Rispolvero basi pianoforte (esercizi)

  • Whoispink
  • Membro: Senior
  • Risp: 464
  • Loc: Ferrara
  • Status:
  • Thanks: 41  

19-01-21 15.14

@ giosanta
Si, perfetto, grazie.
Avevo un dubbio, ma quello "A 0" me lo ha chiarito.
Attenzione, non esiste uno standard universalmente accettato. Per es., Yamaha si riferisce al Do centrale con C3, altri con C4.
  • FranzBraile
  • Membro: Expert
  • Risp: 3332
  • Loc: Varese
  • Status:
  • Thanks: 347  

19-01-21 16.25

@ Whoispink
Attenzione, non esiste uno standard universalmente accettato. Per es., Yamaha si riferisce al Do centrale con C3, altri con C4.
I numeri stanno ad indicare le ottave. Yamaha.... (partendo da una 61 tasti) indica il primo tasto a sinistra come C1 (prima ottava) e il C3 è il terzo Do della tastiera partendo da sinistra ed è della terza ottava il primo tasto.
Yamaha ha effettivamente su di una 88 tasti, i primi tasti nomenclati A-1, Bb-1, B-1 emo
Forse questo articolo potrà spiegare un po' di più su questa numerazione emo

Non dimenticare di mettere un Thanks al mio profilo emo
  • FranzBraile
  • Membro: Expert
  • Risp: 3332
  • Loc: Varese
  • Status:
  • Thanks: 347  

26-01-21 18.28

Buonasera.... emo

Come si chiamano in italiano i "Broken Chords", quando io faccio un arpeggio (es. Do) con Do4, Mi4, Sol4, Do5 e poi Mi4, Sol4, Do5, Mi5 e cosi via??
  • DomeYa
  • Membro: Senior
  • Risp: 152
  • Loc: Milano
  • Status:
  • Thanks: 25  

26-01-21 18.38

@ FranzBraile
Buonasera.... emo

Come si chiamano in italiano i "Broken Chords", quando io faccio un arpeggio (es. Do) con Do4, Mi4, Sol4, Do5 e poi Mi4, Sol4, Do5, Mi5 e cosi via??
Ci provo: risvolti ? Arpeggi con risvolto ?
Saluti
D
  • FranzBraile
  • Membro: Expert
  • Risp: 3332
  • Loc: Varese
  • Status:
  • Thanks: 347  

26-01-21 18.44

Praticamente queste qui. In pratica un arpeggio su più ottave che ripete una o più note delle 4 (ma anche 3) note dell'arpeggio.

Gli arpeggi con risvolti li trovo quì e proseguono per 2 ottave senza "tornare" a prendere una nota.
  • vin_roma
  • Membro: Supporter
  • Risp: 8552
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 815  

26-01-21 19.54

Non ho mai avuto bisogno di chiamarli questi arpeggi.
Mediamente dopo un paio di anni di studio io pretendevo questo (che quì è eseguito con bravura):
Duvernoy op.120 n°4
  • vin_roma
  • Membro: Supporter
  • Risp: 8552
  • Loc: Roma
  • Status:
  • Thanks: 815  

26-01-21 19.56

Ma se non hai qualcuno che ti svela i "segreti" per ottenere fluidità, passaggio del pollice sicuro... come fai da solo?
  • FranzBraile
  • Membro: Expert
  • Risp: 3332
  • Loc: Varese
  • Status:
  • Thanks: 347  

26-01-21 20.31

@ vin_roma
Non ho mai avuto bisogno di chiamarli questi arpeggi.
Mediamente dopo un paio di anni di studio io pretendevo questo (che quì è eseguito con bravura):
Duvernoy op.120 n°4
Sarei anche d'accordo... ma!
Ci sono due alternative... o ci arrivo cominciando a padroneggiare già oggi dopo 3 mesi gli arpeggi "normali" o comincio a studiarmi Duvernoy oggi a 10bpm e salire giorno per giorno alla velocità normale del Duvemoy e tralasciare tutto il resto.
Sono dell'opinione che tutto va fatto a suo tempo. Se in questi 3 mesi non avessi fatto tutte le scale e relativi arpeggi, non sarei mai stato in grado di andare oltre. Che si voglia o no... una certa base va avuta!
Ora... visto che non diventerò mai un pianista classico (sono in ritardo di circa 50 anni) ma che il moderno mi piace e non esiste una scuola di moderno se non sviando sul jazz, ma anche qui...senza basi non vai lontano....
allora... mi sta benissimo il percorso iniziale classico... ma chiaramente mantenendo la regola del "tutto a suo tempo.
  • FranzBraile
  • Membro: Expert
  • Risp: 3332
  • Loc: Varese
  • Status:
  • Thanks: 347  

26-01-21 20.36

@ vin_roma
Ma se non hai qualcuno che ti svela i "segreti" per ottenere fluidità, passaggio del pollice sicuro... come fai da solo?
Beh... la fluidità pian piano sta arrivando... basta esercitarsi...
Per es.... un arpeggio del Do o del Sol fatto a velocità bassa... il mio pollice va che è una bellezza...
Adesso che in rapporto ho di molto aumentato la velocità.... non riesco col pollice sotto a farlo senza piccole esitazioni al passaggio appunto del pollice....
Ho notato... studiando giornalmente che ad una certa velocità... non si può passare il pollice sotto.. .ma sposto in parallelo (alla tastiera) tutta la mano e "miracolo" azzecco sempre la nota successiva giusta... e la cosa funziona senza stacco. Stacco che invece noto a velocità basse SE NON PASSO il pollice sotto...
Miracolo?? No... circa 3 ore al giorno fra esercizi diversi e qualche piccolo brano... 3.... ore... al... giorno... ormai costantemente da circa 1 mese...
  • FranzBraile
  • Membro: Expert
  • Risp: 3332
  • Loc: Varese
  • Status:
  • Thanks: 347  

27-01-21 13.17

@ vin_roma
Non ho mai avuto bisogno di chiamarli questi arpeggi.
Mediamente dopo un paio di anni di studio io pretendevo questo (che quì è eseguito con bravura):
Duvernoy op.120 n°4
... comunque.. SI... ho capito cosa intendevi, adesso che li sto "provando" emo
Da oggi tirati via dal programma emo