Nuovo GSi VB3-II

  • greg
  • Membro: Expert
  • Risp: 2243
  • Loc: Salerno
  • Status:
  • Thanks: 54  

04-07-18 08.18

@ ziokiller
Quale membro di questo forum da molti anni, permettetemi di fare un po' di autopromozione di una cosa della quale vado molto fiero. Dopo quasi 11 anni dalla sua prima release ufficiale, dopo 8 anni dal suo ultimo aggiornamento, finalmente ho ritrovato il tempo per dedicarmi ai miei software ed oggi ho pubblicato la nuova versione di VB3, il mio simulatore di organo Hammond.

GSi VB3-II

Stavolta è disponibile a 64 bit per Windows e OSX nei formati VST2, VST3, AU (solo Mac) e Standanlone.

So che ci sono alcuni utenti registrati della vecchia versione qui su questo forum che aspettavano da tempo il rilascio di una nuova versione specialmente per il Mac, che oramai da tempo non era più compatibile con i vecchi AU a 32 bit.

Questa nuova versione è basata sullo stesso "core" DSP del Mojo / Mojo61 e Gemini, quindi stesso identico suono, sia per quanto riguarda l'organo che gli effetti, e anche stesso set di parametri. Se siete curiosi, scaricate la demo e provate voi stessi.

Grazie per l'attenzione emo
Complimenti
  • greg
  • Membro: Expert
  • Risp: 2243
  • Loc: Salerno
  • Status:
  • Thanks: 54  

04-07-18 08.20

@ ziokiller
No, il DMC-122 è citato nella pagina di VB3-II come controller ideale, visto che è effettivamente l'unico controller in circolazione che ha tutto quello che serve per godersi pienamente il suono e le funzioni di VB3-II.

Comunque a giorni pubblicheremo un piccolo controller con Drawbar, un progettino fai-da-te basato su Arduino, quindi open-source. Sarà venduto in kit di montaggio, che comunque sarà facilissimo da montare perché le parti sono davvero poche, e il prezzo sarà credo intorno ai 150 euro. Questo controller sarà l'ideale sia per pilotare software come VB3 ma anche come controllo aggiuntivo per il Mojo61 o per il Gemini, che hanno entrambi la porta USB "host" che accetta periferiche USB-MIDI Class Compliant.

Più Hammond per tutti! emo
Ottimo anxhe questo
  • zaphod
  • Membro: Guru
  • Risp: 5281
  • Loc: Savona
  • Status:
  • Thanks: 539  

04-07-18 10.54

marcoballa ha scritto:
in realtà è sostanzialmente differente dalla versione 1, per tutta una serie di aspetti

ne sono convinto; conta che vado a memoria, perchè non ho sottomano un vb3 mk1; sarà certamente diverso, ma la base sonora la trovo simile, facendo un parallelismo è come sentire similitudine tra il Keybduo ed il Legend: quest'ultimo riveduto e (molto) corretto, ma con una simulazione di base che suona sempre nella stessa direzione.

marcoballa ha scritto:
si può ovviamente editare
[il chorus]
certo, ho visto, ma tra i parametri me ne manca uno che dia un filo più di "scordatura". Tutto lì.

marcoballa ha scritto:
si può editare e si ottengono mille sfumature differenti
[il leslie]
dai, Marco, sii obiettivo... non ti fanno passare da un 147 a un 122 o ancor di più ad un 760, e poi i parametri a disposizione permettono sì tante sfumature, ma non portano a differenze abissali. Anzi, si tratta di aggiustamenti. Cosa anche giusta, perchè il rischio è di portare a settaggi che suonano, se non del tutto, quasi completamente differenti da un Leslie (cit. Douglas Adams, anche se si trattava di té)

Comunque tengo sempre a sottolineare che i miei rilievi sono tutt'altro che critici, e non vorrei che venisse eclissato il merito di GSI che ha creato una delle più belle simulazioni di Hammond di cui possiamo godere oggi (godere nel senso proprio carnale della pratica orgasmica ...eh, pardon, organistica emo)


  • SimonKeyb
  • Membro: Guru
  • Risp: 5526
  • Loc: Vicenza
  • Status:
  • Thanks: 326  

04-07-18 11.20

zaphod ha scritto:
non ti fanno passare da un 147 a un 122 o ancor di più ad un 760

i parametri sono effettivamente molti cui mettere mano, capisco che a volte c'è un pò di pigrizia ma se si ha un suono in testa veramente hai tutto quello che occorre per ottenerlo. Nel momento in cui hai un'ottima simulazione di base e una serie di parametri tra cui l'overdrive, il tone, lo spread dei microfoni e le velocità dei rotori... capisco lo sfizio, ma serve veramente avere più cabinet?
  • zaphod
  • Membro: Guru
  • Risp: 5281
  • Loc: Savona
  • Status:
  • Thanks: 539  

04-07-18 11.35

SimonKeyb ha scritto:
capisco lo sfizio, ma serve veramente avere più cabinet?

No, perlomeno rifacendosi all'utente medio di Hammond che solitamente non ha più di un Leslie...
Solamente ho trovato strano che non mancando di certo, in casa GSI, le emulazioni Leslie (che una per l'altra suonano tutte bene, anche se giustamente ben diverse e distinte tra loro), ne venisse messa solo una nel vb3 mk2. Soprattutto nell'ottica di un utilizzo in studio.
  • marcoballa
  • Membro: Guru
  • Risp: 5986
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 834  

04-07-18 13.58

zaphod ha scritto:
[il leslie]
dai, Marco, sii obiettivo... non ti fanno passare da un 147 a un 122 o ancor di più ad un 760

sì, non c'è scritto 147 o 122 (come in altri cloni).
ma di fatto smanopolando sulla risonanza del cabinet e sugli altri parametri arrivi a quei suoni emoemoemo
  • anonimo

04-07-18 14.05

marcoballa ha scritto:
sì, non c'è scritto 147 o 122 (come in altri cloni).
ma di fatto smanopolando sulla risonanza del cabinet e sugli altri parametri arrivi a quei suoni


devi avere pazienza sono giovani e poco pratici allo spippolamento emo
  • marcoballa
  • Membro: Guru
  • Risp: 5986
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 834  

04-07-18 14.30

@ anonimo
marcoballa ha scritto:
sì, non c'è scritto 147 o 122 (come in altri cloni).
ma di fatto smanopolando sulla risonanza del cabinet e sugli altri parametri arrivi a quei suoni


devi avere pazienza sono giovani e poco pratici allo spippolamento emo
emoemoemo

con l'ultimo aggiornamento la simulazione onboard del VB3_II è, per alcuni aspetti, addirittura superiore a quella del BURN.
nel BURN ci sono i presets coi nomi che richiamano i vari modelli di leslie, e anche lì spippolando un pò si arriva alla stessa simulazione leslie del VB3 mkI, giusto per avere il campionario completo emoemo.

ora vedremo se e quando ci sarà un successore del BURN, ma al momento con VB3_II direi che non ce n'è alcun bisogno emoemo
  • Arci66
  • Membro: Expert
  • Risp: 2016
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 69  

04-07-18 14.46

marcoballa ha scritto:
quando ci sarà un successore del BURN

Ma il Burn è andato fuori produzione?
  • maxpiano69
  • Membro: Supporter
  • Risp: 20022
  • Loc: Torino
  • Status:
  • Thanks: 2208  

04-07-18 15.14

@ Arci66
marcoballa ha scritto:
quando ci sarà un successore del BURN

Ma il Burn è andato fuori produzione?
Si, da un po’...
  • zaphod
  • Membro: Guru
  • Risp: 5281
  • Loc: Savona
  • Status:
  • Thanks: 539  

04-07-18 16.13

@ marcoballa
zaphod ha scritto:
[il leslie]
dai, Marco, sii obiettivo... non ti fanno passare da un 147 a un 122 o ancor di più ad un 760

sì, non c'è scritto 147 o 122 (come in altri cloni).
ma di fatto smanopolando sulla risonanza del cabinet e sugli altri parametri arrivi a quei suoni emoemoemo
scusa, ma in pratica stai dicendo che Guido ha creato una sola simulazione leslie e ne ha derivato vari modelli solo variando i parametri? Interessante...
  • marcoballa
  • Membro: Guru
  • Risp: 5986
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 834  

04-07-18 16.51

@ zaphod
scusa, ma in pratica stai dicendo che Guido ha creato una sola simulazione leslie e ne ha derivato vari modelli solo variando i parametri? Interessante...
beh, più o meno come fanno tutti emoemoemoemo
  • mima85
  • Membro: Supporter
  • Risp: 11392
  • Loc: Como
  • Status:
  • Thanks: 1032  

04-07-18 16.58

@ zaphod
scusa, ma in pratica stai dicendo che Guido ha creato una sola simulazione leslie e ne ha derivato vari modelli solo variando i parametri? Interessante...
Si fa così, è normale. Si crea un modello simulativo che sia parametrizzabile, e poi si variano i parametri per emulare gli specifici modelli. Il segreto sta nel sapere esattamente come variare quei parametri in modo da ottenere delle simulazioni credibili di questo o quel modello di Leslie, e questo lo sa solo chi ha sviluppato il modello di simulazione.

Molte volte lo stesso approccio è usato anche negli strumenti a modellazione fisica.
  • zaphod
  • Membro: Guru
  • Risp: 5281
  • Loc: Savona
  • Status:
  • Thanks: 539  

04-07-18 17.11

@ mima85
Si fa così, è normale. Si crea un modello simulativo che sia parametrizzabile, e poi si variano i parametri per emulare gli specifici modelli. Il segreto sta nel sapere esattamente come variare quei parametri in modo da ottenere delle simulazioni credibili di questo o quel modello di Leslie, e questo lo sa solo chi ha sviluppato il modello di simulazione.

Molte volte lo stesso approccio è usato anche negli strumenti a modellazione fisica.
ok grazie Mima.
A proposito, mi hai fatto venire in mente i Doors, e... nel VB3 Mk2 non ci sono gli organi a transistor che erano nel Mk1, vero? E adesso non ditemi che variando i parametri del Vb3 posso avere un Farfisa, eh emo
  • mima85
  • Membro: Supporter
  • Risp: 11392
  • Loc: Como
  • Status:
  • Thanks: 1032  

04-07-18 17.23

zaphod ha scritto:
e... nel VB3 Mk2 non ci sono gli organi a transistor che erano nel Mk1, vero? E adesso non ditemi che variando i parametri del Vb3 posso avere un Farfisa, eh emo


Chiaramente la cosa va divisa per categoria di strumento. Da un modello di simulazione parametrizzato di Hammond puoi ricavarne le simulazioni dei vari modelli di quella famiglia di Hammond, variarne o meno l'invecchiamento, eccetera. Lo stesso vale per i Leslie, per gli organi a transistor (dove anche qui, ogni famiglia di organo avrà il suo modello, quindi il modello del Vox Continental non sarà il medesimo del Farfisa Compact), per i pianoforti e via dicendo.
  • SimonKeyb
  • Membro: Guru
  • Risp: 5526
  • Loc: Vicenza
  • Status:
  • Thanks: 326  

04-07-18 18.21

zaphod ha scritto:
E adesso non ditemi che variando i parametri del Vb3 posso avere un Farfisa, eh

in verità una volta che hai accesso a parametri del vibrato e del chorus, del leakage e del click puoi trattare i drawbar come delle sinusoidi quasi pulite. Alla fine con un pò di pazienza puoi tirarci fuori un suono simil-transistor.
Che tra l'altro anche solo mettendo il leslie in stop e i registri giusti conditi con il giusto chorus o vibrato e overdrive/EQ, puoi avvicinarti ragionevolmente al sound dei doors con qualsiasi clone hammond.
  • zaphod
  • Membro: Guru
  • Risp: 5281
  • Loc: Savona
  • Status:
  • Thanks: 539  

04-07-18 18.32

@ Mima
@Simonkeyb
Sapevo già le cose che mi state dicendo! La mia era solo una battuta!
emo
  • maxpiano69
  • Membro: Supporter
  • Risp: 20022
  • Loc: Torino
  • Status:
  • Thanks: 2208  

04-07-18 18.36

@ SimonKeyb
zaphod ha scritto:
E adesso non ditemi che variando i parametri del Vb3 posso avere un Farfisa, eh

in verità una volta che hai accesso a parametri del vibrato e del chorus, del leakage e del click puoi trattare i drawbar come delle sinusoidi quasi pulite. Alla fine con un pò di pazienza puoi tirarci fuori un suono simil-transistor.
Che tra l'altro anche solo mettendo il leslie in stop e i registri giusti conditi con il giusto chorus o vibrato e overdrive/EQ, puoi avvicinarti ragionevolmente al sound dei doors con qualsiasi clone hammond.
Ma con il modello Hammond non puoi generare le forme d’onda non sinusoidali dei combo a transistor, in questo senso il rilievo di zaphod é corretto, serve una modellazione specifica che esisteva sul VB3 1.x ma non é piú presente, apparentemente, nella 2.x ...
  • marcoballa
  • Membro: Guru
  • Risp: 5986
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 834  

04-07-18 20.53

@ zaphod
ok grazie Mima.
A proposito, mi hai fatto venire in mente i Doors, e... nel VB3 Mk2 non ci sono gli organi a transistor che erano nel Mk1, vero? E adesso non ditemi che variando i parametri del Vb3 posso avere un Farfisa, eh emo
ci sono nel Mojo 61 e nel GEMINI...
direi che è una scelta commerciale precisa emo
  • ziokiller
  • Membro: Supporter
  • Risp: 9281
  • Loc: Treviso
  • Status:
  • Thanks: 1177  

04-07-18 20.54

@ maxpiano69
Ma con il modello Hammond non puoi generare le forme d’onda non sinusoidali dei combo a transistor, in questo senso il rilievo di zaphod é corretto, serve una modellazione specifica che esisteva sul VB3 1.x ma non é piú presente, apparentemente, nella 2.x ...
Devo ammettere che le simulazioni dei transistor presenti nel vecchio VB3 erano piuttosto approssimative nonché di secondaria importanza. Nel Mojo/Mojo61 e nel Gemini, invece, ci sono le nuove simulazioni molto più dettagliate e veritiere, in particolare del Farfisa Compact DeLuxe, che ho tenuto qui per quasi un anno e che mi ha fatto penare per capire com'erano connessi i filtri! Tuttavia, quasi nessuno sembra interessato a quei suoni, diciamo meno dell'1% degli utilizzatori, quindi non è valsa assolutamente la pena metterli nel nuovo VB3-II visto che ci sono in giro dei plugin freeware altrettanto validi (Combo V e Combo F di Martinic, che poi sono gli stessi di Arturia). La figata è averli nel Mojo61... ma mai una volta che abbia visto o sentito qualcuno utilizzarli! emo

Quanto al Leslie, in questi anni ho "analizzato" i miei 4 (ora 3) Leslie più altri, ma uno in particolare l'ho smontato e modificato (infine ripristinato) per poterne analizzare meglio le sfaccettature. Il risultato è che con i parametri che ho inserito nel modello si riesce a ricreare una certa varietà di condizioni dello strumento, condizioni della registrazione, posizionamento dei microfoni, impatto dell'ambiente, ecc. Perché se da un lato è vero che non tutti i Leslie suonano allo stesso modo, da un altro lato bisogna dire che se i Leslie sono messi a punto nel modo corretto, sì che suonano nello stesso modo! Soprattutto, non esistono vere e proprie differenze fra i modelli 122 e 147, nonostante i miti e le leggende. Esistono delle leggere differenze fra gli alti e i bassi, per esempio fra un 122 e un 142 oppure fra un 147 e un 145, ma solo perché le trombe si trovano ad un'altezza diversa rispetto all'orecchio dell'ascoltatore, ma davanti a dei microfoni anche queste differenze si annullano.

I parametri più interessanti della simulazione Leslie del VB3-II, quelli che possono fare grosse differenze, sono:

- Balance: il bilanciamento fra alti e bassi può cambiare tanto sia la timbrica che la percezione dell'attacco del suono

- Cabinet: la presenza delle risonanze interne della cassa armonica, cosa di cui molti simulatori non tengono conto, invece il Leslie è un mobilone da quasi un metro cubo e di risonanze ne crea tante al suo interno, se questo parametro è a zero non le annulla del tutto ma le riduce drasticamente, risultando in un suono più artificiale che difficilmente si ottiene dalla microfonazione di un Leslie vero

- Ambience: aggiunge "aria" al suono, proprio come avverrebbe in una ripresa microfonica

- Mic Distance e Angle: ovvero il posizionamento dei microfoni. Non esiste una posizione giusta e una sbagliata, ma a volte anche spostare un microfono di un solo centimetro può creare o risolvere dei problemi di fase, e questo un fonico lo sa bene.