitto, l' iscrizione al torneo, le divise, la fatica e tutto il resto e lo fa in nome di una passione e c' è chi, con la stessa passione, sta in serie A e prende un fottio di soldi perché le sue capacità generano introiti alle società calcistiche, alle agenzie di pubblicità e via dicendo.

Campare con la musica è arduo, soprattutto se si decide di farlo precariamente con le serate che nessun ente o legge può disciplinare a meno che non si voglia imbrigliare con le normative uno dei fondamenti dell' espressione artistica: uguaglianza, libertà di pensiero e di linguaggio.

Ci si può campare ragionevolmente, in regime di routine, se si decide di suonare sulle navi (c' è chi lo fa per anni ma si finisce col perdere il senso artistico), come pianobarista in una catena di grandi alberghi (ma si diventa lo stesso impiegati dell' arte).

Ci si può campare bene se il tuo essere musicista dice qualcosa di nuovo che incontra il favore delle masse (tutti quelli che sono sulla bocca di tutti...da Allevi a Santana!).

Se si ha il guizzo compositivo si può entrare nel giro delle sonorizzazioni/colonne sonore.

Se si è dotati di pazienza e dedizione si può associare all' attività di musicista da locale quella di musicista insegnante che offre molte occasioni.

se si è diplomati ci si può parare il culo insegnando nelle scuole medie o addirittura nei conservatori e svolgere contemporaneamente attività esecutiva.

Si può entrare in un' orchestra stabile...

Ma tutti questi, a parte quelli di alcuni pochi fuori classe, sono ruoli lavorativi, alcuni belli altri un pò meno ma sempre di routine, lontani dall' ideale del "musicista" puro.
  • Edmond

10-11-11 10.15

mi trovi d'accordo vin.