Suonare in tutte le tonalità

  • Deckard
  • Membro: Expert
  • Risp: 1768
  • Loc: Roma
  • Thanks: 177  

23-08-22 14.37

@ wildcat80
Il transpose è uno strumento che mi ha sempre spaventato, il terrore di lasciarlo inserito quando non serve è troppo forte, meglio studiare.
Se si volesse usare il transpose in live non andrebbe MAI impostato a livello globale (anche temporaneo, con gli appositi tasti per capirci) ma sempre a livello Patch (o scena, program ecc…)
  • JohnBarleycorn
  • Membro: Expert
  • Risp: 2293
  • Loc: Sassari
  • Thanks: 125  

23-08-22 15.11

@ maxpiano69
Personalmente neanche in quel caso, piuttosto provo a suonarlo direttamente nella nuova tonalità, anche se viene "male" o impreciso (così tra l'altro chi chiede di cambiare tonalità, tipicamente il/la cantante di turno con la mania del semitono, magari capisce che comunque ogni cambiamento comporta del lavoro..)

Sul tema generale, per me riuscire a suonare in maniera fluida in tutte le tonalità è l'obiettivo che qualsiasi strumentista dovrebbe perseguire, ma ci va tanto tanto esercizio e costanza (quindi tempo, che non tutti purtroppo hanno, soprattutto se non lo fanno per professione)...
La penso esattamente come te, l'obbiettivo, soprattutto per me autodidatta, è proprio quello di suonare in maniera fluida in tutte le tonalità, tralaltro aiuta molto anche a capire l'armonia, posizioni, giri armonici , note da evitare ecc.
  • Raptus
  • Membro: Expert
  • Risp: 2535
  • Loc: Padova
  • Thanks: 262  

23-08-22 16.05

@ WTF_Bach
Alcuni pensano che ci siano tonalità più difficili delle altre.

Non é vero. Ci sono tonalità in cui siamo abituati a suonare, e tonalità nelle quali non suoniamo mai, ergo ci appaiono ingestibili.

Pensate alle prime volte che suonavate in do maggiore. Vi sembrava difficilissimo.

Ora ci siete abituati, e le dita vanno che é un piacere, quasi senza pensarci.

Ecco, tutte le tonalità sono così: basta suonarci un numero adeguato di ore, e diverranno uguali identiche al do maggiore.
Personalmente le tonalità su cui faccio ancora fatica sono il famigerato Re bemolle, Mi bemolle e La bemolle.
Tonalità che di per sé non sono difficili (il Mib e Lab sulla tastiera come sequenza sono a specchio), per me diventano difficili quando ho davanti uno spartito e devo ragionarci sopra in tempo reale.
Molti esperti musicisti che ho incontrato hanno difficoltà col SI maggiore e Fa diesis, tonalità che a me vengono naturali (non so perché) ma le uso spesso nei miei brani.
  • toniz1
  • Membro: Expert
  • Risp: 3451
  • Loc: Verona
  • Thanks: 802  

23-08-22 16.07

@ paolo_b3
Situazioni di emergenza, tipo provare il brano in una tonalità diversa.
io la penso come te...
se devo provare una cosa al volo... uso il transpose... (anche se spesso non l'ho mai fatto)... ma se poi la cosa diventa "definitiva"... me lo imparo nella tonalità che e' stata decisa.

A dir la verità.. il T l'ho usato "gran poco" e ho sempre cambiato al volo, ma dipende anche da quello che si deve fare... solo accordi e' un conto, fare anche altro... assoli etc.etc... si va di transpose... non sono così "studiato" emoemo
  • Raptus
  • Membro: Expert
  • Risp: 2535
  • Loc: Padova
  • Thanks: 262  

23-08-22 16.11

@ toniz1
io la penso come te...
se devo provare una cosa al volo... uso il transpose... (anche se spesso non l'ho mai fatto)... ma se poi la cosa diventa "definitiva"... me lo imparo nella tonalità che e' stata decisa.

A dir la verità.. il T l'ho usato "gran poco" e ho sempre cambiato al volo, ma dipende anche da quello che si deve fare... solo accordi e' un conto, fare anche altro... assoli etc.etc... si va di transpose... non sono così "studiato" emoemo
Al conservatorio mi hanno sempre ripetuto che un musicista deve ragionare per gradi e non per tonalità, il transpose era una bestemmia.

Probabilmente quando arriverò a ragionare per gradi avrò raggiunto il Nirvana emo
  • toniz1
  • Membro: Expert
  • Risp: 3451
  • Loc: Verona
  • Thanks: 802  

23-08-22 16.53

@ Raptus
Al conservatorio mi hanno sempre ripetuto che un musicista deve ragionare per gradi e non per tonalità, il transpose era una bestemmia.

Probabilmente quando arriverò a ragionare per gradi avrò raggiunto il Nirvana emo
ecco spiegato l'arcano... io sono un musicante bestemmiatore... emoemoemo


(passatemi il termine, che era solo collegato al transpose emo)
  • Lollo78
  • Membro: Senior
  • Risp: 221
  • Loc: Venezia
  • Thanks: 42  

23-08-22 19.40

@ toniz1
ecco spiegato l'arcano... io sono un musicante bestemmiatore... emoemoemo


(passatemi il termine, che era solo collegato al transpose emo)
Transponse mai più usato da quando parecchi anni fa (era il 1998) suonavo in un teatro in due gruppi diversi nella stessa serata..avrei dovuto suonare prima con il gruppo blues e poi con il mio gruppo rock. Avevo già 2 tastiere su 3 con transponse attivo...ma succede che parte del gruppo si attarda e quindi ci dicono che dobbiamo salire a suonare con il gruppo rock. Io da scemo salgo sul palco dimenticandomi di questo...il primo brano è stato un disastro...alla fine ho dovuto suonare sulla 3 tastiera che usavo per altre cose..da quel giorno mai più transponse!
  • WTF_Bach
  • Membro: Expert
  • Risp: 2437
  • Loc: .
  • Thanks: 780  

23-08-22 21.27

@ Lollo78
Transponse mai più usato da quando parecchi anni fa (era il 1998) suonavo in un teatro in due gruppi diversi nella stessa serata..avrei dovuto suonare prima con il gruppo blues e poi con il mio gruppo rock. Avevo già 2 tastiere su 3 con transponse attivo...ma succede che parte del gruppo si attarda e quindi ci dicono che dobbiamo salire a suonare con il gruppo rock. Io da scemo salgo sul palco dimenticandomi di questo...il primo brano è stato un disastro...alla fine ho dovuto suonare sulla 3 tastiera che usavo per altre cose..da quel giorno mai più transponse!
To learn the hard way ;)
  • Sbaffone
  • Membro: Expert
  • Risp: 2997
  • Loc:
  • Thanks: 568  

23-08-22 21.34

Il transpose lo uso sempre anche durante i brani al cambio di tonalità, così uso solo i tasti bianchi, furrrboooo
  • WTF_Bach
  • Membro: Expert
  • Risp: 2437
  • Loc: .
  • Thanks: 780  

23-08-22 22.52

@ Sbaffone
Il transpose lo uso sempre anche durante i brani al cambio di tonalità, così uso solo i tasti bianchi, furrrboooo
Io ho dipinto di bianco i tasti neri.

Piu furrrrbooo
  • Sbaffone
  • Membro: Expert
  • Risp: 2997
  • Loc:
  • Thanks: 568  

23-08-22 22.56

@ WTF_Bach
Io ho dipinto di bianco i tasti neri.

Piu furrrrbooo
Che idea vado a prendere il bianchetto
  • WTF_Bach
  • Membro: Expert
  • Risp: 2437
  • Loc: .
  • Thanks: 780  

23-08-22 23.02

@ Sbaffone
Che idea vado a prendere il bianchetto
Ci sarà pure una ragione per la quale io sono il maesctrone…;)
  • vin_roma
  • Membro: Supporter
  • Risp: 9192
  • Loc: Roma
  • Thanks: 1143  

24-08-22 10.08

Ogni volta che ascoltate un brano, in spiaggia, in auto, al market ...cercate di "sentire" il basso della tonalità base e poi cercate di individuare la distanza dei bassi delle varie armonie rispetto al centro tonale della frase o dell'intero periodo.

Se si ragiona così suonare un pezzo in Do o in Fa# sarà a stessa cosa.
  • Raptus
  • Membro: Expert
  • Risp: 2535
  • Loc: Padova
  • Thanks: 262  

24-08-22 11.10

@ vin_roma
Ogni volta che ascoltate un brano, in spiaggia, in auto, al market ...cercate di "sentire" il basso della tonalità base e poi cercate di individuare la distanza dei bassi delle varie armonie rispetto al centro tonale della frase o dell'intero periodo.

Se si ragiona così suonare un pezzo in Do o in Fa# sarà a stessa cosa.
E' quello che si fa ad orecchio quando si impara un brano nuovo però è inevitabile che ci siano tonalità che non vengono quasi mai esplorate, come il già detto Re bemolle...

Una volta avevo anche letto un articolo che collegava le sensazioni emotive e le tonalità, c'è sicuramente un motivo se usiamo quasi sempre le stesse a seconda dei generi, oppure ci sono ragioni prettamente tecniche come ad esempio nel Jazz dove i fiati ti obbligano a fare i brani in Sib...
  • paolo_b3
  • Membro: Supporter
  • Risp: 13570
  • Loc: Ravenna
  • Thanks: 2072  

24-08-22 11.52

@ Sbaffone
Che idea vado a prendere il bianchetto
Frizzante? emo
  • Pianov
  • Membro: Guest
  • Risp: 57
  • Loc: Ancona
  • Thanks: 22  

23-08-23 11.31

WTF_Bach ha scritto:
Ci sono tonalità in cui siamo abituati a suonare, e tonalità nelle quali non suoniamo mai, ergo ci appaiono ingestibili.


Arnold Schönberg (che da come scrive è evidente che conosce benissimo) diceva (riferendosi agli intervalli e al concetto di consonanza e dissonanza) :

"Quello che oggi è lontano, domani potrà essere vicino: basta essere capaci di avvicinarsi" (Dal suo Manuale di Armonia)

Questa frase mi ha sempre colpito perché si può applicare a tutto, non solo alla percezione della consonanza o dissonanza, ma in molti ambiti della vita.
Compresa nella capacità, e fiducia, di avvicinarsi a tonalità più scomode sia visivamente che per numero di alterazioni.
  • WhiteMoon
  • Membro: Guest
  • Risp: 58
  • Loc: Torino
  • Thanks: 33  

23-08-23 15.17

Kent83 ha scritto:
Come diceva Vin_Roma in un post tempo fa, la presenza di un tasto nero ogni tanto sta lì ad aiutarci


Sono d’accordo! Le mie Tonalità preferite sono il Sol Maggiore ed il Re Maggiore (e le relative minori naturali Mi minore e Si minore), appunto per la presenza, rispettivamente, di uno e due tasti neri. Essendo sopraelevati, i tasti neri, oltre ad un riferimento visivo per il colore, sono anche un riferimento tattile, per suonare, ad esempio, in condizioni di scarsa visibilità o, comunque, senza guardare la tastiera.

La Tonalità di Do Maggiore, invece, non mi piace: è troppo facile e monotona, noiosa (è come andare in bicicletta in strade sempre in discesa o in motocicletta su strade sempre dritte) e non ha il riferimento dei tasti neri; va bene solamente per scopi didattici, per semplificare i calcoli, per insegnare e far capire le distanze, gli intervalli fra le note, i gradi, le scale, gli accordi (da applicare, poi, gradualmente, a tutte le altre tonalità). Diciamo che è propedeutica a tutte le altre tonalità; d'altronde, da bambini, ci viene insegnato che, le note, sono 7 (Do, Re, Mi, Fa, Sol, La, Si), mica 12 (o 17 contando, oltre i diesis, anche i bemolle). In pratica, in tenerissima età, per darci "un'infarinatura" di musica, ci viene insegnata, per semplicità, la scala di Do maggiore...
  • WTF_Bach
  • Membro: Expert
  • Risp: 2437
  • Loc: .
  • Thanks: 780  

23-08-23 19.33

Amo il F, il Bb, l’Eb ed il Db.

Meno l’Ab, il G, il C

Poco il Gb

Mi stanno qui l’A, il B e l’E
  • pentatonic
  • Membro: Expert
  • Risp: 2325
  • Loc: Mantova
  • Thanks: 137  

23-08-23 22.22

anni fa ho letto sul Corriere della Sera (viaggio alto...) che secondo uno studio fatto da Nonsochi,da un discreto numero di persone le note vengono associate ad uno specifico colorie.
per esempio il RE è percepito giallo, il SOL rosso, il LA viola, il DO è marrone, il MI è blu, il SIb grigio... etc.

Mi sono perplesso, perchè io l'ho sempre avvertito, ma fino ad allora non ci avevo mai fatto caso.
a voi è mai capitato pensarlo?

questa cosa mi influenza anche le tonalità quando gioco sul piano... mi fermo a suonare in SOL min se sono più tristanzuolo, in RE più allegro, etc. Poi, usando i modi le cose si incasinano parecchio...
  • giosanta
  • Membro: Guru
  • Risp: 4757
  • Loc: Benevento
  • Thanks: 1074  

23-08-23 23.30

WTF_Bach ha scritto:
basta suonarci un numero adeguato di ore,

Sono le ore che mancano...