Il synth di più immediato utilizzo

  • Constrictor
  • Membro: Expert
  • Risp: 2659
  • Loc: Cosenza
  • Status:
  • Thanks: 137  

19-10-20 17.04

@ orange1978
a me pare che stiamo delirando, va bene informarsi ma almeno essere coerenti, cioè si passa dal chiedere informazioni riguardo synth analogici polifonici o virtual analogue tipo nord lead o sledge, poi si parla di FM.....e si arriva considerare workstation digitali come kross?! cioe cose assolutamente agli antipodi e completamente differenti.

allora a questo perche non considerare anche una fender stratocaster con pickup noiseless come la mia, è semplicissima da gestire, ha tre controlli volume tone 1 e 2, selettore a 5 posizioni dei pickup, fine...direi che è molto immediata come utilizzo.

se no pensandoci bene, un bel kazoo? è ancora piu immediato, non serve nemmeno il manuale, basta farci i versi dentro e suona.
Orange1978, sui deliri, puoi fare uno studio per conto tuo.
Non tutti hanno la tua competenza e perdonerai coloro che come me, hanno l'umiltà di chiedere, magari inconsapevoli della loro incoerenza, per una già autodenunciata propria impreparazione sulla sintesi..
  • orange1978
  • Membro: Supporter
  • Risp: 10299
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 712  

19-10-20 17.37

@ Constrictor
Orange1978, sui deliri, puoi fare uno studio per conto tuo.
Non tutti hanno la tua competenza e perdonerai coloro che come me, hanno l'umiltà di chiedere, magari inconsapevoli della loro incoerenza, per una già autodenunciata propria impreparazione sulla sintesi..
ma non è questione di preparazione, nessuno nasce imparato, forse non ti è chiaro il concetto:

se hai deciso di comprare un sintetizzatore analogico o virtual analogue, ti conviene non guardare ogni tastiera che è presente sul mercato o davvero non ne uscirai piu, perche seppur vero che suoni simil "analogici" si fanno volendo anche con un arranger, sarebbe assurdo considerarla anche lontanamente come soluzione.

per come la vedo io, vuoi una cosa immediata per imparare a smanettare con il sintetizzatore nel senso piu "banale" e ovvio? ti conviene allora uno strumento analogico sia nel modus operandi che nel "suono", un Kross è quanto di peggio possa esistere se lo scopo è capire come funzionano i sintetizzatori in generale.

....poi sicuro ci sarà un ragazzino che lo riceverà in regalo (o se lo comprerà con i risparmi) e proprio per grande passione ci passerà ore ore e ore sopra sapendo che altre alternative non ne ha (quindi inutile sognare un moog, prophet etc), e imparerà a domarlo per le sue esigenze.
quanti musicisti hanno fatto questo percorso con altri strumenti simili? ben pochi sono partiti con un prophet a nove anni, qualcuno cè ma si tratta di casi isolati.

in pratica il senso del mio discorso è che se uno ha voglia e passione puo imparare con qualsiasi strumento, ci sono centinaia di casi che provano tutto questo.
...però è anche vero che non siamo tutti uguali, se nel tuo caso già parti con l'idea che a te serve una cosa semplice e immediata, significa che la tua sensibilità ti sta già dando dei segnali ben precisi, dunque perche non ascoltarla?
  • d_phatt
  • Membro: Senior
  • Risp: 531
  • Loc: Perugia
  • Status:
  • Thanks: 64  

20-10-20 18.00

Io pure consiglierei uno Sledge.
Costo abbastanza contenuto, pannello ricchissimo di controlli e strutturato benissimo, gran bel suono, possibilità di sintesi estese.
Polifonico, 5 ottave, virtual analog...insomma per iniziare è perfetto, ed ha molta flessibilità.
Dopo se vorrai potrai cimentarti con altri sintetizzatori, ma già con uno Sledge si hanno moltissime possibilità sonore e belle soddisfazioni.
  • orange1978
  • Membro: Supporter
  • Risp: 10299
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 712  

20-10-20 21.44

d_phatt ha scritto:
insomma per iniziare è perfetto, ed ha molta flessibilità.


e non solamente per iniziare, ci fai anche i dischi o concerti e alla grande, non è una soluzione "provvisoria" come la chitarrina classica cinese da 120 euro che ti regalano per andare a lezione all'oratorio o a scuola, che ovviamente è solo per muovere i primi passi con lo strumento cercando di capire se è una passione reale e concreta, ma già si sa che non sarà lo strumento della vita.

Lo Sledge invece puo esserlo, perche no...magari un domani affiancato da altri strumenti, ma sicuro è un synth professionale nato per suonare seriamente.
  • d_phatt
  • Membro: Senior
  • Risp: 531
  • Loc: Perugia
  • Status:
  • Thanks: 64  

20-10-20 23.59

@ orange1978
d_phatt ha scritto:
insomma per iniziare è perfetto, ed ha molta flessibilità.


e non solamente per iniziare, ci fai anche i dischi o concerti e alla grande, non è una soluzione "provvisoria" come la chitarrina classica cinese da 120 euro che ti regalano per andare a lezione all'oratorio o a scuola, che ovviamente è solo per muovere i primi passi con lo strumento cercando di capire se è una passione reale e concreta, ma già si sa che non sarà lo strumento della vita.

Lo Sledge invece puo esserlo, perche no...magari un domani affiancato da altri strumenti, ma sicuro è un synth professionale nato per suonare seriamente.
Sì assolutamente, è un gran synth, venduto poi a un prezzo estremamente abbordabile.
E poi vogliamo mettere, ci sarà a chi non piace, ma secondo me esteticamente è una figata assurda! E lo dice uno che per quanto riguarda i synth è sempre andato matto per le austere figure in legno di Minimoog e soci.
  • orange1978
  • Membro: Supporter
  • Risp: 10299
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 712  

21-10-20 02.50

si e poi a un certo punto qualche compromesso lo si deve accettare, altrimenti uno si prende un prophet 6 o il moog one e hai tutto, estetica, suono, facilita d'uso.....pero hai anche almeno 3000 euro in meno nel portafoglio!