Tastiere di oggi nei live

  • cecchino
  • Membro: Expert
  • Risp: 4787
  • Loc: Roma
  • Thanks: 576  

10-05-15 14.18

@ anonimo
mi sembra di capire che non sei stato tanto felice.
La prima volta no.
La seconda abbiamo provveduto di conseguenza e le cose sono cambiate decisamente in meglio emo
  • sterky
  • Membro: Expert
  • Risp: 4168
  • Loc: Trento
  • Thanks: 200  

10-05-15 14.28

Quella di vin è una bella analisi. Comunque è vero anche che le tastiere non sono dei trapani. Questo nel senso che bisogna settarli a dovere e non attaccare la spina e suonare. È anche vero che le tastiere moderne hanno dei preset Belli grassi fatti per invogliarti a comprare. Ma allo stesso tempo ti danno tutti i mezzi per modificare.

Al che sta a noi decidere se prendere uno strumento per 4 suoni di preset o per le sue vere potenzialità. E allo stesso tempo sta a noi decidere se mettersi davanti alla tastiera e programmarla per farla bucare, o se mettersi davanti al pc e lamentarsi su sm...
  • filigroove
  • Membro: Expert
  • Risp: 3756
  • Loc: Pistoia
  • Thanks: 306  

10-05-15 14.34

Insisto, hai voglia a programmare, ci sono effettivamente tastiere che escono di più e altre meno.
  • anonimo

10-05-15 15.30

tipo quelle con un pc linux inside?
  • sterky
  • Membro: Expert
  • Risp: 4168
  • Loc: Trento
  • Thanks: 200  

10-05-15 15.50

Come gia detto in altri post ascolta rudess (che mi fa schifo) ma ci insegna che con tutte le tastiere (e lui ne ha provate tante!!!) si possa ottenere lo stesso uguale identico suono.
  • mima85
  • Membro: Supporter
  • Risp: 12133
  • Loc: Como
  • Thanks: 1396  

10-05-15 15.53

pino767 ha scritto:
Salve a tutti dopo aver provato diverse tastiere sia synth va che workstation ...tutti hanno suoni belli ma dal vivo sono convinto che non bucano il mixer


1) Disattivare gli effetti interni, in particolare i riverberi che dal vivo non fanno altro che annegare i suoni. Phaser, delay ecc... li si possono usare se il suono lo richiede (per esempio il classico Rhodes/Clavinet col phaser o il synth-brass col delay), ma i riverberi in live per quanto possibile evitateli come la peste. Ci pensa già l'ambiente circostante a riverberare il suono, non serve averlo già riverberato alla sorgente, anzi fa solo danno e basta.

2) Lavorare con l'equalizzazione in modo da rendere il suono più incisivo.

3) Fare attenzione al corretto collegamento della tastiera al mixer. Se si collegano entrambe le uscite L ed R ad un mixer badare che i rispettivi canali siano panpottati uno tutto a sinistra e l'altro tutto a destra, altrimenti si possono generare delle controfasi distruttive. In alternativa usare solo l'uscita L della tastiera. Va da se che se la tastiera è collegata ad un sub-mixer, anche questo deve uscire stereofonicamente e collegarsi nel mixer principale con i 2 canali dedicatigli panpottati alla stessa maniera. Altrimenti se non si ha bisogno di particolari effetti stereofonici uscire sempre in mono e basta, così si evitano i problemi alla radice.

Questo dovrebbe risolvere il problema la maggior parte delle volte.
Edited 10 Mag. 2015 13:55
  • zavaton
  • Membro: Expert
  • Risp: 1682
  • Loc: Trento
  • Thanks: 43  

10-05-15 15.54

@ efis007
Togliete i chitarristi dal palco e vedrete che le tastiere si sentono tutte. emo
Magari emo
  • filigroove
  • Membro: Expert
  • Risp: 3756
  • Loc: Pistoia
  • Thanks: 306  

10-05-15 16.52

@ sterky
Come gia detto in altri post ascolta rudess (che mi fa schifo) ma ci insegna che con tutte le tastiere (e lui ne ha provate tante!!!) si possa ottenere lo stesso uguale identico suono.
Questo proprio no. Secondo te gli studi son pieno di synth perché sono masochisti? emo
Da due synth si possono ottenere suoni simili, ma per essere identici devono anche uscire nello stesso modo in live e spesso non è così (e si torna alla radice del problema).
Il fatto di avere un buon impianto e un bravo fonico minimizza le differenze, ma non le annulla.
Negare che ci siano tastiere che non escono bene è negare l'evidenza.
Volete un esempio? Ho avuto in contemporanea Mopho e Jx8p, una saw pura del Roland la senti sempre e comunque è il Mopho? Dov'è? Eppure mi pareva di averlo portato...emo
  • maestro1982
  • Membro: Senior
  • Risp: 505
  • Loc: Bari
  • Thanks: 48  

10-05-15 17.51

vin_roma ha scritto:
Tempo fa parlai della mia esperienza con Kronos dicendo che tolti gli effetti, gli exiciters, le pompate di default sull' Eq. ...non restava niente, il suono era uno spillo... peggio ancora sulle scaled down che messe a nudo sono paragonabili al synth GM Standard del multimedia di un PC per leggere i midifile...


ma che stai dicendo?? lo sai che il synth gs di Windows è grande in tutto 3 mb , non ha possibilità di patch in stereofonia e tutti campioni sono a 22.050 Khz?

vin_roma ha scritto:
Oggi le tastiere che vanno sono al 90% cariche di effetti che già per questo tendono ad appannare la messa a fuoco del suono, suono che esce da schede madri a basso voltaggio, in pratica dei VST precaricati...


??? e quest altra come ti è venuta??emo
  • maestro1982
  • Membro: Senior
  • Risp: 505
  • Loc: Bari
  • Thanks: 48  

10-05-15 17.55

@ mima85
pino767 ha scritto:
Salve a tutti dopo aver provato diverse tastiere sia synth va che workstation ...tutti hanno suoni belli ma dal vivo sono convinto che non bucano il mixer


1) Disattivare gli effetti interni, in particolare i riverberi che dal vivo non fanno altro che annegare i suoni. Phaser, delay ecc... li si possono usare se il suono lo richiede (per esempio il classico Rhodes/Clavinet col phaser o il synth-brass col delay), ma i riverberi in live per quanto possibile evitateli come la peste. Ci pensa già l'ambiente circostante a riverberare il suono, non serve averlo già riverberato alla sorgente, anzi fa solo danno e basta.

2) Lavorare con l'equalizzazione in modo da rendere il suono più incisivo.

3) Fare attenzione al corretto collegamento della tastiera al mixer. Se si collegano entrambe le uscite L ed R ad un mixer badare che i rispettivi canali siano panpottati uno tutto a sinistra e l'altro tutto a destra, altrimenti si possono generare delle controfasi distruttive. In alternativa usare solo l'uscita L della tastiera. Va da se che se la tastiera è collegata ad un sub-mixer, anche questo deve uscire stereofonicamente e collegarsi nel mixer principale con i 2 canali dedicatigli panpottati alla stessa maniera. Altrimenti se non si ha bisogno di particolari effetti stereofonici uscire sempre in mono e basta, così si evitano i problemi alla radice.

Questo dovrebbe risolvere il problema la maggior parte delle volte.
Edited 10 Mag. 2015 13:55
Giusto, questa sono ottime osservazioni
dopo averne lette tante, opinioni personali gettate li come se 'avessere basi scientifiche' la tua è la prima osservazione analitica e a mio avviso giusta.
Se è pur vero che in termini di qualità di componentistica le vecchie tastiere erano migliori delle odierne, ciò non è vero per quello che riguarda qualità dei suoni e possibilità. Anche se certi vecchi convertitori DAC rimangono insuperabili
  • zavaton
  • Membro: Expert
  • Risp: 1682
  • Loc: Trento
  • Thanks: 43  

10-05-15 18.14

maestro1982 ha scritto:
??? e quest altra come ti è venuta??emo

Semplice...

prendi ad es. un kronos, aprilo e guarda cosa c'è dentro e come funziona emo
  • sterky
  • Membro: Expert
  • Risp: 4168
  • Loc: Trento
  • Thanks: 200  

10-05-15 18.27

@ zavaton
maestro1982 ha scritto:
??? e quest altra come ti è venuta??emo

Semplice...

prendi ad es. un kronos, aprilo e guarda cosa c'è dentro e come funziona emo
Be, allora tutte le tastiere a sample o a sintesi granulare sono dei vst, solo che sono su di un'hardware dedicato!
  • MiLord
  • Membro: Expert
  • Risp: 1793
  • Loc: Milano
  • Thanks: 130  

10-05-15 19.18

A me sembra che talvolta anche il basso tagli le frequenze di tutti gli strumenti, comprese le tastiere!
Siccome l'analisi di mima mi sembra inerente al tema, posso chiedere con precisione il modo corretto di collegare una tastiera al submixer?

A - la mia tastiera al submixer nel canale stereo con pan al centro, e al mixer principale in due canali panpottati

B - la mia tastiera al submixer nel canale stereo con pan al centro, e al mixer principale nel canale stereo con pan al centro

C - la mia tastiera al submixer in due canali panpottati, e al mixer principale in due canali ugualmente panpottati

D - la mia tastiera al submixer in due canali panpottati, e al mixer principale nel canale stereo con pan al centro.

Immagino che solo una sia la soluzione esatta.
Thanks assicurati emo
  • zavaton
  • Membro: Expert
  • Risp: 1682
  • Loc: Trento
  • Thanks: 43  

10-05-15 19.35

@ sterky
Be, allora tutte le tastiere a sample o a sintesi granulare sono dei vst, solo che sono su di un'hardware dedicato!
Se vuoi approfondire l'argomento basta che ti vai a leggere tutti threads riguardanti hw/vst, ne avrai da stufarti.
  • ettore_duliman
  • Membro: Expert
  • Risp: 1712
  • Loc: Vicenza
  • Thanks: 206  

10-05-15 19.55

MiLord ha scritto:
A - la mia tastiera al submixer nel canale stereo con pan al centro, e al mixer principale in due canali panpottati

B - la mia tastiera al submixer nel canale stereo con pan al centro, e al mixer principale nel canale stereo con pan al centro


A o B indifferentemente
anzi A, B, C, D sono teoricamente indifferenti

io cerco sempre di usare i canali stereo, quindi soluzione B, per praticità e perché nei mixer medio piccoli (tipo 12 canali mic + 4 stereo) preferisco lasciare i canali microfonici ai microfoni (batteria, voci ed eventualmente chitarre microfonate)

se poi il mixer principale ha solo canali microfonici, ovviamente soluzione A
se il mixer principale è noto per avere delle buone channel strip, con un buon preamp, anche qui soluzione A, oppure se si vuole un'equalizzazione più precisa, perché di solito le channel strip microfoniche hanno eq parametrici mentre le channel strip stereo spesso sono più limitate
  • sterky
  • Membro: Expert
  • Risp: 4168
  • Loc: Trento
  • Thanks: 200  

10-05-15 19.56

Be, se hai i canali stereo a disposizione usali emo quindi.....la b!
C'è una legge (non mi ricordo il nome) che dice che se due onde si ugale frequenza ne sentirai solo una. Analizzando un po' la formula si vede che non è contemplata la componente temporale. Questo perché se con la tastiera suoni con un suono come il basso, si mangiano a vicenda. Quindi bisogna trovare il modo di creare un gap. Es. se il bassista suona con le dita, usare un suono di piano o di hammond (il quale ha un'attacco più rapido), se suona col plettro ci si può mettere degli archi. Un'altro trucchetto è fare un suono che aumenti il volume nella sua prima parte, dove invece il basso va a calare.
Comunque questo discorso vale anche per tutte le armoniche. È più evidende sulle frequnze lente in quanto le particolaritá (che differenziano appunto un suono da un'altro) capitano con una frequenza minore e l'onda fondamentale prevale sul resto.
  • ettore_duliman
  • Membro: Expert
  • Risp: 1712
  • Loc: Vicenza
  • Thanks: 206  

10-05-15 20.02

MiLord ha scritto:
A me sembra che talvolta anche il basso tagli le frequenze di tutti gli strumenti, comprese le tastiere!


i bassi rubano energia c'è poco da fare.
tutti amano i bassi e spesso sono la principale fonte di appagamento per un pubblico da sagra

invece bisognerebbe moderarli, dovrebbero essere secchi e nitidi, e magari mettere un passa alto (inutile sforzare un impianto da live pub cercando di arrivare a 20Hz, meglio filtrare tutto quello che sta sotto i 50 o anche 60)

quando senti che rimbombano, che hanno una coda lunga, vuol dire che stanno impastando tutte le frequenze
  • anonimo

10-05-15 20.46

@ mima85
pino767 ha scritto:
Salve a tutti dopo aver provato diverse tastiere sia synth va che workstation ...tutti hanno suoni belli ma dal vivo sono convinto che non bucano il mixer


1) Disattivare gli effetti interni, in particolare i riverberi che dal vivo non fanno altro che annegare i suoni. Phaser, delay ecc... li si possono usare se il suono lo richiede (per esempio il classico Rhodes/Clavinet col phaser o il synth-brass col delay), ma i riverberi in live per quanto possibile evitateli come la peste. Ci pensa già l'ambiente circostante a riverberare il suono, non serve averlo già riverberato alla sorgente, anzi fa solo danno e basta.

2) Lavorare con l'equalizzazione in modo da rendere il suono più incisivo.

3) Fare attenzione al corretto collegamento della tastiera al mixer. Se si collegano entrambe le uscite L ed R ad un mixer badare che i rispettivi canali siano panpottati uno tutto a sinistra e l'altro tutto a destra, altrimenti si possono generare delle controfasi distruttive. In alternativa usare solo l'uscita L della tastiera. Va da se che se la tastiera è collegata ad un sub-mixer, anche questo deve uscire stereofonicamente e collegarsi nel mixer principale con i 2 canali dedicatigli panpottati alla stessa maniera. Altrimenti se non si ha bisogno di particolari effetti stereofonici uscire sempre in mono e basta, così si evitano i problemi alla radice.

Questo dovrebbe risolvere il problema la maggior parte delle volte.
Edited 10 Mag. 2015 13:55
Sono d'accordo con Mima
  • anonimo

10-05-15 20.49

@ maestro1982
vin_roma ha scritto:
Tempo fa parlai della mia esperienza con Kronos dicendo che tolti gli effetti, gli exiciters, le pompate di default sull' Eq. ...non restava niente, il suono era uno spillo... peggio ancora sulle scaled down che messe a nudo sono paragonabili al synth GM Standard del multimedia di un PC per leggere i midifile...


ma che stai dicendo?? lo sai che il synth gs di Windows è grande in tutto 3 mb , non ha possibilità di patch in stereofonia e tutti campioni sono a 22.050 Khz?

vin_roma ha scritto:
Oggi le tastiere che vanno sono al 90% cariche di effetti che già per questo tendono ad appannare la messa a fuoco del suono, suono che esce da schede madri a basso voltaggio, in pratica dei VST precaricati...


??? e quest altra come ti è venuta??emo
Magari gli è venuta perchè con decine di anni di composizione, arrangiamento ed esecuzione ai massimi livelli, Vin_Roma conosce la materia?
  • anonimo

10-05-15 20.59

Oggi sono tornato da barcellona ed ho trovato il mio mixerino martitizzato da una dozzina do buchi di diametro 12 pollici con sopra un bigliettino: "Così impari che anche io, pur essendo digitale, so bucare il mixer. Firmato: la tua FA 08"