Un paio di domande su Camelot (ipad).

  • maxpiano69
  • Membro: Staff
  • Risp: 24483
  • Loc: Torino
  • Thanks: 3332  

13-06-23 10.15

@ Ovidio
Devo prima testare se l'Ipad in questione regge "l'urto" (2 app + audio/midi player + host) :-)
perciò vorrei provare prima con un host economico, mal che vada avrò buttato via 10 euro :-)

AUM supporta split e layer ma non il cambio di scena, per tale funzione c'è una app a parte dal costo irrisorio
Ovviamente sono informazioni che ho appreso dal sito di AUM e vari tutorial su YT
Proponevo AUM perché le funzioni in Camelot, di gestione unità esterne, non mi servono
avendo solo una master andrei a pagare funzioni che non sfrutterei mai
Camelot fa parecchie altre cose in più e la funzione di gestione unità esterne aiuta ad esempio ad integrare App non AuV3 (come Korg iM1), senza contare l'audio player integrato ecc...

Host (Camelot) + 2 app (intese come plugin) + Audio/MIDI player (Audio lo fa Camelot) li regge anche il mio vecchio Air2 (se non si pretende troppo come polifonia, nel caso di AU "pesanti"), per cui io ti consiglierei di andare direttamente su Camelot, ma se vuoi provare AUM va bene anzi eventualmente in 14gg puoi fare recesso e non perdi neanche i 10€
  • Pippo18
  • Membro: Expert
  • Risp: 662
  • Loc:
  • Thanks: 295  

13-06-23 10.19

@ Ovidio
Devo prima testare se l'Ipad in questione regge "l'urto" (2 app + audio/midi player + host) :-)
perciò vorrei provare prima con un host economico, mal che vada avrò buttato via 10 euro :-)

AUM supporta split e layer ma non il cambio di scena, per tale funzione c'è una app a parte dal costo irrisorio
Ovviamente sono informazioni che ho appreso dal sito di AUM e vari tutorial su YT
Proponevo AUM perché le funzioni in Camelot, di gestione unità esterne, non mi servono
avendo solo una master andrei a pagare funzioni che non sfrutterei mai
Il cambio scena in aum non viene gestito all'interno di una "setlist" ma caricando un nuovo file di scena dalla lista di quelli salvati. Si possono infatti associare PC direttamente ad uno specifico file...
Il caricamento di un nuovo stato in base alla complessità e numero di Auv3 caricati può durare diversi secondi...
  • Ovidio
  • Membro: Senior
  • Risp: 257
  • Loc:
  • Thanks: 50  

13-06-23 10.33

@ maxpiano69
Camelot fa parecchie altre cose in più e la funzione di gestione unità esterne aiuta ad esempio ad integrare App non AuV3 (come Korg iM1), senza contare l'audio player integrato ecc...

Host (Camelot) + 2 app (intese come plugin) + Audio/MIDI player (Audio lo fa Camelot) li regge anche il mio vecchio Air2 (se non si pretende troppo come polifonia, nel caso di AU "pesanti"), per cui io ti consiglierei di andare direttamente su Camelot, ma se vuoi provare AUM va bene anzi eventualmente in 14gg puoi fare recesso e non perdi neanche i 10€
Per unità esterne intendevo hardware, pardon mi sono espresso male
  • maxpiano69
  • Membro: Staff
  • Risp: 24483
  • Loc: Torino
  • Thanks: 3332  

13-06-23 10.34

@ Ovidio
Per unità esterne intendevo hardware, pardon mi sono espresso male
Avevo capito, ma ti sto spiegando che quella funzionalità serve anche per gestire App che non funzionano come plugin ma che Camelot può vedere "come se fossero hardware esterno" (anche se non lo sono), quindi la sua utilità non è limitata al fatto di avere o meno del HW esterno da pilotare.
  • Pippo18
  • Membro: Expert
  • Risp: 662
  • Loc:
  • Thanks: 295  

13-06-23 10.43

@ maxpiano69
Avevo capito, ma ti sto spiegando che quella funzionalità serve anche per gestire App che non funzionano come plugin ma che Camelot può vedere "come se fossero hardware esterno" (anche se non lo sono), quindi la sua utilità non è limitata al fatto di avere o meno del HW esterno da pilotare.
Se non ricordo male anche aum gestisce direttamente app non auv3, si può anche definire un comando midi per portare la App non auv3 in primo piano e successivamente in secondo piano, per poter eventualmente modificare a schermo parametri vari.
Ma cmq aum non costa 10 euro (se non sbaglio è in linea con Camelot anche se spesso va in sconto e ora mi sembra sia intorno ai 20/25).
È un Host molto comodo, e per molti anni è stato uno standard, ma da quando è uscito Camelot direi che per la poca differenza di spesa non avrei dubbi sulla scelta tra i due.
  • Roberto_Forest
  • Membro: Expert
  • Risp: 3695
  • Loc: Vicenza
  • Thanks: 516  

13-06-23 11.42

@ Roberto_Forest
E comunque, detta tra noi, anche la versione demo di Pianoteq è suonabilissima se si usa il tuo metodo di riempire le note vuote. Se livelli i volumi non si percepisce molta differenza. Ho usato anche un piano general midi, senza appesantire l’iPad con il Ravenscroft. Penso che potrei suonarci fuori, al posto di usare il Ravenscroft. E anche per il rhodes farò così, visto che non avevo ancora un rhodes convincente.
Una precisazione, non me n’ero accorto, ma la versione demo di Pianoteq non ha solo 6/7 note nere bloccate, ma ha anche un tempo massimo. Dopo 15 minuti si ammutolisce. Quindi a usarlo nei live un certo rischio rimane, anche se 15 minuti non sono pochi. Ogni volta che lo ricarichi in una scena ricominciano ovviamente.
  • Ovidio
  • Membro: Senior
  • Risp: 257
  • Loc:
  • Thanks: 50  

13-06-23 11.49

@ Pippo18
Se non ricordo male anche aum gestisce direttamente app non auv3, si può anche definire un comando midi per portare la App non auv3 in primo piano e successivamente in secondo piano, per poter eventualmente modificare a schermo parametri vari.
Ma cmq aum non costa 10 euro (se non sbaglio è in linea con Camelot anche se spesso va in sconto e ora mi sembra sia intorno ai 20/25).
È un Host molto comodo, e per molti anni è stato uno standard, ma da quando è uscito Camelot direi che per la poca differenza di spesa non avrei dubbi sulla scelta tra i due.
Hai ragione emo costa 22,99 euro
Mi ero confuso col plugin Midimixer for Aum
Comunque ci sono sempre 12 euro di differenza rispetto a Camelot
  • KBL
  • Membro: Senior
  • Risp: 611
  • Loc: Milano
  • Thanks: 110  

13-06-23 13.09

@ Roberto_Forest
Una precisazione, non me n’ero accorto, ma la versione demo di Pianoteq non ha solo 6/7 note nere bloccate, ma ha anche un tempo massimo. Dopo 15 minuti si ammutolisce. Quindi a usarlo nei live un certo rischio rimane, anche se 15 minuti non sono pochi. Ogni volta che lo ricarichi in una scena ricominciano ovviamente.
sì infatti, avrei detto più di 15, almeno una mezz'oretta ma non li ho mai misurati e forse mi confondo perché dopo la fine del tempo puoi anche ricaricarlo "a mano" fino a 40 minuti, si resettano comunque quando si ricarica la song, per ora il sistema mi serve per suonarlo a casa (le note riempite col raven sono praticamente indistinguibili, io uso con pianoteq uno steinway D senza effetti, solo equalizzato un po' brillante), per uso live non ci ho pensato, se deciderò di fare l'insana spesa allora ovviamente lo userei anche live.
  • 1paolo
  • Membro: Guru
  • Risp: 4948
  • Loc: Cuneo
  • Thanks: 605  

13-06-23 13.28

@ Ovidio
Hai ragione emo costa 22,99 euro
Mi ero confuso col plugin Midimixer for Aum
Comunque ci sono sempre 12 euro di differenza rispetto a Camelot
Io Camelot per Ipad l'ho pagato 19,99 euro, grazie alle preziose segnalazioni di Pippo 18..
  • fefepa
  • Membro: Senior
  • Risp: 141
  • Loc:
  • Thanks: 11  

13-06-23 14.35

Ovidio ha scritto:
Comunque ci sono sempre 12 euro di differenza rispetto a Camelot

Alla fine ovviamente conta la esigenza che ha ciascuno. Quando comprai Camelot per IPad, anch'io non a prezzo pieno, avevo (e ho tuttora) la necessità imprescindibile di cambiare al volo in live (spesso nello stesso brano) la configurazione degli split e layer su tastiera master, per alternare piano, organo, archi, synth, brass etc.come se avessi davanti più tastiere. Ora di controller ne ho due, e uno con suoni interni, e Camelot mi è ancora più utile di prima.
Devo dire che, anche nella versione iniziale, il programma mi è comunque sembrato leggero e abbastanza semplice da gestire e ora me lo ritrovo pronto per evoluzioni successive.
Però, come dicevo prima, sono valutazioni del tutto personali, anche come rapporto qualità/prezzo.
  • Ovidio
  • Membro: Senior
  • Risp: 257
  • Loc:
  • Thanks: 50  

13-06-23 16.10

@ fefepa
Ovidio ha scritto:
Comunque ci sono sempre 12 euro di differenza rispetto a Camelot

Alla fine ovviamente conta la esigenza che ha ciascuno. Quando comprai Camelot per IPad, anch'io non a prezzo pieno, avevo (e ho tuttora) la necessità imprescindibile di cambiare al volo in live (spesso nello stesso brano) la configurazione degli split e layer su tastiera master, per alternare piano, organo, archi, synth, brass etc.come se avessi davanti più tastiere. Ora di controller ne ho due, e uno con suoni interni, e Camelot mi è ancora più utile di prima.
Devo dire che, anche nella versione iniziale, il programma mi è comunque sembrato leggero e abbastanza semplice da gestire e ora me lo ritrovo pronto per evoluzioni successive.
Però, come dicevo prima, sono valutazioni del tutto personali, anche come rapporto qualità/prezzo.
Beh sai alla fine non è per taccagneria, suono vari strumenti e tra cambi di corde, pickup, vst, app, host e quant'altro, la spesa inizia a farsi sentire :-)
Inoltre mi frena il fatto che non posso provarlo prima di acquistarlo; è vero che c'è il rimborso entro 14gg, ma a volte due settimane passano e neanche te ne accorgi (è già successo in passato, apps che ora stanno lì a far la "muffa" :-))
Comunque sto scaricando la versione free per Windows di Camelot.
  • Ovidio
  • Membro: Senior
  • Risp: 257
  • Loc:
  • Thanks: 50  

13-06-23 16.12

@ 1paolo
Io Camelot per Ipad l'ho pagato 19,99 euro, grazie alle preziose segnalazioni di Pippo 18..
Probabilmente all'epoca della segnalazione non avevo ancora un Ipad, altrimenti non me lo sarei lasciato sfuggire emo
  • fefepa
  • Membro: Senior
  • Risp: 141
  • Loc:
  • Thanks: 11  

13-06-23 16.34

Ovidio ha scritto:
Beh sai alla fine non è per taccagneria, suono vari strumenti e tra cambi di corde, pickup, vst, app, host e quant'altro, la spesa inizia a farsi sentire :-)

ma figurati ! non volevo dire questo, non hai idea di quello che combino per cercare di evitare di sprecare pochi euro, ma il più delle volte non ci riesco e faccio acquisti che poi non corrispondono a ciò che serviva emo
  • simondrake
  • Membro: Expert
  • Risp: 942
  • Loc: Torino
  • Thanks: 180  

31-03-24 13.25

@ maxpiano69
Avevo capito, ma ti sto spiegando che quella funzionalità serve anche per gestire App che non funzionano come plugin ma che Camelot può vedere "come se fossero hardware esterno" (anche se non lo sono), quindi la sua utilità non è limitata al fatto di avere o meno del HW esterno da pilotare.
Mi riaggancio al topic.

Sto lavorando su Camelot IPAD per gestire MODX, P121 ed una masterina arturia, con App musicali su IPAD.

- Volevo capire se per fare un setup "fisso" intendo con i tre strumenti come master midi di controllo, sia oppurtuno metterli in setlist rack, song rack oppure replicarli in ogni scena. Perchè lo chiedo? Perchè alla fine questi 3 controllers sono gli unici che uso per ogni song e per ciascuna scena. Certo che però mi aspetto che in scene diverse mi controllino plugins o suoni diversi per es del modx o di soft synths su IPAD. Quindi quello che non ho capito è se mettendoli come input midi nel setlist rack o nel song rack questo non mi permetta poi di cambiare le destinazioni nelle diverse songs o scene (il tutorial dice: se usi sempre lo stesso suono in tutte le song allora usa song rack).
- Nel caso fosse indicato metterli nei suddetti racks poi per collegarli con i blocchetti nei layers dovrò usare i layer connectors? Cioè mi spiego, se ho già MODX in song rack e poi voglio fare una scena con un layer che controlla una performance di modx (es piano + guitar) e voglio controllare il piano da p121 e guitar da modx) dovrò mettere un layer connector tra quel layer e p121 nel rack?

Chissà se si capisce quello che ho chiesto?...

Comunque buona Pasqua a tutti!


  • maxpiano69
  • Membro: Staff
  • Risp: 24483
  • Loc: Torino
  • Thanks: 3332  

31-03-24 13.30

@ simondrake
Mi riaggancio al topic.

Sto lavorando su Camelot IPAD per gestire MODX, P121 ed una masterina arturia, con App musicali su IPAD.

- Volevo capire se per fare un setup "fisso" intendo con i tre strumenti come master midi di controllo, sia oppurtuno metterli in setlist rack, song rack oppure replicarli in ogni scena. Perchè lo chiedo? Perchè alla fine questi 3 controllers sono gli unici che uso per ogni song e per ciascuna scena. Certo che però mi aspetto che in scene diverse mi controllino plugins o suoni diversi per es del modx o di soft synths su IPAD. Quindi quello che non ho capito è se mettendoli come input midi nel setlist rack o nel song rack questo non mi permetta poi di cambiare le destinazioni nelle diverse songs o scene (il tutorial dice: se usi sempre lo stesso suono in tutte le song allora usa song rack).
- Nel caso fosse indicato metterli nei suddetti racks poi per collegarli con i blocchetti nei layers dovrò usare i layer connectors? Cioè mi spiego, se ho già MODX in song rack e poi voglio fare una scena con un layer che controlla una performance di modx (es piano + guitar) e voglio controllare il piano da p121 e guitar da modx) dovrò mettere un layer connector tra quel layer e p121 nel rack?

Chissà se si capisce quello che ho chiesto?...

Comunque buona Pasqua a tutti!


A meno che uno dei controller non sia fisso su uno stesso Layer/Plugin per tutta la Setlist o Song, io ti consiglio di lavorare a livello di singola Scene e Layers in quella Scene.

In ciascun Layer potrai specificare quale dei 3 controller usare di volta in volta (e se cambierai uno dei controller, potrai facilmente fare un "substitute" dal menu dei setting MIDI di Camelot)
  • simondrake
  • Membro: Expert
  • Risp: 942
  • Loc: Torino
  • Thanks: 180  

31-03-24 13.42

@ maxpiano69
A meno che uno dei controller non sia fisso su uno stesso Layer/Plugin per tutta la Setlist o Song, io ti consiglio di lavorare a livello di singola Scene e Layers in quella Scene.

In ciascun Layer potrai specificare quale dei 3 controller usare di volta in volta (e se cambierai uno dei controller, potrai facilmente fare un "substitute" dal menu dei setting MIDI di Camelot)
Thanks Max, è in effetti quello che mi hanno suggerito da audio modeling, è che a volte le info sui vari tutorial confondono. Procedo così.

ancora grazie