Synth wavetable

  • PandaR1
  • Membro: Expert
  • Risp: 1096
  • Loc: Genova
  • Thanks: 172  

29-07-22 10.56

@ wildcat80
Ieri sera finalmente sono riuscito a fare due note con l'Argon.
Troppo poche per fare una recensione, però una cosa l'ho notata: non suona né fermo, né poco organico. Ha un sapore che non è prettamente digitale (in senso brutto), i filtri suonano molto bene.
In quelle patch di fabbrica emulative di sonorità analogiche (perché Argon è anche un signor VA) si percepisce una grana, una pasta sonora molto vicina all'Uno Synth Pro, e la cosa è incredibile (e qui confermo i filtri siano veramente ben modellati e che non c'è traccia di aliasing).
Ma quando si va sulle patch in cui esprime il suo potenziale come wavetable non ce n'è più per nessuno: un prodotto fatto bene, ben suonante, realizzato con cura e con materiali di qualità, offerto ad un prezzo super.
Si, io non ho capito tanto la scelta di far uscire il cobalt che e' pressoche' lo stesso synth a livello hardware ma in salsa VA, in pratica cambiando wavetables e algoritmi, cioe' si, in chiave commerciale probabilmente ci sta, ma secondo me potevano tranquillamente fare tutto in uno
  • berlex65
  • Membro: Expert
  • Risp: 4179
  • Loc: Siena
  • Thanks: 315  

29-07-22 13.14

@ wildcat80
Ieri sera finalmente sono riuscito a fare due note con l'Argon.
Troppo poche per fare una recensione, però una cosa l'ho notata: non suona né fermo, né poco organico. Ha un sapore che non è prettamente digitale (in senso brutto), i filtri suonano molto bene.
In quelle patch di fabbrica emulative di sonorità analogiche (perché Argon è anche un signor VA) si percepisce una grana, una pasta sonora molto vicina all'Uno Synth Pro, e la cosa è incredibile (e qui confermo i filtri siano veramente ben modellati e che non c'è traccia di aliasing).
Ma quando si va sulle patch in cui esprime il suo potenziale come wavetable non ce n'è più per nessuno: un prodotto fatto bene, ben suonante, realizzato con cura e con materiali di qualità, offerto ad un prezzo super.
Si è il il synth di cui tanti ne parlano, spesso bene, ma che in pochi comprano 😂😂😂!! Forse per l’editor ? 🤷???!
Se ce lo fai capire te! Nei negozi, da quel che so, pur utilizzando anche materiali “pregiati”, fa la muffa o la polvere ... !
Ciao
  • wildcat80
  • Membro: Guru
  • Risp: 4609
  • Loc: Genova
  • Thanks: 909  

29-07-22 14.52

Boh non saprei, ci sono strumenti suscettibili a mode.
Mi sembra di aver capito che ci siano alcune questioni poco chiare a livello di editing da pannello, ma che con la Modal app si vada come dei treni. Non so, devo approfondire, è anche vero che l'ho preso in prestito da uno che non si è trovato, però è anche vero che non è uno avvezzo ai synth.
  • Kent83
  • Membro: Senior
  • Risp: 308
  • Loc:
  • Thanks: 60  

29-07-22 18.56

@ wildcat80
Ieri sera finalmente sono riuscito a fare due note con l'Argon.
Troppo poche per fare una recensione, però una cosa l'ho notata: non suona né fermo, né poco organico. Ha un sapore che non è prettamente digitale (in senso brutto), i filtri suonano molto bene.
In quelle patch di fabbrica emulative di sonorità analogiche (perché Argon è anche un signor VA) si percepisce una grana, una pasta sonora molto vicina all'Uno Synth Pro, e la cosa è incredibile (e qui confermo i filtri siano veramente ben modellati e che non c'è traccia di aliasing).
Ma quando si va sulle patch in cui esprime il suo potenziale come wavetable non ce n'è più per nessuno: un prodotto fatto bene, ben suonante, realizzato con cura e con materiali di qualità, offerto ad un prezzo super.
A tuo avviso è anche capace di sonorità cattive, grezze, distorte, ignoranti? Con la wavetable di Ableton non ci ho mai combinato granché
  • wildcat80
  • Membro: Guru
  • Risp: 4609
  • Loc: Genova
  • Thanks: 909  

29-07-22 20.55

Finisco la Poterti 5 luppoli e mi attacco all'Argon
  • wildcat80
  • Membro: Guru
  • Risp: 4609
  • Loc: Genova
  • Thanks: 909  

29-07-22 23.09

@ Kent83
A tuo avviso è anche capace di sonorità cattive, grezze, distorte, ignoranti? Con la wavetable di Ableton non ci ho mai combinato granché
Dunque stasera con family al mare mi sono potuto dedicare un pochino all'Argon.
Per prima cosa si installa la Modal app che riconosce e aggiorna subito lo strumento, io l'ho installata sul Mac, magari su altri ambienti è meno immediato. Questo Argon è stato usato così poco che oltre ad avere l'immancabile pellicola, il firmware era ancora nativo... comunque disporre della all semplifica molto la programmazione, ed è multipiattaforma (MacOS, iOS, Windows, Android, inoltre è disponibile anche come plugin.
Per rispondere alla tua domanda specifica direi che si possono ottenere quelle sonorità, perché ci sono diversi strumenti adatti allo scopo, iniziando dai modificatori statici (reducer, resampler, rectifier, wavefolder, etc etc), passando per la ring modulation e infini, se non bastasse, chiudendo il cerchio con un passaggio nel distorsore.
I filtri sono particolari, sono dichiarati come 2 poli ma l'effetto è quasi più da 4 poli, probabilmente dovuto alle limitazioni di banda tipiche delle wavetables (ma è un mio pensiero), con il filtro standard che a me ricorda molto quello del Prologue (risonanza molto accentuata fino all'auto oscillazione e discreta compensazione delle basse), mentre il classic chi ne sa di più sostiene che sia ispirato ai filtri Oberheim, una crema insomma.
Inoltre hanno la possibilità di fare morphing fra LP e HP, e con la modalità notch per entrambi i filtri si ottengono cose molto interessanti.
Per quanto riguarda ancora l'aggressività l'unico appunto che mi viene da fare è che gli inviluppi non siano proprio velocissimi, soprattutto il decay, ma non è una cosa così determinante ecco, basta prenderci mano.
In conclusione, dopo la breve prova di stasera non posso che dirne bene: suona, la app è una bomba, è bello e ben fatto... Vabbè, vediamo di usarlo un po' e poi chissà.
  • dxmat
  • Membro: Senior
  • Risp: 717
  • Loc: Vicenza
  • Thanks: 79  

30-07-22 08.52

@ wildcat80
Dunque stasera con family al mare mi sono potuto dedicare un pochino all'Argon.
Per prima cosa si installa la Modal app che riconosce e aggiorna subito lo strumento, io l'ho installata sul Mac, magari su altri ambienti è meno immediato. Questo Argon è stato usato così poco che oltre ad avere l'immancabile pellicola, il firmware era ancora nativo... comunque disporre della all semplifica molto la programmazione, ed è multipiattaforma (MacOS, iOS, Windows, Android, inoltre è disponibile anche come plugin.
Per rispondere alla tua domanda specifica direi che si possono ottenere quelle sonorità, perché ci sono diversi strumenti adatti allo scopo, iniziando dai modificatori statici (reducer, resampler, rectifier, wavefolder, etc etc), passando per la ring modulation e infini, se non bastasse, chiudendo il cerchio con un passaggio nel distorsore.
I filtri sono particolari, sono dichiarati come 2 poli ma l'effetto è quasi più da 4 poli, probabilmente dovuto alle limitazioni di banda tipiche delle wavetables (ma è un mio pensiero), con il filtro standard che a me ricorda molto quello del Prologue (risonanza molto accentuata fino all'auto oscillazione e discreta compensazione delle basse), mentre il classic chi ne sa di più sostiene che sia ispirato ai filtri Oberheim, una crema insomma.
Inoltre hanno la possibilità di fare morphing fra LP e HP, e con la modalità notch per entrambi i filtri si ottengono cose molto interessanti.
Per quanto riguarda ancora l'aggressività l'unico appunto che mi viene da fare è che gli inviluppi non siano proprio velocissimi, soprattutto il decay, ma non è una cosa così determinante ecco, basta prenderci mano.
In conclusione, dopo la breve prova di stasera non posso che dirne bene: suona, la app è una bomba, è bello e ben fatto... Vabbè, vediamo di usarlo un po' e poi chissà.
Com’è il livello di uscita del synth?
Avevo letto che alcuni lamentavano il basso volume, ma forse confondo con altro strumento.
  • wildcat80
  • Membro: Guru
  • Risp: 4609
  • Loc: Genova
  • Thanks: 909  

30-07-22 09.27

@ dxmat
Com’è il livello di uscita del synth?
Avevo letto che alcuni lamentavano il basso volume, ma forse confondo con altro strumento.
Ero convinto di averlo scritto ieri... Il livello di uscita è l'unico tallone d'Achille che ho rilevato al momento. Non esce molto alto, bisogna sempre stare sopra a 100 con il volume.
Devo però vedere se, come ad esempio succedeva con il Blofeld, con un filo di overdrive si guadagnano dB senza colorare troppo il suono (che non è necessariamente un male).
  • Kent83
  • Membro: Senior
  • Risp: 308
  • Loc:
  • Thanks: 60  

30-07-22 10.07

@ wildcat80
Dunque stasera con family al mare mi sono potuto dedicare un pochino all'Argon.
Per prima cosa si installa la Modal app che riconosce e aggiorna subito lo strumento, io l'ho installata sul Mac, magari su altri ambienti è meno immediato. Questo Argon è stato usato così poco che oltre ad avere l'immancabile pellicola, il firmware era ancora nativo... comunque disporre della all semplifica molto la programmazione, ed è multipiattaforma (MacOS, iOS, Windows, Android, inoltre è disponibile anche come plugin.
Per rispondere alla tua domanda specifica direi che si possono ottenere quelle sonorità, perché ci sono diversi strumenti adatti allo scopo, iniziando dai modificatori statici (reducer, resampler, rectifier, wavefolder, etc etc), passando per la ring modulation e infini, se non bastasse, chiudendo il cerchio con un passaggio nel distorsore.
I filtri sono particolari, sono dichiarati come 2 poli ma l'effetto è quasi più da 4 poli, probabilmente dovuto alle limitazioni di banda tipiche delle wavetables (ma è un mio pensiero), con il filtro standard che a me ricorda molto quello del Prologue (risonanza molto accentuata fino all'auto oscillazione e discreta compensazione delle basse), mentre il classic chi ne sa di più sostiene che sia ispirato ai filtri Oberheim, una crema insomma.
Inoltre hanno la possibilità di fare morphing fra LP e HP, e con la modalità notch per entrambi i filtri si ottengono cose molto interessanti.
Per quanto riguarda ancora l'aggressività l'unico appunto che mi viene da fare è che gli inviluppi non siano proprio velocissimi, soprattutto il decay, ma non è una cosa così determinante ecco, basta prenderci mano.
In conclusione, dopo la breve prova di stasera non posso che dirne bene: suona, la app è una bomba, è bello e ben fatto... Vabbè, vediamo di usarlo un po' e poi chissà.
Una piacevole sorpresa allora
  • Dantes
  • Membro: Expert
  • Risp: 2336
  • Loc: Livorno
  • Thanks: 212  

30-07-22 11.58

@ wildcat80
Ero convinto di averlo scritto ieri... Il livello di uscita è l'unico tallone d'Achille che ho rilevato al momento. Non esce molto alto, bisogna sempre stare sopra a 100 con il volume.
Devo però vedere se, come ad esempio succedeva con il Blofeld, con un filo di overdrive si guadagnano dB senza colorare troppo il suono (che non è necessariamente un male).
avevo letto che l'ultimo aggiornamento risolveva qs problema
  • wildcat80
  • Membro: Guru
  • Risp: 4609
  • Loc: Genova
  • Thanks: 909  

30-07-22 12.34

@ Dantes
avevo letto che l'ultimo aggiornamento risolveva qs problema
Ho fatto un breve test due sere fa prima di installare la app (e quindi con firmware nativo) in cui ho scarrellato un po' di patch, ma senza fare confronti con nulla.
Viceversa, una volta installata la app e l'aggiornamento, mi sono divertito a inserirlo come external in diversi pezzi che ho sul Fantom07, e ho avuto l'impressione che il livello di uscita fosse lievemente più basso.
  • wildcat80
  • Membro: Guru
  • Risp: 4609
  • Loc: Genova
  • Thanks: 909  

30-07-22 15.39

Leggevo con calma il manuale. Il firmware nuovo prevede alcune possibilità di ottimizzazione del gain sia che per ogni singola patch, sia a livello globale, ed è stato implementato un algoritmo di saturazione del limiter interno.
A Bristol fanno le cose per bene!
  • pluto30
  • Membro: Guest
  • Risp: 68
  • Loc: Verona
  • Thanks: 2  

30-07-22 18.22

@ wildcat80
Leggevo con calma il manuale. Il firmware nuovo prevede alcune possibilità di ottimizzazione del gain sia che per ogni singola patch, sia a livello globale, ed è stato implementato un algoritmo di saturazione del limiter interno.
A Bristol fanno le cose per bene!
Per aumentare il gain basta premere il tasto patch ed alzare la manopola del volume
  • dxmat
  • Membro: Senior
  • Risp: 717
  • Loc: Vicenza
  • Thanks: 79  

31-07-22 08.38

Come qualità costruttiva a che livello è? Potenziometri, encoders, joystick ecc. ecc.
  • wildcat80
  • Membro: Guru
  • Risp: 4609
  • Loc: Genova
  • Thanks: 909  

31-07-22 09.37

@ dxmat
Come qualità costruttiva a che livello è? Potenziometri, encoders, joystick ecc. ecc.
L'impressione è che sia tutto di estrema qualità, il primo impatto è quello: curato, robusto, ben rifinito.
Per essere uno strumento di fascia poco più che budget è sorprendente.
Certo, bisogna vedere nel tempo la resa degli encoder, però certi particolari tipo il joystick in metallo colpiscono... se penso che il Jupiter XM ha le wheels del JD Xi e costa due volte e mezza...
  • dxmat
  • Membro: Senior
  • Risp: 717
  • Loc: Vicenza
  • Thanks: 79  

01-08-22 21.05

wildcat80 ha scritto: L'impressione è che sia tutto di estrema qualità... bisogna vedere nel tempo la resa degli encoder


Interessante.
Nel frattempo rimaniamo in attesa di ulteriori feedback sullo strumento.



  • wildcat80
  • Membro: Guru
  • Risp: 4609
  • Loc: Genova
  • Thanks: 909  

01-08-22 22.00

Per i feedback ci vuole tempo, nel senso che un analogico o un VA fai abbastanza presto, qui con le tabelle del nuovo aggiornamento e i 32 modificatori statici il materiale di partenza è infinito... Per velocizzare lo conoscenza dello strumento ho scaricato un po' di patch gratuite dal sito ufficiale, devo dire che ci sono tante cose carine, nel mucchio ovviamente, che fanno apprezzare sia l'anima originale wavetable che la possibilità di agire da VA.
A tal proposito, c'è almeno una raccolta di patch che è compatibile sia con Argon che con Cobalt, il che fa capire molto bene che il comune denominatore sia molto largo.
Tornando rapidamente agli aspetti meramente costruttivi... Negli anni ho avuto strumenti un po' di tutte le fasce, è la prima volta in assoluto che mi trovo davanti un prodotto poco più che budget così ben costruito e supportato.
Ricordo ad esempio il Korg R3, strumento veramente ottimo dal punto di vista sonoro (è un baby Radias), ma costruito a dir poco al risparmio e piuttosto prono a malfunzionamenti di encoder e uscite audio... A tal proposito i nuovi digitali Korg mi ricordano molto RE, form factor e materiali in primis.
  • MarioSynth
  • Membro: Expert
  • Risp: 1122
  • Loc: Genova
  • Thanks: 166  

02-08-22 07.42

@ wildcat80
Leggevo con calma il manuale. Il firmware nuovo prevede alcune possibilità di ottimizzazione del gain sia che per ogni singola patch, sia a livello globale, ed è stato implementato un algoritmo di saturazione del limiter interno.
A Bristol fanno le cose per bene!
Ciao, qui ci sono dei tip interessanti nella recensione di Argon 8 (scorrere in basso, dopo le patch in vendita), parla anche della questione del livello di uscita.
  • wildcat80
  • Membro: Guru
  • Risp: 4609
  • Loc: Genova
  • Thanks: 909  

02-08-22 09.37

@ MarioSynth
Ciao, qui ci sono dei tip interessanti nella recensione di Argon 8 (scorrere in basso, dopo le patch in vendita), parla anche della questione del livello di uscita.
Interessante, tuttavia attualmente siamo alla release 2.6 del firmware e tutte le questioni affrontate non si ritrovano più, anche perché al primo avvio con Modal app il firmware si aggiorna automaticamente.
  • pluto30
  • Membro: Guest
  • Risp: 68
  • Loc: Verona
  • Thanks: 2  

02-08-22 13.50

@ wildcat80
Interessante, tuttavia attualmente siamo alla release 2.6 del firmware e tutte le questioni affrontate non si ritrovano più, anche perché al primo avvio con Modal app il firmware si aggiorna automaticamente.
Trovo che l'app sia comodissima per avere una visione immediata d'insieme di tutti i parametri, ma l'Argon lo programmo tranquillamente da pannello. Tra l'altro Modal ha fatto le cose per bene rilasciandola sia per pc che per mac, per Android e per Ios. Macchina comunque notevole. Personalmente la trovo adattissima per pad atmosferici, textures e simili ma è davvero versatile